Atlante di anatomia umana
Pancreas

Il pancreas (pancreas) (Fig. 151, 158, 159, 169) è una grande ghiandola digestiva allungata (16-22 cm di lunghezza e 60-80 g di peso) situata dietro lo stomaco a livello dell'XI-XII torace inferiore e I-II vertebre lombari. L'asse lungo del pancreas si trova quasi trasversalmente, in modo che la maggior parte di esso si trova sul lato sinistro della colonna vertebrale. Si compone di tre dipartimenti situati da destra a sinistra: testa (caput pancreatis) (Fig. 169), corpo (corpus pancreatis) (Fig. 169) e coda (cauda pancreatis) (Fig. 169). La testa della ghiandola è circondata dal duodeno e la coda si trova in cima al rene sinistro e raggiunge la porta della milza. Dietro la ghiandola si trovano la vena cava inferiore e l'aorta addominale, di fronte c'è la vena portale e l'arteria mesenterica superiore (Fig. 169). Le superfici anteriore e posteriore della ghiandola si distinguono e nell'area del corpo - la superficie inferiore e i bordi anteriore (margo anteriore), superiore (margo superiore) e inferiore (margo inferiore) (Fig. 169). Le superfici anteriore e inferiore sono ricoperte di peritoneo.

La ghiandola è un organo tubulare-alveolare costituito da lobuli, i cui dotti confluiscono nel dotto escretore del pancreas (dotto pancreatico), che si collega al dotto biliare comune, formando l'ampolla epatico-pancreatica (ampulla epatopancreatica), e si apre nel duodeno bordo destro della testa della ghiandola.

Il succo pancreatico è prodotto dalle principali cellule dei lobuli ghiandolari (parte esocrina). Nel parenchima del pancreas si trovano le cosiddette isole pancreatiche, o isole di Langerhans, che sono gruppi di cellule che secernono nel sangue glucagone, insulina, ecc. Queste isole non hanno condotti e formano la parte endocrina dell'organo.

Figura. 151. Apparato digerente:

1 - ghiandola parotide; 2 denti; 3 - la cavità orale; 4 - faringe; 5 - lingua; 6 - ghiandola ipoide;

7 - ghiandola sottomandibolare; 8 - l'esofago; 9 - uno stomaco; 10 - il fegato; 11 - dotto biliare comune;

12 - lo sfintere del gatekeeper (sfintere); 13 - cistifellea; 14 - pancreas;

15 - duodeno; 16 - una forte curva del duodeno; 17 - la curva a sinistra del colon;

18 - la curva a destra del colon; 19 - digiuno; 20 - il colon ascendente;

21 - i due punti discendenti; 22 - colon trasverso; 23 - valvola ileocecale;

24 - il cieco; 25 - appendice; 26 - ileo; 27 - colon sigmoideo;

28 - il retto; 29 - compressore esterno dell'ano

Figura. 158. Il corso del peritoneo:

1 - apertura; 2 - il fegato; 3 - un piccolo epiploon; 4 - pancreas; 5 - stomaco;

6 - duodeno; 7 - cavità peritoneale; 8 - colon trasverso; 9 - digiuno;

10 - un grande epiploon; 11 - ileo; 12 - il retto; 13 - spazio positiviscerale

Figura. 159. Organi della cavità addominale:

1 - fegato; 2 - stomaco; 3 - cistifellea; 4 - milza; 5 - pancreas;

6 - la curva sinistra del colon; 7 - la curva a destra del colon; 8 - la curva superiore del duodeno;

9 - rilievo del duodeno; 10 - la parte ascendente del duodeno; 11 - il colon ascendente;

12 - ileo; 13 - mesentere del colon sigmoideo; 14 - il cieco; 15 - appendice;

16 - il retto; 17 - colon sigmoideo

Figura. 169. Pancreas e duodeno:

1 - milza; 2 - aorta addominale; 3 - la vena cava inferiore; 4 - vena portale; 5 - il bordo superiore del pancreas;

6 - la parte superiore del duodeno; 7 - la coda del pancreas; 8 - il corpo del pancreas;

9 - la curva superiore del duodeno; 10 - il bordo anteriore del pancreas; 11 - il bordo inferiore del pancreas;

12 - digiuno; 13 - la testa del pancreas; 14 - la parte discendente del duodeno;

15 - la parte ascendente del duodeno; 16 - parte orizzontale del duodeno;

17 - curva inferiore del duodeno

Il pancreas (pancreas) (Fig. 151, 158, 159, 169) è una grande ghiandola digestiva allungata (16-22 cm di lunghezza e 60-80 g di peso) situata dietro lo stomaco a livello dell'11-12 ° torace inferiore e I - II vertebre lombari. L'asse lungo del pancreas si trova quasi trasversalmente, in modo che la maggior parte di esso si trova sul lato sinistro della colonna vertebrale. Si compone di tre dipartimenti situati da destra a sinistra: testa (caput pancreatis) (Fig. 169), corpo (corpus pancreatis) (Fig. 169) e coda (cauda pancreatis) (Fig. 169). La testa della ghiandola è circondata dal duodeno e la coda si trova in cima al rene sinistro e raggiunge la porta della milza. Dietro la ghiandola si trovano la vena cava inferiore e l'aorta_aorta addominale, di fronte ad essa vi è il portale vena_vena e l'arteria mesenterica superiore_br_arteriya (Fig. 169). Le superfici anteriore e posteriore della ghiandola si distinguono e nell'area del corpo - la superficie inferiore e i bordi anteriore (margo anteriore), superiore (margo superiore) e inferiore (margo inferiore) (Fig. 169). Le superfici anteriore e inferiore sono ricoperte di peritoneo.

La ghiandola è un organo tubulare-alveolare costituito da lobuli, i cui dotti confluiscono nel dotto escretore del pancreas (dotto pancreatico), che si collega al dotto biliare comune, formando l'ampolla epatico-pancreatica (ampulla epatopancreatica), e si apre nel duodeno bordo destro della testa della ghiandola.

Il succo pancreatico è prodotto dalle principali cellule dei lobuli ghiandolari (parte esocrina). Nel parenchima del pancreas ci sono le cosiddette isole pancreatiche ostrovki, o isole di Langerhans, che sono ammassi di cellule che secernono nel sangue glucagone, insulina, ecc. Queste isole non hanno condotti e formano la parte endocrina dell'organo.

Pancreas, pancreas - una grande ghiandola situata nella parte posteriore dell'addome dietro lo stomaco, a livello delle vertebre toraciche inferiori (XI-XII) e lombari superiori (I, II). La maggior parte della ghiandola svolge una funzione esocrina - questa è la parte esocrina del pancreas, pars exocrina pancreatis; la secrezione secreta da essa attraverso i dotti escretori entra nel duodeno.

La parte esocrina del pancreas ha una struttura alveolare-tubolare complessa. Intorno al dotto principale della ghiandola vi sono lobuli pancreatici macroscopici, lobuli pancreatis, il suo parenchima, costituito da un numero di ordini di lobuli più piccoli. Le strutture più piccole - acini pancreatici, acini pancreatici, sono costituite da epitelio ghiandolare. Gruppi di acini sono uniti in segmenti del settimo ordine, in essi si formano i più piccoli dotti escretori. I lobuli della ghiandola sono divisi da setti interlobulari di tessuto connettivo, setti interlobares.

Isolotti pancreatici, insulae pancreaticae, che rappresentano la parte endocrina del pancreas, si trovano tra i lobuli.

Il pancreas si trova quasi trasversalmente, attraversando la parte anteriore della colonna vertebrale e 1/3 di esso è a destra, cioè a destra della colonna vertebrale (nel ferro di cavallo del duodeno), e 2/3 - a sinistra del piano mediano del corpo, nella regione epigastrica e nell'ipocondrio sinistro la zona. 5-10 cm sopra il livello dell'anello ombelicale è proiettato sulla parete addominale.

Nel pancreas, tre sezioni sono disposte in sequenza da destra a sinistra: la testa, il pancreatis caput, il corpo, il corpus pancreatis e la coda, il cauda pancreatis. Tutti i reparti sono circondati da una capsula del pancreas, capsula pancreatis.

