Farmacologia clinica di antispasmodici utilizzati in gastroenterologia

Farmacologia clinica di antispasmodici utilizzati in gastroenterologia

Classificazione

Ciascuna delle malattie del sistema genito-urinario ha le sue specifiche e il suo corso, quindi, per la terapia, i farmaci vengono selezionati individualmente.
Il passo più importante nel trattamento delle malattie urologiche è la corretta determinazione dei farmaci necessari e dei loro meccanismi d'azione, in modo che il trattamento ci dia il massimo effetto.

La farmacologia moderna ha sviluppato due tipi di antispasmodici, diversi nel meccanismo d'azione.

  1. Neutropici (bloccanti anticolinergici): agiscono direttamente sulle cellule muscolari, modificando i processi chimici che si svolgono in esse. Queste sostanze hanno un effetto mirato sui recettori nervosi..
  2. Miotropico: agisce sulla trasmissione degli impulsi nervosi ai nervi e altera il corso dei processi biochimici nelle cellule muscolari lisce. Pertanto, queste sostanze che entrano nel corpo riducono il contenuto di alcuni ioni nel citoplasma delle cellule, che aiuta ad alleviare lo spasmo.

Questo gruppo comprende:

  • drotaverine;
  • papaverina;
  • Nitroglicerina;
  • Bromuro di otilonia;
  • mebeverina;
  • Halidor;
  • Gimekron;
  • Bentsiklav.

Negli ultimi anni, un altro gruppo di farmaci è stato differenziato, inclusi entrambi i meccanismi di azione sullo spasmo: i farmaci neuromiotropici, ma sono usati raramente.

I farmaci di ciascuno dei tre gruppi sono usati rigorosamente secondo le indicazioni, solo il medico può determinare la sostanza di quale meccanismo d'azione è meglio applicare in ciascuna situazione specifica, poiché una scelta sbagliata non solo non rimuoverà la sindrome del dolore, ma può aggravare la situazione.

Per origine

Gli antispasmodici sono anche classificati in base all'origine dei principi attivi. Esistono due gruppi di farmaci:

  • origine naturale o vegetale;
  • origine farmacologica o artificiale.

I farmaci farmacologici che sopprimono lo spasmo sono apparsi non molto tempo fa, tuttavia, le persone hanno sofferto di malattie genitourinarie durante la loro esistenza, quindi non sorprende che nei tempi antichi i sintomi del dolore fossero fermati con l'aiuto di rimedi a base di erbe, che sono antispasmodici a base di erbe.

Questi rimedi naturali sono:

Questi fondi hanno le loro caratteristiche, il loro principale vantaggio è il minimo di controindicazioni, tuttavia, non hanno la capacità di fermare le sindromi dolorose gravi.
I farmaci artificiali sono in grado di alleviare la sindrome del dolore di qualsiasi intensità, ma hanno un aspetto negativo negativo: un gran numero di controindicazioni e possibili effetti negativi sul corpo.

Classificare i farmaci antispasmodici in base al loro meccanismo d'azione su quanto segue:

  • Miotropici, che hanno un effetto direttamente sulle cellule muscolari lisce, mentre cambiano al loro interno i processi biochimici in corso. Le basi di questi spasmolitici sono: gimekromon, halidor, bromuro di pinaverio, bromuro di otilonio, mebeverina, nitroglicerina, isosorbide dinitrato, gimecromon, bendazolo, papaverina, benzociclano, drotaverina. Abbastanza un ampio elenco di farmaci antispasmodici.
  • Per il mal di testa, usano spesso neurotropi che influenzano i processi di trasmissione degli impulsi nervosi ai nervi, che stimolano la muscolatura liscia degli organi interni. Questi sono principalmente M-anticolinergici, come atropina solfato e simili: buscopan, ioscina butil bromuro, ganglefen, aprofen, difacil, arpenal, bromuro di prifinio, metocinio, belladonna, iosilammina, scopolamina, platifillina.

Tra cui esiste una classificazione dei farmaci antispasmodici in base alla loro origine:

  • Medicinali artificiali.
  • Antispasmodici naturali: menta, erba di Chernobyl, tanaceto, belena nera, mughetto, tè ai reni (ortosifone), palude di calamo, origano, camomilla, belladonna, levistico della farmacia.

Qual è il miglior farmaco antispasmodico?

Gli antispasmodici sono farmaci farmacologici che riducono il numero e l'intensità degli spasmi che causano dolore (priorità quando si interrompe il dolore addominale).

Il punto di applicazione dei farmaci antispasmodici sono considerati muscoli lisci degli organi interni e indirettamente - fibre nervose che conducono gli impulsi dalla periferia al cervello e alla schiena.

I farmaci antispasmodici funzionano rapidamente ed efficacemente, quindi sono popolari tra medici e pazienti. In parallelo, i farmaci dilatano i vasi sanguigni e i bronchi, arrestando la mancanza di respiro, stimolando l'attività del cuore, alleviando gli spasmi dello sfintere gastrointestinale, normalizzando la secrezione.

A seconda della genesi degli spasmi, i farmaci che li alleviano sono suddivisi in: miotropici (muscoli), neurotropici (correzione della conduzione nervosa), neuromiotropici (combinati).

I farmaci del gruppo anticolinergico M bloccano la trasmissione di un impulso nervoso lungo il sistema nervoso autonomo. Un muscolo che non riceve il comando dal cervello per contrarre il rilassamento.

A seconda del meccanismo d'azione, gli anticolinergici M sono anche suddivisi in: farmaci centrali (ketoprofene), periferici (buscopan) e misti (estratto di belladonna).

L'atropina solfato è l'antispasmodico più efficace del gruppo neurotropico, utilizzato nel trattamento di bronchi e laringospasmi, coliche di varia natura, ulcera gastrica e ulcera duodenale, pancreatite acuta, sindrome dell'intestino irritabile.

L'elenco degli antispasmodici neurotropici comunemente prescritti è presentato nella tabella..

Buscopan310
Neoscan1093
Metacin141
Gastromen (Gastrocepin, Gastropin, Gastrozem)1640
Detrusitol2880
Midriacil321
Platyphyllin60
ketoprofene222
Estratto di belladonna (belladonna)trenta

Le medicine del gruppo di antispasmodici miotropici agiscono sui processi nei muscoli contratti.

Gli antispasmodici sono collegati se lo spasmo è il risultato di uno squilibrio di varie sostanze necessarie per il normale funzionamento dei muscoli, a causa dell'attività enzimatica o ormonale..

Gli antispasmodici miotropici non consentono alle fibre muscolari di contrarsi bruscamente. I seguenti farmaci appartengono al gruppo miotropico:

  • antagonisti del calcio non selettivi (verapamil);
  • inibitori della fosfodiesterasi (papaverina);
  • bloccanti del sodio (mebeverin);
  • derivati ​​di xantina (teofillina);
  • analoghi della colecistochinina (Odeston);
  • nitrato (nitroglicerina).

I preparati del gruppo di antispasmodici miotropici sono meglio conosciuti e popolari nel trattamento di varie malattie: cuore e vasi sanguigni (angina pectoris, aritmia), patologia broncopolmonare, stati di asma. Le medicine possono influenzare le cellule muscolari lisce degli organi interni e non penetrare nel cervello.

I farmaci antispasmodici miotropici bloccano il flusso di ioni calcio e determinati enzimi nelle cellule, prevenendo la contrazione muscolare e possono essere utilizzati a lungo..

Farmaci ad azione selettiva: Mebeverin, Loperamide, Neobutin, Duspatalin, Dicetel, Spasmomen.

Antispasmodici non selettivi di azione generale (Ketanov, Solpadein, Nurofen, Papaverin, Drotaverin, No-Shpa, Spazmol).

L'elenco dei popolari antispasmodici miotropici è presentato nella tabella..

mebeverina411
loperamide14
Neobutin209
Duspatalin508
Dicetel417
Spasmomen1479
Ketanov54
Solpadein85
Nurofen83
Papaverine9
Drotaverinum14
No-spa59
Spasmol140
Theotard133
verapamil39
La teofillina161
Odeston780
Nitroglicerina52

Gli antispasmodici sono farmaci che non solo riducono l'intensità degli spasmi e rilassano i muscoli lisci, ma alleviano anche il dolore con l'aiuto della componente analgesica.

Gli analgesici dello spasmo vengono utilizzati quando si interrompe un attacco di coliche di varia origine, mal di testa, mal di denti, emicrania, nevralgia, mialgia, artralgia, sindrome radicolare.

Questi antispasmodici includono Benalgin, Spazmalgon, Sedalgin-Neo.

I preparati contenenti diversi componenti attivi sono chiamati combinati. Una compressa di tali farmaci non solo allevia gli spasmi, ma allevia immediatamente il dolore e la sua causa: Baralgin, Tempalgin, Spazgan, Maxigan e altri.

Baralgin177
Tempalgin97
Spazgan110
Maxigan114
Pentalgin54
Novigan (Noviket)121
TRIGAN-D105
Spazmalgon117
Andipalquindici
Benalgin1265
Sedalgin-Neo209

È noto che molte piante sono in grado di influenzare la muscolatura liscia degli organi interni, i vasi sanguigni, gli sfinteri del corpo umano. A casa, tali antispasmodici sono utilizzati sotto forma di decotti e infusi, tuttavia, negli ultimi anni sono comparsi integratori alimentari a base vegetale e antispasmodici di nuova generazione che non hanno praticamente effetti collaterali a causa della loro naturalezza..

La base di tali farmaci sono le erbe di menta, camomilla, tanaceto, belladonna, finocchio. Spesso, i componenti delle piante sono combinati con sostanze sintetiche attive attive nelle giuste proporzioni, il che aumenta l'efficacia degli antispasmodici utilizzati nel trattamento di varie patologie.

