Pancreatite nei cani

Il successo del trattamento di qualsiasi malattia dipende dal riconoscimento precoce dei sintomi, dalla corretta diagnosi e dalla successiva prevenzione. Più accuratamente il proprietario tratta il suo animale domestico a quattro zampe, minore è la possibilità di complicazioni della malattia. Una delle malattie gravi è la pancreatite in un cane. Se non ti prendi cura della salute del cane in tempo, potrebbero esserci conseguenze pericolose che minacciano la sua vita..

Cause di pancreatite nei cani

La pancreatite si verifica sempre per un motivo, è comune, sia per i cani che per le persone: questi sono problemi nel pancreas, causati dalla sua infiammazione.

Un organo infiammato non può svolgere completamente le sue funzioni, quindi insorge un'insufficienza pancreatica, caratterizzata da una bassa produzione di enzimi. Gli enzimi svolgono una funzione vitale nel corpo, digeriscono tutto il cibo che entra nel tratto digestivo.

Il meccanismo di digestione del cibo ricevuto nei cani ha il seguente schema: all'inizio il cibo viene masticato, in bocca gli enzimi salivari lo aiutano a scomporre in particelle più piccole, dopo di che entra nello stomaco. L'ultimo stadio è l'assunzione di cibo nel duodeno, dove gli enzimi agiscono su di esso, solo dopo questo è l'assorbimento dei nutrienti.

L'infiammazione del pancreas è possibile per diversi motivi:

  • Molto spesso, il motivo principale è la malnutrizione del cane. Il corpo del cane è impostato per digerire la carne cruda; a tal fine vengono sviluppati enzimi speciali in grado di digerire la carne cruda. I principali errori alimentari sono l'alimentazione di salsicce, cibi troppo cotti, dolci, cibi piccanti e cibi salati, conserve. In questo contesto, si verifica un malfunzionamento del pancreas. Gli enzimi volti a digerire i prodotti crudi semplicemente non hanno nulla da digerire, anche se continueranno a essere prodotti.
  • La pancreatite si verifica a causa di microbi dannosi che entrano nel corpo. Devi monitorare il cibo che il cane mangia. I prodotti devono essere freschi, senza marcire. È vietato nutrire il cane da superfici sporche, ad esempio da terra. È necessario assicurarsi che l'animale a quattro zampe non mangi slop. I microrganismi che entrano nel corpo del cane insieme al cibo possono causare infiammazione del pancreas e successiva infezione..
  • Vitamine e minerali "sintonizzano" il corpo dell'animale per funzionare correttamente, è importante che la dieta quotidiana del cane sia satura ed equilibrata.
  • Numerose malattie "colpiscono" il pancreas del cane, tra cui ulcere, malattie del fegato e dei reni, problemi alla cistifellea e diabete.
  • Gli scienziati hanno concordato che la pancreatite ha un background genetico. Yorkshire terrier, pugili, cocker spaniel, barboncino pigmeo e altri sono particolarmente sensibili a questa malattia..

Sintomi di pancreatite nei cani

La pancreatite si presenta in due forme. Il decorso acuto della malattia si verifica inaspettatamente, caratterizzato da sintomi pronunciati, forte dolore. In questo caso, è difficile non notare che il cane sta soffrendo. Senza assistenza di emergenza in caso di esacerbazione della pancreatite non si può fare.

I sintomi includono:

  • Rifiuto di un animale di mangiare, in alcuni casi il cane può rifiutare di bere.
  • Il cane è tormentato da gravi attacchi di vomito, che possono aumentare se l'animale cerca di mangiare qualcosa.
  • Disturbi delle feci, vale a dire la diarrea, sono caratteristici.
  • Sullo sfondo di diarrea e vomito, il cane perde peso in modo drammatico.
  • C'è disidratazione, puoi controllarlo esaminando la mucosa della bocca, sarà asciutta.
  • Il cane avverte prurito alla pelle..
  • L'elevata temperatura corporea è caratteristica, soprattutto spesso si risolve nel caso in cui si manifesti pancreatite acuta a causa dell'attività di microrganismi e batteri dannosi.

La pancreatite cronica dura a lungo, i sintomi della malattia sono piuttosto sfocati, in alcuni casi sono completamente assenti. Per questo motivo, possono verificarsi complicazioni della malattia, perché per tutto questo tempo c'è una lenta distruzione del pancreas.

I sintomi includono:

  • Perdita di peso graduale senza motivo apparente, poiché l'appetito del cane è buono, non ci sono problemi con le feci, gli attacchi di vomito non danno fastidio.
  • Il pelo del cane non sembra sano, perde il suo antico splendore, può iniziare a cadere.
  • Le feci di un animale possono cambiare leggermente la sua struttura - diventare troppo dense o, al contrario, cremose.
  • Periodicamente, il cane è disturbato dal gonfiore, in alcuni casi, il proprietario può notare questo da solo mentre sonda la cavità addominale. La parete frontale dell'addome può anche essere tesa, dura.
  • Di tanto in tanto, l'umore e le condizioni generali del cane cambiano radicalmente senza una ragione apparente. Un cane può sembrare infelice per periodi, rifiutare di camminare, dormire più del solito.

Ognuno di questi sintomi è un motivo per visitare una clinica veterinaria, dove verrà effettuata una valutazione iniziale delle condizioni del cane e una diagnosi completa..

Identificazione e trattamento della pancreatite nei cani

Se si sospetta pancreatite, il compito principale del proprietario è di consultare un veterinario. Prima della diagnosi, al cane è consentito nutrirsi solo con una dieta medica speciale, al cane viene somministrata acqua potabile e cereali digeriti sull'acqua senza additivi. Nel caso in cui l'animale soffra di attacchi di vomito e diarrea anche a seguito di tale dieta, il cibo è completamente escluso, solo l'acqua rimane nella dieta.

La pancreatite nei cani viene trattata con acqua e porridge

È vietato tentare di curare un cane da soli, medicine e rimedi popolari possono aggravare la situazione. In caso di attacco acuto di pancreatite, non è possibile ritardare il tempo, è necessario chiamare immediatamente un veterinario. La vita di un animale domestico può essere in pericolo, poiché il corpo non può far fronte al carico, un'enorme quantità di tossine viene avvelenata nel sangue, avvelenando gli organi vitali - cuore, fegato, reni e altri.

Il veterinario utilizzerà i seguenti metodi diagnostici:

  • Indagine del proprietario del cane sulla presenza di determinati sintomi.
  • Esame del cane, palpazione della cavità addominale.
  • Ecografia.
  • raggi X.
  • Analisi generali delle urine e del sangue.
  • gastroscopia.
  • Biopsia.