Distingua tra le superfici anteriore e posteriore del pancreas e nel corpo: la superficie inferiore e tre bordi: anteriore, superiore e inferiore.

La lunghezza del pancreas è di 16-22 cm, la larghezza è di 3-9 cm (nella zona della testa), lo spessore è di 2-3 cm; peso 70-80 g Il ferro ha un colore rosa grigiastro, quasi uguale alla parotide ghiandola salivare. La testa della ghiandola si trova a livello delle vertebre lombari I-II e il corpo e la coda vanno obliquamente a sinistra e verso l'alto, in modo che la coda si trovi nell'ipocondrio sinistro, a livello delle costole XI-XII.

La testa del pancreas, caput pancreatis, è la parte più larga; il suo bordo destro è piegato verso il basso e forma un processo a forma di uncino, processus uncinatus, diretto a sinistra. Quando la testa passa nel corpo, il ferro si restringe un po ', questa zona è solitamente chiamata collo del pancreas.

La metà destra del corpo ha una leggera curva in alto e in avanti, la metà sinistra forma una curva in basso; la coda della ghiandola è rivolta verso l'alto. Sul bordo inferiore del collo della ghiandola, c'è una tacca pancreatica, incisura pancreatis, che separa il processo a forma di uncino e continua lungo la superficie posteriore del collo verso l'alto e a destra sotto forma di una grondaia obliqua, in cui giacciono l'arteria mesenterica superiore e la vena mesenterica superiore (quest'ultima si fonde qui con la vena splenica e continua qui come la vena porta).

Nella testa del pancreas, il duodeno passa, coprendolo sotto forma di un ferro di cavallo: con la sua parte superiore è adiacente alla testa della ghiandola dall'alto e in parte davanti, nella parte discendente copre il bordo destro e la parte orizzontale (inferiore) - il bordo inferiore.

Nella metà superiore del divario tra la testa del pancreas e la parte discendente del duodeno, il dotto biliare comune, dotto coledoco, scende. La superficie posteriore della testa del pancreas confina con la vena renale destra, l'arteria renale e la vena cava inferiore; nella regione cervicale, il bordo sinistro del processo a forma di uncino è adiacente alla gamba destra del diaframma e all'aorta addominale.

La superficie frontale della testa del pancreas è coperta da un foglio di peritoneo parietale; il centro attraversa la radice del mesentere del colon trasverso, facendo sporgere la parte superiore della testa nella cavità della borsa omentale, la borsa omentalis e aderendo attraverso il peritoneo alla superficie posteriore dello stomaco (fino alla sua parte pilorica). La parte inferiore della testa coperta con il peritoneo, così come la parte inferiore del duodeno adiacente ad esso, si trova sotto la radice del mesentere del colon trasverso e si affaccia sul seno destro del piano inferiore della cavità addominale, dove si trovano anelli del piccolo intestino vicino ad esso.

Il corpo del pancreas, il corpus pancreatis, si trova al livello I della vertebra lombare. Ha una forma triedrica (prismatica).

Distingue tre superfici: anteriore, posteriore e inferiore e tre bordi: superiore, anteriore e inferiore.

La superficie frontale, facies anteriore, è rivolta anteriormente e leggermente verso l'alto; è limitato dal bordo anteriore, anteriore margo e dall'alto - il bordo superiore, superiore margo. La superficie posteriore, facies posteriore, è tornata indietro; è limitato dai bordi superiore e inferiore, margini superiori e inferiori. Superficie del fondo stretta, facies inferiore, rivolta verso il basso e delimitata dai bordi anteriore e inferiore.

Il mesentere del colon trasverso e le foglie dell'omentum omentum majus fuse con esso sono attaccate al bordo anteriore. La parte superiore delle foglie lungo il bordo anteriore passa verso l'alto nel peritoneo parietale, che copre la superficie anteriore del pancreas.

La superficie frontale del corpo della ghiandola è rivolta verso la parete posteriore dello stomaco. La parte destra del corpo adiacente alla testa è di fronte alla colonna vertebrale (II vertebra lombare), sporge in avanti e verso l'alto, formando una protuberanza omentale, tubero omentale. Questo tubercolo si trova a livello della minore curvatura dello stomaco, affronta l'omento minore ed è in contatto con lo stesso collinello del lobo sinistro del fegato, tuber omentale hepatis.

La superficie posteriore del corpo della ghiandola è adiacente all'aorta addominale, al plesso celiaco, alla vena renale sinistra; a sinistra - a ghiandola surrenale sinistra e rene sinistro. Su questa superficie in scanalature speciali passa l'arteria splenica e sotto, immediatamente sotto il bordo superiore, vicino al centro della superficie posteriore, si trova la vena splenica.

La superficie inferiore del pancreas si trova sotto il mesentere del colon trasverso. Nel mezzo del tratto, una curva a dodici magri, flexura duodenojejunalis, è adiacente ad essa. A sinistra della superficie inferiore ci sono anelli dell'intestino tenue e una sezione del colon trasverso. La superficie inferiore è separata dalla parte posteriore da un bordo inferiore smussato. La superficie anteriore delimita dal bordo superiore affilato posteriore, lungo il quale passa l'arteria splenica. Nella regione dell'urto omentale dal bordo superiore verso la minore curvatura dello stomaco, c'è una piega peritoneale in cui passa l'arteria gastrica sinistra.

La coda del pancreas, la cauda pancreatis, sale verso sinistra e, allontanandosi dalla parete posteriore dell'addome, entra tra le foglie del legamento gastro-splenico, lig. gastrolienale; le navi spleniche si aggirano attorno al bordo superiore della ghiandola e si mettono di fronte. La coda della ghiandola raggiunge la superficie viscerale della milza e la confina con la sua estremità sotto e dietro il cancello. Al di sotto è adiacente alla curva sinistra del colon.

Il dotto pancreatico, dotto pancreatico, corre dalla coda alla testa, situato nello spessore della sostanza ghiandolare nel mezzo della distanza tra i bordi superiore e anteriore, più vicino alla parte posteriore che alla superficie anteriore. Lungo il percorso del condotto, i condotti dai lobuli circostanti della ghiandola confluiscono in esso. Al margine destro della testa, il dotto si collega al dotto biliare comune nell'ampolla epatico-pancreatica, ampulla epatopancreatica, in cima alla grande papilla del duodeno, papilla duodeni major.

Prima di connettersi al dotto biliare comune, lo strato di fasci muscolari circolari del dotto pancreatico si ispessisce, formando uno sfintere del dotto pancreatico, m. sfintere dotto pancreatico, che, come notato, fa effettivamente parte dello sfintere dell'ampolla epatico-pancreatica.

Nella regione della parte superiore della testa, c'è spesso un dotto pancreatico aggiuntivo, il dotto pancreatico accessorio, che si apre con una bocca separata sopra la papilla duodenale principale, papilla duodeni minor.

Un pancreas aggiuntivo, accessorio del pancreas, che è un nodulo separato più spesso situato nella parete dello stomaco o nella parte iniziale dell'intestino tenue e non collegato al pancreas principale, è raro.

La coda del pancreas è in contatto con la milza, il lien (splen), - l'organo del sistema circolatorio e linfatico.

Innervazione: plesso celiaco e n. vago.

Rifornimento di sangue: a. pancreaticoduodenalis superior (da a. gastroduodenalis), a. pancreaticoduodenalis inferiore (da a. mesenterica superiore) e rr. pancreatici (da a. lienalis). Il sangue venoso scorre attraverso la vv. mesentericae superior et inferior, v. lienalis e v. gastrica sinistra in v. portae. I vasi linfatici portano linfa a nodi lymphatici pancreatici, pancreatoduodenales, lienales, pylorici, lumbales.

Struttura del pancreas: anatomia

Il pancreas, il suo scopo nel corpo umano, quali sono le caratteristiche strutturali, l'anatomia e le funzioni del pancreas, considereremo in dettaglio nella nostra recensione.

Il pancreas è un organo nella cavità addominale, la più grande ghiandola del corpo. Si riferisce alle ghiandole di secrezione mista. La domanda è: cosa produce il pancreas? Il corpo secerne il succo pancreatico ricco di enzimi e ormoni responsabili del metabolismo dei carboidrati e delle proteine..