Plantex310
Gamma10
Niaspam319
Sparex324
Trimedat255
Azulan204
campata399
Tanacehol41

Gli antispasmodici sono farmaci che colpiscono le cellule muscolari lisce dell'apparato digerente e le rilassano. Oggi sono ampiamente usati per trattare il dolore addominale, poiché lo allevia efficacemente e sono ben tollerati dai pazienti..

Solfato di atropina

Ha effetti antispasmodici e antisecretori..

Dopo l'assunzione per via orale (per via orale), l'effetto massimo si sviluppa entro mezz'ora, dopo la somministrazione in una vena - dopo 2-4 minuti. Escreto dai reni.

Applicare per via sottocutanea 2 volte al giorno o all'interno 2-3 volte al giorno.

Durante il trattamento possono verificarsi i seguenti effetti indesiderati:

  • riduzione della separazione del sudore;
  • bocca asciutta
  • dilatazione della pupilla e paralisi dell'alloggio;
  • disordini del sonno
  • disturbi della memoria;
  • aumento della temperatura corporea;
  • iperemia della pelle;
  • sete;
  • fotofobia;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • atonia intestinale;
  • ritenzione urinaria.

Con un sovradosaggio di atropina, il paziente sviluppa vertigini, il linguaggio e la deglutizione sono difficili e la coscienza e l'orientamento nello spazio sono disturbati. È agitato, sono possibili allucinazioni e falsa minzione..

In una tale situazione, il paziente deve eseguire la diuresi forzata, introdurre galantamina o proserina.

L'atropina non viene utilizzata se al paziente vengono diagnosticate tali malattie o condizioni:

  • aumento della pressione intraoculare (glaucoma);
  • tachicardia;
  • insufficienza del fegato e dei reni;
  • megacolon tossico;
  • ernia iatale;
  • NAC;
  • ipertrofia prostatica;
  • disturbi della sfera mentale (psicosi);
  • forma attiva di tubercolosi;
  • lavori che richiedono attenzione, compresa la guida di un veicolo;
  • cachessia (esaurimento);
  • gravidanza.

Gli effetti farmacologici e le indicazioni per l'uso sono simili a quelli dell'atropina. Utilizzato per iniezione sottocutanea 2-3 volte al giorno.

Gli effetti collaterali sono lo stesso vantaggio:

Controindicazioni ed effetti collaterali - come l'atropina.

Metacin

  • Ha effetti antispasmodici e antisecretori..
  • Le indicazioni sono simili a quelle dell'atropina.
  • È usato per via orale, nonché per iniezione sottocutanea, intramuscolare e endovenosa.
  • Effetti collaterali:
  • aumento della pressione intraoculare;
  • dilatazione della pupilla;
  • paralisi dell'alloggio;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • sete;
  • bocca asciutta
  • difficoltà a deglutire;
  • disturbi della minzione;
  • stipsi.
  • glaucoma;
  • fibrillazione atriale;
  • tachicardia;
  • ipertrofia prostatica;
  • insufficienza acuta dei reni e del fegato;
  • ipotensione del tratto digestivo;
  • disturbi della minzione.

Quando viene utilizzata la gravidanza se ci sono prove:

  • minacce di parto prematuro;
  • consegna rapida.

Indicazioni per l'uso:

  • colica biliare;
  • colica renale;
  • colica intestinale;
  • DZhVP su un tipo ipercinetico;
  • colecistite;
  • pylorospasm;
  • YABZH e KDP nella fase acuta;
  • mestruazioni dolorose.

Applicare 10-20 mg per via orale tre volte al giorno o 1 supposta nel retto 3 volte al giorno.

  • pelle secca;
  • bocca asciutta
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • sonnolenza;
  • paresi di alloggio;
  • lieve ritenzione urinaria;
  • reazioni individuali di ipersensibilità.
  • ipersensibilità individuale;
  • miastenia grave;
  • glaucoma;
  • megacolon.

Quando la gravidanza viene utilizzata con cautela (specialmente nei primi 3 mesi), secondo rigorose indicazioni.

La sicurezza dell'igoscina durante l'allattamento non è stata dimostrata fino ad oggi, tuttavia, non ci sono anche dati sullo sviluppo di effetti indesiderati in un bambino mentre la madre sta assumendo questo farmaco.

Aumenta gli effetti degli antistaminici e tre antidepressivi ciclici. L'uso insieme a metoclopramide e altri farmaci di questo gruppo porta ad un indebolimento degli effetti di entrambi i farmaci.

mebeverina

Ha un effetto antispasmodico principalmente sulle cellule muscolari lisce del tratto digestivo inferiore.

  • sindrome dell'intestino irritabile;
  • dispepsia funzionale;
  • disturbi funzionali del tratto biliare;
  • malattie gastrointestinali organiche, un sintomo del quale è lo spasmo della muscolatura liscia.

Una singola dose è di 0,2-0,4 g, la frequenza di somministrazione - 2 volte al giorno.

Durante il trattamento, alcuni pazienti sviluppano effetti collaterali:

  • mal di testa;
  • vertigini;
  • distrazione, riduzione della concentrazione dell'attenzione;
  • disturbi delle feci sotto forma di costipazione o diarrea;
  • eruzione cutanea.

Il sintomo di un sovradosaggio è l'agitazione mentale..

  • porfiria;
  • ipersensibilità ai componenti del farmaco;
  • gravidanza;
  • lavori che richiedono attenzione, compresa la gestione di macchine e meccanismi.

Bromuro di pinaveria

Prendi 0,05-0,1 g tre volte al giorno.

Durante il trattamento, i pazienti a volte manifestano nausea e vomito..

Non usare con ipersensibilità ai componenti del farmaco. Con cautela - con glaucoma. Controindicato anche in gravidanza e nei bambini.

Nelle farmacie presentate come Dietetel.

Bromuro di Otilonia

Indicazioni ed effetti collaterali - come in più.

Dosaggio standard - 0,04 g per via orale 2-3 volte al giorno.

Non applicare in caso di allergia al principio attivo e con glaucoma. Quando viene utilizzata la gravidanza in caso di indicazioni rigorose.

Il nome commerciale di questo farmaco in Russia è Spazmomen.

Nitroglicerina

È usato per la disfunzione dello sfintere di Oddi per eliminare gli attacchi di dolore acuto, così come per l'ERCP pianificato al fine di prevenire lo sviluppo delle sue complicanze - pancreatite.

Informazione Generale

Gli antispasmodici sono un complesso di agenti farmacologici che indeboliscono o eliminano completamente gli spasmi dei muscoli lisci degli organi interni e dei vasi sanguigni.

Con la loro azione, i farmaci aiutano a rilassare i muscoli, alleviare lo spasmo e, di conseguenza, ridurre significativamente il dolore..

I principali vantaggi dell'uso di antispasmodici rispetto ad altri antidolorifici sono che, eliminando o prevenendo lo sviluppo di spasmi, i farmaci non interferiscono con il meccanismo del dolore e non "cancellano" i sintomi nel quadro clinico grave, il che può complicare la diagnosi.

A causa delle loro principali funzioni in urologia, vengono utilizzate nei seguenti casi:

  • se lo spasmo non ha un ruolo nel meccanismo di sviluppo della malattia;
  • se lo spasmo è la base di una condizione patologica;
  • preparazione premedica per una varietà di procedure.

"L'atropina"

La composizione del farmaco in questione include un principio attivo come l'atropina solfato. Per quanto riguarda i componenti aggiuntivi, dipendono dalla forma di dosaggio del farmaco.

Il farmaco in questione è un alcaloide. Ha attività anticolinergica (cioè è in grado di bloccare i recettori colinergici M).

L'uso di questo farmaco aiuta ad aumentare la pressione intraoculare, l'amidriasi, la tachicardia, la paralisi della sistemazione, la xerostomia. Inoltre, un tale farmaco inibisce la secrezione di sudore, bronchi e altre ghiandole..

Il solfato di atropina rilassa i muscoli lisci dei bronchi, nonché gli organi urinari e biliari e il sistema digestivo. In altre parole, la sostanza in questione mostra un effetto antispasmodico e agisce come un antagonista..

L'atropina può essere assunta per via orale, somministrata per via sottocutanea, in una vena o in un muscolo. Il dosaggio di questo medicinale è fissato individualmente.

Modulo per il rilascio

Modulo per il rilascioTitolo
compresseDrotaverin, No-shpa, Spazmonet, Spazmol
capsuleDetruzitol, Sparex, Duspatalin
tintureMenta piperita
Supposte rettaliPapaverina, Buscopan
Frutti InteriCumino
Fiale per amministrazione endovenosa e intramuscolareDrotaverin, No-shpa, Papaverin, Trigan

Lo stesso farmaco, ad esempio il Drotaverinum, può essere prodotto in varie forme, ognuna delle quali viene utilizzata a seconda della malattia, della gravità del paziente, della sua età.

Rilasciano farmaci antispasmodici sotto forma di:

  • Fiala (per via intramuscolare e endovenosa) - "Platifillin", "Papaverine", "Spakovin", "No-shpa", "Droverin", "Trigan", "Dibazol".
  • Capsula - Duspatalin, Sparex.
  • Gocce assunte per via orale - "Zelenin", "Valoserdin".
  • Frutto Intero - Cumino.
  • Granello per preparare una soluzione - "Plantacid", "Plantaglucid".
  • Supposte rettali - "Papaverina", estratto di belladonna, "Buscopan".
  • Tinture - tintura di menta piperita.
  • Compresse: "Platifillin", "Papaverine", "Besalol", "Bekarbon", "Papazol", "Trimedat", "Nikoshpan", "Vesikar", "Dicetel", "Spazoverin", "Driptan", "No-Shpalgin" "," Spazmonet-Forte "," Spazmol "," Spazmonet "," No-Shpa Forte "," Nosh-Bra "," Drotaverin-Hellas "," Drotaverin "," No-Shpa "," Galidor "," Buscopan.

