Gastrite durante la gravidanza

La gastrite è una malattia della mucosa dello stomaco, accompagnata da una violazione del tratto digestivo. Durante la gravidanza, questa malattia può diventare un problema serio e complicare significativamente il corso di un periodo così critico. L'esacerbazione della gastrite nelle gestanti richiede un approccio speciale nella diagnosi e nel trattamento di questa malattia.

Gastrite acuta

Questo termine si riferisce all'infiammazione dello stomaco causata da una singola esposizione a una sostanza. Questo può essere cibo di scarsa qualità, droghe o vari composti chimici. Abbastanza spesso, la gastrite acuta si verifica con varie infezioni ed è uno dei segni di una malattia generale..

Sintomi di gastrite acuta:

  • dolore nella proiezione dello stomaco;
  • nausea;
  • vomito singolo o multiplo.

Nei casi più gravi sono possibili febbre, brividi e altri segni di intossicazione..

Il trattamento della gastrite acuta nelle donne in gravidanza non differisce dalla sua terapia al di fuori della gravidanza. In caso di avvelenamento, vengono utilizzati enterosorbenti: farmaci che rimuovono sostanze tossiche pericolose dal corpo. Secondo le indicazioni, vengono prescritti antibiotici approvati per l'uso durante la gravidanza. Per ricostituire il liquido, si consiglia di bere quanto più liquido possibile. Le soluzioni speciali di acqua salata ("Rehydron") sono le più adatte a questo scopo..

L'allattamento allo stomaco in gestanti non viene praticamente eseguito. Questa procedura può provocare un aumento del tono uterino e causare l'aborto. La lavanda gastrica viene eseguita solo secondo le indicazioni rigorose e soggetta a tutte le norme di sicurezza. Assicurati di osservare il ginecologo durante e dopo la procedura.

Gastrite cronica

Durante la gravidanza, i medici devono spesso aggravare la gastrite cronica. Secondo le statistiche, l'infiammazione della mucosa gastrica si verifica nella metà di tutte le donne in età riproduttiva. Il primo episodio di gastrite di solito si verifica già nell'adolescenza e prima della gravidanza, una donna di solito conosce la sua diagnosi. Con una esacerbazione della malattia, un tale paziente sa già quale medico contattare e cosa fare quando compaiono i primi sintomi di gastrite.

La situazione in cui il primo attacco della malattia si verifica proprio dopo il concepimento del bambino è piuttosto rara. I sintomi della malattia si sviluppano gradualmente, nel corso degli anni. Più spesso, le donne semplicemente ignorano i segni della gastrite, attribuendoli ad avvelenamento o disagio dopo aver mangiato qualsiasi cibo speciale. La manifestazione primaria della malattia dello stomaco durante la gravidanza è più caratteristica delle giovani donne primogenee di età inferiore ai 25 anni.

Uno dei motivi per lo sviluppo della gastrite cronica è considerato Helicobacter pylori. Questi batteri a forma di spirale vivono nello stomaco e nell'intestino della maggior parte delle persone nel mondo. Tuttavia, il 90% di tutti i portatori di Helicobacter pylori non mostra manifestazioni di gastrite o ulcera peptica. Al momento, gli scienziati non sono stati in grado di scoprire se la gastrite cronica procede sempre sullo sfondo dell'infezione da questi batteri o se sono possibili altri modi per contrarre una malattia pericolosa.

Fattori che provocano lo sviluppo della gastrite:

  • errori nell'alimentazione (in particolare carenza di proteine, vitamine e ferro);
  • assunzione incontrollata prolungata di farmaci (agenti antinfiammatori e antibatterici, corticosteroidi);
  • cattive abitudini (fumare e bere alcolici);
  • fattori dannosi sul posto di lavoro;
  • malattie che provocano ipossia tissutale (anemia, pneumosclerosi);
  • disturbi autoimmuni;
  • stress costante;
  • eredità.

Nelle donne in gravidanza, l'esacerbazione della gastrite cronica si verifica più spesso in un contesto di errori nutrizionali. Mangiare cibi piccanti, fritti, grassi o salati può portare alla comparsa di sintomi tipici della gastrite in qualsiasi fase della gravidanza. Nella metà delle donne incinte, una malattia dello stomaco è combinata con colecistite (infiammazione della colecisti) e colite (infiammazione dell'intestino).

Sintomi

L'esacerbazione della gastrite cronica è caratterizzata da una varietà di sintomi e dipende dal tipo di malattia. La gastrite con aumento della secrezione è caratterizzata da dolore nella regione epigastrica, che si verifica subito dopo aver mangiato. Il dolore è spesso associato a un certo tipo di cibo. Le donne in gravidanza notano che dopo aver consumato un prodotto, i sintomi della malattia si intensificano. Molto spesso, il dolore si verifica in risposta a cibi grassi, fritti o salati..

Con gastrite con aumento della secrezione, il dolore allo stomaco è accompagnato da pesantezza e una sensazione di sovraffollamento. Il disagio si diffonde spesso all'ombelico o va all'ipocondrio destro. Nausea e vomito, feci turbate sotto forma di diarrea sono caratteristiche. Le manifestazioni della malattia possono variare a seconda della gravità della gastrite e della reazione individuale del corpo.

Con la gastrite a secrezione ridotta, i disturbi dispeptici vengono alla ribalta. Quasi tutte le donne in gravidanza avvertono nausea, vomito, eruttazione e flatulenza. Con un lungo decorso, qualsiasi forma di gastrite prima o poi porta a una diminuzione o completa perdita dell'attività secretoria dello stomaco e allo sviluppo di tutti i sintomi caratteristici.

Complicanze della gravidanza

La gastrite cronica all'inizio della gravidanza provoca quasi sempre una grave tossicosi. Una teoria unificata che spiega questo fenomeno non esiste. Gli esperti concordano solo su una cosa: la nausea e il vomito dovuti alla gastrite nel primo trimestre di gravidanza possono persistere a lungo. Se la manifestazione di tossicosi in una donna incinta non si ferma dopo 12 settimane, cerca la causa dell'infiammazione della mucosa gastrica.

Nella seconda metà della gravidanza, la gastrite cronica non ha un effetto pronunciato sulle condizioni della donna e del feto. L'infiammazione dello stomaco non è in grado di causare malformazioni o provocare complicanze della placenta. Anche in caso di esacerbazione della gastrite, la gravidanza di solito procede in modo sicuro e termina con la nascita del bambino in tempo.

Un certo pericolo è la gastrite, che procede con complicazioni. Nelle malattie gravi, è possibile sanguinare dallo stomaco. Questa condizione rappresenta una minaccia per la vita di una donna e richiede l'assistenza immediata di specialisti. Prevedere il corso della gravidanza con lo sviluppo di sanguinamento è abbastanza difficile. Con grave perdita di sangue, è possibile un aborto spontaneo o un parto prematuro.

Diagnostica

La diagnosi nelle donne in gravidanza è alquanto difficile. La fibrogastroscopia è considerata un metodo tradizionale per rilevare la gastrite. Questo esame consente di valutare le condizioni della mucosa gastrica dall'interno, di rilevare ulcere, focolai di sanguinamento e altri cambiamenti patologici. Inoltre, durante la procedura, viene prelevata una parte del tessuto dello stomaco per un esame istologico mirato.