Anatomia del pancreas umano.

La struttura del pancreas umano è rappresentata da un organo lobato, a forma di virgola, di colore grigio-rosa. Si trova dietro e leggermente a sinistra dello stomaco. Se una persona viene messa sulla schiena, questo organo sarà sotto lo stomaco, sulla base di questo, apparirà il nome "pancreas". Alloca il corpo, la testa e la coda del pancreas.

La testa del pancreas è la parte dell'organo che si chiude direttamente con il duodeno. Ai margini del corpo e della testa vi è una rientranza in cui scorre la vena porta. Il corpo del pancreas ha la forma di un prisma triedrico. La parte anteriore è rivolta verso la parte posteriore dello stomaco e leggermente verso l'alto. La parte posteriore - alla colonna vertebrale, è in contatto con la vena cava inferiore, l'aorta addominale, il plesso celiaco. La superficie inferiore è rivolta verso il basso e leggermente in avanti, posta leggermente sotto il mesentere del colon.

La coda della ghiandola ha una forma a pera, corre verso la porta della milza.

In tutta la ghiandola, il condotto di Wirsung attraversa il duodeno.

Le caratteristiche strutturali del pancreas.

Il pancreas è ben fornito di sangue; diverse fonti lo alimentano contemporaneamente. I rami delle arterie pancreatoduodenali superiore e inferiore si adattano alla testa, il corpo e la coda ricevono nutrimento dai rami dell'arteria splenica.

Il deflusso di sangue avviene attraverso la vena pancreatoduodenale, che fa parte del sistema della vena porta.

Innervazione pancreatica.

Da parte del sistema nervoso parasimpatico, il nervo vago innerva la ghiandola e il plesso celiaco simpatico.

La struttura istologica del pancreas umano.

Per la sua struttura, il pancreas è un organo alveolare-tubolare piuttosto complesso. La sostanza principale che compone la ghiandola è divisa in piccoli segmenti. Tra i lobuli si trovano i vasi, i nervi e i piccoli condotti che raccolgono il segreto e lo consegnano al condotto principale. Secondo la struttura del pancreas può essere diviso in due parti: endocrino ed esocrino

La parte del pancreas che è responsabile della funzione esocrina è costituita dagli acini, che si trovano nei lobuli. I condotti partono dagli acini in una forma ad albero: i dotti intralobolari scorrono nei dotti interlobulari, quindi nel dotto pancreatico principale, che si apre nel lume del duodeno.

Gli isolotti di Langerhans sono responsabili della funzione endocrina. Di solito hanno una forma sferica, sono costituiti da insulociti. A seconda della funzione e delle capacità morfologiche, gli insulociti sono divisi in cellule β, cellule α, cellule Δ, cellule D, cellule PP.

Funzione pancreatica.

Le capacità funzionali nel pancreas sono divise in due gruppi:

  1. Le capacità esocrine sono la secrezione del succo pancreatico, ricco di enzimi coinvolti nella digestione del cibo. I principali enzimi che il pancreas produce sono amilasi, lipasi, tripsina e chimotripsina. Gli ultimi due sono attivati ​​nel duodeno dall'enterokinase.
  2. Le capacità endocrine sono la secrezione di ormoni coinvolti nel metabolismo dei carboidrati. I principali ormoni secreti dal pancreas sono insulina e glucagone. Questi due ormoni sono assolutamente opposti nella loro azione. Inoltre, il pancreas produce un ormone neuropeptide, un polipeptide pancreatico e una somatostatina.

Malattia del pancreas.

Tra le malattie del pancreas si possono identificare:

  • Pancreatite acuta. La causa di questa malattia è l'iperstimolazione della funzione secretoria della ghiandola con ostruzione della fiala della papilla duodenale. Il succo pancreatico viene secreto, ma il suo deflusso nel duodeno viene interrotto, gli enzimi iniziano a digerire la ghiandola stessa. Il parenchima del pancreas aumenta, inizia a esercitare pressione sulla capsula, poiché questo organo è ben innervato e alimentato di sangue, l'infiammazione si sviluppa alla velocità della luce e il dolore è molto pronunciato. Il paziente avverte un forte dolore nell'epigastrio, spesso di herpes zoster. Se non si cerca aiuto in tempo, può svilupparsi necrosi pancreatica con peritonite. La causa della pancreatite acuta può essere l'intossicazione da alcol, l'uso di alimenti dannosi, la presenza di colelitiasi in un paziente.
  • Pancreatite cronica.Esistono diverse forme di pancreatite cronica:

-in primo luogo, la causa dell'evento può essere l'uso di alcol, droghe, malnutrizione, disturbi metabolici nel corpo;

- secondario, si verifica a causa di altre malattie nel corpo;

- pancreatite post-traumatica, si verifica a causa di lesioni o dopo esami endoscopici.

La pancreatite cronica si manifesta come insufficienza pancreatica per secernere enzimi. Gli ultrasuoni mostreranno un cambiamento nella struttura del pancreas, sono possibili la sclerosi del dotto e la formazione di calcoli (pancreatite calculosa). Le conseguenze della pancreatite cronica possono essere un malfunzionamento di tutti i sistemi, questo si riferisce direttamente ai sistemi digestivo ed endocrino.

  • Cisti pancreatiche può essere congenito e acquisito. La causa delle cisti acquisite sono lesioni, pancreatite acuta e cronica. Separatamente, le cisti parassitarie possono essere distinte, la causa della loro insorgenza è nella maggior parte dei casi infezione da echinococco.
  • Tumori del pancreas Sono divisi in ormone attivo e ormone inattivo. Gli ormoni attivi comprendono glucoganoma, insulina e gastrina. È molto difficile diagnosticare questi tumori; essi vengono spesso rilevati durante la presentazione di una malattia concomitante (diabete mellito). Il carcinoma del pancreas è classificato come inattivo ormonale. Questo tumore può causare disagio nella regione epigastrica, disturbi dispeptici, una forte perdita di peso. Se il tumore si trova nella testa del pancreas, il paziente può avere l'ittero ostruttivo. Solo trattamento chirurgico dei tumori.

Prevenzione delle malattie del pancreas.

Non è possibile per una persona fare la prevenzione del cancro, gli scienziati non hanno ancora trovato un tale metodo. Ma la prevenzione delle malattie infiammatorie è alla portata di tutti. Le misure preventive sono un'alimentazione corretta e pienamente equilibrata, non bere alcolici, evitare situazioni stressanti, aderire al corretto regime di sonno e nutrizione.

La struttura del pancreas umano: posizione, anatomia, funzione

Il pancreas è un organo situato nella cavità addominale, che non solo svolge un'importante funzione nel processo digestivo, ma è anche una fonte di ormoni che regolano il metabolismo dei carboidrati nel corpo. Il pancreas è funzionalmente diviso nella parte esocrina, che fornisce al corpo enzimi digestivi, e la parte endocrina, che produce e secerne ormoni come insulina e glucagone, a seconda delle esigenze.

La posizione e la struttura macroscopica del pancreas

La ghiandola più grande del sistema digestivo si trova orizzontalmente nella parte posteriore della cavità addominale. La posizione anatomica del pancreas è il livello delle vertebre lombari (L1-L2) e dello stomaco. L'organo dell'apparato digerente ha una struttura lobulare, costituita da piccole parti (lobuli) circondate da una sacca comune. Il tessuto ghiandolare è circondato da un rivestimento grasso che protegge la struttura morbida del pancreas da danni meccanici. I segmenti dell'organo anatomico hanno la loro innervazione e vascolarizzazione, cioè il sistema dei vasi sanguigni.

Il succo pancreatico viene escreto dai tubuli nel pancreas, la cui estremità si trova nella parete del duodeno. L'apparato digerente ha anche un dotto biliare comune proveniente dal fegato e dalla cistifellea. Struttura macroscopica del pancreas:

  • Testa situata sul lato destro adiacente al duodeno.
  • Corpo triangolare.
  • Coda - parte conica o a forma di pera.

La maggior parte di questo organo allungato con una sezione trasversale irregolare si trova sul lato sinistro della linea mediana del corpo.