Antispasmodici per bambini

Ogni produttore indica le caratteristiche per l'assunzione del farmaco da parte dei bambini. Ad esempio, alcune forme di drotaverina non sono prescritte per i bambini di età inferiore a 2 anni, mentre altre raccomandano che i bambini di età compresa tra 1 e 6 anni utilizzino una dose giornaliera di 40-120 mg fino a 3 volte al giorno, per i bambini da 6 anni, una dose di 80-200 mg fino a 5 volte giorno.

Il butilbromuro di Hyoscine è vietato ai bambini di età inferiore a 6 anni. Il bromuro di pinaveria non è raccomandato per i bambini di età inferiore ai 18 anni. Gli antispasmodici naturali sono preparati da singole piante o raccolte che contengono steli, foglie, radici, fiori. I bambini sono prescritti per malattie che sono accompagnate da convulsioni e crampi. Possono essere prescritti antispasmodici intestinali.

Per i neonati, sono usati in modo molto limitato. Esistono solo pochi articoli approvati dai pediatri per l'uso nei neonati. Più spesso, i medici prescrivono ai bambini preparati a base di erbe che contengono antispasmodici naturali: olio di aneto, anice, frutto di finocchio, menta piperita.

Nell'infanzia, i disturbi funzionali del tratto gastrointestinale sono più comuni come discinesia spastica. Tutte le parti dell'apparato digerente (cistifellea, intestino, stomaco, ecc.) Subiscono uno stato spastico. Nei bambini, entrambi i gruppi di antispasmodici sono usati per trattare tali condizioni, ma le limitazioni di età e le caratteristiche del corpo del bambino sono prese in considerazione a diverse fasce di età (immaturità di alcuni enzimi epatici sotto i 12 anni, acidità di stomaco in tenera età e nei bambini più grandi, ecc.), I farmaci sono prescritti rigorosamente secondo le indicazioni.

I seguenti farmaci antispasmodici sono ammessi nei bambini:

Papaverine

Ha effetti antispasmodici e vasodilatatori..

Le indicazioni per l'uso sono simili a quelle della drotaverina.

Può essere prescritto al paziente per somministrazione orale, sottocutanea, intramuscolare, endovenosa o rettale (nel retto).

  • aritmie cardiache (extrasistole ventricolare, blocco AV);
  • abbassamento della pressione sanguigna;
  • funzionalità epatica compromessa;
  • stipsi
  • sonnolenza;
  • un cambiamento nell'analisi del sangue (aumento del livello di eosinofili);
  • visione doppia.

Con un sovradosaggio di papaverina, il paziente può manifestare debolezza, sonnolenza, visione doppia, abbassamento della pressione sanguigna.

Elimina questi sintomi lavando lo stomaco e introducendo farmaci che aumentano la pressione sanguigna. Puoi anche offrire al paziente di bere latte (come antidoto) e assumere carbone attivo.

Le controindicazioni alla terapia con papaverina sono:

  • ipersensibilità al principio attivo;
  • blocco atrioventricolare;
  • aumento della pressione intraoculare (glaucoma);
  • insufficienza epatica;
  • età fino a 6 mesi e età.

L'efficacia della papaverina è ridotta nei pazienti fumatori. Lui stesso riduce l'effetto di un farmaco come la metildopa.

Nelle farmacie, è presentato sotto il nome di Papaverina e in combinazione con altri medicinali: Papazol, Andipal (questi farmaci vengono generalmente assunti per abbassare la pressione sanguigna, ma oggi non sono più comuni).

Per mal di testa

Gli antispasmodici per il mal di testa sorto a causa di disturbi circolatori nel cervello o spasmi dei vasi cerebrali contribuiscono a una riduzione della sua intensità (compresse di bencyclan, papaverina, drotaverina). Tra cui alleviare le convulsioni e dare un buon effetto, preparazioni complesse contenenti antidolorifici e componenti antinfiammatori, oltre agli antispastici. L'elenco dei farmaci per il dolore addominale è presentato di seguito..

I metodi non farmacologici per alleviare gli spasmi del dolore includono procedure fisioterapiche:

  • Elettroforesi con novocaina, platifillina, atropina, papaverina.
  • Terapia con paraffina. Il calore porta al sollievo dal dolore, alla vasodilatazione, al rilassamento delle cellule muscolari.

Con cistite

Con la cistite, la nomina di antispasmodici può aiutare ad alleviare lo spasmo doloroso, ridurre il tono, ridurre la minzione e alleviare i sintomi spiacevoli. Per il trattamento di questa malattia, i farmaci a base di drotaverina sono efficaci: iniezioni di “Benciclan”, “Platifillin”, “Papaverine” e “No-Shpy”.

Gli antispasmodici sono prescritti agli anziani con cautela, prestando attenzione alle patologie e malattie concomitanti, incluso l'uso simultaneo di altri farmaci, i cui effetti possono influenzare l'efficacia degli antispasmodici e viceversa.

Gli antispasmodici per la colica renale, che è caratterizzata da un forte dolore, sono principalmente usati per alleviare il dolore durante un attacco. Al paziente vengono prescritte iniezioni di platifillina da 1 mg o compresse da 5 mg, per i bambini in base alla loro età, il dosaggio è prescritto da 0,2 a 3 mg, possono essere prescritte anche compresse di Atropina e Drotaverin.

Nitroglicerina

È usato per la disfunzione dello sfintere di Oddi per eliminare gli attacchi di dolore acuto, così come per l'ERCP pianificato al fine di prevenire lo sviluppo delle sue complicanze - pancreatite.

Assumere una volta sotto la lingua, 0.0005-0,01 g durante un attacco di dolore o per prevenire un aumento della pressione all'interno dei dotti.

Gli effetti collaterali sono i seguenti:

  • vertigini;
  • mal di testa;
  • palpitazioni
  • diminuzione della pressione sanguigna fino al collasso;
  • ipotensione ortostatica;
  • ischemia miocardica;
  • metaemoglobinemia.

I sintomi da sovradosaggio comprendono vertigini e mal di testa, nausea, vomito, palpitazioni, diminuzione della pressione sanguigna e aumento della pressione intracranica, respiro corto, cianosi.

Per eliminare un sovradosaggio, il paziente viene trasferito in posizione supina con le gambe sopra la testa, lo stomaco viene lavato, vengono somministrate soluzioni sostitutive del plasma, viene inalato l'ossigeno e con lo sviluppo di metaemoglobinemia, la soluzione blu di metilene viene iniettata in una vena.

Questo farmaco è controindicato in tali condizioni e malattie:

  • ipersensibilità ad esso;
  • bassa pressione sanguigna;
  • alta pressione intracranica;
  • emorragia intracerebrale;
  • ischemia cerebrale;
  • edema polmonare;
  • pareti della valvola aortica 3-4 gradi;
  • glaucoma (chiusura ad angolo).

Durante la gravidanza e l'allattamento, applicare esclusivamente secondo le indicazioni rigorose, attentamente.

  • Iso-mick;
  • Nitro-Mick;
  • Infusione di Nitro Paul;
  • Nit ret;
  • Sustak e altri.

Antispasmodici naturali

Gli antispasmodici a base di erbe, sebbene non abbiano un forte effetto analgesico, non hanno praticamente controindicazioni.

Il leggero effetto antispasmodico ha infusi di menta piperita, semi di aneto odorosi, frutti di finocchio, camomilla di farmacia, tanaceto, sbiancato.

Un buon effetto si osserva quando si usano decotti di anice, radici di colorante più folle, ortica dioica. I rimedi di erbe possono essere usati per alleviare lo spasmo di quasi tutte le malattie urologiche.

Ad esempio, con l'ICD, un lieve dolore aiuterà ad alleviare l'uso regolare della seguente infusione: prendi 1 parte dei fiori di camomilla, erba di San Giovanni, menta, salvia e 2 parti del platano; 1 cucchiaio. versare un cucchiaino di miscela con un bicchiere d'acqua, insistere per un quarto d'ora a bagnomaria, raffreddare per 45 minuti a temperatura ambiente e prendere un quarto di bicchiere 5 volte al giorno.

Per alleviare gli spasmi, vengono utilizzati decotti di equiseto, mirtillo rosso, ortosifone, ortica, sambuco nero..

Gli antispasmodici naturali sono anche utilizzati attivamente per i bambini: menta piperita, olio di finocchio, anice, aneto.

Tipi ed elenco di farmaci di antispasmodici gastrointestinali

Il meccanismo d'azione si basa sulla rimozione dello spasmo influenzando direttamente le cellule muscolari lisce. I farmaci in questo gruppo possono essere utilizzati a lungo..

Si distinguono i seguenti antispasmodici miotropici utilizzati in gastroenterologia:

  • Papaverina cloridrato (Papaverina). Il meccanismo d'azione è associato al blocco della fosfodiesterasi, un enzima che è coinvolto nel trasporto degli ioni calcio nelle cellule muscolari lisce. L'eccesso di calcio all'interno della cellula porta alla sua contrazione, mentre bloccando questo processo si verificano rilassamento e rilassamento dello spasmo. Il farmaco è approvato per l'uso in bambini e donne in gravidanza. È ampiamente usato nella pratica gastroenterologica. Allevia rapidamente lo spasmo e allevia il dolore, ma è 5 volte più debole della drotaverina.
  • Drotaverin (Drotaverin, No-Shpa, Spazmol). Antispasmodico alla papaverina. Con il meccanismo d'azione non differisce dalla papaverina, ma ha un effetto antispasmodico più pronunciato, che ha una durata più lunga dell'azione della papaverina. Non penetra nel sistema nervoso centrale. È un antispasmodico universale e ha una buona tolleranza. A dosi terapeutiche, non provoca effetti collaterali. Penetra rapidamente nei tessuti e negli organi e ha un effetto indipendentemente dalla causa che ha causato lo spasmo. Incluso negli standard per la cura del dolore addominale.
  • Bromuro di pinaveria (dicetel). Blocco selettivo dei canali del calcio. Prevenire la penetrazione del calcio nella cellula, porta al suo rilassamento. Viene utilizzato principalmente per alleviare lo spasmo nell'intestino crasso. Con un uso prolungato non provoca ipotensione intestinale. A causa del basso assorbimento dall'intestino, non ha un effetto sistemico sul corpo e praticamente non provoca reazioni avverse. L'efficacia e la sicurezza clinica sono confermate da studi multicentrici. Nessun effetto sul sistema cardiovascolare.
  • Bromuro di ottilonio (Spasmomen). Secondo il meccanismo d'azione e la farmacodinamica (distribuzione nel corpo, escrezione, effetti collaterali) praticamente non differisce da Dietetel, ma in Russia la domanda di questo farmaco non è alta.
  • Mebeverin cloridrato (Duspatalin). È un bloccante del canale del sodio. Il sodio è coinvolto nella contrazione muscolare. Quando si bloccano i canali del sodio, la sua penetrazione è limitata e la contrazione cellulare viene soppressa. Il principale luogo di azione è l'intestino crasso e quello piccolo. Il farmaco non si accumula nel corpo, pertanto non richiede la correzione della dose terapeutica nei pazienti anziani. Ben consolidato nel trattamento del dolore spastico nelle persone con sindrome dell'intestino irritabile.