Durante la gravidanza, l'esame endoscopico dello stomaco viene effettuato solo secondo indicazioni rigorose. Se l'utilizzo di altri metodi per rilevare la gastrite fallisce, il medico esegue la procedura in conformità con tutte le misure di sicurezza. La procedura è abbastanza difficile da tollerare da parte delle donne in gravidanza e può persino provocare un aborto spontaneo. Quando possibile, i medici cercano di fare a meno dell'esame endoscopico nelle donne in gravidanza e di fare una diagnosi basata su dati clinici..

Un esame ecografico dello stomaco può aiutare nella diagnosi di gastrite. L'ecografia viene eseguita a stomaco vuoto e consente di valutare le dimensioni dell'organo e lo spessore delle sue pareti. Inoltre, utilizzando gli ultrasuoni, è possibile determinare la quantità di muco nello stomaco e quindi rilevare un malfunzionamento nel corpo.

Cosa fare con l'esacerbazione della gastrite?

Nel trattamento della gastrite cronica nelle donne in gravidanza, una corretta alimentazione è di grande importanza. Quando compaiono i primi segni della malattia, dovresti passare all'alimentazione frazionata: fino a 6 volte al giorno in piccole porzioni. Questo approccio consente di ridurre il carico sullo stomaco e offre al corpo l'opportunità di ripristinare gradualmente le sue prestazioni..

Per la gastrite con maggiore segretezza, si consiglia di utilizzare i seguenti piatti dietetici:

  • zuppe di latte e verdure;
  • piatti di verdure al vapore o cotti;
  • cereali nel latte o nell'acqua;
  • carne e pesce bolliti di varietà a basso contenuto di grassi;
  • succhi di verdura, bacche e frutta.

Con gastrite a ridotta segretezza, i seguenti piatti devono essere inclusi nella dieta di una donna incinta:

  • zuppe su brodi di carne;
  • carne magra bollita o in umido;
  • pesce bollito non grasso;
  • formaggio;
  • latticini;
  • latte;
  • piatti di farina (tranne per la cottura al burro).

Con qualsiasi forma di gastrite, è vietato quanto segue:

  • cibi fritti;
  • cibo piccante e speziato;
  • piatti salati (compresi sottaceti fatti in casa);
  • carni affumicate;
  • prodotti semi-finiti;
  • bevande dolci gassate;
  • pasticceria fresca;
  • alcool.

Durante un'esacerbazione della malattia, le donne in gravidanza devono assumere cibo lentamente, masticando ogni boccone con cura. Dovresti abbandonare sandwich, patatine, cracker e altri snack dannosi. Allo stesso tempo, le madri affamate sono severamente vietate! Se hai fame, puoi bere un bicchiere di yogurt o un'altra bevanda a base di latte acido. Come spuntino, puoi utilizzare frutta, ricotta, formaggio e altri prodotti dall'elenco della gastrite consentita.

Allevia il dolore ed elimina altri sintomi della gastrite con acqua minerale. Con una maggiore secrezione dello stomaco, dovresti prestare attenzione all'acqua minerale Jermuk o Smirnov. In caso di insufficienza secretoria, si consiglia di bere Essentuki n. 4 o n. 17 e Arzin. L'acqua minerale non solo aiuta ad alleviare le manifestazioni della malattia, ma elimina anche i sintomi della tossicosi precoce. Quando si verificano nausea e vomito, le donne in gravidanza devono bere acqua minerale ogni giorno.

Trattamento farmacologico

Il regime classico per il trattamento della gastrite prevede l'uso di farmaci antibatterici. Lo scopo di questa terapia è di eliminare l'Helicobacter pylori e quindi rimuovere la causa principale della malattia. Durante la gravidanza, gli antibiotici non sono prescritti. I farmaci usati per eliminare l'agente causale della malattia sono vietati per l'uso nelle future mamme in quanto potenzialmente pericolosi per il feto. La terapia antibatterica specifica della gastrite viene eseguita solo dopo il parto.

Per ridurre la secrezione di succo gastrico durante la gravidanza, vengono prescritti antiacidi. Un buon esempio è Maalox. Questo strumento non solo riduce la produzione di succo gastrico, ma ha anche un effetto analgesico e antinfiammatorio. "Maalox" deve essere assunto 1 ora dopo un pasto.

Durante la gravidanza, i sorbenti vengono utilizzati attivamente per eliminare i sintomi della gastrite. Questi farmaci eliminano l'eccesso di acido cloridrico nello stomaco, riducono il dolore e stabilizzano l'attività enzimatica dello stomaco. Gli assorbenti sono prescritti fino a 6 volte al giorno 1 ora dopo un pasto.

I farmaci antispasmodici sono usati per alleviare il dolore in qualsiasi fase della gravidanza. Il noto "No-spa" affronta la sindrome del dolore rilassando i muscoli lisci dello stomaco. Per eliminare la nausea, vengono utilizzati Cerucal e i suoi analoghi. Questo farmaco sarà particolarmente rilevante nel primo trimestre in caso di grave tossicosi..

Il trattamento della gastrite nelle donne in gravidanza viene effettuato sotto la supervisione di due medici contemporaneamente: un gastroenterologo e un ginecologo. Il ricovero in ospedale viene effettuato in caso di complicanze, nonché con grave tossicosi. Nel resto, la terapia della gastrite è possibile a casa..

La gastrite che si verifica nel primo trimestre spesso scompare nella seconda metà della gravidanza. In alcune donne, i sintomi del danno allo stomaco si fanno sentire fino alla nascita. Se, dopo il parto, i sintomi della gastrite non scompaiono, dovresti assolutamente consultare un medico.

Gastrite durante la gravidanza: sintomi e trattamento. L'effetto della gastrite sulla gravidanza

La tossicosi dolorosa con vomito è uno dei segni di esacerbazione della gastrite cronica. Se lo conoscevi prima del periodo di gravidanza, informa il medico della malattia. Potrebbe richiedere la nomina di un corso di terapia speciale. La gastrite durante la gravidanza è una malattia comune. Tuttavia, può essere controllato utilizzando i principi di base di una corretta alimentazione. A volte questo è sufficiente per riportare la salute alla normalità, anche se potrebbe essere necessario diagnosticare Helicobacter.

Perché il mio stomaco può farmi male durante la gravidanza?

Il dolore addominale può accompagnare durante la gravidanza. All'inizio della gravidanza, il disagio è associato al fatto che il bacino inizia a "allungarsi", espande e allunga i legamenti su cui è fissato l'utero, la cavità intra-addominale. Più tardi, questi dolori possono diventare impunturati, acuti. Ciò è dovuto al fatto che l'utero è teso, il legamento è allungato e sorge una sensazione di tiro, che rilascia rapidamente.

L'utero può diventare teso durante la gravidanza. Questo è un grande muscolo ed è impossibile non sforzare. Si sforzerà periodicamente. Per molti pazienti, questo provoca disagio nell'addome. Gli stress periodici che non sono ritmici e associati a un cambiamento nella posizione del corpo non dovrebbero causare paura.

Il dolore associato alla tensione uterina è patologico se acuto e intenso, se il dolore è prolungato, per diversi minuti non si attenua e ha un carattere ritmico. La tensione uterina non passa ogni 10-15 minuti per diverse ore - questo è già anormale. Hai bisogno di vedere un medico.

Il dolore può verificarsi anche con patologia del fegato, reni..