La struttura microscopica del pancreas

La struttura microscopica del pancreas è una forma alveolare-tubolare complessa responsabile di due funzioni principali: esocrina ed endocrina. La parte esocrina o esocrina è formata da cellule intravesicali, responsabili della produzione di numerosi enzimi e cellule caliciformi che producono muco. Una miscela di questi ingredienti è un succo pancreatico, che si forma in una quantità da 0,5 a 2 litri al giorno. L'enzima prodotto partecipa alla digestione dei prodotti nel duodeno e negli ulteriori intestini..

La parte endocrina o intrasecretoria dei cosiddetti isolotti di Langerhans è un gruppo di cellule ormonali produttrici situate nella coda del pancreas. Sono sparsi in tutto il parenchima degli organi e non ne formano una parte separata..

Sulle isole di Langerhans sono stati identificati diversi tipi di cellule che producono vari ormoni e proteine:

  • le cellule alfa secernono glucagone, essendo un antagonista dell'insulina;
  • le cellule beta secernono insulina, inibendo la gluconeogenesi;
  • le cellule delta secernono la somatostatina, che inibisce le secrezioni ghiandolari;
  • le cellule pp secernono polipeptide pancreatico, che stimola la secrezione del succo gastrico;
  • le cellule epsilon secernono la grelina - un ormone che stimola l'appetito.

Enzimi pancreatici

Gli enzimi contenuti nel succo pancreatico svolgono un ruolo importante nella digestione dei contenuti alimentari, distribuendo la sua composizione in elementi più semplici: carboidrati, proteine ​​e grassi. Il più significativo di loro:

  • amilasi;
  • tripsinogeno;
  • chymotrypsinogen;
  • lipasi pancreatiche;
  • fosfolipasi;
  • carbossipeptidasi.

Alcune di queste sostanze sono prodotte e secrete sotto forma di proenzimi inattivi per evitare l'autoguarigione del pancreas. La loro conversione finale in potenti enzimi avviene nel lume intestinale sotto l'influenza di sostanze secrete lì, tra cui enterokinase e ormoni precedentemente attivati.

Ormoni pancreatici e loro funzioni

Gli ormoni più importanti secreti dal pancreas sono insulina e glucagone. Insieme regolano il metabolismo dei carboidrati. L'insulina aumenta la penetrazione del glucosio nelle cellule e accumula le sue riserve, principalmente nei muscoli e nel fegato, sotto forma di glicogeno. Questi componenti sono la riserva di energia per il corpo umano..

La carenza di insulina porta a una delle malattie più pericolose e allo stesso tempo comuni: il diabete di tipo 1. Se il pancreas non produce abbastanza ormone, un paziente che non sta assumendo un trattamento è a rischio di morte.
Il glucagone ha l'effetto opposto: aumenta il livello di glucosio nel sangue e aumenta la sua disponibilità in situazioni stressanti, durante attività fisiche o intellettuali. Questo processo provoca la glicogenolisi nel corpo, cioè la scomposizione del glicogeno.

Alcune cellule pancreatiche nell'isolotto di Langerhans producono anche ormoni necessari per lo sviluppo fisiologico umano, ad esempio la somatostatina, che modula la secrezione dell'ormone della crescita.

Malattie pancreatiche comuni

La struttura e la posizione del pancreas e le sostanze che produce hanno un impatto significativo sul corso di processi dolorosi in questo organo. A causa del posizionamento nella parte posteriore della cavità addominale, la diagnosi delle malattie del pancreas diventa in ritardo, soprattutto se i processi infiammatori si trovano nella coda. Ciò ritarda l'implementazione di un trattamento adeguato. È difficile determinare un aumento del pancreas a causa di infiammazione, presenza di una cisti o cancro.

Spesso il primo segno di infiammazione del pancreas è l'ittero e la pancreatite acuta. Un effetto simile può essere causato dal blocco del canale duodenale da calcoli biliari. Lo sviluppo dell'infiammazione acuta di solito si verifica rapidamente, con disturbi molto gravi. Ciò può causare peritonite e una minaccia per la vita del paziente a causa di shock, disidratazione e carenza di insulina. Il rilascio incontrollato di enzimi digestivi e la loro attivazione nel parenchima pancreatico possono portare all'autoguarigione o alla necrosi.

Anatomia umana: pancreas. Anatomia pancreatica normale.

Tutti i processi nel corpo umano sono regolati da determinati enzimi e ormoni. Sono prodotti dalle ghiandole della secrezione interna ed esterna. Il più grande di questi è il pancreas.

Questo è il secondo organo gastrointestinale più grande dopo il fegato. Questa ghiandola ha una struttura complessa e svolge funzioni molto importanti, fornisce normali processi di digestione, nonché l'assorbimento del glucosio, evitando un aumento della sua quantità nel sangue. Pertanto, una qualsiasi delle sue patologie interrompe gravemente l'attività vitale dell'intero organismo.

Le principali funzioni del pancreas

Eventuali problemi associati alla riduzione della produzione di enzimi pancreatici sono accompagnati da sintomi tipici. I sintomi più comuni sono dolore e indigestione. Nelle donne e negli uomini, i sintomi sono gli stessi. A seconda della gravità del processo, l'intensità del dolore, nonché la gravità dei fenomeni dispeptici, possono essere diverse. I disturbi più indicativi in ​​violazione del pancreas:

  • la presenza di dolore; localizzazione del dolore - cavità addominale superiore, ipocondrio sinistro; il dolore può essere correlato o meno all'assunzione di cibo;
  • frequente nausea, vomito è possibile;
  • appetito alterato nella direzione della diminuzione fino alla completa assenza;
  • gonfiore e brontolio nello stomaco (flatulenza);
  • disturbi delle feci, più spesso - diarrea; nelle feci possono esserci impurità di fibre non digerite, grasso;
  • segni di intossicazione (palpitazioni cardiache, affaticamento, debolezza generale, sudorazione, mal di testa);
  • ingrossamento del fegato;
  • scolorimento della pelle (ittero), spesso nell'area della proiezione del pancreas.

Malattie associate alla riduzione della produzione di enzimi:

  • pancreatite acuta (infiammazione del pancreas, spesso accompagnata da edema);
  • pancreatite cronica;
  • processi tumorali nel pancreas;
  • lo sviluppo del diabete;
  • necrosi pancreatica.

Il pancreas nel sistema digestivo è il secondo organo più grande dopo il fegato in importanza e dimensioni, che ha due importanti funzioni. In primo luogo, produce due ormoni principali, senza i quali il metabolismo dei carboidrati non sarà regolato: glucagone e insulina. Questa è la cosiddetta funzione endocrina o incrementale della ghiandola.

Il ferro produce succo contenente proteine, oligoelementi, elettroliti e bicarbonati. Quando il cibo entra nel duodeno, anche il succo entra lì, che con le sue amilasi, lipasi e proteasi, i cosiddetti enzimi pancreatici, scompone i nutrienti e promuove il loro assorbimento dalle pareti dell'intestino tenue.

Il pancreas produce circa 4 litri di succo pancreatico al giorno, che si sincronizza esattamente con l'apporto di cibo allo stomaco e al duodeno. Il complesso meccanismo del funzionamento del pancreas è fornito dalla partecipazione delle ghiandole surrenali, paratiroidi e tiroidee..

Gli ormoni prodotti da questi organi, così come gli ormoni come la secretina, la pancrosina e la gastrina, che sono il risultato degli organi digestivi, determinano l'adattabilità del pancreas al tipo di cibo assunto - a seconda dei componenti che contiene, produce quegli enzimi che possono fornire la loro scissione più efficace.

Funzioni e ruolo nel metabolismo

Il pancreas è un organo del sistema endocrino correlato alle ghiandole della secrezione mista. Svolge funzioni esocrine (produzione di enzimi digestivi nella cavità dell'intestino tenue) e funzioni intrasecretorie (sintesi di ormoni che regolano lo zucchero nel flusso sanguigno). Giocando un ruolo importante nella nostra vita, il pancreas esegue:

  • Funzione digestiva: partecipazione alla digestione del cibo, scomposizione dei nutrienti in composti semplici.
  • Funzione enzimatica - produzione e isolamento di tripsina, chimotripsina, carbossipeptidasi, lipasi, elastasi, amilasi.
  • Funzione ormonale: secrezione continua di insulina e glucagone nel flusso sanguigno.