Elenco di antidolorifici per il dolore addominale e la loro scelta in un caso specifico

Il meccanismo d'azione dei farmaci di questo gruppo è associato al blocco della conduzione dell'eccitazione dalle terminazioni nervose o dai gangli alle cellule muscolari lisce degli organi interni.

La maggior parte dei farmaci si riferisce agli M-anticolinergici. L'effetto antispasmodico è associato al blocco dei recettori colinergici M nel corpo umano. Questi recettori sono responsabili della secrezione di acido cloridrico nello stomaco, del lavoro delle ghiandole salivari e del sudore, aumentano il tono della muscolatura liscia del tratto digestivo e riducono la frequenza cardiaca.

Quando sono bloccati, i muscoli del tratto gastrointestinale si rilassano, in particolare le sezioni superiori (esofago, sfintere di Oddi, stomaco, cistifellea). I recettori M-colinergici non si trovano praticamente nell'intestino, pertanto la maggior parte dei farmaci in questo gruppo non influenza il dolore addominale causato da una malattia del tratto digestivo inferiore, che ne limita l'uso.

  • Atropina solfato (Atropina). È una pianta alcaloide di un numero di piante velenose (henbane, droga). Colpisce i recettori colinergici M situati nella periferia e nel sistema nervoso centrale. Ha un effetto sul lavoro di un gran numero di organi (apparato digerente, respiratorio, cardiovascolare, ghiandole endocrine, cervello, iris, ecc.). L'applicazione è limitata dal frequente sviluppo di reazioni avverse da vari organi e sistemi. Ha una bassa gamma di dosi terapeutiche, che aumenta il rischio di sovradosaggio.
  • Platifillin hydrotartrate (Platifillin). Pianta alcaloide del figlioccio. 5 volte più debole dell'atropina in termini di effetto sul tratto gastrointestinale. In misura minore, provoca effetti collaterali rispetto all'atropina. Utilizzato nelle cure di emergenza per alleviare lo spasmo del dolore.
  • Ibrina butil bromuro (Buscopan, Neoscopan). Uno degli antispasmodici più studiati, che ha un rapporto ottimale di efficacia-sicurezza. Il farmaco ha un effetto sui sottotipi dei recettori colinergici M, che si trovano nel tratto gastrointestinale e quindi non influisce sul sistema nervoso centrale, sui bronchi e sui vasi sanguigni. L'effetto antispasmodico sul tratto gastrointestinale è 44 volte più forte dell'effetto della drotaverina. L'applicazione principale sono le condizioni spastiche del tratto digestivo superiore (esofago, stomaco). Durante l'assunzione del farmaco, raramente si possono verificare secchezza delle fauci, sonnolenza, aumento della frequenza cardiaca e altri effetti simili all'atropina che non richiedono un trattamento speciale.
  • Metacin. Non attraversa la barriera emato-encefalica. Riduce la secrezione di acido cloridrico nello stomaco. Riduce il tono del tratto digestivo superiore. Provoca effetti collaterali simili all'atropina (secchezza delle fauci, paralisi della sistemazione, ecc.). È usato principalmente per il trattamento dell'ulcera gastrica come parte della terapia complessa.
  • Chlorosyl. Si differenzia poco dalla metacina nell'azione farmacologica e negli effetti collaterali..

Perché compare il dolore durante i movimenti intestinali e come diagnosticare la causa?

Quando si prescrivono farmaci antispasmodici intestinali, è necessario tenere presente che possono causare stitichezza, specialmente nelle persone anziane con funzione intestinale indebolita. Pertanto, questo punto deve essere considerato anche quando si prescrivono farmaci. Il bromuro di pinaveria ha un eccellente effetto antispasmodico in varie malattie intestinali (assunto con pasti ricchi di liquidi, senza masticare o sciogliere 50 mg fino a 4 volte al giorno). La ricezione non è raccomandata per i bambini.

Per il trattamento dei disturbi delle feci, del dolore addominale, con sindrome dell'intestino irritabile e spasmi secondari, Mebeverin viene usato 1 compressa 3 volte al giorno, 1 capsula 2 volte prima dei pasti in 20 minuti (la dose giornaliera è di 400 mg). Nelle malattie intestinali, l'uso di farmaci anticolinergici è limitato a causa della bassa efficacia e degli effetti collaterali. L'elenco dei farmaci antispasmodici per l'intestino può essere controllato con il medico.

Gli antispasmodici per la colecistite aiutano a ridurre i sintomi del dolore, ad esempio prescrivono anticolinergici (Platifillina, Atropina), nonché Drotaverina e Papaverina. Il più efficace può essere considerato la nomina di mebeverina cloridrato 2 volte al giorno per 200 mg, pinavirus bromuro 3 volte al giorno per 100 mg.

Istruzioni per l'uso

Le istruzioni per l'uso nel trattamento dei crampi intestinali nei bambini e negli adulti sono allegate a ciascun farmaco. Esistono alcune raccomandazioni generali per l'uso in varie categorie di pazienti:

  • neonati e bambini fino a un anno - in pediatria e neonatologia usano farmaci m-anticolinergici sotto forma di supposte rettali e sciroppo, il dosaggio varia da 1 a 10 ml ogni 6-8 ore (si consiglia di assumere antispasmodici naturali: decotto di semi di aneto, finocchio);
  • donne in gravidanza - l'appuntamento dovrebbe essere determinato dal potenziale beneficio per la madre rispetto ai rischi per il feto, l'appuntamento è prescritto con cautela 1-2 volte al giorno (utilizzare "Dicicloverina", "Bencyclan", iosina butil bromuro);
  • persone con dolore intestinale e colite di qualsiasi natura - le compresse per colica intestinale vengono assunte 30-50 mg più volte al giorno, più spesso il bromuro di pinaveria viene utilizzato come principio attivo, il corso del trattamento è di 7-10 giorni fino alla scomparsa dei sintomi;
  • anziani - i sintomi concomitanti e le malattie attuali sono presi in considerazione al momento della prescrizione, l'uso di farmaci che aumentano o riducono l'effetto di altri farmaci è inaccettabile.

Controindicazioni

Gli antispasmodici devono essere usati con cautela, poiché hanno una serie di controindicazioni. Nel trattamento delle malattie urologiche, non possono essere utilizzate se la storia ha:

  • tubercolosi;
  • Morbo di Crohn;
  • reazioni allergiche;
  • megacolon;
  • allargamento del colon.

Anche il più popolare Drotaverinum (No-shp) ha una serie di controindicazioni: è meglio non prescriverlo per l'aterosclerosi delle arterie coronarie e del glaucoma, insufficienza cardiaca e renale.

La papaverina non è utilizzata nel trattamento di pazienti anziani e debilitati, con lesioni cerebrali traumatiche, ipotiroidismo.

Prima di usare i farmaci, è necessario leggere attentamente le istruzioni, poiché alcuni di essi riducono la concentrazione di attenzione, quindi è vietato guidare durante il loro uso.

Gli antispasmodici devono essere utilizzati solo dopo aver consultato un medico. Quando li prende, è importante prevenire il sovradosaggio e seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni mediche.

In caso di sintomi di sovradosaggio del farmaco, consultare immediatamente un medico.

AssolutoParente
  • ipersensibilità a qualsiasi componente del farmaco;
  • ostruzione intestinale paralitica per Buscopan;
  • glaucoma e ingrossamento della prostata per M-anticolinergici.
  • infezione intestinale acuta.

Con osteocondrosi

Con l'osteocondrosi, gli antispasmodici aiutano ad alleviare la tensione muscolare, a migliorare la circolazione sanguigna nella zona locale e questo, a sua volta, riduce la gravità del dolore e influisce sul benessere del paziente. Quando l'osteocondrosi viene spesso prescritta "Drotaverinum" e "Papaverine".

Con la gastrite, gli antispasmodici sono chiamati uno dei farmaci più efficaci che alleviano le sensazioni dolorose e spiacevoli. Recensioni di questo indicano. È necessario prendere in considerazione quando si prende che gli anticolinergici possono contribuire alla comparsa di un effetto aggiuntivo, vale a dire abbassare l'indice acido, quindi, quando si prendono in considerazione, viene presa in considerazione una secrezione eccessiva.

Colite

Se il paziente ha una colite ischemica o cronica, gli vengono prescritti “Drotaverin” e “Papaverina” 1-2 compresse 2–3 volte al giorno, nonché “Platifillin” per indebolire la motilità intestinale violenta, alleviare i crampi e ridurre il dolore. Durante la diarrea, gli agenti avvolgenti e astringenti devono essere combinati con atropina solfato.