Il dolore può essere associato all'intestino. Ci sono costipazione, quindi può verificarsi dolore associato a anse gonfie dell'intestino, ma non sono localizzate dove si trova l'utero: o nella parte superiore dell'addome o ai lati dell'addome. L'utero si trova in posizione centrale e raggiunge l'ombelico in 24 settimane per poi spostarsi più in alto. In tempi precedenti, il dolore è localizzato sotto l'ombelico, se è associato all'utero. Il dolore intestinale è un po 'più alto.

Il dolore addominale può causare esacerbazione della gastrite.

Come riconoscere l'esacerbazione della gastrite durante la gravidanza

Se senti dolore nell'addome superiore (i gastroenterologi lo chiamano epigastrio) a stomaco vuoto, svegliarsi al mattino o quando ha fame, allora questi sono segni di gastrite. L'esacerbazione si fa sentire proprio da tali manifestazioni. Quando mangi, il dolore si attenua e ritorna dopo che il cibo è stato digerito. Questa forma di gastrite si chiama acuta..

Tuttavia, a volte la gastrite potrebbe non essere rilevata, è asintomatica, cioè cronica, acquisita.

Gastrite: sintomi durante la gravidanza

L'acidità del succo gastrico, necessaria per la normale attuazione dei processi digestivi, può essere normale, aumentata o diminuita. Il livello di secrezione determina il dolore caratteristico durante l'esacerbazione del processo infiammatorio delle pareti dello stomaco.

Durante la gravidanza, i sintomi della gastrite con elevata acidità di acido cloridrico possono essere i seguenti:

  1. Le sensazioni del dolore sono localizzate nel "substrato", nell'epigastrio, vicino all'ombelico o nell'ipocondrio destro.
  2. Le sensazioni spiacevoli iniziano dopo aver mangiato determinati alimenti.
  3. Possono verificarsi feci molli.
  4. Bruciore di stomaco.

La gastrite con bassa acidità di solito si manifesta:

  1. Attacchi di nausea e vomito.
  2. burping.
  3. gonfiore.
  4. Stomaco pieno.
  5. Debolezza.

Perché la gastrite può verificarsi durante la gravidanza

Uno dei motivi principali è associato ad un aumento del carico totale sul corpo femminile durante la gravidanza, che diventa molto sensibile durante questo periodo. Compreso nel caso in cui la futura mamma non aderisca alla dieta corretta, rifiuti una dieta completa a causa della tossicosi o continui costantemente a preferenze inattese. Un'alimentazione scorretta può anche aggravare la gastrite..

Non dimentichiamo che esiste anche una causa batterica dello sviluppo della malattia - Helicobacter pylori. Helicobacter entra nel corpo a causa di una violazione delle norme igieniche, quando, ad esempio, usi i piatti di una persona con gastrite. Helicobacter pylori viene trasmesso attraverso la saliva. Una volta nello stomaco, Helicobacter può "dormire" fino a quando non lo svegli con cattive abitudini, virus o intossicazione alimentare.

Qual è la diagnosi di gastrite durante la gravidanza

I metodi per determinare l'infezione da Helicobacter pylori per le donne in gravidanza non sono diversi da quelli generalmente applicabili. Il modo più comune è un esame con un endoscopio. Il metodo è anche chiamato suono. La procedura è abbastanza spiacevole, ma non minaccia il bambino. La sonda effettua un campionamento del succo gastrico, i cui test di laboratorio consentono al medico di determinare il tipo di malattia e quale sarà il trattamento della gastrite durante la gravidanza. L'analisi mostrerà il livello di acidità e rileverà l'erosione. Tuttavia, il metodo di endoscopia viene utilizzato solo in caso di trattamento primario non riuscito.

Come viene trattata la gastrite

Il modo più popolare ed efficace è la dieta. Per ridurre l'effetto della gastrite sulla gravidanza, è necessario regolare attentamente la dieta e seguire le rigide raccomandazioni del medico. Il trattamento dello stomaco durante la gravidanza sarà efficace se segui i principi di una corretta alimentazione.

  • nutrizione frazionata - devi mangiare da 3 a 6 volte al giorno;
  • le porzioni dovrebbero essere piccole;
  • il cibo dovrebbe avere una consistenza semiliquida, come le purè di patate, senza pezzi di grandi dimensioni che devono essere masticati a lungo;
  • è molto importante che i frammenti di prodotti che irritano la mucosa, graffiandola, non entrino nello stomaco durante l'esacerbazione della gastrite;
  • meno sale e zucchero;
  • più zuppe e cereali; il porridge è meglio cuocere in acqua o metà con il latte;
  • il cibo non dovrebbe essere caldo;
  • Non puoi mangiare salsicce e salsicce, maiale grasso; cucinare meglio polpette, polpette o gnocchi di carne macinata;
  • non friggere cibo, cucinare meglio o stufare;
  • mangiare latticini, in particolare latte, ricotta e kefir;
  • non utilizzare prodotti in scatola o prodotti contenenti coloranti e conservanti;
  • non mangiare fast food, focacce, pane di segale e pasta;
  • rinunciare a caffè e succhi di frutta;
  • bere frutta in umido, gelatina e acqua minerale, ma se il medico lo consente.

Posso bere pillole per la gastrite durante la gravidanza?

Solo un medico può prescrivere una terapia farmacologica, non prescrivere farmaci da soli. Se un attacco di gastrite durante la gravidanza è accompagnato da un forte dolore, il medico raccoglierà antispasmodici.

Inoltre, il corso del trattamento può includere: farmaci antinfiammatori, farmaci che riducono l'alta acidità o con proprietà per avvolgere la mucosa gastrica, nonché fermare la nausea o regolare la microflora.

I farmaci prescritti per il trattamento della gastrite, di norma, non hanno effetti collaterali, se si osserva il dosaggio. Le donne incinte sono generalmente prescritte, ad esempio Papaverina, Maalox e Almagel, Mezim e Creonte, Acidina-Pepsina e Fosfalugel, così come Rennie e Gaviscon.

Gli antimicrobici non sono prescritti per le donne in gravidanza.

È possibile sbarazzarsi di rimedi popolari gastrite

Il trattamento della gastrite durante la gravidanza è possibile con l'uso di infusi di erbe. Ma qui, oltre alle medicine, è necessaria l'autorizzazione di un medico. Alcuni decotti possono causare un aumento del tono dell'utero, che minaccia il feto..

Le erbe possono alleviare il dolore, ridurre l'infiammazione e anche creare un effetto avvolgente favorevole alla mucosa gastrica. Quando si sceglie, è necessario tenere conto del livello di acido cloridrico.

Con un livello di secrezione aumentato o normale, le infusioni sono adatte:

  • dalla radice di valeriana;
  • foglie di menta;
  • semi di avena e lino;
  • Achillea tritata;
  • da poligono;
  • foglie di cinquefoil;
  • foglie di motherwort;
  • foglie e fiori di celidonia.

Per trattare la gastrite con secrezione ridotta, puoi preparare decotti:

  • assenzio;
  • dalle foglie di piantaggine;
  • timo;
  • prezzemolo tritato;
  • origano;
  • millefoglie.

Di solito, viene preparato un decotto a base di erbe usando due cucchiai di erbe tritate e 0,5 litri di acqua bollita. Puoi insistere per mezz'ora, quindi filtrare e raffreddare a temperatura ambiente. Prendi il brodo almeno tre volte al giorno prima dei pasti. Basta mezzo bicchiere.

