Medicina d'emergenza

Malattia del pancreas Nella pancreatite acuta, il livello sierico di amilasi di solito (ma non sempre) aumenta [12, 15-17]. Ciò è dovuto al danno al tessuto acinoso e all'essudazione degli enzimi negli spazi retroperitoneali e peritoneali o a una violazione della pervietà del dotto pancreatico e al rilascio di amilasi dal pancreas attraverso i vasi linfatici e venosi. Nella grave pancreatite emorragica, il livello di amilasi rimane normale o leggermente aumentato. Lo stesso si osserva con l'esacerbazione della pancreatite cronica, se si verifica una lesione significativa del tessuto acinoso.

L'iperamilasemia si osserva con complicanze della pancreatite acuta come pseudocisti, ascite, ascesso. Nel carcinoma pancreatico, un aumento dell'amilasi sierica può dipendere da una secrezione pancreatica compromessa e dall'assorbimento dell'enzima nel sangue e può anche essere dovuto alla secrezione tumorale di amilasi.

Malattie non pancreatiche Malattie del tratto biliare. Le malattie del tratto biliare possono causare un aumento dell'amilasi a causa di una violazione del deflusso della bile attraverso l'ampolla della grande papilla duodenale e dell'assorbimento dell'amilasi nel sangue, che è confermato dal rilevamento della p-isoamilasi nel sangue e da un normale indicatore della clearance dell'amilazocreatinina.

Altre malattie della cavità addominale. Esistono condizioni patologiche che possono essere associate al rilascio di amilasi sierica. L'iperamilasemia può essere dovuta all'assorbimento dalla cavità addominale di amilasi in casi di lesioni come ischemia, necrosi o perforazione degli organi addominali. Si osserva un aumento dell'amilasi con perforazione dell'esofago, ulcere allo stomaco e duodenali, colecistite acuta e ostruzione intestinale acuta, ischemia e infarto dell'intestino tenue, peritonite, rottura del tubo durante la gravidanza extrauterina e la salpingite. È stato riferito che l'escissione dell'aneurisma aortico era accompagnata da un aumento dell'amilasi sierica, ma il meccanismo di questo fenomeno non è chiaro.

È importante ricordare che queste malattie, poiché si verificano tutte con dolore addominale, richiedono cautela in termini di intervento chirurgico, a volte di emergenza, e molte di esse possono essere confuse con pancreatite..

Malattie correlate all'amilasi.

Malattie delle ghiandole salivari. Le malattie delle ghiandole salivari, comprese la parotite infettiva, i cambiamenti infiammatori e i calcoli delle ghiandole salivari possono causare un aumento dell'amilasi.

Malattia del fegato. La maggior parte dei pazienti con malattie epatiche, in particolare epatite acuta e subacuta e cirrosi di origine sia alcolica che non alcolica, ha un aumento del contenuto sierico di amilasi. In 2 segnalazioni, è stato indicato che l'iperamilasemia era dovuta a un aumento esclusivamente della s-isoamilasi e ha proceduto a una violazione della funzione delle ghiandole salivari. Gli autori del terzo rapporto ritenevano che l'aumento dell'amilasi fosse dovuto a un aumento dell'isoamilasi epatica o a un cambiamento della normale amilasi nelle malattie del fegato. È importante ricordare che le malattie del fegato (in particolare il danno da alcol) possono essere accompagnate da un aumento dell'amilasi senza pancreatite concomitante..

tumori Numerosi tumori, in particolare cistoadenocarcinoma delle appendici, tumore dei polmoni, colon trasverso e pancreas, possono causare iper-lasemia. I tumori maligni dei polmoni e del pancreas producono s-isoamilasi, un tumore del colon trasverso - p- e s-isoamilasi. Per quanto riguarda il tumore del pancreas, in 2 casi è descritto un aumento del contenuto di p-isoamilasi, in una - s-isoamilasi. Quest'ultimo, a quanto pare, è spiegato dal fatto che una piccola quantità di s-isoamilasi è presente nel pancreas normale.

Macroamilasemia. A volte l'amilasi, combinandosi con IgA, IgG o un'altra sostanza, forma complessi macromolecolari con un peso molecolare di 160.000 o più di 2.000.000 che non passano attraverso il filtro glomerulare, che è accompagnato da un aumento dell'amilasi sierica e una diminuzione delle urine. I complessi nel sangue formano sia la p-che la s-isoamilasi; una frazione non legata di amilasi sierica viene escreta nelle urine. La macroamilasemia è descritta in un paziente con porfiria intermittente e in uno con sindrome da malassorbimento intestinale. In genere, la macroamilasemia esiste costantemente, ma a volte si verifica periodicamente e, di norma, è accompagnata da un aumento, e secondo alcune informazioni, normale contenuto di amilasi sierica.