Le piante antispasmodiche sono prese come infusioni o decotti per scopi medici e istruzioni. Inoltre, fanno spesso parte dei principali componenti attivi di vari farmaci. Il farmaco può avere completamente un'origine naturale o combinare ingredienti sintetici e naturali.

Spazmalgon

I tre principali antispastici per la pancreatite includono anche un farmaco come Spazmalgon. La composizione di questo medicinale include un analgesico (non narcotico) - metamizolo sodico, sostanza m-anticolinergica - fenpiverinia bromuro, nonché antispasmodico miotropico - pitofenone.

Il metamizolo è un derivato del pirazolone. Questa sostanza è antinfiammatoria, analgesica e antipiretica. Il fenpiverinio (grazie al suo effetto m-anticolinergico) ha un effetto rilassante sulla muscolatura liscia. Per quanto riguarda il pitofenone, agisce in modo simile alla papaverina.

La combinazione di questi tre componenti porta all'eliminazione del dolore, al rilassamento della muscolatura liscia e alla bassa temperatura corporea.

Per adulti e bambini dai 15 anni di età, tale farmaco viene prescritto per via orale, dopo aver mangiato, 1-2 compresse, fino a tre volte al giorno. Il dosaggio giornaliero di Spazmalgon non deve superare le sei compresse.

La durata del trattamento con questo farmaco è di 5 giorni (non di più!). Un aumento del dosaggio giornaliero del farmaco o la durata della terapia è possibile solo dopo aver consultato un medico.

Per i bambini, un tale farmaco è prescritto solo da uno specialista.

Gruppo speciale

Uno speciale gruppo di antispasmodici comprende preparazioni complesse (ad esempio analgesici e antispasmodici "Spazmalgon", "Baralgin"), che combinano antispasmodici di vario spettro d'azione, nonché bicarbonato di sodio, metamizolo di sodio, acido nicotinico, estratti vegetali (tanaceto, belladonna, menta) antidolorifici e altri componenti. Questi antispasmodici per il mal di testa aiutano molto bene..

Le recensioni indicano che sono efficaci per gli spasmi del cervello, le arterie periferiche, aiutano ad eliminare i disturbi funzionali del sistema cardiovascolare e il dolore spastico. Prima di usare questo o quel farmaco, è necessario consultare un medico.

Abbiamo rivisto l'elenco dei farmaci antispasmodici per il dolore. Speriamo che le informazioni ti siano state utili..

Azione miotropica antispasmodica

Come funzionano gli antispasmodici??

Il cibo si muove attraverso il tratto digestivo perché i muscoli si stringono e poi si rilassano lungo l'intera lunghezza dell'intestino. Queste contrazioni muscolari non sono controllate dalla coscienza e sono causate da varie sostanze chimiche che interagiscono con i recettori delle cellule muscolari. Tuttavia, in casi come la sindrome dell'intestino irritabile, la frequenza delle contrazioni (onde peristaltiche) può verificarsi troppo spesso e causare sintomi come dolore addominale, crampi, coliche e gonfiore.

I principi attivi che compongono gli antispasmodici influenzano le contrazioni muscolari, attraverso le quali il cibo si muove attraverso il tratto digestivo. Pertanto, vengono utilizzati per trattare le condizioni causate da disturbi della peristalsi, tra cui la sindrome dell'intestino irritabile e il diverticolo del tratto digestivo..

Di solito hanno un effetto entro un'ora. L'efficacia di un antispasmodico può dipendere dalla dose e dalla frequenza d'uso..

Antispasmodici neurotropici (M-anticolinergici)

I cosiddetti farmaci, il cui effetto principale è quello di alleviare gli spasmi della muscolatura liscia presenti in quasi tutti gli organi vitali. A causa degli spasmi, il flusso sanguigno ai tessuti ristretti è limitato, il che intensifica solo la sindrome del dolore. Per questo motivo, è importante rilassare il tessuto muscolare liscio per alleviare il dolore. A tal fine, usano antispasmodici di azione miotropica.

L'effetto principale dei farmaci miotropici e di altri farmaci antispasmodici è una diminuzione dell'intensità e del numero di spasmi muscolari lisci. Questo aiuta ad alleviare il dolore, ma questo effetto può essere ottenuto in modo diverso a seconda del tipo di antispasmodico. La loro classificazione si basa sulla natura della reazione spastica, che è influenzata da questi farmaci. Sono divisi nei seguenti gruppi principali:

  • M-anticolinergici o farmaci neurotropici. La loro azione è di bloccare la trasmissione degli impulsi nervosi ai muscoli, il che rilassa i muscoli. Inoltre, i farmaci anticolinergici M hanno un effetto antisecretorio..
  • Antispasmodici miotropici. Agire direttamente sui processi all'interno del muscolo contratto stesso. Le sostanze contenute nei farmaci miotropici non consentono ai muscoli di contrarsi, alleviare le convulsioni.
  • Antispasmodici combinati. Combina contemporaneamente più componenti attivi, quindi non solo rilassa le fibre muscolari lisce, ma ha anche un effetto analgesico.
  • Origine vegetale. Questi includono decotti e infusi di erbe medicinali. Alcuni di essi contengono sostanze che influenzano la capacità dei muscoli lisci di contrarsi..

neurotropic

Il gruppo di farmaci antispasmodici neurotropici comprende farmaci che influenzano il sistema nervoso centrale e periferico. Il primo include il cervello e il midollo spinale. Il sistema nervoso periferico è composto da singole catene nervose e gruppi che penetrano in tutte le parti del corpo umano. A seconda del meccanismo d'azione, i farmaci neurotropici sono suddivisi nelle seguenti categorie:

  • Azione centrale: Aprofen, Difacil. L'impulso è bloccato dai recettori del 3o tipo, che si trovano nei muscoli lisci, e del 1o tipo, localizzati nei nodi nervosi autonomi. Inoltre hanno un effetto sedativo.
  • Azione periferica: Buscopan, Neskopan, metocinia e profinia bromuro. Blocca i recettori colinergici M nel corpo umano, grazie ai quali i muscoli lisci si rilassano.
  • Azione centrale e periferica: Atropina, estratto di belladonna. Hanno gli effetti dei due gruppi sopra elencati..

Myotropic

Sotto l'influenza di droghe di azione miotropica, non c'è un blocco degli impulsi nervosi che vanno ai muscoli, ma un cambiamento nel flusso dei processi biochimici all'interno della muscolatura. Tali farmaci sono anche divisi in diversi gruppi:

  • Bloccanti dei canali del sodio: mebeverina, chinidina. Impediscono al sodio di interagire con il tessuto muscolare e i recettori, prevenendo così i crampi..
  • Nitrati: Nitroglicerina, Nitrong, Sustak, Erinit, Nitrospray. Tali agenti riducono i livelli di calcio attraverso la sintesi di guazina monofosfato ciclico, una sostanza che reagisce con vari composti all'interno del corpo..
  • Analoghi della colecistochinina: colecistochinina, Gimekromon. Rilassando gli sfinteri della vescica e del tessuto muscolare della cistifellea, migliorano il deflusso della bile nel duodeno e abbassano la pressione all'interno del tratto biliare.
  • Inibitori della fosfodiesterasi: Drotaverin, No-shpa, Bentsiklan, Papaverin. Colpisce l'enzima omonimo, che fornisce il rilascio alle fibre muscolari di sodio e calcio. Quindi questi farmaci riducono il livello di questi oligoelementi e riducono l'intensità delle contrazioni muscolari.
  • Bloccanti dei canali del calcio non selettivi e selettivi: Nifedipina, Dicetel, Spazmomen, Bendazole. Il potassio provoca contrazioni muscolari spastiche. I farmaci di questo gruppo gli impediscono di penetrare nelle cellule muscolari.

Combinato

Più popolari sono i preparati contenenti diversi ingredienti attivi. Il motivo è che una compressa di tali farmaci non solo allevia gli spasmi, ma ferma immediatamente sia il dolore che la sua causa. La composizione di antispasmodici combinati può includere i seguenti ingredienti attivi:

  • paracetamolo;
  • fenilefrina;
  • Guaifenesin;
  • ibuprofene;
  • propiphenazone;
  • dicycloverine;
  • naproxene;
  • metamizolo sodico;
  • pitophenone;
  • bromuro di fenpivirinia.

Il componente centrale è spesso il paracetamolo. È combinato con sostanze antinfiammatorie non steroidee. Molte preparazioni contengono combinazioni di pitofenone, metamizolo sodico, bromuro di fenpivirinio. Tra i noti antispasmodici combinati spiccano:

Naturale

Le fibre muscolari lisce possono anche influenzare alcune piante. Questi includono belladonna, finocchio, menta, tanaceto e camomilla. I loro estratti sono disponibili in diverse formulazioni in compresse. Oggi sono noti i seguenti preparati a base di erbe:

  • Plantex. Efficace per i crampi intestinali, può essere usato per trattare i bambini.
  • Fuoriuscito. Allevia lo spasmo dei muscoli lisci dei bronchi, riduce l'intensità della tosse.
  • Azulan. Utilizzato per il trattamento di gastrite, duodenite, colite, flatulenza.
  • Altalex. Ha un effetto antispasmodico nei disturbi della secrezione biliare e nelle malattie infiammatorie del tratto respiratorio..
  • Iberogast. Consigliato per malattie del tratto gastrointestinale.
  • Tanacehol. Efficace per discinesia biliare, sindrome post-colecistectomia, colecistite cronica non calcarea.