L'elenco di test e studi può variare, a seconda del decorso della malattia..

L'ulteriore trattamento dell'animale dipenderà dalla forma di pancreatite e dalla causa del suo verificarsi..

Se il cane soffre di vomito e diarrea, il medico, prima di tutto, prescriverà farmaci volti a normalizzare le feci e ripristinare l'equilibrio sale-acqua. Con tali segni, la disidratazione è spesso osservata nei cani..

Se il cane è tormentato dal dolore, vengono prescritti antispasmodici e analgesici. Il veterinario può prescrivere iniezioni intramuscolari di butorfanolo o somministrare una soluzione di No-shpa, Eufillina.

Un compito importante del medico è quello di ridurre la produzione di acido cloridrico nel pancreas in breve tempo, a tal fine viene prescritta famotidina o Omeprazolo.

Dopo che il medico ha condotto il trattamento di emergenza primario delle conseguenze della pancreatite, è necessario concentrare tutti gli sforzi sulla lotta contro le cause che hanno causato l'infiammazione del pancreas. Ad esempio, se la causa è un'infezione che è entrata nel corpo del cane, viene somministrata una terapia antibiotica. Quando la colpa è del diabete, viene prescritto il trattamento con insulina.

In alcuni casi, è necessario un intervento chirurgico. Le operazioni sono di solito prescritte per pancreatite cronica, quando si sono già verificati cambiamenti irreversibili. Le cisti pancreatiche, le ulcere vengono rimosse chirurgicamente, i dotti vengono puliti.

Come prevenire lo sviluppo del disturbo

Un'alimentazione adeguatamente organizzata e consolidata contribuirà a ridurre i rischi di pancreatite..

Se il cane consuma cibo naturale, è necessario che ci sia abbastanza carne cruda nella dieta, quindi gli enzimi prodotti dal pancreas saranno "occupati" con il loro lavoro.

In questo caso, al cane è vietato alimentare alimenti adatti alle persone. Tutti gli esperti veterinari affermano che il cibo salato, grasso, speziato e dolce non è adatto per l'alimentazione di amici a quattro zampe, perché il loro sistema digestivo è organizzato in modo diverso, differisce dall'essere umano.

Nella dieta quotidiana del cane dovrebbero essere sufficienti sostanze sane, la quantità di proteine ​​dovrebbe essere almeno il 30% della dieta. È possibile acquistare alimenti secchi, in cui proteine, grassi e carboidrati sono in equilibrio, sono presenti le vitamine e i minerali necessari.

È importante monitorare il tuo animale domestico, il cane non dovrebbe mangiare cibo estraneo dalle mani sbagliate, mangiare avanzi di bidoni della spazzatura o pavimenti. Tale alimento non ha garanzie di qualità; può essere stantio o contaminato..

Se il cane ha una predisposizione alla pancreatite, dovresti consultare un veterinario che può prescrivere farmaci che seguono corsi come prevenzione delle malattie. Il principio della loro azione si basa sul rafforzamento del pancreas e sulla normalizzazione della produzione di enzimi.

Il proprietario deve trattare con cura il suo cane, dedicargli abbastanza tempo, visitare periodicamente il veterinario. In questo caso, sarà molto più facile vedere i primi sintomi della pancreatite, il che significa che la malattia farà molto meno danno all'animale.

Sintomi e trattamento della pancreatite nei cani

La pancreatite nei cani è una malattia pericolosa che provoca infiammazione del pancreas in un animale con conseguente perdita di funzionalità di questo organo. Le violazioni del sistema endocrino, che non sono suscettibili di un trattamento tempestivo, causano gravi complicazioni fino alla morte dell'animale. Pertanto, la diagnosi della malattia nelle prime fasi gioca un ruolo enorme nel processo di guarigione del cane.

L'essenza della malattia e la sua forma

La pancreatite in un cane è pericolosa perché provoca infiammazione e morte del tessuto pancreatico, che rende difficile la digestione del cibo. Se non trattato, l'animale scompare completamente dalla capacità di far fronte al carico sugli organi del tratto gastrointestinale, che è una minaccia per la vita di un cane malato. Per prevenire lo sviluppo di complicanze, è necessario identificare la malattia nelle prime fasi, quindi dovresti stare molto attento allo stato di salute dell'animale e consultare un medico con i primi sintomi di malessere.

La malattia può manifestarsi in diverse forme:

  • Acuto: si manifesta a causa dell'impatto negativo sul corpo di fattori dannosi sotto forma di infezione, malnutrizione, mancanza di dieta;
  • Cronico: si sviluppa lentamente sullo sfondo della pancreatite acuta in assenza di trattamento;
  • Reattivo - rilevato spontaneamente con il rapido sviluppo di complicanze, molto difficile da trattare.

Molto spesso, la pancreatite viene diagnosticata in forma cronica, poiché l'insorgenza della malattia può essere asintomatica. Con un lungo decorso della malattia, le tossine dal pancreas entrano nel sangue, nel fegato, nel cervello e in altri organi vitali, che influiscono negativamente sul corpo nel suo complesso.

La pancreatite acuta nei cani richiede un trattamento urgente, in quanto provoca gravi complicazioni sotto forma di infiammazione pancreatica cronica e altri gravi problemi.

Cause della malattia

La causa principale della pancreatite nell'uomo e negli animali è l'infiammazione del pancreas e i disturbi nel suo funzionamento, che portano a una diminuzione della produzione di enzimi per la digestione del cibo..

Cause di infiammazione del pancreas:

  • Menu di cibo sbagliato, che invece di carne cruda include salsicce, dolci, cibo in scatola, condimenti, cibi cotti troppo. Nel corpo del cane, vengono prodotti enzimi per digerire la carne cruda, la cui assenza provoca il malfunzionamento del pancreas;
  • L'ingestione di microbi e microrganismi dannosi che causano infiammazione del pancreas e ulteriore infezione del corpo;
  • Mancanza di una quantità sufficiente di vitamine e minerali utili nella dieta dell'animale domestico;
  • La presenza di gravi malattie, come diabete mellito, ulcere, malattie dei reni e del fegato, della vescica o della cistifellea, può influire negativamente sul lavoro del pancreas;
  • Obesità;
  • Patologie dello sviluppo della cistifellea;
  • Vermi, lesioni demodettiche e malattie fungine;
  • Una netta transizione verso un diverso tipo di cibo;
  • Overdose di droghe;
  • Livelli elevati di calcio nel sangue;
  • Predisposizione genetica di alcune razze, in particolare pugili, Yorkshire terrier, pugili e barboncini.