Produzione di ormoni

Oltre agli enzimi, il pancreas produce ormoni (insulina, glucagone, somatostatina). Questa funzione endocrina (intrasecretoria) è svolta da gruppi di cellule chiamate isole pancreatiche (isole di Langerhans - che prendono il nome dal ricercatore che le ha descritte). Nel pancreas ci sono da 1 a 2 milioni di isole, sebbene il loro volume totale non superi il 3% della massa della ghiandola.

Tra le cellule delle isole pancreatiche si distinguono le cellule alfa e beta. Quest'ultimo costituisce il 60–80% di tutte le cellule. Si trovano nella parte centrale degli isolotti e producono insulina. Le cellule alfa (10-30% della massa cellulare totale) che producono glucagone si trovano alla periferia delle isole. Un altro 10% delle cellule secerne la somatostatina (Fig. 3).

L'insulina e il glucagone regolano il livello di glucosio nel sangue - un'importante fonte di energia per molti tessuti, e per il sistema nervoso centrale è in realtà l'unico e indispensabile. Il glucagone favorisce il rilascio di glucosio dal fegato e ne aumenta il livello nel sangue. L'insulina, al contrario, porta alla deposizione di glucosio sotto forma di glicogeno nel fegato, con conseguente riduzione della quantità di zucchero (glucosio) nel sangue. La somatostatina inibisce il rilascio di insulina e glucagone.

L'insulina è un ormone unico la cui funzione non è duplicata da altre sostanze biologicamente attive. Il suo principale effetto è aumentare la permeabilità delle cellule al glucosio. Sotto l'influenza dell'insulina, il tasso di transizione del glucosio nelle cellule aumenta di circa 20 volte. L'insulina aumenta il trasporto di glucosio attraverso le membrane delle fibre muscolari, favorisce la sintesi e l'accumulo di glicogeno in esse.

In caso di insufficienza della funzione del pancreas, che si sviluppa a causa della sua malattia o rimozione parziale, può verificarsi una malattia grave - diabete.

Fisiologia

Quando il cibo entra nella cavità dello stomaco e durante la sua successiva evacuazione nella cavità dell'intestino tenue, il pancreas inizia a secernere attivamente gli enzimi digestivi. Questi metaboliti sono inizialmente prodotti in forma inattiva, poiché sono metaboliti attivi in ​​grado di digerire i propri tessuti. Una volta nel lume intestinale, vengono attivati, dopo di che inizia la fase addominale della digestione del cibo.

Enzimi che eseguono la digestione intracavitaria del cibo:

  1. tripsina.
  2. chimotripsina.
  3. carbossipeptidasi.
  4. elastasi.
  5. lipasi.
  6. amilasi.

Al termine della digestione, i nutrienti divisi vengono assorbiti nel sangue. Normalmente, in risposta ad un aumento della glicemia, il pancreas risponderà istantaneamente con il rilascio dell'ormone insulina.

L'insulina è l'unico ormone che abbassa lo zucchero nel nostro corpo. Questo è un peptide la cui struttura è una catena di aminoacidi. Viene prodotta insulina inattiva. Una volta nel flusso sanguigno, l'insulina subisce diverse reazioni biochimiche, dopo di che inizia a svolgere attivamente la sua funzione: utilizzare glucosio e altri zuccheri semplici dal sangue nelle cellule del tessuto. Con l'infiammazione e altre patologie, la produzione di insulina diminuisce, si verifica uno stato di iperglicemia e successivamente diabete mellito insulino-dipendente.

Un altro ormone è il glucagone. Il ritmo della sua secrezione è monotono per tutto il giorno. Il glucagone rilascia glucosio da composti complessi, aumentando la glicemia.

Formazione di enzimi e succo pancreatico

Molti nutrienti arrivano alle cellule secretorie della ghiandola attraverso i vasi sanguigni: aminoacidi, monosaccaridi, molecole vitaminiche, ecc. Attraverso la parete capillare, questi nutrienti passano dal sangue alle cellule. Qui, da loro vengono assemblate grandi molecole di enzimi, che vengono "impacchettate" in granuli e persino circondate da speciali membrane a membrana.

Il succo pancreatico è un liquido trasparente incolore di una reazione alcalina, dovuto alla presenza di bicarbonati in esso. Tra gli enzimi pancreatici, si distinguono tripsina e chimotripsina, amilasi, lipasi, galattosidasi, ecc. Sotto l'azione degli enzimi del succo pancreatico, tutti i nutrienti alimentari (proteine, grassi e carboidrati) vengono scomposti in prodotti di digestione finale, cioè in sostanze che possono essere assorbite e assorbite dalle cellule. corpo umano.

L'assegnazione del succo pancreatico inizia 2-3 minuti dopo aver mangiato e dura diverse ore. Il volume di succo secreto, la sua composizione dipende dalla quantità e dalla qualità del cibo. Se la stimolazione dei recettori della cavità orale funge da impulso per l'inizio dell'escrezione del succo pancreatico, l'ulteriore separazione del succo è supportata dall'irritazione della mucosa duodenale con pappa alimentare e acido cloridrico gastrico.

Sotto l'influenza di stimoli meccanici e chimici, si formano sostanze attive nella mucosa del duodeno, che vengono quindi assorbite nel sangue, con la sua corrente vengono trasferite alle cellule del pancreas ed eccitano la loro secrezione. In generale, il succo pancreatico viene secreto più, maggiore è l'acidità del contenuto dello stomaco che entra nel duodeno.

Il consumo di cibo provoca un aumento dell'escrezione di tutti gli enzimi pancreatici, ma con alimenti diversi procede in modo diverso: con alimenti a base di carboidrati, la secrezione di amilasi aumenta nella misura maggiore, con tripsina proteica e chimotripsina e lipasi grassa. L'assunzione di cibo della stessa composizione per lungo tempo provoca un corrispondente adattamento della quantità e della composizione enzimatica del succo.

In condizioni stressanti del corpo (forte dolore, duro lavoro fisico e mentale), così come durante il sonno, una diminuzione della secrezione di succo pancreatico.

Tutto quanto sopra si applica alla funzione pancreatica esocrina (esocrina).

Nutrizione

Affinché il pancreas funzioni normalmente, è necessario monitorare le sue condizioni e, se possibile, creare le condizioni per il suo corretto funzionamento:

  • aderire ai principi di una dieta sana ed equilibrata;
  • limitare il consumo di cibi affumicati, grassi e fritti;
  • rifiutare o ridurre al minimo l'assunzione di alcol, tè forte, caffè, bevande analcoliche, ecc.;
  • minimizzare l'assunzione di carboidrati prima di coricarsi;
  • preparare alimenti con una quantità minima di spezie, sale e spezie;
  • bere una quantità sufficiente di liquido (1,5-2 litri di acqua al giorno);
  • limitare il consumo di cioccolato, prodotti dolci e farinacei (gelati, torte, panini, caramelle, ecc.);
  • limitare il consumo di prodotti lattiero-caseari non naturali (cagliata e cagliata glassate, ecc.);
  • negozio di salse, ketchup, maionese;
  • includere più alimenti vegetali nella dieta, ad eccezione di frutta e bacche acide.

Per quanto riguarda i bambini, è sufficiente osservare gli standard dietetici legati all'età, prevenire l'eccessivo consumo di dolci ed escludere completamente i fast food dalla dieta dei bambini.

Nelle malattie della ghiandola pancreatica, a un bambino, come un paziente adulto, viene prescritta una dieta n. 5.

Posizione del pancreas

Il pancreas si trova nella cavità addominale superiore. I suoi bordi sono proiettati sulla parete dell'addome nella regione ombelicale e nella regione dell'ipocondrio sinistro (Fig. 1). È qui che le sensazioni dolorose sono localizzate con malattie della ghiandola. La lunghezza del pancreas in un adulto è di 15-20 cm, la larghezza è di 6–9 cm e lo spessore è di 2–3 cm. La massa della ghiandola raggiunge gli 80–100 g. La forma del ferro ricorda un prisma triedrico esteso dal duodeno a destra alla milza a sinistra.