L'industria farmaceutica offre varie forme di antidolorifici. Grazie a questo, puoi scegliere il tipo di medicinale che sarà efficace con una certa localizzazione del dolore. I farmaci antispasmodici sono disponibili sia sotto forma di preparati topici che per somministrazione orale. Le principali forme di farmaci antispasmodici:

  • Compresse. Destinato alla somministrazione orale. Svantaggio: hanno effetti collaterali sul tratto digestivo e su altri sistemi di organi. Il più popolare in questa categoria è la papaverina..
  • candele Sono usati per via rettale, cioè per l'inserimento nel retto attraverso l'ano. Dopo l'uso, le candele si sciolgono e vengono rapidamente assorbite nella mucosa degli organi interni.
  • Iniezioni in fiale. Destinato alla somministrazione intramuscolare. Il vantaggio di tali fondi è l'assenza di effetti collaterali dagli organi del tratto gastrointestinale. Spazmalgon è molto diffuso. Con la sua somministrazione intramuscolare, i componenti attivi vengono rapidamente assorbiti, grazie ai quali l'effetto dell'anestesia si ottiene più velocemente.
  • Erbe aromatiche. Utilizzato per la preparazione di decotti, tinture, infusi.

indicazioni

I farmaci antispasmodici hanno un ampio elenco di indicazioni. Sono destinati all'uso nel dolore e nei crampi di varie eziologie. A causa dell'azione lunga e veloce possono essere usati per trattare:

  • mal di testa, emicrania;
  • cistite e urolitiasi;
  • periodi dolorosi;
  • Mal di denti
  • condizioni traumatiche;
  • colica renale e intestinale;
  • gastrite;
  • pancreatite
  • colecistite;
  • colite ischemica o cronica;
  • aumento della pressione del fondo;
  • insufficienza cerebrovascolare cronica;
  • attacchi acuti di angina pectoris;
  • asma bronchiale;
  • vasospasmo nell'ipertensione;
  • condizioni di shock;
  • condizioni dopo il trapianto di organi o tessuti interni;
  • dolore nel periodo postoperatorio.

Effetti collaterali

La comparsa di alcuni effetti collaterali durante l'assunzione di antispasmodici dipende dal gruppo del farmaco, dal metodo di utilizzo e dalle caratteristiche individuali della salute umana. I seguenti sintomi sono reazioni negative comuni che possono verificarsi dopo l'uso di farmaci antispasmodici:

  • insonnia;
  • atassia;
  • nausea;
  • mucose secche;
  • ansia;
  • tachicardia;
  • debolezza;
  • azione lenta;
  • confusione di coscienza;
  • allergia;
  • cardiopalmus;
  • mal di testa;
  • sonnolenza;
  • lentezza d'azione;
  • potenza ridotta;
  • atassia;
  • visione offuscata;
  • ritenzione urinaria;
  • paresi di alloggio;
  • stipsi.

Controindicazioni

Poiché i farmaci antispasmodici hanno un meccanismo d'azione complesso, prima di usarli, è necessario studiare le controindicazioni all'uso di tali farmaci. Durante la gravidanza o l'allattamento e durante l'infanzia, sono prescritti con cautela, poiché molti antispasmodici sono vietati per il trattamento di queste categorie di pazienti. Le controindicazioni assolute includono:

  • ipertiroidismo;
  • megacolon;
  • pseudomembranosis;
  • infezioni intestinali acute;
  • miastenia grave;
  • Malattia di Down;
  • insufficienza delle funzioni delle ghiandole surrenali;
  • iperplasia prostatica;
  • neuropatia autonomica;
  • stadio acuto di malattie infiammatorie croniche;
  • intolleranza individuale ai preparati costituenti;
  • grave sclerosi dei vasi cerebrali.

In gastroenterologia, tali farmaci sono raccomandati per il trattamento della sindrome dell'intestino irritabile, della dispepsia funzionale e delle esacerbazioni delle ulcere peptiche. Gli antispasmodici miotropici per la VVD (distonia vegetativa-vascolare) aiutano a ridurre la pressione, ma non trattano la causa della malattia. Alcuni farmaci antispasmodici sono efficaci nelle patologie dei bronchi, altri aiutano con l'angina pectoris e altri hanno un effetto positivo sulla colelitiasi. Per ogni gruppo di malattie, si distinguono diversi antispasmodici efficaci..

Quando si scelgono farmaci antispasmodici per il trattamento del dolore con problemi intestinali, è importante studiare in dettaglio le istruzioni per i farmaci. Molti antispasmodici causano costipazione. Questo è particolarmente vero per gli anziani. I seguenti farmaci sono considerati più efficaci per le malattie intestinali:

  • Mebeverina. Chiamato per lo stesso componente attivo nella composizione. Appartiene alla categoria degli antispasmodici miotropici. Disponibile sotto forma di compresse che vengono assunte per via orale senza masticare. Il dosaggio è determinato dal medico.
  • Bromuro di pinaveria. Questo è il principio attivo del farmaco. Ha un effetto antispasmodico miotropico: un debole M-anticolinergico e inibisce i canali del calcio. Modulo di rilascio - compresse. È necessario assumere 1-2 compresse 1-2 volte al giorno.

Nel caso di tali patologie, gli antispasmodici aiutano a ridurre il dolore - acuto, duraturo. In combinazione con altri farmaci, i farmaci antispasmodici facilitano il decorso della malattia. Spesso applicabili per colecistite e pancreatite sono:

  • No-shpa. Contiene drotaverina - una sostanza che ha un effetto miotropico a causa dell'inibizione della fosfodiesterasi. No-spa è disponibile sotto forma di compresse e una soluzione in fiale. Il primo è assunto per via orale da 3-6 pezzi. in un giorno. La dose giornaliera media di drotaverina in fiale è di 40-240 mg. Il farmaco viene somministrato per via intramuscolare per 1-3 volte.
  • Platyphyllinum. La stessa sostanza nella composizione del farmaco ha un effetto vasodilatatore, antispasmodico, sedativo. La platifillina appartiene alla categoria degli anticolinergici M. Il farmaco viene presentato in compresse e fiale con una soluzione. Le iniezioni vengono eseguite 3 volte al giorno per 2-4 mg. Le compresse sono destinate alla somministrazione orale di 1 pz. 2-3 volte al giorno.
  1. Antispasmodici neurotropici. La loro azione si basa sul fatto che bloccano la trasmissione degli impulsi nervosi che inviano un segnale ai muscoli lisci degli organi interni. Alcuni di essi agiscono sul cervello e hanno un effetto complesso sugli organi interni, altri hanno un effetto più selettivo sui recettori dei muscoli del tratto gastrointestinale e del sistema genito-urinario.
  2. Antispasmodici miotropici. Questi farmaci sono più comuni, in quanto influenzano direttamente i muscoli lisci degli organi interni. Colpiscono i processi biochimici nelle cellule e sono in grado di rilassare rapidamente i muscoli..
  3. Antispasmodici neuromiotropici. Hanno un effetto più forte, poiché combinano i vantaggi di altri gruppi. Questi includono Baralgin, Tempalgin, Spazgan, Maxigan e altri.

Quando un medico prescrive antispasmodici?

Di norma, se il paziente lamenta disagio nell'addome e nel bacino, gonfiore, problemi intestinali e prima di prescrivere farmaci antispasmodici, il medico può raccomandare di cambiare la sua dieta, ad esempio, ridurre la quantità di fibre. Questo può aiutare a normalizzare le contrazioni muscolari nelle persone con sindrome dell'intestino irritabile..

Quali tipi di antispasmodici esistono?

Gli antispasmodici possono essere suddivisi in tre gruppi: agenti che regolano la contrazione della muscolatura liscia dell'esofago (miotropico), farmaci anticolinergici (antistaminici e farmaci per il trattamento dei disturbi extrapiramidali) e sostanze che stimolano la motilità gastrointestinale. Tutti e tre i tipi di antispasmodici possono essere utilizzati per alleviare il dolore addominale che si verifica con la sindrome dell'intestino irritabile o con i diverticoli esofagei. Gli antispasmodici sono talvolta usati per alleviare i sintomi causati da mal di stomaco ed esofagite da reflusso..

Hanno un effetto diretto sui muscoli lisci dello stomaco e dell'intestino, causando loro di rilassarsi e quindi alleviare il dolore. Di norma, i farmaci antispasmodici miotropici vengono assunti per via orale. Farmaci contenenti piccole dosi di contrazioni muscolari esofagee possono essere disponibili al banco.

Alcuni antispasmodici possono contenere inoltre agenti che aumentano il volume del contenuto intestinale. Quando li prendi, devi bere molti liquidi, altrimenti potrebbe verificarsi un blocco intestinale. Inoltre, non è consigliabile assumere tali farmaci antispasmodici prima di coricarsi..

Le contrazioni muscolari dell'esofago, a volte come effetti collaterali, possono causare mal di testa o nausea.

Questo gruppo comprende sostanze attive:

  • Mebeverin (contenuto in due farmaci attualmente sul mercato russo - Duspatalin e Niaspame);
  • Papaverina (farmaco con lo stesso nome);
  • Drotaverin (il noto No-Shpa).

Menta piperita (olio, compresse). Si ritiene che l'olio di menta piperita funzioni diminuendo l'ingresso di cellule muscolari nel calcio, con conseguente rilassamento muscolare. Le capsule con rivestimento enterico sono preferibili al solo olio puro, poiché consentono alla sostanza di essere erogata direttamente al colon.

I principi attivi contenuti in questo antispasmodico agiscono bloccando il flusso di sostanze chimiche che causano la contrazione delle pareti dell'esofago con i recettori delle cellule muscolari. Questo tipo di antispasmodico può ridurre lo spasmo muscolare riducendo la trasmissione dei segnali nervosi alla parete intestinale. Di solito sono presi per via orale, venduti sia su prescrizione medica che senza.

Gli effetti collaterali degli antispasmodici anticolinergici possono includere mal di testa, costipazione, secchezza delle fauci, arrossamento della pelle e compromissione della vista. Può anche rendere difficile la minzione. Bambini e anziani sono particolarmente a rischio di effetti collaterali..