Trattamento della gastrite con miele

Il miele allevia l'infiammazione, ha un effetto antibatterico e rigenerativo. È favorevole per la mucosa. La terapia del miele dovrebbe durare da due settimane a due mesi.

Se è necessario ridurre il livello di acido cloridrico, un cucchiaio di miele viene mescolato in un bicchiere di acqua calda. Bere tre volte al giorno.

Per normalizzare la ridotta acidità, consumare una soluzione di miele mezz'ora prima di un pasto.

Complicazioni gastrite

La malattia non rappresenta un grave pericolo né per una donna né per un bambino, tuttavia influisce sul benessere generale della futura mamma. Complicazioni possono verificarsi se la gastrite non è controllata durante la gravidanza, ad esempio si sviluppa un'ulcera. Pertanto, con i primi sintomi, è necessario fermare l'infiammazione nel tempo sedendosi a dieta e usando la terapia farmacologica. Se segui le raccomandazioni del medico, non seguiranno complicazioni della malattia.

Prevenzione della gastrite durante il parto

Il trattamento della gastrite durante la gravidanza non è necessario se ti limiti all'uso di determinati prodotti. Cuoci brodi magri, usa meno spezie e condimenti. Mangia meno agrumi e dolci. Il cioccolato è meglio sostituire con marmellata. Mantenere una dieta, tenere presente che l'alimentazione dovrebbe essere variata ed equilibrata. È anche importante non mangiare troppo e ricordare della nutrizione frazionata. Masticare accuratamente il cibo.

Se l'acidità è bassa, scartare l'anguria e l'uva. Con aumento - da arance e limoni.

Prova a mangiare cibo fatto in casa. Tieni traccia della qualità dei prodotti e delle loro date di scadenza. Prova a rinunciare al caffè e al tè forte. Escludere le sigarette.

Se segui semplici misure preventive, la gastrite durante la gravidanza non ti disturberà.

Come sbarazzarsi di bruciore di stomaco durante la gravidanza

Durante il portamento del bambino, questa sensazione spiacevole appare spesso. Il modo più comune per eliminare il bruciore di stomaco è il bicarbonato di sodio. Tuttavia, i medici non lo raccomandano, perché "estingue" l'acidità per un breve periodo e non ha un effetto terapeutico. Di solito dopo il bruciore di stomaco di soda si ripete.

Un modo più innocuo sono i semi. Anche se non dovresti essere coinvolto in loro neanche.

Tuttavia, gli antiacidi, come "Rennie" o "Maalox", sono considerati indispensabili. Agiscono rapidamente ed efficacemente, avvolgendo la mucosa gastrica, riducendo l'acidità e alleviando il bruciore di stomaco in un paio di minuti. Tuttavia, i farmaci non consentono l'assorbimento di sostanze utili nel sangue, è anche meglio non essere coinvolti in essi. In generale, applicare solo come indicato da un medico.

Se segui rigorosamente tutte le raccomandazioni di un medico, ascolta il tuo corpo e monitora la tua salute, la gravidanza andrà bene. Il disagio della gastrite durante la gravidanza può essere significativamente ridotto da una dieta speciale e dopo la nascita di un bambino, è già possibile iniziare una terapia a pieno titolo usando i farmaci.

Trattamento gastrite in gravidanza precoce e tardiva

Le cause

La gastrite durante la gravidanza nelle prime fasi o in altri momenti può verificarsi come:

  1. Una condizione acuta che si sviluppa improvvisamente. Il motivo è un cambiamento nel livello di formazione di acido associato al periodo di gestazione, cattiva alimentazione, uso di cibi piccanti, deglutizione accidentale o intenzionale di sostanze chimicamente aggressive, infezioni e cibo di scarsa qualità. L'importanza in alcuni casi è l'uso di farmaci (farmaci antinfiammatori non steroidei o FANS) e stress.
  1. Condizione cronica, aggravata dall'influenza di fattori provocatori. La loro qualità può includere cambiamenti nel corpo durante la gravidanza, nonché violazioni della normale dieta, uso di droghe, stress, sostanze chimiche, allergeni, alcol.

La gastrite durante la gravidanza può essere associata all'infezione da Helicobacter pylori. Questo tipo di processo infiammatorio è contrassegnato dal simbolo "B" ed è considerato una lesione batterica..

Sintomi

A seconda del decorso (acuto, cronico), i sintomi della malattia si sviluppano improvvisamente o gradualmente, gradualmente. Tuttavia, con una forma di gastrite esistente da tempo, un "fallimento dell'adattamento" associato all'influenza di un potente fattore provocatorio può manifestarsi violentemente e causare un marcato deterioramento del benessere, influenzando l'attività del paziente e la capacità di lavorare.

Forma acuta

I segni della malattia compaiono improvvisamente - questo:

  • mancanza di appetito;
  • nausea;
  • vomito
  • dolore addominale;
  • bruciore di stomaco;
  • eruttazione;
  • cattivo gusto in bocca.

La gastrite acuta è caratterizzata da debolezza, malessere generale, affaticamento rapido, vertigini e febbre. I sintomi si sviluppano rapidamente, soprattutto quando si tratta di tossicosi di origine alimentare associata all'uso di alimenti di scarsa qualità.

Se vengono ingeriti prodotti chimici aggressivi, si nota anche dolore in bocca, faringe e lungo l'esofago. La febbre raggiunge i 37,9 ° C o più. Menzionare il cibo provoca disagio sotto forma di nausea.

Forma cronica

Nel periodo di remissione (mancanza di manifestazioni vivide), di regola, nulla disturba la donna - a condizione che venga seguita la dieta. Lo sviluppo di recidive (ripresa dei reclami) può essere associato all'esposizione a fattori provocatori. La gastrite esacerbata è caratterizzata da sintomi come:

  1. Pesantezza allo stomaco dopo aver mangiato.
  2. brontolio.
  3. Bruciore di stomaco, eruttazione.
  4. Cattivo gusto in bocca.
  5. Nausea, meno comunemente - vomito singolo, che porta sollievo.
  6. Tenerezza epigastrica.
  7. Gonfiore, flatulenza.

Una manifestazione comune di gastrite cronica può essere l'anemia. La donna è preoccupata per la debolezza, le vertigini, l'aumento della stanchezza, nelle fasi successive dello sviluppo della patologia, la sua pelle diventa secca e desquamata, le crepe compaiono agli angoli della bocca, la mancanza di respiro, l'acufene sono caratteristici.

Patologie combinate

La gastrite si verifica molto raramente in isolamento. Nella maggior parte dei casi, si verifica insieme a patologie come:

  • duodenite (infiammazione della mucosa del duodeno);
  • GERD (malattia da reflusso gastroesofageo).

Si osservano i seguenti sintomi:

  • bruciore di stomaco;
  • eruttazione;
  • flatulenza;
  • nausea;
  • dolore addominale - di solito dopo aver mangiato (anche dopo 1-1,5 ore).

L'esacerbazione della gastrite durante la gravidanza può anche essere combinata con varie patologie intestinali. Ciò si manifesta con un disturbo delle feci (costipazione, diarrea o loro alternanza), ripetuti episodi dolorosi di flatulenza, brontolio nello stomaco.