Il pancreas ha preso il nome dalla localizzazione sotto lo stomaco quando il corpo umano è sdraiato. In una persona in piedi, il pancreas si trova dietro lo stomaco.

caratteristiche generali

In precedenza, il pancreas era considerato semplicemente un muscolo. Fu solo nel 19 ° secolo che fu scoperto che stava sviluppando il suo segreto, che regola la digestione. Gli studi dello scienziato N. Pavlov hanno rivelato quali importanti funzioni svolge il pancreas nel corpo umano.

In latino, questo organo si chiama pancreas. Pertanto, la sua malattia principale è la pancreatite. È abbastanza comune, poiché il normale funzionamento del pancreas è associato a tutti gli altri organi del tratto gastrointestinale. Dopotutto, interagisce con molti di loro.

Questa ghiandola pancreas viene chiamata, anche se quando una persona è dritta, si trova dietro lo stomaco. Si tratta di un organo abbastanza grande: la dimensione del pancreas varia normalmente da 16 a 22 cm, ha una forma allungata, leggermente curva. La sua larghezza non è superiore a 7 cm e il suo peso è di 70-80 g La formazione del pancreas si verifica già a 3 mesi di sviluppo fetale e dalla nascita di un bambino le sue dimensioni sono 5-6 mm. Di dieci anni, aumenta di 2-3 volte.

Dov'è il pancreas?

Durante la vita di una persona, le dimensioni e la funzionalità del pancreas cambiano..

In un neonato, il pancreas è molto piccolo e pesa solo 2-3 g. Il neonato è caratterizzato da un abbondante apporto di sangue al pancreas, un buon sviluppo della sua parte endocrina e lo stato relativamente non sviluppato della parte esocrina.

Il tipo e la funzionalità inerenti al pancreas di un adulto, questo organo acquisisce solo entro 5-6 anni. In giovane età e in età adulta, tutte le cellule pancreatiche funzionano in modo ottimale e dopo 50 anni la loro attività (in particolare le isole pancreatiche) inizia a indebolirsi. Questo dovrebbe essere considerato quando si scelgono gli alimenti per le diete di persone di età diverse..

La posizione anatomica del pancreas è nella cavità addominale, al livello I - II delle vertebre lombari. L'organo si adatta perfettamente alla parte posteriore dello stomaco. Il duodeno gira intorno al pancreas sotto forma di un "ferro di cavallo". In un adulto, la dimensione del pancreas è di 20 - 25 cm, peso - 70 - 80 grammi.

L'organo ha 3 dipartimenti: la testa, il corpo e la coda. La testa si trova vicino al dotto biliare, il corpo è dietro lo stomaco e leggermente sotto di esso, vicino al colon trasverso, la coda è vicino alla milza. Quando viene proiettato sulla superficie anteriore della parete addominale di ferro, si trova sopra l'ombelico da 5 a 10 cm. La testa si trova sul lato destro della linea mediana, la coda va sotto l'ipocondrio sinistro.

  • tripsina e chimotripsina coinvolte nei processi di digestione delle proteine;
  • lattasi e amilasi necessarie per la scomposizione dei carboidrati;
  • lipasi che scindono i grassi biliari già esposti alla bile.

Oltre agli enzimi, il succo pancreatico contiene sostanze che neutralizzano l'ambiente acido del succo gastrico per proteggere la mucosa intestinale dall'esposizione acida. La funzione endocrina della ghiandola consiste nella produzione di insulina e glucagone - ormoni coinvolti nel metabolismo dei carboidrati. Sotto l'influenza dell'insulina, il glucosio nel sangue diminuisce, sotto l'influenza del glucagone aumenta..

Alla norma dell'insulina e del glucagone, il metabolismo dei carboidrati procede in modo adeguato, con turni - il diabete può verificarsi. Il dolore all'addome e i sintomi di disturbi digestivi si verificano con varie malattie. È importante capire quando le manifestazioni dolorose sono associate alla patologia pancreatica e adottare le misure necessarie in tempo.

Il dolore derivante da cambiamenti nel pancreas può essere di natura diversa: tirare acuto o tagliare acuto, fino a pugnale (con peritonite). Dipende dalla natura e dall'entità della lesione della ghiandola, nonché dal coinvolgimento dei fogli peritoneali (peritonite) nel processo infiammatorio. La pancreatite acuta con edema è caratterizzata da un forte dolore improvviso, spesso che circonda, che si estende all'addome superiore, al lato sinistro e alla regione lombare.

A causa dell'edema, una sensazione di pienezza appare nella posizione del pancreas, pressione sulla superficie interna delle costole. In tali casi, l'uso di antispasmodici è inefficace. Il dolore può essere leggermente ridotto solo in posizione seduta con il corpo inclinato in avanti e verso il basso. All'apice del dolore (e talvolta anche prima che si verifichi), può iniziare il vomito, che si ripete più volte e non sempre porta sollievo.

Il contenuto del vomito può essere consumato dal cibo o dalla bile (nel caso di stomaco vuoto), il sapore può essere acido o amaro. Sintomi simili (forte dolore, vomito) possono essere osservati con esacerbazioni dell'osteocondrosi nella colonna lombare, con malattie renali e fuoco di Sant'Antonio. Ulteriori ricerche aiuteranno a identificare la sospetta pancreatite..

Con l'osteocondrosi lombare, si osserva dolore alle vertebre durante la palpazione, con problemi ai reni - un aumento del dolore quando si colpisce la parte bassa della schiena, con l'herpes zoster sulla pelle c'è un'eruzione caratteristica. La pancreatite è caratterizzata dall'assenza di tutti questi sintomi. La pancreatite cronica è caratterizzata da dolore di intensità leggermente inferiore e si verificano più spesso a causa di violazioni della dieta. Il pericolo di esacerbazioni della pancreatite cronica è l'insorgenza di tumori del pancreas, incluso il tumore maligno.

Rispetto ad altri organi, il pancreas si trova nel modo più razionale e si trova nella cavità retroperitoneale.

Anatomicamente, la colonna vertebrale passa dietro la ghiandola, di fronte - lo stomaco, a destra, da sotto e sopra - il duodeno, a sinistra - la milza. L'aorta addominale, i linfonodi e il plesso celiaco si trovano nella parte posteriore del pancreas. La coda si trova a destra della milza, vicino al rene sinistro e alla ghiandola surrenale sinistra. Una sacca unta separa la ghiandola dallo stomaco.

La posizione del pancreas rispetto allo stomaco e alla colonna vertebrale spiega il fatto che nella fase acuta la sindrome del dolore può essere ridotta nella posizione seduta del paziente, inclinandosi leggermente in avanti. La figura mostra chiaramente che con questa posizione del corpo, il carico sul pancreas è minimo, poiché lo stomaco, spostato dalla gravità, non influenza la ghiandola dalla sua massa.

Istologia del fegato

Di recente, tuttavia, gli scienziati hanno iniziato a parlare di una nozione come le cellule istofunzionali, che sono anche nel fegato. E in questo caso, possiamo già parlare dell'istologia del fegato. Il lobulo epatico portale comprende segmenti di tre lobuli classici adiacenti che circondano la triade. Di norma, la forma del lobulo è normalmente triangolare, ma tende a cambiare leggermente, a seconda delle condizioni in cui esisterà all'interno del fegato.

Importante. Al centro di un tale lobulo si trova una triade, nella parte periferica sono presenti vene. In questo caso, il flusso sanguigno viene diretto dalla parte centrale alla sua periferia. Pertanto, il processo di circolazione del sangue in tutta la cellula.

L'acino nel fegato è formato da diversi segmenti adiacenti. Queste sono cellule di tipo classico, che hanno una forma a diamante. Le vene si trovano nell'area dell'angolo acuto e nell'ottuso - c'è una triade che lancia i suoi rami proprio al centro dell'acino.

Anche nel fegato sono i dotti biliari, che rimuovono dal corpo l'eccesso accumulato nella bile. Direttamente dal fegato stesso, tutta la bile in eccesso viene periodicamente trasportata nel duodeno. I modi di trasporto sono divisi in diversi percorsi che si trovano all'interno del fegato, oltre che al di fuori di esso.