  • La dicicloina (diciclomina, dicicloverina) nella sua forma pura, di regola, non è rappresentata, ma fa parte dei seguenti farmaci: "Trigan", "Trigan D", "Dolospa Taps";
  • Il solfato di atropina è contenuto nel farmaco "Spazmoveralgin";
  • La propantelina è contenuta nella medicina Pro-Bantin;
  • Mezzi che stimolano la motilità del tratto digestivo

Gli antispasmodici appartenenti a questo gruppo aiutano il cibo a passare attraverso lo stomaco e l'intestino, facilitando i pazienti con dispepsia non ulcerosa. Gli stimolanti della motilità influenzano positivamente anche il tono dello sfintere esofageo inferiore, che impedisce lo scarico di quantità eccessive di contenuto dello stomaco nell'esofago. Può anche aiutare a prevenire la malattia da reflusso gastroesofageo..

Di solito gli stimolanti motori sono assunti per via orale e sono disponibili solo su prescrizione medica. Gli effetti collaterali possono causare diarrea e sonnolenza. A volte la metoclopramide e, in casi eccezionali, il domperidone possono causare crampi muscolari incontrollati, in particolare viso, lingua, bocca e collo. Questa complicazione è più comune nei bambini e nei giovani che hanno una barriera tra sangue e tessuto nervoso (il cosiddetto.

Domperidone fa parte di Motoricum, Domstal, Motilaka, Motilium. Metoclopramide. I suoi nomi commerciali sono "Tserukal", "Raglan", ecc..

Come prendere antispasmodici?

Prendi i farmaci come indicato dal tuo medico. Il medico deve fornire tutte le informazioni richieste, inclusa la frequenza con cui deve essere fatto e quando (esattamente prima dei pasti, dopo i pasti). Ad alcuni è consigliato di assumere antispasmodici prima dei pasti se il dolore inizia dopo aver mangiato..

Di solito si consiglia di assumere antispasmodici solo se necessario (ad esempio, quando i sintomi peggiorano e interrompere l'assunzione dopo che si sono fermati). Nota: un antispasmodico allevia il dolore, ma non promette completo sollievo da esso..

Gli antispasmodici sono comunemente usati per alleviare i sintomi. A questo proposito, dovresti consultare un medico.

Per la maggior parte delle persone, non causano effetti collaterali. Un elenco completo di controindicazioni è indicato nelle istruzioni che si trovano nella confezione con il medicinale. In particolare, gli antispasmodici potrebbero non essere adatti a persone con ostruzione intestinale, grave miastenia grave pseudoparalitica, stenosi pilorica (restringimento dell'uscita dello stomaco), adenoma prostatico (ingrossamento della ghiandola prostatica). La gravidanza e l'allattamento devono inoltre consultare un medico.

I pazienti che soffrono di sindrome dell'intestino irritabile tendono ad attribuire a questa malattia tutto il peggioramento delle loro condizioni. Tuttavia, questa opinione può essere errata. Pertanto, se si verificano cambiamenti, soprattutto negativi, nel solito quadro dei sintomi, è necessario consultare il medico. Particolare attenzione deve essere prestata a: perdita di peso, sanguinamento rettale, sangue nelle feci.

Antispasmodici di origine vegetale

È noto che molte piante sono in grado di influenzare la muscolatura liscia degli organi interni, i vasi sanguigni, gli sfinteri del corpo umano. A casa, tali antispasmodici sono utilizzati sotto forma di decotti e infusi, tuttavia, negli ultimi anni sono comparsi integratori alimentari a base vegetale e antispasmodici di nuova generazione che non hanno praticamente effetti collaterali a causa della loro naturalezza..

La base di tali farmaci sono le erbe di menta, camomilla, tanaceto, belladonna, finocchio. Spesso, i componenti delle piante sono combinati con sostanze sintetiche attive attive nelle giuste proporzioni, il che aumenta l'efficacia degli antispasmodici utilizzati nel trattamento di varie patologie.

Molte piante sono anche in grado di influenzare la muscolatura liscia degli organi interni. Sono stati a lungo usati come antispasmodici sotto forma di decotti e infusi. Queste sono erbe come menta, belladonna, tanaceto, camomilla, finocchio e altri. Ora ci sono nuovi antispasmodici a base di erbe (droghe). I loro nomi stanno diventando sempre più famosi, poiché tali farmaci sono meglio tollerati e hanno meno effetti collaterali. Il più popolare di loro:

  • "Plantex" allevia i crampi intestinali e può essere utilizzato anche per i bambini piccoli.
  • Iberogast si basa su 9 erbe efficaci nelle malattie del tratto gastrointestinale.
  • "Azulan" contenente estratto di camomilla.
  • "Prospan" - un antispasmodico a base di foglie di edera.
  • "Tanacehol" contiene estratto di tanaceto.
  • "Altaleks" oltre all'antispasmodico ha un effetto antinfiammatorio e sedativo.

Controindicazioni

Parleremo dei tipi, dei meccanismi di azione di questi farmaci, nonché delle indicazioni, controindicazioni e caratteristiche d'uso nel nostro articolo, e nella seconda parte elencheremo gli antispasmodici che vengono utilizzati più ampiamente oggi.

Classificazione

A seconda del meccanismo d'azione, tutti gli antispasmodici che agiscono sui muscoli lisci del tratto gastrointestinale sono divisi in 2 grandi gruppi: neurotropici e miotropici.

Gli antispasmodici neurotropici inibiscono la trasmissione degli impulsi nervosi alle cellule muscolari lisce. Questi includono:

  • agenti m-anticolinergici di azione centrale e periferica (chiamati anche atropina-simili) - atropina, platifillina, preparati di belladonna (belladonna);
  • farmaci m-anticolinergici ad azione periferica - bromuro di affinità, bromuro di butile e glicina, bromuro di metocinio;
  • agenti anticolinergici di azione centrale (difacil, aprofen, ganglefen e altri).

Gli antispasmodici miotropici agiscono sulle cellule muscolari lisce stesse, senza influire sulle sinapsi nervose e sulla conduzione degli impulsi. Questi includono tali farmaci:

  • antagonisti non selettivi dei canali Ca2 - pinaveria e otilonio bromuro;
  • bloccanti dei canali Na accoppiati al recettore dell'acetilcolina dei canali Na - mebeverin;
  • analoghi della colecistochinina - gimekromon;
  • donatori di ossido nitrico (nitrati) - isosorbide dinitrato e nitroglicerina;
  • inibitori della fosfodiesterasi: drotaverina, papaverina, benzcilano.

Questa e le prossime sezioni sono destinate a lettori curiosi interessati non solo al nome e alla dose del farmaco per una particolare malattia, ma anche ai meccanismi che si verificano nel nostro corpo sotto la sua azione. Il resto, in linea di principio, puoi saltarli e procedere immediatamente alla sezione "Indicazioni".

Qualsiasi processo nel nostro corpo è causato da una serie di reazioni fisiologiche che si susseguono una dopo l'altra. Lo stesso vale per il processo di riduzione della MMC..

Il ruolo principale nella stimolazione della contrazione delle cellule muscolari lisce è svolto da una sostanza chiamata acetilcolina. Sulla superficie delle cellule muscolari lisce si trovano diversi tipi di recettori, ognuno dei quali svolge una funzione rigorosamente definita.

Pertanto, l'acetilcolina interagisce con i recettori muscarinici di tipo 3, il che porta all'apertura dei canali di calcio situati nella membrana cellulare e all'afflusso di ioni Ca2 nella cellula, nel citoplasma.

Questi ioni interagiscono con una proteina speciale presente anche nel citoplasma - calmodulina (la sua funzione è il legame con il calcio) e attivano l'enzima - la chinasi della catena leggera della miosina (la proteina che costituisce la base delle cellule muscolari lisce).

Quest'ultimo attiva la miosina, rendendo possibile l'interazione con la proteina actina (si trova anche nella cellula muscolare liscia). Queste 2 proteine ​​formano legami tra loro e sembrano spostarsi, avvicinarsi l'un l'altro - i contratti cellulari.

Questo è esattamente come avviene normalmente il processo di riduzione della MMC..

L'effetto principale dei farmaci di questo gruppo - antispasmodico - si basa sull'intervento dei loro componenti nei meccanismi di contrazione delle cellule muscolari lisce, che di solito compongono lo strato intermedio delle pareti del tratto digestivo.

  • I cholinoblocker bloccano i recettori muscarinici di tipo 3, che sono localizzati sulla superficie delle cellule muscolari lisce e di tipo 1, situati nei nodi nervosi autonomi. La conduzione di un impulso nervoso attraverso questi recettori è bloccata, il potenziale d'azione non si presenta, le cellule muscolari lisce si rilassano. L'effetto sui recettori m1-colinergici è anche accompagnato da un'azione antisecretoria.
  • I farmaci anticolinergici ad azione centrale, oltre a quelli principali sopra menzionati, hanno anche un effetto sedativo.
  • Per ridurre le cellule muscolari lisce, è necessario che gli ioni sodio e calcio entrino in quantità sufficienti. Il blocco dei canali del sodio, che viene effettuato dalla mebeverina, porta al fatto che l'interazione dell'acetilcolina con un recettore colinergico muscarinico di tipo 3 non è accompagnata dall'ingresso di ioni sodio nella cellula e quindi dal calcio: il processo di riduzione viene interrotto.
  • I bloccanti dei canali del calcio portano all'interruzione dei processi di ingresso degli ioni calcio nel citoplasma di MMC, interrompendo la catena di reazioni necessarie per ridurlo.
  • Gli inibitori della fosfodiesterasi agiscono sull'enzima omonimo, il che, di nuovo, provoca una diminuzione del livello di ioni calcio nel citoplasma e una diminuzione della contrattilità di questa cellula. Inoltre, questi farmaci agiscono sulla calmodulina, riducendone l'attività..
  • I nitrati (donatori di ossido nitrico) interagiscono con specifici recettori, formando sostanze che sintetizzano il guanosina monofosfato ciclico (cGMP) all'interno dell'MMC. Quest'ultimo porta ad una diminuzione del livello di ioni calcio nel citoplasma della cellula e, di conseguenza, al suo rilassamento.
  • Analoghi della colecistochinina agiscono selettivamente sugli sfinteri della cistifellea e di Oddi, rilassandoli e fornendo così un deflusso di bile dalla vescica nel duodeno e una diminuzione della pressione del dotto biliare. Questi farmaci non influenzano altre parti del tratto digestivo.

indicazioni

L'obiettivo principale dell'assunzione di droghe di questo gruppo è quello di eliminare il dolore viscerale nell'addome - uno causato da uno spasmo (forte riduzione) delle cellule muscolari lisce degli organi cavi del tratto digestivo.