A seconda delle cause della malattia, è consuetudine separare due tipi di pancreatite:

  • Primario - causato da avvelenamento con cibo nocivo, veleni, mangimi e prodotti chimici di scarsa qualità;
  • Secondario: sviluppo sullo sfondo di altre malattie, immunità indebolita o complicanze dopo l'intervento chirurgico.

Sintomi della malattia

Il decorso acuto e cronico della malattia ha vari segni, nel primo caso, i sintomi della pancreatite nei cani sono più pronunciati e si presentano spontaneamente.

Sintomi di pancreatite acuta:

  • Mancanza di appetito e, in casi più complessi, rifiuto dell'acqua;
  • Nausea;
  • Diarrea;
  • Secchezza delle mucose della bocca dell'animale a causa di grave disidratazione;
  • Febbre;
  • Prurito della pelle di un animale.

Nella pancreatite cronica, i sintomi sono lievi o completamente assenti, mentre la malattia distrugge lentamente il pancreas.

Sintomi di pancreatite cronica:

  • Perdita di peso irragionevole;
  • Deterioramento dell'aspetto del cane, perdita di peli;
  • Il gonfiore o la tensione della parete addominale anteriore dell'animale viene sistematicamente osservato;
  • Un leggero cambiamento nella struttura delle feci;
  • Cambio di umore, rifiuto di giochi e passeggiate.

Se viene rilevato almeno uno dei suddetti sintomi, è necessario contattare il veterinario per diagnosticare e prescrivere il trattamento, se necessario.

Diagnosi di disturbo

Avendo trovato uno o più segni di pancreatite, il proprietario deve inviare l'animale per un esame da uno specialista il prima possibile. Prima della diagnosi, l'animale deve essere nutrito secondo una dieta speciale, che include acqua e cereali senza additivi. Se la condizione dell'animale è complicata da attacchi di vomito o diarrea, il cibo deve essere completamente escluso.

Metodi per la diagnosi di pancreatite:

  • Ispezione visiva dell'animale, palpazione della cavità addominale;
  • Identificazione dei sintomi;
  • Studiare i risultati degli esami delle urine e del sangue;
  • Esame di laboratorio delle feci;
  • Procedura ad ultrasuoni;
  • gastroscopia;
  • Biopsia;
  • Radiologia.

Dopo aver confermato la presenza di pancreatite nei cani, determinando la forma della malattia e la causa, il veterinario inizierà a trattare l'animale. Non è raccomandato l'uso di alcun farmaco o metodo di trattamento senza un medico, poiché ciò può influire negativamente sulle condizioni dell'animale.

Trattamento e dieta

Il trattamento della pancreatite nei cani inizia con la nomina di una dieta compilata individualmente per un cane malato. Una dieta è particolarmente importante durante gli attacchi di pancreatite acuta. Per i primi due giorni dopo un'esacerbazione della malattia, il cibo per cani per la pancreatite non è consentito, a meno che non sia consentita la saldatura in piccole porzioni di acqua.

Dopo due giorni, puoi inserire il cibo, aderendo alle seguenti regole:

  1. Il cibo dovrebbe essere tritato il più possibile;
  2. I carboidrati e i grassi negli alimenti dovrebbero essere ridotti al minimo;
  3. Per ogni due ore, il cane deve ricevere cibo in piccole porzioni;
  4. Il cibo proteico dovrebbe prevalere nella dieta;
  5. Si raccomanda di escludere cibi grassi, fritti, acidi, salati, dolci, nonché pasticcini, cereali, salsicce, mais, verdure e cavoli dalla dieta del cane malato.

Se il cane ha precedentemente mangiato cibo acquistato, è necessario introdurre nella dieta speciali miscele contenenti vitamina. Per gli animali la cui alimentazione consisteva in cibo normale, è meglio creare un menu a base di carne bollita, pesce, macinato in farina liquida, albumi e verdure, purè in purè di patate. Il nuovo cibo viene introdotto gradualmente in piccole porzioni, mentre è necessario monitorare la reazione dell'animale ai singoli componenti della dieta.

Oltre alla dieta, è prescritto l'uso di farmaci adeguati a seconda della forma della malattia e della presenza di disturbi concomitanti.

I metodi terapeutici per il trattamento della pancreatite includono l'uso di:

  • Farmaci che normalizzano il lavoro dell'intestino e ripristinano l'equilibrio idrico-salino del corpo;
  • Analgesici, antispasmodici o iniezioni intramuscolari per eliminare il dolore;
  • Farmaci che riducono la produzione di acido cloridrico nel pancreas;
  • Preparati a base di corticosteroidi nei casi in cui l'animale è in stato di shock;
  • Farmaci antiemetici in presenza di vomito grave;
  • Antibiotici a rischio per la diffusione di infezione batterica;
  • Inibitori della pompa protonica per abbassare i livelli di acido cloridrico;
  • Farmaci per il trattamento di eventuali malattie associate alla pancreatite.

Nei casi in cui i sintomi persistono a lungo e il trattamento fallisce, può essere necessario un intervento chirurgico. Durante l'operazione, le cisti pancreatiche vengono rimosse e i suoi condotti vengono puliti..

Durante il trattamento, è necessario assicurarsi che il livello di glucosio nel sangue rimanga entro limiti normali.

Misure preventive

Dopo il recupero dalla pancreatite, la dieta per cani deve essere mantenuta a lungo, poiché il corpo dell'animale è indebolito e il suo tratto gastrointestinale non può essere sovraccaricato.

Per prevenire lo sviluppo della pancreatite nei cani, è necessario attuare misure preventive, che includono:

  • Aggiunta di carne cruda, verdure, latticini e cereali alla dieta dell'animale;
  • Esclusione completa di cibi fritti, grassi, affumicati e salati dalla dieta del cane;
  • Esecuzione di esami preventivi in ​​presenza di una predisposizione genetica dell'animale alla pancreatite.

Il veterinario in grado di determinare correttamente la forma della malattia e i metodi di trattamento appropriati dovrebbe consultare un veterinario in modo tempestivo quando un cane ha pancreatite o i suoi sintomi associati. È fortemente sconsigliato ritardare una chiamata a uno specialista o automedico, poiché la mancanza di cure mediche tempestive e qualificate per la pancreatite può causare la morte di un animale.

Pancreatite nei cani

La pancreatite è una malattia infiammatoria e distrofica del tessuto ghiandolare del pancreas, con ridotta pervietà dei suoi dotti, che causa la sclerosi del parenchima della ghiandola con ulteriore sviluppo e una significativa violazione della funzione eso-endocrina.