Diagnostica

La gravidanza impone restrizioni significative sulla scelta dei metodi di esame. Pertanto, i dati della cartella clinica registrati durante gli esami precedenti (se si tratta di patologie croniche) daranno un prezioso contributo. Anche mostrato:

  1. Indagine sui dettagli dei reclami.
  2. Ispezione obiettiva.
  3. Test di laboratorio (ricerca di segni di anemia).
  4. Ultrasuoni della cavità addominale.

Gli studi radiografici e l'endoscopia del tratto gastrointestinale superiore (FGDS) non vengono eseguiti per le donne in gravidanza.

Si possono fare eccezioni per il secondo test, tuttavia vale sempre la pena valutare il livello di rischio e la potenziale utilità del metodo. Nella maggior parte dei casi, si consiglia di astenersi da FGDS. Se è necessario chiarire la presenza di infezione da Helicobacter pylori, vale la pena considerare la prospettiva di un test respiratorio.

Trattamento

Le donne in gravidanza che improvvisamente hanno o peggiorano la gastrite cronica possono rivolgersi al medico in clinica o, in casi urgenti, al reparto di ricovero di un ospedale multidisciplinare. Il ricovero in ospedale non è richiesto per tutti i pazienti; il trattamento viene spesso eseguito in regime ambulatoriale, ovvero a casa con visite dal medico all'ora indicata.

Dieta per gastrite

Una corretta alimentazione è necessaria perché crea le condizioni per il ripristino della mucosa gastrica e completa l'effetto dei farmaci. A volte una dieta è sufficiente per correggere le violazioni, che è un'ottima soluzione per una donna incinta che non ha bisogno di un eccessivo carico farmacologico. È vietato mangiare:

  • piatti grassi e piccanti;
  • carni affumicate;
  • Fast food;
  • cibi fritti, marinate;
  • cioccolato;
  • legumi;
  • ravanelli, funghi;
  • cibo in scatola, salsicce;
  • patatine, cracker;
  • semi di girasole;
  • cipolla aglio;
  • mostarda;
  • Maionese;
  • pane nero;
  • noccioline
  • agrumi;
  • uva;
  • Fragola;
  • cottura al burro.

Non bere kvas, cacao e caffè, bevande gassate, succhi di frutta da confezioni. Il latte intero è tollerato, ma durante un'esacerbazione è meglio abbandonarlo. L'alcol è severamente proibito. Un menu dietetico non si forma immediatamente dopo un'esacerbazione o in caso di improvvisi disturbi, poiché è necessaria una "pausa affamata" di 12-24 ore. Per 2-4 giorni, è consentita l'acqua, tè dolce senza additivi, cracker di pane bianco, riso bollito senza olio, gelatina, porridge di farina d'avena schiacciata, per tolleranza - uova alla coque. L'espansione della dieta si verifica quando la condizione migliora; lo schema di alimentazione può includere:

  1. Prodotti a base di latte acido (con cautela, in piccole porzioni).
  2. Frutta e verdura lavorate termicamente e successivamente fresche.
  3. Cereali (tranne l'orzo) sull'acqua, durante la remissione durante la tolleranza - sul latte.
  4. Cottura moderata (ma non pasta fresca).
  5. Cracker di pane bianco.
  6. Biscotti di farina d'avena.
  7. Carne magra, pesce (anche per cucinare brodi e zuppe).
  8. Pan di Spagna secco.
  9. Formaggio Dolce.
  10. Piccole quantità di miele, burro e olio vegetale.
  11. Pasta.
  12. Marshmallow naturale senza caramello e cioccolato.
  13. Soufflé di gelatina.

Delle bevande consentite acqua, tè senza additivi, latte (tolleranza), composta, bevanda alla frutta, kissel. Per eliminare i sintomi spiacevoli, è necessario mangiare in piccole porzioni 6 volte al giorno, non mangiare 4 ore prima di coricarsi.

Gastrite acuta

Il trattamento della gastrite nelle donne in gravidanza è ridotto a una dieta e ai farmaci che migliorano il sistema digestivo dopo l'esposizione a un fattore provocatorio aggressivo:

  • assorbenti ("Carbone bianco", "Enterosgel");
  • antispasmodici (No-shpa, Riabal);
  • procinetica ("Domrid");
  • antiacidi ("Rennie");
  • alginati (Gaviscon).

Nel primo giorno dopo l'insorgenza di sintomi acuti, soprattutto in presenza di vomito e diarrea, è necessario assumere miscele di sale (Regidron, Oralit). Per le infezioni di origine alimentare e le lesioni della mucosa gastrica causate da sostanze chimiche, è necessario il lavaggio con una sonda: solo un medico lo conduce durante la gravidanza.

cronico

Il trattamento della gastrite durante la gravidanza viene effettuato utilizzando vari gruppi di farmaci; può essere applicato:

  1. Inibitori della pompa protonica (Nexium).
  2. Bloccanti del recettore H2 dell'istamina (ranitidina).
  3. Antiacidi ("Rennie").
  4. Alginati (Gaviscon).
  5. Prokinetics (Domperidone).
  6. Antispasmodici (No-Shpa, Riabal).
  7. Enzimi (Pancreatina).

Vale la pena notare che nel periodo di gestazione non è consigliabile assumere fondi contenenti bismuto ("De-Nol"). Alle donne in gravidanza è consentito l'uso di antiacidi, ma è consigliabile scegliere farmaci a base di carbonato di calcio (puoi "Rennie" e analoghi); altri composti, in particolare con l'alluminio, non sono considerati favorevoli per la salute della futura madre e del bambino.

Per quanto riguarda gli inibitori della pompa protonica e i bloccanti dei recettori dell'istamina H2, solo alcuni di essi possono essere prescritti dal medico, in particolare Nexium a base di una sostanza chiamata Esomeprazolo e Ranitidina. Prokinetics può essere bevuto in brevi corsi - non più di 14 giorni e solo secondo le indicazioni (nausea, vomito, bruciore di stomaco grave).

Non è raccomandato il trattamento della gastrite con eradicazione (eliminazione) dell'infezione da Helicobacter pylori durante la gravidanza.

Il programma include antibiotici e altri farmaci che sono indesiderabili da usare durante il periodo gestazionale. Pertanto, tutte le misure per combattere il patogeno sono ritardate.

Gastrite cronica e gravidanza

La gastrite cronica è una malattia causata da alterazioni infiammatorie della mucosa gastrica e alterata produzione di acido cloridrico. Insieme a sensazioni spiacevoli e dolorose, disturbi gastrici e intestinali causati dall'assunzione di cibo o stress nervoso, i pazienti hanno spesso irritabilità, aumento della fatica, debolezza generale e una diminuzione della pressione sanguigna. Secondo i risultati di numerosi esami di massa, oltre il 50% della popolazione adulta dei paesi sviluppati del mondo soffre di gastrite cronica; nella struttura delle malattie digestive, è del 35%.

Maggio Shechtman
Accademico della International Academy of Informatization, Professore, MD.

Le principali forme di gastrite al momento sono la gastrite cronica A (rappresenta il 15-18% dei casi) e la gastrite cronica B causata da un microbo speciale - Helicobacter pylori (70% di tutta la gastrite cronica). Le restanti forme di gastrite sono molto meno comuni..