Con l'ostruzione meccanica del lume di un organo cavo (ad esempio il dotto biliare), si verifica un intenso dolore addominale, che può essere alleviato dagli antispasmodici.

Questo stesso spasmo è considerato una reazione universale che si verifica in risposta a un processo patologico (spesso infiammatorio) nel corpo. Inoltre, si sviluppa con il blocco del lume dell'organo - ostruzione meccanica.

Il rilassamento della cellula muscolare liscia porta a una diminuzione del tono della parete dell'organo interessato e alla pressione nel suo lume, che è accompagnata da una diminuzione del dolore, dalla normalizzazione del deflusso dall'organo del contenuto (ad esempio, la bile dal tratto biliare) e un miglioramento dell'apporto di sangue alla sua parete.

In quasi ogni tipo di dolore addominale, gli antispasmodici sono usati come farmaci di prima linea (ovviamente, non da soli, ma in combinazione con altri farmaci, in particolare, con quelli avvolgenti).

Gli antispasmodici neurotropici agiscono non solo sui m3 - ma anche sui recettori colinergici m1, il che porta a una diminuzione della secrezione di enzimi digestivi da parte delle cellule. Il loro uso è preferibile in situazioni cliniche in cui l'effetto antisecretorio è necessario per migliorare le condizioni del paziente (ad esempio, con pancreatite acuta).

Oltre alla gastroenterologia, gli antispasmodici sono stati ampiamente utilizzati in altri rami della medicina, in particolare in urologia e ginecologia - sono usati con successo per eliminare gli spasmi dei muscoli lisci della vescica e di altre parti del tratto urinario, così come l'utero.

Controindicazioni

In alcuni casi, l'uso di antispasmodici è indesiderabile e minaccia addirittura di peggiorare le condizioni di una persona. Le controindicazioni sono:

  • ipersensibilità individuale ai componenti del farmaco;
  • megacolon di qualsiasi natura;
  • OCI grave, con sindrome da intossicazione grave;
  • malattia infiammatoria cronica intestinale (in particolare UC e morbo di Crohn) nella fase attiva;
  • colite pseudomembranosa.

Le ultime 3 malattie sono pericolose perché con decorso da moderato a grave, febbre, sindrome da intossicazione grave e così via, l'uso di antispasmodici aumenta significativamente il rischio di ipertrofia del colon - una patologia chiamata megacolon. Questa è una grave complicazione, che riduce drasticamente la qualità della vita del paziente, in alcuni casi - una minaccia per lei, che richiede un intervento chirurgico.

Conclusione

Megacolon di qualsiasi natura è una controindicazione all'uso di antispasmodici.

Gli antispasmodici sono un gruppo di farmaci che sono stati ampiamente utilizzati in gastroenterologia come farmaci di prima linea per il trattamento del dolore addominale (dolore addominale).

Esistono 2 gruppi di questi farmaci: antispasmodici neurotropici e miotropici, ciascuno dei quali comprende sottogruppi diversi nel meccanismo d'azione, ma che portano allo stesso risultato: rilassamento delle cellule muscolari lisce e sollievo dal dolore.

In questo articolo, abbiamo esaminato brevemente questi meccanismi e abbiamo anche parlato di indicazioni generali e controindicazioni per l'uso di antispasmodici e nella seconda parte consideriamo brevemente i principali rappresentanti di questo gruppo farmacologico.

(25.00 su 5) Caricamento in corso...

La gamma di utilizzo degli antispasmodici è molto ampia, grazie all'effetto rapido e duraturo dell'azione, un meccanismo complesso e multi-vettore di sollievo dal dolore. Pertanto, tali farmaci sono prescritti nel trattamento di:

  • cefalgia (mal di testa di varia origine) - gli antispasmodici riducono lo spasmo vascolare delle arterie del cervello, ripristinano il flusso sanguigno, alleviano le manifestazioni di emicrania;
  • ciclo mensile nelle donne - rimuovere le contrazioni spastiche degli organi riproduttivi, normalizzando il flusso sanguigno;
  • malattie della sfera genito-urinaria - ridurre il tono della vescica, ridurre la minzione, normalizzare il processo di minzione, fermare il dolore (particolarmente efficace per la colica spastica causata dal movimento di sabbia e pietre negli ureteri, uretra, ma ricorda che i farmaci iniettabili agiscono il più rapidamente possibile - antispasmodici);
  • mal di denti, lesioni, quando a priori dovrebbe usare antidolorifici combinati;
  • pancreatite acuta con colecistite, gli spasmi sono fermati da farmaci che hanno non solo la capacità di rilassare i muscoli lisci dell'intestino, ma anche di correggere selettivamente (selettivamente) l'attività secretoria dell'apparato digerente, alleviando lo stress interno;
  • colica renale e intestinale - il dolore addominale è alleviato dagli antispasmodici, che sopprimono contemporaneamente la flatulenza, normalizzano i movimenti intestinali;
  • gastrite: gli antispasmodici aiutano a correggere la secrezione dello stomaco, prevengono lo sviluppo di erosione, ulcere;
  • colite ischemica - agisce come antidolorifici, normalizzando il flusso sanguigno regionale, l'attività degli enzimi intestinali;
  • glaucoma: normalizzare l'alta pressione intraoculare;
  • lesioni e condizioni di shock - corretta microcircolazione, blocco della conduzione degli impulsi nervosi;
  • encefalopatie di diversa genesi, insufficienza cronica dell'apporto di sangue al cervello - gli antispasmodici bilanciano il flusso sanguigno;
  • angina pectoris, ipertensione - alleviare il vasospasmo;
  • asma bronchiale - broncospasmo.
  • tubercolosi
  • infezioni batteriche;
  • gravi patologie intestinali;
  • gravi violazioni nel lavoro di cuore, fegato e reni;
  • intolleranza individuale.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Classificazione

  • con intolleranza individuale ai componenti;
  • malformazione con ingrossamento del colon umano (megacolon);
  • infiammazione acuta dell'intestino;
  • arteriosclerosi cerebrale;
  • colite pseudomembranosa;
  • ipertiroidismo;
  • debolezza muscolare;
  • neuropatie isolate;
  • avvelenamento intestinale acuto, toxicoinfezioni;
  • Malattia di Down;
  • età fino a 18 anni;
  • gravidanza, allattamento.
  • indigestione, nausea, flatulenza e secchezza delle fauci;
  • disturbi del sistema nervoso centrale - ansia, crampi e agitazione nervosa;
  • mal di testa e vertigini;
  • disturbi del sistema cardiovascolare - tachicardia, diminuzione della pressione.

Effetti collaterali

Le conseguenze negative dell'assunzione di antispasmodici durante e dopo il trattamento delle malattie variano a seconda del gruppo del farmaco, della via di somministrazione, della tolleranza individuale dei componenti da parte del paziente.

Gli anticolinergici M hanno i seguenti effetti negativi:

  • dal sistema immunitario: anafilassi (fino allo shock), respiro corto, eruzioni cutanee, prurito, disidrosi con esito in eczema;
  • da parte del cuore, vasi sanguigni: palpitazioni cardiache;
  • dal sistema digestivo: mucose secche;
  • dal sistema genito-urinario - ritenzione urinaria.

Gli antispasmodici miotropici danno effetti collaterali solo con un uso prolungato sotto forma di:

  • allergie
  • sonnolenza
  • vertigine;
  • ipovolemia;
  • squilibrio elettrolitico;
  • bocca asciutta
  • dolore epigastrico;
  • colica intestinale;
  • flatulenza.

Molto raramente durante il trattamento c'è un'ostruzione intestinale, anuria.

Quando si assumono antispasmodici combinati, si nota:

  • da parte del cuore - angina pectoris allergica o infarto, aritmie, ipotensione (fino al collasso);
  • da parte del sistema immunitario - anafilassi (fino a shock, morte), angioedema, orticaria, broncospasmo;
  • da parte del sistema respiratorio - poliposi delle mucose, sinusite, attacchi di asma;
  • da parte della pelle - eruzioni cutanee di diversa intensità e localizzazione;
  • da parte del sangue, linfa - leucopenia, agranulocitosi, trombocitopenia, anemia, pancitopenia con esito fatale;
  • dal lato delle navi - stati collaptoidi;
  • dal sistema genito-urinario - una miscela di sangue nelle urine, insufficienza renale acuta, nefrite interstiziale.

Reazioni avverse comuni dal trattamento con antispasmodici di qualsiasi gruppo:

  • sintomi di intossicazione, nausea;
  • stipsi
  • dilatazione della pupilla;
  • paresi di alloggio;
  • sfocatura dell'immagine;
  • debolezza, affaticamento, affaticamento;
  • insonnia, nervosismo;
  • atassia;
  • coscienza confusa;
  • diminuzione della libido, potenza;
  • emicrania.

Ridurre al minimo tali effetti è semplice: è necessario seguire le raccomandazioni e le istruzioni del medico per l'assunzione del farmaco. I broncodilatatori meritano un'attenzione speciale: un costante accumulo di secrezioni nei bronchi, a seguito dell'azione antispasmodica, provoca tappi, distruzione dell'albero bronchiale.

L'astinenza da droghe avviene in più fasi, una brusca cessazione dell'ammissione è una ragione per effetti collaterali pronunciati, sindrome da astinenza.