Essendo nella cavità addominale, vicino allo stomaco e al duodeno, il pancreas svolge due funzioni principali nel corpo del cane: la produzione di enzimi digestivi, che passano attraverso il dotto nel duodeno, nonché la produzione di una catena di ormoni e insulina che entrano direttamente nel flusso sanguigno del cane.

La pancreatite nei cani può essere acuta e cronica, primaria e secondaria.

Eziologia. La pancreatite primaria in un cane si verifica a causa di intossicazione e avvelenamento del corpo da parte di alcuni tipi di mangimi o additivi che contengono, nonché di farmaci usati per trattare l'animale. La malattia è spesso provocata dall'alimentazione di piatti grassi, fritti e speziati (speziati), così come carni affumicate e altri prelibati dalla tavola "umana".

Pancreatite secondaria è una conseguenza della patologia del tratto biliare, epatite (malattia del fegato nei cani), cirrosi, gastrite (gastrite nei cani), ulcera peptica (ulcera peptica nei cani), duodenite, gastroenterite (gastroenterite nei cani) cancro (oncologia nei cani) ) Nei cani, la pancreatite si sviluppa spesso con malattie infettive - peste (peste carnivora), listeriosi, brucellosi (brucellosi del cane), leptospirosi (leptospirosi nei cani), enterite parvovirus, adenovirosi (adenovirosi dei cani), colibacteriosi (colibacteriosi e altri). con alcune malattie invasive: demodicosi (demodicosi del cane), toxoplasmosi nei cani, coccidiosi, toxocariasi (vermi nei cani), dipilidiosi, ecc..

Eredità. Esistono numerose razze canine in cui viene ereditata la pancreatite. Razze di cani simili includono: spaniel, pugili, cani da pastore, bassotti, terrier giocattolo, un barboncino nano, collie, chihuahua, York e razze di cani nani.

Patogenesi. Sotto l'influenza dei suddetti fattori eziologici, si sviluppa un'infiammazione, che passa nel tempo nella distrofia, quindi si verifica l'atrofia della mucosa del duodeno 12 e la sua capacità rigenerativa diminuisce. Ciò porta a una violazione della produzione nell'ulcera duodenale 12 di secretina e colecistochinina - pancreosimina.

A causa della carenza di secretina, aumenta la pressione nel duodeno, si verifica lo spasmo dello sfintere di Oddi, la pressione nel dotto pancreatico aumenta e il volume del succo pancreatico diminuisce a causa di una diminuzione del volume della parte liquida e del bicarbonato. Di conseguenza, il succo pancreatico si addensa, la sua frequenza di deflusso diminuisce, aumenta la concentrazione proteica in esso, che porta alla sua precipitazione, alla formazione di tappi proteici, che ostruiscono varie sezioni dei dotti pancreatici. Successivamente, sotto l'influenza del fattore eziologico, la secrezione pancreatica può entrare nel tessuto interstiziale circostante con la formazione di edema pancreatico. In tali condizioni, vengono attivati ​​gli enzimi del succo pancreatico e si verifica l'auto-digestione della ghiandola. D'altra parte, a seguito della compressione in condizioni di edema del tessuto pancreatico, le atrofie delle ghiandole acinarie con la loro sostituzione e la crescita del tessuto connettivo.

Nella patogenesi della pancreatite acuta e cronica, sono importanti l'attivazione del sistema della chinina, il sistema della coagulazione, i disturbi della microcircolazione, la diffusione dell'infezione dai dotti biliari, il flusso della bile nel dotto pancreatico in caso di disfunzione del grande capezzolo duodenale. In questo caso, dovrebbero essere considerati anche i meccanismi immunologici..

Il quadro clinico. Le condizioni generali del cane sono depresse, l'appetito è ridotto o completamente assente. Il cane sviluppa attacchi permanenti o temporanei di ansia o dolore, specialmente quando il veterinario esegue la palpazione e la percussione degli organi addominali, specialmente nell'ombelico e sul lato sinistro. Il dolore e l'ansia del cane si intensificano dopo l'alimentazione di cibi fritti e grassi, alimenti secchi e in scatola importati. Il cane ha spesso vomito (vomito nei cani). L'addome si gonfia, la parete addominale diventa tesa. La diarrea si sviluppa e si intensifica (diarrea in un cane). La temperatura corporea aumenta, in particolare si verifica un aumento significativo della temperatura con pancreatite acuta di un'eziologia infettiva. Il cane sviluppa emaciazione progressiva, fino alla cachessia. Forse una violazione della funzione secretoria e dello sviluppo di sintomi del diabete mellito (diabete negli animali). Compaiono secchezza della mucosa orale, minzione frequente, prurito della pelle e graffi. Nel sangue - iperglicemia, nelle urine - glucosuria. Le feci diventano oleose o molto dense con eccesso di amido. L'attività dell'amilasi è bruscamente aumentata nel sangue e nelle urine. ESR aumentato. Nel sangue con forma acuta ed esacerbazione della pancreatite cronica, di regola, si osserva la leucocitosi con uno spostamento a sinistra.

Cambiamenti patologici e anatomici. Quando aprono i cani che sono morti di pancreatite, trovano un'estensione del ciclo del duodeno 12, una diminuzione o un aumento del pancreas con gli effetti della sclerosi e della calcificazione. Il condotto e i suoi rami sono espansi. Con un'eziologia infettiva della pancreatite nella ghiandola, punto massiccio e emorragie fasciate.

Diagnosi. La diagnosi di pancreatite viene fatta in modo completo tenendo conto dell'anamnesi, dei segni clinici, dei risultati degli esami di laboratorio su sangue, urine e materia fecale, radiologia ed ecoscanning.

Ai veterinari viene diagnosticata una pancreatite acuta principalmente come flebo di farmaci come Sandostatin in combinazione con la soluzione di Hartman e Gordox. Come risultato del loro uso, lo stato di salute dell'animale sta rapidamente migliorando. Pertanto, la pancreatite cane può essere prevenuta..

Trattamento. Il trattamento della pancreatite in un cane dovrebbe essere completo e mirare ad eliminare la causa della pancreatite o della malattia di base. A un cane malato viene prescritta un'integrazione dietetica con una piccola quantità di carboidrati. Il trattamento del cane inizia con il digiuno quotidiano, diamo acqua in piccole quantità, dopo di che viene dato cibo al cane in piccole dosi.

Affinché il trattamento di un cane malato sia efficace, lo specialista veterinario della clinica deve stabilire la causa della pancreatite, i proprietari di cani devono aderire a una dieta rigorosa. La dieta è arricchita con oligoelementi e vitamine (vitamine per cani).