Sintomi

La gastrite cronica non ha sintomi specifici, il quadro clinico della malattia è molto vario. Nella maggior parte dei casi, i segni della malattia sono dolore nella regione epigastrica e dispepsia: nausea, vomito, eruttazione, feci turbate. Nella gastrite cronica con insufficienza secretoria (basso acido cloridrico nel succo gastrico), si osservano più spesso sintomi di dispepsia gastrica (eruttazione, nausea, vomito) e dispepsia intestinale (flatulenza, brontolio nell'addome, disturbo delle feci). Nella gastrite con secrezione conservata o aumentata di succo gastrico (le forme più spesso riscontrate in giovane età), prevale il dolore. Molto spesso si verifica dolore ripetuto nell'addome superiore. Fondamentalmente, i pazienti lamentano dolore nella regione epigastrica, intorno all'ombelico o nell'ipocondrio destro. Il dolore sorge dopo aver mangiato, spesso associato a un certo tipo di cibo, meno spesso appare a stomaco vuoto, di notte o indipendentemente dal cibo. Il dolore può essere lieve, a volte grave. Con una maggiore produzione di acido cloridrico da parte dello stomaco, il dolore è di solito grave, con un basso, debole. Il dolore diventa più forte quando si allungano le pareti dello stomaco con molto cibo.

La gastrite cronica A procede inizialmente con la normale secrezione dello stomaco (secrezione di succo gastrico) e in questa fase i pazienti non hanno lamentele e il trattamento non è richiesto. La necessità di trattamento si verifica quando il processo infiammatorio nella mucosa dello stomaco si approfondisce e, di conseguenza, la secrezione di succo gastrico viene ridotta.

Con lo sviluppo della gastrite cronica B, la secrezione di succo gastrico nelle parti inferiori dello stomaco è aumentata o normale, ma con la gastrite cronica comune B, la funzione secretoria dello stomaco diminuisce drasticamente fino alla sua insufficienza espressa.

Negli ultimi anni, l'infezione è stata importante nello sviluppo della gastrite cronica di tipo B e dell'ulcera gastrica (la formazione di un'ulcera allo stomaco). I microrganismi speciali (chiamati Helicobacter pylori) si trovano solo nello stomaco, ma non si verificano nell'esofago, nel duodeno e nel retto. È stata stabilita un'alta frequenza (100%) della loro rilevazione in esacerbazione della gastrite cronica e dell'ulcera peptica. Questi microbi secernono sostanze che in determinate condizioni possono causare danni alla mucosa gastrica, interrompendo la produzione di succhi digestivi.

Cause della malattia

I fattori predisponenti della gastrite cronica sono:

  • stress che porta all'interruzione del naturale ritmo biologicamente determinato della vita (lavoro notturno, mancanza di sonno notturno completo), problemi sul lavoro, in famiglia, ecc.;
  • condizioni nutrizionali (cibo irregolare e sbilanciato “in viaggio”, “snack”, cibo “cibo secco”);
  • assunzione di cibo di scarsa qualità, forti bevande alcoliche in grandi quantità o loro surrogati;
  • fumatori;
  • abuso di piatti, tra cui cereali raffinati, oli raffinati, presenza di conservanti, emulsionanti nei prodotti e ormoni e antibiotici negli alimenti per animali;
  • Infezione da Helicobacter pylori da parte di batteri.

Nel 75% delle donne con gastrite cronica, la malattia peggiora durante la gravidanza. Di norma, le donne che soffrono di gastrite cronica sviluppano tossicosi precoce - vomito di donne in gravidanza e spesso si trascinano per 14-17 settimane e possono essere difficili.

La gastrite cronica non è una controindicazione per la gravidanza. Nonostante il fatto che durante un'esacerbazione della malattia una donna provi disagio e un significativo deterioramento del benessere, non influenzano direttamente il corso della gravidanza e l'esacerbazione della gastrite cronica.

Diagnosi di gastrite durante la gravidanza

Al fine di chiarire la diagnosi di gastrite cronica, oltre a studiare le lamentele del paziente e la storia dello sviluppo della malattia, è importante uno studio del succo gastrico, l'esame endoscopico.

Il sondaggio gastrico (assunzione di succo gastrico), oltre a misurare l'acidità del succo gastrico utilizzando un dispositivo speciale, che viene abbassato nello stomaco (pH-metro), accettabile durante la gravidanza, consente di scoprire il livello di acidità del succo gastrico, che aiuta a stabilire la natura della gastrite (aumentata o diminuita acidità), prescrivere il trattamento corretto. Il valore diagnostico del metodo endoscopico (l'introduzione nello stomaco di uno speciale apparato ottico con cui è possibile esaminare le pareti dello stomaco) è innegabile, in particolare, può essere utilizzato per stabilire la presenza di erosione (lacrime) sulla mucosa gastrica, ma poiché la tecnica è abbastanza pesante per una donna incinta, utilizzato per la diagnosi di indicazioni speciali, con fallimento del trattamento.

Trattamento

Con un'esacerbazione della malattia, a una donna viene prescritto il riposo a letto. È inoltre necessaria una dieta. La nutrizione per la gastrite è raccomandata frazionalmente (5-6 volte al giorno). Il cibo viene prima preparato in forma semi-liquida, senza frittura, cloruro di sodio e carboidrati (zucchero, marmellata, confetteria), che hanno un'azione simile al brodo, sono limitati. Latte raccomandato, mucose o zuppe di latte di cereali, uova alla coque, polpette di carne o pesce, gnocchi, burro, ricotta, kefir, stufato di verdure, frutta e verdura fresche. Man mano che le condizioni migliorano, la dieta si espande, compresi pesce e carne bolliti, patate lesse, pasta, prosciutto magro, salsiccia del medico, cereali, panna acida non acida, formaggio. Anche dopo essere passati alla normale alimentazione, si consiglia ai pazienti di escludere dalla dieta carni affumicate, condimenti piccanti, cibi fritti, che, tuttavia, dovrebbero essere evitati da tutte le donne in gravidanza.

Alle donne in gravidanza con acidità normale o elevata del succo gastrico si raccomanda (in assenza di edema) l'uso di acque minerali: Borjomi, Smirnovskaya, Slavyanovskaya, Jermuk, 150-300 ml 3 volte al giorno, 1,5-2 ore dopo assunzione di cibo, in quanto ciò riduce la durata dell'azione dell'acido cloridrico sulla mucosa gastrica. Per la gastrite cronica a bassa acidità, viene utilizzata acqua di tipo Mirgorodskaya, Essentuki n. 4, 17 o Arzni (ricordo, l'acidità è determinata dal rilevamento e dalla misurazione del pH).

Il trattamento farmacologico delle donne in gravidanza affette da gastrite cronica ha le sue caratteristiche. L'eliminazione dell'infezione da Helicobacter pylori durante la gravidanza non viene eseguita, poiché l'uso di farmaci usati a questo scopo è indesiderabile: DE-IOL e TETRACICLINA. OXACILLIN e FURAZOLIDONE (usati al posto di TETRACYCLINE) senza DE-NOL sono inefficaci. Con una pronunciata esacerbazione della gastrite cronica B, si può usare l'effetto antinfiammatorio di EASTROPHARM (2 compresse 3 volte al giorno 30 minuti prima dei pasti). MAALOX, che ha un effetto antiacido (che riduce l'acidità del succo gastrico) e un effetto analgesico, è prescritto in compresse o sospensioni 1 ora dopo un pasto. GELUSIL-LAC ha un effetto adsorbente sull'acido cloridrico, ne impedisce la formazione eccessiva; viene prescritto 3-5 volte al giorno, una polvere da una a due ore dopo un pasto e, se necessario, di notte. I farmaci antispasmodici (PAPAVERINA HYDROCHLORIDE, HO-SHPA) eliminano il dolore. CERUCAL (sinonimi: METOCLOPRAMID, REGLAN) regola la funzione motoria dello stomaco, elimina la nausea e il vomito.