La diagnosi di macroamilasemia si basa sulla rilevazione di un livello sierico di amilasi costantemente elevato, di un livello di amilasi urinaria ridotto o normale (con funzionalità renale preservata) senza sintomi di pancreatite. Quando si verifica pancreatite in un paziente con macroamilasemia, aumento della clearance dell'amilasi e della clearance dell'amilazocreatinina.

Insufficienza renale. Nell'insufficienza renale, la clearance dell'amilasi diminuisce contemporaneamente con una diminuzione della clearance della creatinina. Allo stesso tempo, il livello sierico di amilasi aumenta non più di 2 volte rispetto alla norma; non è stata osservata alcuna relazione definita tra un aumento del livello di azoto residuo e iperamilasemia. Un aumento di oltre 2 volte dei livelli sierici di amilasi con uremia non è caratteristico dell'insufficienza renale.

Varie. Numerose malattie, in particolare la chetoacidosi diabetica, sono accompagnate da iperamilasemia. Sembrerebbe logico spiegarlo con lo sviluppo della forma indolore della pancreatite o considerare la chetoacidosi come una manifestazione metabolica della pancreatite grave. Tuttavia, studi recenti hanno dimostrato che con la chetoacidosi diabetica nel sangue, il contenuto di s-isoamilasi aumenta senza i segni clinici della pancreatite.

Un aumento dei livelli sierici di s-isoamilasi nel periodo postoperatorio può indicare pancreatite o irritazione delle ghiandole salivari al momento dell'intubazione.

Numerosi studi indicano che i livelli sierici di amilasi aumentano con la somministrazione endovenosa di grandi dosi di ormoni corticosteroidi e secretina, nonché con malattie della prostata. A volte si osserva iperamilasemia dopo cannulazione endoscopica retrograda del dotto pancreatico, non complicata dalla pancreatite, a causa del reflusso della p-isoamilasi pancreatica e del suo assorbimento nel sangue. L'iperamilasemia si verifica quando la morfina viene utilizzata per anestetizzare e condurre un test provocatorio di morfina-chiedi-tigmina.

Cause di un aumento continuo dei livelli sierici di amilasi

Con pancreatite acuta prolungata, si possono osservare complicazioni (pseudocisti, ascessi, ascite) e tumore del pancreas, un aumento prolungato di amilasi sierica.

Le malattie non pancreatiche possono anche essere la causa di un aumento di amilasi: tumori, infiammazione e calcoli delle ghiandole salivari, altri tumori, insufficienza renale e macroamilasemia.

Alfa amilasi: normale, nel sangue, nelle urine, elevata, ridotta

I medici prescrivono lo studio dell'alfa amilasi principalmente per la diagnosi di pancreatite. Tuttavia, questa analisi può fornire preziose informazioni nel caso di altre malattie. Che cosa mostra un aumento dell'α-amilasi nel sangue o nelle urine? Devo preoccuparmi se questo indicatore è oltre la norma e non ci sono sintomi?

Che cos'è l'α-amilasi

Questo è un enzima che si rompe e aiuta a digerire i carboidrati complessi - glicogeno e amido ("amylon" in greco - amido). È prodotto principalmente dalle ghiandole esocrine - salivari e pancreas, una piccola quantità è prodotta dalle ghiandole delle ovaie, delle tube di Falloppio e dei polmoni. La maggior parte di questo enzima si trova nei succhi digestivi: nella saliva e nella secrezione pancreatica. Ma una piccola concentrazione è presente anche nel siero del sangue, poiché le cellule di qualsiasi organo e tessuto vengono costantemente aggiornate.

Il sangue contiene due frazioni di α-amilasi:

  • pancreatico (frazione P) - 40% di amilasi totale;
  • salivare (tipo S) - 60%.

Tuttavia, lo studio delle singole frazioni di amilasi viene eseguito raramente, solo per indicazioni speciali. Molto spesso, è sufficiente determinare l'amilasi totale. In combinazione con sintomi clinici, il suo aumento conferma la diagnosi di pancreatite acuta..