Il trattamento farmacologico della pancreatite consiste nell'uso del contracale (Gordox), che viene somministrato per via endovenosa a 5000-20.000 unità o intraperitoneale a 2000-20.000 unità al giorno.

Nel caso in cui la pancreatite sia il risultato di malattie infettive, vengono prescritti antibiotici ad ampio spettro all'interno o sotto forma di iniezioni: penicilline, cefalosporine, levomicetina, streptomicina, chinoline, ecc. A dosi terapeutiche. Quando si usano antibiotici, non bisogna dimenticare l'uso di probiotici.

Per alleviare il dolore e l'ansia, vari analgesici e antispasmodici vengono somministrati per via orale o come iniezioni: no-shpu, analgin, baralgin, spazgan, paracetamol e altri. L'analgesico più efficace per gli animali è il butorfanolo, che viene somministrato per via intramuscolare ogni 8 ore..

La pancreatina esercita un buon effetto terapeutico sulla pancreatite, che viene somministrata all'interno del cane di 0,1-1 g 2-3 volte al giorno per 2-3 settimane e panzinorm forte con cibo ½ -1 compressa 3 volte al giorno ai pasti entro 10-30 giorni. Oltre a questi farmaci, vengono prescritti anche altri preparati enzimatici: festivi, mezim forte, enzimatici, digestivi, oraz, solisim, triferment, ecc. Secondo le istruzioni per il loro uso. Parallelamente a questi farmaci, viene eseguito un corso di terapia vitaminica.

Con vomito grave, il paziente viene trattato con farmaci antiemetici (Cerucal, Serena e Ondansetron).

Se viene rilevata disidratazione in un cane, il veterinario somministra le soluzioni saline per via endovenosa o sottocutanea. Per ripristinare l'equilibrio sale-acqua.

Delle piante medicinali, la pianta medicinale più efficace per la pancreatite è considerata prati dolci. I suoi fiori hanno una proprietà antivirale persistente. I proprietari di cani possono tingere i prati a casa: prendi 20 g di fiori di prati, 50 ml di tintura di calendula, aggiungi 200 ml di acqua e metti in un barattolo di vetro con un tappo a vite in una pentola di acqua calda (80-90 gradi) per 1 ora. Dopo 2 ore, scaricare la tintura, filtrare e mettere in un recipiente con vetro scuro e mettere in frigorifero. La tintura viene somministrata al cane 1-2 cucchiaini 3 volte al giorno prima dell'alimentazione. Il corso del trattamento è di 2 settimane o più. Delle piante medicinali per pancreatite, viene utilizzata un'infusione di fiori e foglie di erba di San Giovanni perforata..

Il trattamento chirurgico della pancreatite è indicato quando ci sono indicazioni per questo: intasamento dei dotti biliari; la formazione di pseudocisti e ulcere nel pancreas. Per determinare tali anomalie, nella maggior parte dei casi, un'ecografia addominale viene eseguita in una clinica veterinaria. Inoltre, è possibile eseguire un'operazione quando viene eseguita una terapia avanzata della pancreatite e le condizioni dell'animale continuano a essere complicate.

Prevenzione.

Non dovrebbero esserci cibi proibiti (affumicati, fritti, piccanti, salati, ecc.) Nella dieta..

Al fine di prevenire le malattie infettive, vaccinare regolarmente il cane contro le malattie infettive comuni dei cani nella regione di residenza (preparazione degli animali domestici per la vaccinazione e tipi di vaccini).

Se un cane sviluppa gastrite, epatite, gastroenterite e altre malattie non trasmissibili, è necessario contattare tempestivamente gli specialisti veterinari.

Se il cane ha una predisposizione genetica alla pancreatite, è necessario visitare una clinica veterinaria per esami preventivi.

Pancreatite nei cani, sintomi e trattamento

I nostri amici minori soffrono degli stessi processi infiammatori nel corpo delle persone. Uno di questi è la pancreatite. Che tipo di malattia è questa, da quali sintomi può essere riconosciuta e, soprattutto, quale trattamento della pancreatite nei cani darà un risultato positivo?

Definizione della malattia

La pancreatite è un'infiammazione del pancreas, a seguito della quale la ghiandola smette di funzionare normalmente. Dopo una funzionalità compromessa, si verificano problemi digestivi.

Tuttavia, il pericolo non è solo nel processo infiammatorio, ma anche nel fatto che smettono di rilasciare enzimi digestivi nel lume del duodeno, la digestione del cibo è difficile. Di conseguenza, i detriti alimentari non digeriti si muovono attraverso l'intestino e i nutrienti non vengono assorbiti..

Ma il ferro stesso, sotto l'azione di enzimi prodotti ma secreti, inizia a digerirsi e crollare.

Ma la cosa più pericolosa nella pancreatite è lo sviluppo del diabete, così come la sconfitta di altri organi interni a causa delle tossine secrete a causa della distruzione del pancreas. Tuttavia, questo è un processo lungo, un proprietario attento nota i sintomi della pancreatite nel suo cane. Perché questa malattia si sviluppa?

Cause di pancreatite

Dovrebbe essere capito perché il cane ha bisogno del pancreas. Questa è una ghiandola endocrina che "produce" e secerne enzimi che aiutano a scomporre e abbattere meglio la carne cruda.

Inizialmente, un cane è un predatore che per molti millenni ha mangiato selvaggina cruda, quindi è stato migliorato il processo di digestione di tale carne (non trattata termicamente). Ora i cani domestici mangiano alimenti secchi, cibo in scatola e paste, quindi la quantità di enzimi prodotti non viene completamente "utilizzata". E come menzionato sopra, questi enzimi distruggono il pancreas stesso, irritano, portando alla sua infiammazione.

Ecco le principali cause di pancreatite:

  • Dieta sbagliata o un brusco cambiamento (una forte transizione da una specie all'altra).
  • Predisposizione genetica. Alcune razze sono soggette a infiammazione del pancreas. Questi sono pugili, terrier giocattolo, spaniel, un barboncino nano, uno schnauzer in miniatura, un border collie, un Yorkshire terrier.
  • Uso incontrollato di droghe. L'automedicazione è pericolosa, poiché molti farmaci influenzano negativamente l'apparato digerente. Pertanto, non dovresti prescrivere un trattamento per il tuo animale domestico da solo. Solo un veterinario dovrebbe decidere di quale medicinale necessita il tuo animale domestico..
  • Malattie infettive. Soprattutto se l'agente causale colpisce gli organi digestivi.

Tipi di pancreatite

L'infiammazione è classificata per decorso - acuta o cronica.