Per il trattamento della gastrite cronica con secrezione gastrica normale o aumentata, vengono utilizzate anche infusioni di piante medicinali che hanno effetti antinfiammatori, analgesici e avvolgenti: camomilla, erba di San Giovanni, menta, semi di lino, avena, achillea, cinquefoil, uccello aviario, rizoma di calamo, celidonia, sedativi ( radice di valeriana, erba di motherwort). L'infusione viene preparata come segue: 2-3 cucchiai di erbe vengono versati con 500 ml di acqua bollente, insistono in un luogo caldo per 30 minuti, quindi filtrati. Puoi aggiungere il miele a piacere. Bevi l'infuso sotto forma di calore 1/2 tazza 5-6 volte al giorno dopo i pasti.

Con grave insufficienza secretoria (basso livello di acido cloridrico nel succo gastrico), viene prestata particolare attenzione alla terapia sostitutiva - riempimento della carenza di acido cloridrico e della pepsina dell'enzima digestivo. A tal fine, assumere il succo gastrico (1 cucchiaio per 1/2 tazza d'acqua), ACIDINA-PEPPSINA, PEPSI DIL, ABOMINA, PANZINORM nelle dosi prescritte dal medico. I complessi multivitaminici che sono utili per le donne in gravidanza da altri punti di vista, così come RIBOXIN (0,02 g 3-4 volte al giorno per 3-4 settimane) e olio di olivello spinoso (1 cucchiaino 3 volte al giorno) sono stimolati dalla secrezione gastrica. cibo 3-4 settimane). Il trattamento con ossigeno, ossigenazione iperbarica, ha lo stesso scopo. MAALOX può anche essere usato per gastrite con bassa acidità di succo gastrico, nel qual caso è meglio prescriverlo sotto forma di sospensione (1 cucchiaio o 1 bustina di sospensione 1 ora dopo un pasto). Ai pazienti con gastrite con ridotta funzione secretoria sono anche raccomandate erbe medicinali che sopprimono il processo infiammatorio nella mucosa gastrica e stimolano la sua funzione secretoria: foglie di piantaggine, assenzio, timo, finocchio, semi di cumino, origano, pastinaca, prezzemolo, menta, iperico, trifolia, achillea e altri. Da queste erbe le infusioni sono preparate nello stesso modo di cui sopra.

Nei pazienti con gastrite cronica A, l'attività pancreatica e la digestione intestinale sono spesso interrotte. Per la correzione di questi disturbi, la PANCREATINA, prescritta dal medico, è 0,5-1 g 3-4 volte al giorno prima dei pasti, 1-2 compresse per pasto. ENTEROSEPTOL, MEXASAZ, MEXAFORM precedentemente utilizzati non sono attualmente raccomandati, perché possono causare gravi effetti collaterali: neurite periferica, compromissione della funzionalità epatica e renale, reazioni allergiche. Come per la gastrite cronica B, i disturbi della funzione motoria dello stomaco sono corretti da CERUCAL e per il dolore prescrivono antispasmodici: PAPAVERINA, NO-SHPA.

Con l'erosione della mucosa dello stomaco e del duodeno, tradizionalmente usi farmaci come ALMAGEL, PHOSPHALUEL 1-2 cucchiai da dosaggio 3 volte al giorno 30-40 minuti prima di mangiare. Il loro uso è dovuto al fatto che l'erosione della mucosa dello stomaco e del duodeno si verifica a causa dell'effetto aggressivo dell'acido cloridrico e della pepsina sulla mucosa indebolendo i suoi meccanismi protettivi. Questi farmaci avvolgono la mucosa gastrica, proteggendola. Quando si usano questi farmaci, il dolore viene solitamente rimosso il 3-4 ° giorno.

È importante notare che la gastrite cronica non influisce sui tempi e sui metodi di consegna, nonché sullo sviluppo del feto.

Le misure per la prevenzione della gastrite cronica dovrebbero includere la dieta. È necessario prendere il cibo in piccole porzioni, 4-5 volte al giorno, masticando bene. Non mangiare troppo. È necessario escludere dalla dieta alimenti che causano irritazione della mucosa gastrica: brodi forti, carni affumicate, cibi in scatola, condimenti, spezie, tè forte, caffè, bevande gassate. Se possibile, è necessario escludere gli effetti dei fattori di stress, smettere di fumare, non abusare di alcol.

Terapia della gastrite durante la gravidanza

La gastrite durante la gravidanza agisce come una delle patologie più comuni di natura extragenitale. Essendo, in sostanza, un'infiammazione, influisce negativamente non solo sul benessere di una donna incinta, ma anche sul feto.
Le statistiche dicono che la gastrite si verifica in oltre il 70% delle donne in gravidanza. Inoltre, solo l'1% ha un episodio acuto di patologia; nel resto, la malattia assume una forma cronica.

Sintomi e cause della malattia

La malattia ha un quadro clinico diversificato anche nelle persone comuni, per non parlare delle donne "in posizione".

La gastrite durante la gravidanza potrebbe non manifestarsi ed è asintomatica, il che complica in modo significativo la diagnosi tempestiva. Questa situazione è caratteristica di una forma cronica della malattia. Lo stadio acuto di solito si manifesta violentemente e non ci sono problemi nella sua diagnosi.

L'esacerbazione della gastrite durante la gravidanza è associata ad un aumento del carico sul corpo femminile, nonché a una possibile malnutrizione della donna incinta, provocata dalla tossicosi. I medici distinguono molti tipi di patologia.

Più comune è il tipo B, causato da un'eccessiva moltiplicazione nello stomaco del batterio condizionatamente patogeno H. pylori.

È in grado di secernere enzimi che interrompono la piena attività delle pareti dello stomaco, che porta alla comparsa di sintomi caratteristici. A volte la malattia è associata a un eccesso di acido cloridrico o alla sua mancanza. Naturalmente, le tattiche di trattamento saranno diverse.

Se viene registrato un eccesso di acido cloridrico, i sintomi della gastrite durante la gravidanza saranno i seguenti:

  • dolore (quando si specifica la localizzazione del paziente, indicano principalmente l'addome superiore, la regione epigastrica, lo spazio vicino all'ombelico, l'ipocondrio destro);
  • i dolori non si verificano da soli, ma in risposta all'assunzione di un determinato cibo (chiedendo attentamente al paziente, il medico sarà in grado di determinare quale cibo provoca l'insorgenza dei sintomi);
  • in rari casi, c'è diarrea, accompagnata da dolore;
  • bruciore di stomaco, eruttazione con un odore e un sapore aspri.


Le donne dovrebbero ricordare che il dolore non appare sempre dopo aver mangiato. Sensazioni spiacevoli possono disturbare le donne di notte o a stomaco vuoto.

I sintomi della gastrite con bassa acidità sono leggermente diversi:

  • attacchi di nausea e vomito;
  • eruttazione, accompagnata dalla comparsa di uno sgradevole odore putrido dalla bocca;
  • flatulenza;
  • una sensazione di pienezza nello stomaco;
  • attacchi di debolezza.