Ci sono anche nella struttura del fegato e dei dotti biliari interlobulari situati nel tessuto connettivo interlobulare, che si trova nello spazio interlobulare. Allo stesso tempo, i dotti più piccoli, la cui funzione è di raccogliere la bile, sono avvolti in un tipo cubico di epitelio. Si fondono con un grande epitelio prismatico.

I dotti biliari, che si trovano all'esterno del fegato, sono divisi in diversi tipi:

  • dotti biliari relativi al lobar;
  • flusso epatico, relativo alla categoria del generale;
  • un flusso chiamato cistico;
  • flusso biliare generale.

Una revisione dettagliata dell'istologia del fegato, così come altri organi, ad esempio il pancreas, si verifica con l'aiuto di una preparazione istologica del fegato o del pancreas, che è un pezzo di tessuto di un organo macchiato con una sostanza speciale.

Ti consigliamo anche di rivedere: Epatomegalia: cambiamenti diffusi nel fegato e nel pancreas, come si forma la malattia e come viene trattata

La mucosa, che si trova all'interno del fegato, è rappresentata da un solo strato di epitelio trasparente. Le placche in cui è costituito questo guscio hanno tessuto connettivo piuttosto allentato. Che contiene molti dipartimenti delle ghiandole mucose..

Anche nel fegato è la membrana, che si chiama muscolo. Che consiste di tessuto muscolare liscio. Sono orientati, di regola, indirettamente o circolarmente. Anche all'interno del corpo c'è un guscio, che è stato formato da un tessuto connettivo.

La struttura istologica del pancreas

Il nome parlante di questo organo indica la sua posizione nel corpo umano, vale a dire: sotto lo stomaco. Tuttavia, anatomicamente questo postulato sarà valido solo per una persona che si trova in posizione supina. In una persona in posizione eretta, sia lo stomaco che il pancreas sono approssimativamente allo stesso livello. La struttura del pancreas si riflette chiaramente nella figura..

  • Una testa non più grande di 35 mm adiacente al duodeno e situata al livello I - III della vertebra lombare.
  • Il corpo è di forma triangolare, non più grande di 25 mm e localizzato vicino alla vertebra lombare.
  • Coda, di dimensioni non superiori a 30 mm, pronunciata forma conica.

La lunghezza totale del pancreas nello stato normale è nell'intervallo 160-230 mm.

La sua parte più spessa è la testa. Il corpo e la coda si assottigliano gradualmente, finendo alle porte della milza. Tutte e tre le parti sono combinate in una capsula protettiva - un guscio formato da tessuto connettivo.

Il pancreas ha una struttura alveolare-tubolare, a causa di due funzioni principali: produrre succo di pancreatite e secernere ormoni. A questo proposito, la parte endocrina, circa il 2% della massa dell'organo, e la parte esocrina, che è circa il 98%, sono secrete nella ghiandola.

La parte esocrina è formata da acini pancreatici e un complesso sistema di dotti escretori. L'acino è costituito da circa 10 pancreatociti a forma di cono collegati tra loro, nonché da cellule centroacinari (cellule epiteliali) dei dotti escretori. Attraverso questi dotti, la secrezione prodotta dalla ghiandola entra prima nei dotti lobulari, quindi nell'interlobulare e infine, a seguito della loro fusione, nel dotto pancreatico principale.

Le isole dei Langerani non sono altro che un ammasso di cellule il cui diametro è di circa 0,4 mm. Il ferro totale contiene circa un milione di queste cellule. Le isole dei Langerani sono separate da acini per mezzo di un sottile strato di tessuto connettivo e sono letteralmente trafitte da una miriade di capillari.

Le cellule che formano le isole di Langeran producono 5 tipi di ormoni, di cui 2 specie, glucagone e insulina, sono prodotti solo dal pancreas e svolgono un ruolo chiave nella regolazione dei processi metabolici..

Nel pancreas si distinguono testa, corpo e coda (Fig. 2). L'ampia testa della ghiandola a ferro di cavallo è circondata dal duodeno. Il corpo che segue la testa è la sezione più lunga, ha tre superfici: anteriore, posteriore e inferiore. La superficie posteriore del pancreas si trova adiacente alla colonna vertebrale e grandi vasi lungo di essa (aorta e vena cava inferiore).

La superficie frontale del corpo della ghiandola è concava e rivolta verso lo stomaco, su di essa è visibile solo un rigonfiamento: il cosiddetto urto omentale. La superficie inferiore è stretta, situata a livello della seconda vertebra lombare. La coda del pancreas è diretta a sinistra, si trova più in alto della testa ed è in contatto con la milza. Dietro la coda del pancreas si trovano il rene sinistro e la ghiandola surrenale.

Il pancreas ha una struttura complessa. Da tutti i lati è ricoperto da una membrana di tessuto connettivo sottile trasparente. Sotto di essa, la struttura lobulare della ghiandola è chiaramente visibile. I lobi contengono sezioni secretorie che ricordano sacche cave di dimensioni 100-500 micron. Le pareti di ciascuna custodia sono composte da 8-14 celle a forma piramidale.

Nelle cellule si formano enzimi che entrano nella cavità del sacco e quindi nel sistema di dotti escretori, che si allargano e fluiscono gradualmente nel condotto principale del pancreas. Attraverso questo dotto, il succo pancreatico ricco di enzimi entra nel duodeno, dove è coinvolto nella digestione del cibo.

Nel lume del duodeno, il condotto principale del pancreas si apre con un'apertura sulla grande papilla, che si trova sulla parete dell'intestino nel punto in cui è strettamente adiacente alla testa del pancreas. Prima di entrare nel duodeno, il dotto pancreatico, di regola, si fonde con il dotto biliare comune, attraverso il quale la bile dal fegato e dalla cistifellea entra nell'intestino.

La bile è necessaria per emulsionare (macinare) le gocce di grasso negli alimenti per facilitarne la digestione e l'assorbimento. A questo punto nella parete del dotto pancreatico c'è uno speciale dispositivo di bloccaggio: lo sfintere, attraverso il quale viene regolata l'escrezione del succo pancreatico nel lume intestinale.

A volte si forma un ulteriore condotto nell'area della testa del pancreas. Si apre anche nel lume del duodeno, ma indipendentemente, su una piccola papilla situata a 1,5-2 cm sopra la grande papilla. Ci sono cellule speciali nella parete dei dotti pancreatici che producono la parte liquida del succo pancreatico.

Il ferro è condizionatamente diviso in tre parti: testa, corpo e coda. Non ci sono confini definiti tra le zone; differiscono nella posizione rispetto alla posizione. La testa è adiacente al duodeno, il corpo dalla parte anteriore è diretto verso lo stomaco e dalla parte posteriore alla colonna vertebrale. La coda si trova con la milza.

Se consideriamo la posizione del pancreas umano, puoi concentrarti sull'area tra lo stomaco e l'ombelico. Più precisamente, è misurato 5-6 cm sopra l'ombelico e questo è il bordo inferiore del pancreas, e 8-10 cm è il bordo superiore della ritirata. La lunghezza media di un organo in un adulto è di 14-16 cm, il ferro nasce per 5 settimane e completamente tra 6 e 7 anni..

Poiché l'organo è in grado di svolgere contemporaneamente diverse funzioni relativamente diverse, anche i tessuti attivi hanno una certa divisione. Il parenchima è classificato nelle seguenti zone cellulari:

  • Esocrina. È costituito da molti lobuli o acini, da cui partono i condotti. Si collegano tutti al dotto interlobulare e quindi al principale. I lobuli contengono speciali cellule attive che partecipano alla sintesi di enzimi e generalmente producono succo pancreatico. La zona esocrina è responsabile dell'apparato digerente, delle funzioni esocrine.
  • Endocrino. La struttura del pancreas umano coinvolge singole isole, le cui cellule sintetizzano gli ormoni. Si trovano tra i seni nasali, producono ormoni immediatamente in vasi adiacenti. Le regioni o le isole endocrine di Langerhans sono costituite da cinque diversi tipi di cellule responsabili di un particolare tipo di ormone.