E c'è anche pancreatite primaria e secondaria. Primario è quando l'infiammazione è la malattia di base. Il secondario si sviluppa come conseguenza di un'altra malattia e la pancreatite è già un sintomo. Molto spesso, il secondario si sviluppa sullo sfondo di una malattia infettiva o di un processo infiammatorio nel tratto digestivo.

Sintomi

  1. Il segno più evidente della pancreatite in un cane è il rifiuto di nutrirsi e l'oppressione. La sovraeccitazione è meno comune negli animali.
  2. Quando sente l'addome (ma l'animale deve essere posizionato sulla schiena) a sinistra dell'ombelico, il membro della famiglia a quattro zampe avvertirà un forte dolore.
  3. Si nota il vomito, soprattutto dopo aver mangiato. Pertanto, anche se il cane vuole mangiare, semplicemente non può mangiare nulla a causa del vomito che si verifica immediatamente. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata a questo sintomo e consultare immediatamente un veterinario, perché il vomito è un segno di un'altra grave malattia: la colecistite canina.
  4. Addome doloroso, gonfiore, peritoneo molto teso (pancia dura).
  5. Diarrea o, al contrario, costipazione. In un caso, le feci sono simili agli unguenti, nell'altro troppo denso con un eccesso di amido..
  6. Un pancreas infiammato in un cane non può più produrre insulina, quindi aumenta la glicemia. Se non si tiene conto dei sintomi della pancreatite, un medico inesperto può decidere che l'animale ha il diabete.

complicazioni

In casi avanzati, il cane può sviluppare necrosi pancreatica, che può portare a peritonite. Senza chirurgia, l'animale potrebbe morire.

A volte c'è ancora sepsi (avvelenamento del sangue). In alcuni casi, c'è una costrizione di mosse per la bile.

Con pancreatite cronica, il cane può avere il diabete.

Trattamento del cane

Il trattamento della pancreatite in un cane inizia dopo la conferma della diagnosi con il chiarimento obbligatorio della causa. Altrimenti, è impossibile eliminare la malattia: tornerà costantemente e si aggraverà, "uccidendo" così il pancreas.

La terapia viene eseguita in regime ambulatoriale (a casa del proprietario). Molto raramente richiede un intervento chirurgico o un trattamento in un ospedale di un animale malato.

  1. Il primo giorno dovrà sopportare l'animale con una dieta affamata. Solo acqua pulita a temperatura ambiente in quantità molto ridotte, ma spesso (una volta all'ora). Altrimenti, c'è un alto rischio di allungare lo stomaco, provocando così l'attivazione del pancreas.
  2. Se il cane è disidratato, il veterinario amministra la soluzione fisiologica per via endovenosa o sottocutanea. Per ripristinare l'equilibrio sale-acqua.
  3. In decorso acuto, vengono prescritti farmaci antiemetici, antidolorifici e antinfiammatori.
  4. A volte vengono prescritti antibiotici (in modo che i batteri non aggravino il decorso della malattia) e probiotici per ripristinare la microflora intestinale.

Nutrizione per cani per pancreatite

Assicurati di cambiare la dieta. Dovrebbe essere ricco di vitamine e minerali, facilmente digeribile. Se il tuo animale mangia cibo secco, dai la preferenza a quelli progettati specificatamente per l'alimentazione dei cani con pancreas malato o tratto gastrointestinale. Dovrai nutrirti spesso, ma in porzioni molto piccole (il cosiddetto cibo frazionario).

Dei prodotti, è preferibile dare yogurt magro o ricotta (senza additivi, aromi o coloranti), carne bianca (bollita). Pochi giorni dopo l'inizio del trattamento, se arriva sollievo, puoi aggiungere un po 'di riso bollito o farina d'avena.

Le cause, i segni e il trattamento della pancreatite nei cani

La sconfitta di un organo importante del corpo - il pancreas, è una malattia abbastanza comune, sia tra le persone che tra i cani. La pancreatite nei cani copre diverse condizioni patologiche che colpiscono una ghiandola specifica.

Questa malattia è particolarmente pericolosa, poiché il fallimento del pancreas comporta lo sviluppo di caratteristiche funzionali compromesse di altri organi. Quando la ghiandola è disturbata, sostanze enzimatiche specifiche cessano di essere secrete nel duodeno.

Nel processo infiammatorio, gli enzimi iniziano ad essere attivati ​​direttamente nell'organo stesso, portando a vari disturbi.

Come risultato di processi patologici, gli enzimi iniziano a corrodere la ghiandola e le sostanze velenose che entrano nella circolazione sistemica vengono rilasciate nel corpo del cane. Con il flusso di sangue, si diffondono in tutti gli organi interni, interessando principalmente il sistema nervoso centrale, il fegato e i reni.

Cause di pancreatite

La pancreatite è un disturbo piuttosto grave e consiste in processi infiammatori che si sviluppano nei tessuti del pancreas. Di conseguenza, la secrezione di specifici enzimi alimentari necessari per la piena digestione e la scomposizione del cibo viene interrotta..

In assenza di una diagnosi tempestiva e di un trattamento adeguato, la pancreatite minaccia la morte del tessuto ghiandolare, l'ostruzione del dotto è compromessa e l'animale è inevitabile morte.

Nella diagnosi clinica di malattie non trasmissibili, esistono 2 tipi di pancreatite: acuta e cronica. La forma acuta di infiammazione si verifica a causa degli effetti negativi di vari fattori ambientali. Questa può essere una dieta impropria (soprattutto con una dieta speciale), varie malattie infettive.

La forma cronica dell'infiammazione del pancreas viene diagnosticata un ordine di grandezza più spesso nella pratica veterinaria rispetto al tipo acuto. L'infiammazione cronica del pancreas si verifica a causa della mancanza del trattamento necessario per lungo tempo..

Oltre ai tipi di pancreatite, si distinguono gli stadi della malattia:

  • primario - derivante da prodotti alimentari selezionati in modo improprio;
  • secondario - insorgente sullo sfondo di lesioni infettive dell'apparato digerente.

Le principali cause dello stadio primario della malattia sono:

  • vari intossicazioni alimentari;
  • alto contenuto di vari additivi alimentari nella dieta del cane;
  • avvelenare il corpo con sostanze tossiche;
  • l'uso nella nutrizione di alimenti secchi di scarsa qualità e viziati;
  • penetrazione di vari prodotti chimici nel corpo del cane.