Metodi diagnostici

Nella diagnostica, oltre alla contabilizzazione dei reclami, i metodi di ricerca strumentale e la diagnostica di laboratorio occupano un posto importante. Per l'esame di una donna durante il periodo di gravidanza, viene data preferenza all'endoscopia e all'analisi del succo gastrico.

L'assunzione di liquidi digestivi consente di valutarne le caratteristiche, stabilire l'acidità e scegliere il regime di trattamento ottimale.


L'endoscopia fornisce informazioni su quanto gravemente la mucosa dello stomaco è danneggiata. Questo metodo viene usato raramente per la diagnosi di gastrite nelle donne in gravidanza. L'indicazione principale per l'endoscopia è l'inefficienza della terapia standard.

Come una donna incinta a sbarazzarsi di gastrite?

Molte donne si chiedono come trattare la gastrite durante la gravidanza, in modo da non danneggiare il bambino e piuttosto eliminare i sintomi spiacevoli. Bisogna capire che la terapia con questa patologia è lunga e richiede un approccio sistematico..

Per far fronte al problema, dovresti ascoltare il tuo medico e seguire tutti i suoi consigli sia sulla dieta che sull'assunzione di farmaci. La particolarità della malattia è che è facilmente esacerbato alla minima deviazione dal regime di trattamento selezionato.

Raccomandazioni nutrizionali

Se la gastrite viene diagnosticata durante la gravidanza, si raccomanda di iniziare il trattamento con il più ovvio, cioè con una correzione completa della nutrizione di una donna.

Dovranno cambiare le loro abitudini alimentari, abbandonando una serie di prodotti che irritano lo stomaco. È necessario escludere dalla dieta:

  • acide;
  • salato;
  • arrosto;
  • acuto;
  • affumicato;
  • speziato;
  • in scatola;
  • eccessivamente caldo o troppo freddo.

È auspicabile formare un menu giornaliero a base di prodotti bolliti, carne o pesce magro, gelatina, pasta, cereali, alcuni tipi di formaggi (magri e magri). Le bevande vanno servite calde, ma non calde. Bere non dovrebbe essere eccessivamente acido; anche la caffeina dovrà essere eliminata..

Per migliorare il processo di digestione, si consiglia di mangiare cibo in piccole porzioni, ma spesso. Ottimo - mangia 5-6 volte al giorno.

Terapia farmacologica

Anche il problema di come trattare la gastrite durante la gravidanza con l'aiuto di farmaci è rilevante. A volte le correzioni nutrizionali non sono sufficienti e le donne devono ricorrere ai farmaci.

Vengono utilizzati i seguenti effetti:

  • antinfiammatorio;
  • antiacido (neutralizzante alta acidità);
  • antispastici;
  • possedere un'azione avvolgente;
  • sintomatico (arresto della nausea, regolazione della microflora, ecc.).

Ora i medici, curando la gastrite, stanno cercando di influenzare direttamente l'agente causale più comune delle malattie gastriche - il batterio H. pylori, eliminando il suo effetto dannoso sulla membrana dell'organo digestivo. Questa misura si chiama eradicazione..

Durante la gravidanza, la sua attuazione è complicata o completamente impossibile, poiché i farmaci utilizzati per questo possono influenzare il feto. Questo spiega in gran parte l'approccio sintomatico al trattamento della gastrite durante la gravidanza..

Alcune donne usano i rimedi popolari come terapia, ma anche prima del loro uso, si raccomanda la consultazione di un medico. I decotti e le infusioni hanno uno spettro inferiore di effetti collaterali, ma non sempre si adattano alle donne in gravidanza e possono causare allergie.

Durante il periodo di gravidanza, non puoi scegliere i farmaci da solo, senza l'aiuto di un gastroenterologo, poiché non tutti i farmaci vengono utilizzati durante la gravidanza.

La combinazione di diversi agenti consentiti può anche avere un effetto indesiderato. Solo uno specialista è in grado di valutare i rischi e la razionalità del trattamento farmacologico in una situazione specifica.

Complicanze e misure per prevenirle

La gastrite in sé non rappresenta una minaccia per il feto e non viola il corso della gravidanza, ma può causare a una donna un grave inconveniente, che influenza le condizioni generali del corpo.

Solo in casi gravi, quando la futura mamma è privata dell'opportunità di mangiare completamente a causa del dolore, sorge la minaccia al normale sviluppo del bambino.

La progressione incontrollata della malattia può portare a una serie di complicazioni che si manifestano durante il periodo di gestazione o dopo il parto.

La gastrite incontrollata durante la gravidanza porta alla comparsa di tali complicanze:

  • ulcere allo stomaco e al duodeno;
  • polipi (neoplasie sulla mucosa gastrica che possono essere ferite, che causano dolore e sanguinamento occasionale);
  • tumori.

Le più pericolose sono neoplasie benigne o maligne. Tutte le complicanze della gastrite sono direttamente correlate al processo infiammatorio in cui sono coinvolte le pareti dello stomaco.

Per prevenire tali conseguenze, è necessario arrestare l'infiammazione in modo tempestivo, utilizzando i principi di una dieta equilibrata e di una terapia farmacologica.

Se era possibile farlo e in futuro il paziente aderisce alle raccomandazioni del medico, raramente si sviluppano complicanze.

Metodi per la prevenzione della gastrite

Nella maggior parte dei casi, la gastrite è una malattia cronica. Il medico curante dovrebbe consigliare alla donna i migliori metodi di prevenzione al fine di evitare l'esacerbazione della malattia durante la gestazione.

La principale raccomandazione durante questo periodo è il rispetto delle restrizioni dietetiche. Se scegli la dieta giusta e la segui, la probabilità di sviluppo e progressione della malattia è minima.

Anche se c'è un appetito aumentato, le donne in gravidanza non dovrebbero essere stufate per il futuro.

L'abitudine di mangiare troppo porta a un eccessivo affaticamento dello stomaco, fungendo da ulteriore fattore che provoca lo sviluppo o l'esacerbazione della gastrite. Si consiglia di avere sempre con sé alcuni alimenti consentiti e, se necessario, consumarli in piccole porzioni..

Oltre alla nutrizione, dovrai riportare il regime alimentare normale. Durante la gravidanza, è meglio escludere completamente il caffè e il tè troppo forte..

Si consiglia di scegliere l'acqua minerale insieme al medico e dopo aver chiarito il livello di acidità del succo gastrico, in modo da non provocare un deterioramento.

Si raccomanda di trattare tempestivamente varie infezioni, come tonsillite, sinusite, carie, ecc. Ciò contribuirà a impedire che l'infezione si sposti dal fuoco della lesione iniziale alla parete dello stomaco..

Alle donne a cui è stata diagnosticata la gastrite da molto tempo, anche prima del concepimento di un bambino, si consiglia di informare il medico che osserva la gravidanza.

Le informazioni aiuteranno lo specialista a prevedere il possibile decorso della malattia e ad adottare misure per prevenirne l'esacerbazione..

Se la gastrite si sviluppa ancora durante la gravidanza, gestisci il trattamento tempestivo, segui attentamente i consigli del medico e prendi i farmaci necessari. Ciò normalizza la condizione nel più breve tempo possibile e non consentirà complicazioni che influenzano le condizioni generali della madre e del bambino.

Postato da Arina Volkova, Dottore,
appositamente per Mama66.ru