Per il normale funzionamento della ghiandola, è necessario un apporto di sangue stabile. È fornito da diverse arterie: rami pancreatoduodenali, epatici, inferiori, splenici. L'innervazione è dovuta al nervo vago, principalmente a destra.

condotti

Il ruolo principale del pancreas nel corpo umano è quello di garantire una normale digestione. Questa è la sua funzione esocrina. Il succo pancreatico prodotto all'interno della ghiandola entra nel tratto digestivo attraverso il sistema di canali. Partono da tutti i piccoli lobuli che compongono ciascuna parte della ghiandola.


Il dotto principale del pancreas, collegato al dotto biliare, entra nel duodeno

Tutti i dotti pancreatici sono combinati in un comune, il cosiddetto dotto di Wirsung. Il suo spessore va da 2 a 4 mm, passa dalla coda alla testa della ghiandola approssimativamente nel mezzo, espandendosi gradualmente. Nella zona della testa, si collega più spesso al dotto biliare. Insieme escono nel duodeno attraverso la grande papilla duodenale. Il passaggio è chiuso dallo sfintere di Oddi, che impedisce al contenuto dell'intestino di rientrare.

La fisiologia del pancreas fornisce alta pressione nel suo dotto comune. Pertanto, la bile non penetra lì, perché la pressione nei dotti biliari è inferiore. Solo alcune patologie possono portare alla penetrazione della bile nel pancreas. Questa è una violazione delle sue funzioni quando viene ridotta la secrezione di succo pancreatico, lo spasmo dello sfintere di Oddi o l'ostruzione del dotto con calcoli biliari. Per questo motivo, non si verifica solo il ristagno del succo pancreatico nella ghiandola, ma viene anche lanciata la bile.

Una tale connessione dei dotti del pancreas e della cistifellea diventa anche la ragione per cui durante i processi infiammatori della ghiandola negli adulti si osserva l'ittero ostruttivo. Dopotutto, parte del dotto biliare attraversa il suo corpo e può essere schiacciata a causa dell'edema. Inoltre porta spesso alla diffusione dell'infezione da un organo all'altro..

A volte, a causa di anomalie dello sviluppo congenite, uno dei dotti non si collega a quello comune ed entra in modo indipendente nel duodeno nella parte superiore della testa del pancreas. La presenza di un tale dotto aggiuntivo, che si chiama Santorius, è osservata nel 30% delle persone, questa non è una patologia. Sebbene quando blocchi il dotto principale, non può far fronte al deflusso del succo pancreatico, quindi è inutile.

Diagnostica

Il trattamento deve essere prescritto da un medico specialista dopo una diagnosi approfondita. In caso di attacco di dolore, è necessario contattare un istituto medico per un aiuto qualificato. È necessario effettuare: 1. Studi di laboratorio:

  • analisi del sangue generale e dettagliata;
  • il livello di enzimi pancreatici nel siero del sangue;
  • esami del sangue biochimici per il glucosio, l'attività degli enzimi epatici e la bilirubina;
  • analisi delle urine per livello di amilasi;
  • analisi delle feci per il livello di enzimi e grassi.

2. Esame ecografico della cavità addominale per identificare lo stato della struttura, determinare i contorni del pancreas, la pervietà dei dotti biliari, la presenza o l'assenza di calcoli nella cistifellea o nei dotti. 3. Radiografia - in assenza della capacità di condurre un'ecografia per lo stesso scopo. 4. Tomografia computerizzata o risonanza magnetica per ottenere dati più accurati sullo stato degli organi addominali.

Riepilogo per i genitori

Una corretta alimentazione in combinazione con uno stile di vita sano è la chiave per il normale sviluppo e il corretto funzionamento del pancreas del bambino, nonché per una digestione confortevole e l'assenza di malattie gastrointestinali.

Video cognitivo sull'anatomia pancreatica:

Il primo canale cittadino di Odessa, un certificato medico sull'argomento "Pancreas":

Il pancreas appartiene agli organi della secrezione interna ed esterna, appartiene al sistema digestivo e mantiene l'equilibrio ormonale.

Pancreatite cronica

Questa malattia è un'infiammazione prolungata (più di tre settimane) del pancreas, che porta al fatto che si verifica il suo danno permanente. Una delle condizioni comuni è l'uso costante di alcol in grandi quantità o droghe. Ci sono altri motivi che causano attacchi di pancreatite acuta. Possono essere fibrosi cistica, alti livelli di calcio o grasso nel sangue, blocco del dotto biliare con calcoli o tumore e disturbi autoimmuni.

I sintomi includono dolore nella parte superiore dell'addome, nausea, vomito, perdita di peso e feci oleose. Tali feci o steatorrea non compaiono fino a quando non viene danneggiato più del 90 percento del tessuto pancreatico..

La pancreatite cronica richiede una dieta povera di grassi e la cessazione dell'alcol e del fumo. Se la pancreatite cronica non viene trattata, tende a peggiorare nel tempo e i farmaci saranno necessari solo per alleviare il dolore. Il trattamento di tale pancreatite è possibile solo chirurgicamente: si tratta di stent o rimozione della testa del pancreas a causa del fatto che i tumori si verificano più spesso in essa.

Esiste un legame tra pancreatite, il più delle volte cronica e cancro del pancreas. Studi recenti hanno dimostrato che l'incidenza del carcinoma del pancreas aumenta 2-5 volte nei pazienti con pancreatite cronica con l'aggiunta di vari fattori avversi.

Caratteristiche del dolore

Se una persona avverte dolore nella parte sinistra, è necessario cercare l'aiuto di un medico. Questo sintomo può segnalare lo sviluppo della pancreatite, la presenza di calcoli nei dotti e la necrosi delle strutture dei tessuti..

Il processo infiammatorio è spesso accompagnato da altri sintomi sotto forma di:

  • palpitazioni;
  • sudorazione eccessiva;
  • debolezza generale;
  • diarrea
  • conati di vomito.

Il decorso acuto è caratterizzato da una sindrome del dolore pronunciata e può essere di natura zoster. Allo stesso tempo, è impossibile rimuovere una sensazione spiacevole con antispasmodici o analgesici. L'unica cosa che aiuta ad alleviare il dolore è una posizione seduta con un'inclinazione in avanti.

È molto importante distinguere correttamente il dolore da altre patologie sotto forma di:

  • osteocondrosi della colonna lombare. La posizione del dolore può essere avvertita;
  • fuoco di Sant'Antonio. È causato dal virus dell'herpes. Accompagnato da eruzioni cutanee;
  • pielonefrite. È possibile determinare toccando sul retro nell'area dei reni. In questo caso, la sensazione dolorosa diventa più forte.

Il decorso cronico è leggermente diverso da quello acuto. I dolori sono indeboliti. Appare dopo aver consumato cibo proibito.

Riserva di sangue

Afflusso: attraverso le arterie pancreatoduodenali, che hanno origine nell'arteria mesenterica o epatica superiore. All'interno del pancreas, si separano e si ramificano in modo che ogni isolotto di Langerhans riceva la propria nave.

Deflusso: attraverso le vene pancreatoduodenali, che sfociano nella vena porta, che si forma collegando la vena mesenterica e la vena splenica. In alcune persone, le vene pancreatoduodenali si collegano immediatamente alla vena splenica, dopo di che la vena mesenterica si unisce già (questo non rappresenta alcuna minaccia).

Linfa: numerosi capillari lo raccolgono dalle cellule del pancreas ed entrano nei dotti linfatici più grandi situati vicino ai vasi.

Figura. 169.

Pancreas e duodeno

2 - aorta addominale;

3 - la vena cava inferiore;

4 - vena portale;

5 - il bordo superiore del pancreas;

6 - la parte superiore del duodeno;

7 - la coda del pancreas;

8 - il corpo del pancreas;

9 - la curva superiore del duodeno;

10 - il bordo anteriore del pancreas;

11 - il bordo inferiore del pancreas;

12 - digiuno;

13 - la testa del pancreas;

14 - la parte discendente del duodeno;

15 - la parte ascendente del duodeno;

16 - parte orizzontale del duodeno;

17 - curva inferiore del duodeno