Le principali cause dello stadio secondario dell'infiammazione del pancreas in un cane sono:

  • violazioni totali nel lavoro funzionale del corpo;
  • complicanze dopo l'intervento chirurgico sul sistema digestivo;
  • malattie delle strutture epatiche;
  • malformazioni congenite del pancreas;
  • disturbi che colpiscono la cistifellea e i suoi dotti;
  • malattie infettive (leptospirosi, enterite parvovirus, peste).

Esistono numerosi fattori che possono innescare l'inizio del processo patologico. Questi includono:

  • grave obesità del cane;
  • un brusco cambiamento nella dieta;
  • precedenti interventi chirurgici gravi;
  • fattore di eredità genetica;
  • pedigree - cani di piccola e media taglia (barboncini giocattolo, spaniel, collie, Yorkshire terrier e pugili).

Il gruppo a rischio comprende quegli animali che hanno una storia di gravi malattie infettive, così come i cani di età superiore ai 7 anni. Ciò è dovuto al fatto che con le malattie trasferite di natura infettiva, molte funzioni vitali del corpo sono interrotte e gli organi digestivi sono principalmente colpiti.

Negli animali anziani, il corpo non è in grado di far fronte a carichi elevati, le funzioni sono indebolite e anche piccoli disturbi nella dieta possono causare lo sviluppo di una forma cronica di pancreatite.

Sintomi della malattia

L'infiammazione del pancreas nei cani viene spesso diagnosticata nella pratica veterinaria. La stragrande maggioranza delle forme croniche della malattia si verificano completamente senza manifestazioni di segni.

Nella pancreatite acuta nei cani, i sintomi sono molto più pronunciati e se il proprietario è attento alla salute del suo animale domestico, la malattia può essere curata impedendo il passaggio allo stadio cronico.

Il principale segno dello sviluppo della pancreatite in un cane è un cambiamento nello stile di vita. Quindi, una volta un animale allegro e allegro, è sempre contrario allo spuntino, diventando apatico e completamente indifferente al cibo.

Con lo sviluppo dell'infiammazione, l'animale inizia a soffrire, che è chiaramente fissato in assenza di un desiderio di correre. Durante le camminate congiunte, l'animale cerca di camminare con calma, non di fare movimenti e salti improvvisi. In un appartamento, il cane inizia a muoversi lentamente da un angolo all'altro, cercando di trovare un posto per sé. Particolarmente pericolosa è la condizione, se si preme leggermente sull'addome sotto le costole. L'animale trema o ulula con forte dolore.

Durante un attacco di pancreatite, il cane può sperimentare un'eruzione del contenuto gastrico. In casi clinici avanzati, il vomito del cane si verifica dopo ogni pasto. Inoltre, insieme a una violazione dell'atto del mangiare, c'è un forte gonfiore nel peritoneo. Un animale con pancreatite soffre spesso di feci turbate (diarrea, seguita da costipazione). Le feci rilasciate da un cane malato hanno una trama densa con una predominanza di consistenza amidacea.

La pancreatite acuta in un cane è caratterizzata dal fatto che il normale assorbimento del glucosio in arrivo si interrompe nel corpo. Di conseguenza, la quantità di zucchero in entrata inizia ad aumentare, superando la norma nel flusso sanguigno.

Le manifestazioni esterne della forma acuta di infiammazione del pancreas sono caratterizzate dalla presenza di mucose secche e naso (c'è un prurito vigile). Il peso corporeo totale diminuisce e si verifica una grave debolezza quando si verifica la malnutrizione. Raramente, ma a volte nei cani con pancreatite, c'è un aumento della temperatura corporea e un aumento della frequenza cardiaca.

I principali sintomi della pancreatite nei cani:

  • letargia e apatia;
  • aumento della temperatura corporea
  • eruzione del contenuto gastrico;
  • indolenzimento quando si palpa nell'area sopra l'ombelico;
  • minzione frequente;
  • perdita di peso;
  • possibile costipazione;
  • aumento della glicemia.

Diagnosi di pancreatite

Prima di prescrivere un trattamento per la pancreatite nei cani, un veterinario effettua una serie di studi di laboratorio e strumentali che possono determinare con precisione la presenza di processi infiammatori nel pancreas, nonché valutare il grado di danno ai tessuti ghiandolari. I principali test di laboratorio per effettuare una diagnosi accurata sono:

  1. Biochimica del sangue. Nei processi infiammatori nel pancreas, si verificano deviazioni negli standard ematici biochimici. Quindi, con la pancreatite, l'indice alfa-amilasi (il principale enzima pancreatico responsabile della degradazione dell'amido) aumenta significativamente. Anche il livello di glucosio aumenta, indicando una mancanza di insulina a causa di un malfunzionamento delle cellule pancreatiche. In un'analisi biochimica del sangue in caso di anomalie nel pancreas, gli indicatori delle proteine ​​del sangue (albusine) diminuiscono e nel caso di un processo patologico che si sposta nell'area delle strutture renali, il contenuto di urea nell'analisi aumenta nettamente.
  2. Analisi del bilancio ematico elettrolitico dell'acqua. Con le condizioni patologiche della ghiandola, si verificano gravi processi degenerativi, con conseguente forte mancanza di fluido necessario nel flusso sanguigno. Ciò può causare collasso (grave insufficienza cardiaca). Disturbi del sistema circolatorio si verificano a causa di una diminuzione della quantità di miocardio e dei vasi sanguigni necessari per il lavoro - sodio, potassio e calcio.
  3. Analisi del sangue generale. È un'analisi standard che consente di determinare la presenza di infiammazione nel corpo aumentando il contenuto di globuli bianchi nel sangue. Inoltre, i cambiamenti nella concentrazione dei globuli rossi nel sangue, che portano a un'acuta mancanza di liquido nei vasi, possono indicare un'infiammazione.
  4. Analisi delle urine. Aiuta a determinare lo stadio di abbandono del processo infiammatorio. Se sospetti una pancreatite acuta, è necessario escludere la possibilità di danni agli organi adiacenti: i reni. Se nell'analisi delle urine vengono rilevati globuli rossi, globuli bianchi o frazioni proteiche, esiste un'alta probabilità di danni ai reni a causa della pancreatite.