Questa è l'indicazione più comune per questa analisi. L'amilasi in questo caso aumenterà proprio a causa della frazione pancreatica. La sua molecola è piccola e ben filtrata attraverso i tubuli renali, quindi, con un aumento del suo contenuto nel sangue, sarà anche aumentata nelle urine (l'alfa-amilasi nelle urine è generalmente chiamata diastasi).

Contenuto di amilasi

Gli enzimi sono proteine ​​che catalizzano la scomposizione di qualsiasi sostanza complessa. La loro attività è generalmente misurata in UI (unità internazionali). Per 1 UI di attività enzimatica, viene presa una tale quantità che catalizza la scissione di 1 μmol di sostanza in 1 minuto in condizioni standard.

Nella determinazione dell'attività dell'amilasi, l'amido è stato usato come substrato scissione e lo iodio (che è noto per colorare di colore blu) è stato usato come indicatore. Meno intenso è il colore del substrato dopo la sua interazione con il siero del test, maggiore è l'attività dell'amilasi in esso.

Oggi vengono utilizzati moderni metodi spettrofotometrici..

Gli indicatori normali dell'alfa amilasi nelle donne e negli uomini adulti non differiscono e in media 20-100 UI / L, nelle urine - 10-124 UI / L. Tuttavia, gli standard possono variare in base al laboratorio..

Nei bambini, la produzione di questo enzima è molto più bassa. L'alfa amilasi nei neonati viene prodotta in piccole quantità, con la crescita e lo sviluppo del sistema digestivo, la sua sintesi aumenta.

Alfa amilasi, normale livelli ematici per età

EtàAlfa amilasi totaleAmilasi pancreatica
neonatiFino a 8 unità / l1-3 unità / l
Bambini sotto 1 anno5-65 unità / l1-23 U / L
1 anno-70 anni25-125 unità / l8-51 unità / l
Oltre 70 anni20-160 U / L8-65 unità / l

Quando è programmato un test dell'α-amilasi?

  • Per qualsiasi dolore addominale poco chiaro, questa analisi è prescritta, principalmente per la diagnosi di pancreatite acuta (nel 75% dei casi di questa malattia, un livello elevato elevato dell'enzima si trova sia nel sangue che nelle urine).
  • Per la diagnosi di pancreatite cronica, lo studio di questo enzima è meno importante: in questo caso, l'alfa-amilasi è aumentata molto meno spesso. In più della metà dei pazienti, il suo livello rimane normale, ma se si studiano le frazioni, un eccesso di attività dell'amilasi di tipo P rispetto al tipo S sarà di grande beneficio per la diagnosi di pancreatite cronica.
  • Per chiarire la diagnosi di parotite - infiammazione delle ghiandole salivari. In questo caso, la frazione S dell'enzima verrà aumentata nel sangue.
  • Per monitorare il trattamento del cancro del pancreas.
  • Dopo operazioni nella zona pancreatoduodenale.

Cause di aumento dell'alfa amilasi nel sangue e nelle urine

Se si verificano danni alle cellule del pancreas o delle ghiandole salivari, il loro contenuto in grandi quantità inizia ad essere assorbito nel sangue e anche escreto intensamente nelle urine. La parte viene eliminata nel fegato. Con le malattie degli organi di escrezione (fegato, rene), aumenta anche il suo livello.

Le principali cause di iperamilasemia

Malattia del pancreas

  • Pancreatite acuta. L'aumento di alfa-amilasi viene determinato all'inizio dell'attacco, raggiunge un massimo dopo 4-6 ore e diminuisce gradualmente dopo 3-4 giorni. Inoltre, il livello può superare la norma di 8-10 volte.
  • Esacerbazione della pancreatite cronica. In questo caso, l'attività dell'alfa amilasi aumenta di 2-3 volte. (vedi Medicinali per pancreatite cronica).
  • Tumori, calcoli, pseudocisti nel pancreas.

Associato a malattie degli organi vicini

  • Lesione addominale.
  • Condizione dopo operazioni sugli organi della cavità addominale e spazio retroperitoneale.
  • Un attacco di colica epatica. Quando una pietra passa attraverso il dotto biliare comune, il livello dell'enzima aumenta 3-4 volte, quindi torna alla normalità dopo 48-72 ore.