La diagnosi strumentale della pancreatite nei cani comprende l'uso dei seguenti metodi:

  1. Diagnostica ad ultrasuoni. Una delle tecniche più informative che ti consente di visualizzare ciò che sta accadendo nell'area dell'organo infiammato. Utilizzando gli ultrasuoni, uno specialista determina lo stato delle strutture dei tessuti, dei dotti e delle dimensioni degli organi.
  2. Esame radiografico. È necessario per il sospetto della formazione di calcoli nella ghiandola e nei suoi dotti. Inoltre, con l'aiuto dei raggi X, puoi vedere possibili versamenti di essudato nella cavità coperta da membrana pleurica.
  3. TAC. È usato raramente, ma con l'aiuto della TC, un veterinario può vedere non solo i disturbi nei dotti pancreatici, ma anche vedere aree di necrosi tissutale, determinare con precisione le dimensioni e la presenza di tumori, nonché il fluido accumulato nella membrana pleurica.
  4. Laparoscopia. Una nuova tecnica diagnostica che consente non solo di condurre ricerche, ma anche di trattare l'organo necessario se necessario. Utilizzando attrezzature speciali, uno specialista introduce strumenti e una sonda dotata di videocamera nella cavità addominale del cane in anestesia generale. Questo metodo diagnostico viene eseguito raramente, ma ha un'alta efficienza..

Esiste anche una diagnosi differenziale, che deve essere presa in considerazione quando si effettua la diagnosi corretta. Quindi, il dolore acuto all'addome in un cane può verificarsi sullo sfondo di:

  • lesioni ulcerative dello stomaco;
  • infiammazione acuta della cistifellea;
  • occlusione intestinale;
  • trombosi venosa intestinale;
  • infarto del muscolo cardiaco.

Trattamento e dieta

Il trattamento della pancreatite nei cani è principalmente finalizzato all'eliminazione della causa dell'inizio del processo patologico.

L'aspetto principale e importante all'inizio della terapia con pancreatite è il passaggio a una dieta rigorosa. Un animale malato dovrebbe ricevere solo quei prodotti che possono essere assorbiti il ​​più rapidamente possibile, dando al corpo l'energia necessaria, ma non sovraccaricare il sistema digestivo.

Il trattamento viene di solito effettuato a casa dopo aver consultato uno specialista. Il proprietario del cane deve fornire tutte le condizioni per il rapido recupero dell'animale. In presenza di manifestazioni caratteristiche sotto forma di disturbi digestivi (diarrea o eruzione del contenuto gastrico), è necessario che il cane abbia sempre acqua pulita e fresca di dominio pubblico. Questa è una regola necessaria per prevenire lo sviluppo di disidratazione nell'animale. Quando si diagnostica la pancreatite acuta, procedendo in una forma lieve, il trattamento consiste in una dieta esclusiva. Per diversi giorni, l'animale deve essere tenuto affamato e non è richiesta la nomina e la somministrazione di farmaci.

Raramente, l'insorgenza dell'infiammazione nel pancreas può essere rilevata nelle prime fasi. Non è necessario il ricovero in ospedale ed è consigliabile lasciare l'animale in ospedale solo se esiste una grave minaccia per la vita dell'animale.

La terapia farmacologica include:

  • somministrazione endovenosa di soluzioni che supportano e ripristinano l'equilibrio idroelettrolitico;
  • l'uso di diuretici;
  • medicinali per abbassare il profilo lipidico;
  • antidolorifico;
  • immunomodulatori;
  • bloccanti dell'istamina (per eliminare il processo infiammatorio);
  • farmaci antiemetici - Cerucal, Serena.

Nel caso di una lesione batterica del corpo del cane, viene prescritto un ciclo di antibiotici. Il dosaggio e il tipo di antibiotici devono essere prescritti solo da un veterinario che tratta l'animale, in base alle caratteristiche individuali del corpo e alla gravità del danno agli organi interni.

Nella pancreatite cronica, può essere prescritto un intervento chirurgico: laparotomia, in caso di grave interruzione del corpo. Questo tipo di intervento chirurgico consente di eliminare contemporaneamente il blocco dei dotti biliari, ascessi o neoplasie sul pancreas.

Di particolare importanza è la nutrizione del cane con pancreatite. Durante le esacerbazioni del processo infiammatorio, i veterinari raccomandano vivamente di mantenere l'animale a dieta speciale, il che implica un rifiuto completo di tutti i tipi di cibo per diversi giorni. Per prevenire la disidratazione, l'animale deve avere sempre accesso all'acqua dolce.

A seconda del grado di sviluppo della condizione patologica, lo specialista prescrive farmaci e ti dice quando puoi usare il cibo per cani per la pancreatite. I mangimi appositamente bilanciati per le malattie del pancreas e dell'apparato digerente hanno tutte le forniture necessarie di nutrienti, ma allo stesso tempo sono bilanciati nella composizione lipidica e proteica. L'uso di speciali mangimi terapeutici consente di evitare esacerbazioni della malattia.

La dieta per la pancreatite nei cani che hanno assunto cibo normale implica una rigorosa restrizione agli alimenti precedentemente familiari. Con l'infiammazione del pancreas, è vietato sovraccaricare l'intero tratto digestivo. È necessario escludere completamente i cereali dai cereali integrali e i mangimi a base di farina di mais, dalla dieta di un animale domestico. È importante monitorare rigorosamente la dieta, escludendo l'ingestione di alimenti che causano processi di fermentazione, nonché vari cibi affumicati e salati. Sono vietate varie prelibatezze e caramelle.

È necessario limitare il consumo di latticini grassi, tuorli di pollo, verdure fresche. Durante la terapia, si consiglia di nutrire il cane malato in piccole porzioni, ma spesso - 5-6 volte al giorno. Dopo la fame, è consentito introdurre gradualmente nella dieta carne e pesce di varietà non grasse, cereali liquidi macinati, cavolfiore cotto, purè in purè di patate. Per non causare stress nel corpo, è necessario introdurre 1 nuovo prodotto ogni 4 giorni. È importante osservare come il corpo dell'animale risponde ai nuovi prodotti, se vi sono segni di deterioramento.

Misure preventive

Una corretta alimentazione è la base per la prevenzione della pancreatite nei cani. Una dieta equilibrata per proteine, grassi e carboidrati aiuterà a mantenere la salute dell'animale per molti anni. Necessariamente nella dieta dei cani dovrebbe essere presente carne fresca, non cotta. È sulla lavorazione della carne cruda sintonizzata sul tratto digestivo dei cani. È necessario garantire che nella dieta dell'animale non ci siano tutti i tipi di alimenti in scatola acquistati dall'animale come regalo.

Un aspetto importante è l'eccesso di peso corporeo. I cani che soffrono di obesità soffrono di pancreatite un ordine di grandezza più spesso dei loro parenti magri. Pertanto, al fine di evitare i processi infiammatori nel pancreas, è necessario caricare con esercizi fisici e seguire una dieta speciale selezionata da uno specialista.

Vuoi porre una domanda su un articolo o chiarire qualcosa? Chiama il +79774692712, ti consigliamo.