Malattie accompagnate da lesioni delle ghiandole salivari

  • Parotite (parotite).
  • Parotite batterica.
  • Stomatite.
  • Nevralgia facciale.
  • Restringere il dotto delle ghiandole salivari dopo la radioterapia nella testa e nel collo.

Condizioni in cui diminuisce l'utilizzo dell'amilasi

  • Insufficienza renale: l'escrezione di amilasi da parte dei reni è disturbata, da questo si accumula nel sangue.
  • Fibrosi o cirrosi epatica con una violazione della sua funzione, poiché le cellule del fegato sono coinvolte nel metabolismo di questo enzima.
  • Malattie intestinali: processi infiammatori, ostruzione intestinale, peritonite. Come risultato di queste condizioni, l'enzima viene assorbito intensamente nel sangue..

Altre condizioni

  • Gravidanza extrauterina.
  • Carcinoma mammario.
  • Polmonite.
  • Tubercolosi.
  • Cancro ai polmoni
  • Cancro ovarico.
  • Feocromocitoma.
  • Malattie del sangue (mieloma).
  • Chetoacidosi nel diabete.
  • La macroamilasemia è una rara condizione congenita quando l'amilasi forma composti con grandi proteine ​​e quindi non può essere filtrata dai reni..
  • Intossicazione da alcol.
  • Assunzione di alcuni farmaci: glucocorticoidi, oppiacei, tetraciclina, furosemide.

Alfa amilasi inferiore

Identificare una diminuzione di questo enzima nel sangue ha un valore diagnostico inferiore rispetto a un aumento. In genere, questa situazione indica necrosi massiccia di cellule della secrezione pancreatica che producono infiammazione acuta o una diminuzione del loro numero nel processo cronico.

La riduzione dell'alfa amilasi sierica può essere un criterio aggiuntivo per la diagnosi di tali condizioni:

  • Necrosi pancreatica.
  • Pancreatite cronica con grave carenza enzimatica (nei pazienti che soffrono di questa malattia da molto tempo).
  • Epatite grave.
  • tireotossicosi.
  • Fibrosi cistica - una malattia sistemica con danno alle ghiandole endocrine.

Si osserva una diminuzione dell'amilasi con gravi ustioni, tossicosi nelle donne in gravidanza e diabete mellito. Anche il colesterolo e i trigliceridi elevati possono sottostimare l'amilasi.

amilasi

Valori di riferimento dell'attività di a-amilasi: nel siero di sangue - 25-220 UI / l; nelle urine - 10-490 UI / l.

L'α-amilasi appartiene al gruppo delle idrolasi che catalizzano l'idrolisi dei polisaccaridi, inclusi amido e glicogeno, in semplici mono e disaccaridi. Il pancreas e le ghiandole salivari sono le più ricche di amilasi. L'amilasi viene secreta nel flusso sanguigno principalmente da questi organi. Il plasma sanguigno umano contiene a-amilasi di due tipi: pancreatico (tipo P), espresso

pancreas e salivari (tipo S), prodotti dalle ghiandole salivari.

In condizioni fisiologiche, l'attività di questo enzima nel siero del sangue è rappresentata al 40% da amilasi pancreatica, al 60% da amilasi salivare.

La determinazione dell'attività dell'amilasi è importante nella diagnosi delle malattie del pancreas. Un aumento dell'attività α-amilasi sierica di 2 o più volte deve essere considerato un sintomo di danno pancreatico. La piccola iperamilasemia dà motivo di sospettare una patologia del pancreas, ma a volte è possibile con malattie di altri organi.

Principalmente la a-amilasi di tipo P viene escreta nelle urine, che è considerata una delle ragioni della maggiore informatività dell'amilasi delle urine rispetto al siero del sangue in termini di valutazione dello stato funzionale del pancreas. Si ritiene che il 65% dell'attività dell'enzima nelle urine sia dovuto all'amilasi pancreatica. Questo spiega il fatto che nella pancreatite acuta, è questo che aumenta il siero del sangue (fino all'89%) e specialmente nelle urine (fino al 92%), senza cambiamenti nei parametri dell'amilasi delle ghiandole salivari.

Nella pancreatite acuta, l'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine aumenta di 10-30 volte. L'iperamilasemia si verifica all'inizio della malattia (dopo 4-6 ore), raggiunge un massimo dopo 12-24 ore, quindi diminuisce rapidamente e torna alla normalità dal 2 ° al 6 ° giorno. Il livello di aumento dell'attività dell'amilasi sierica non è correlato alla gravità della pancreatite [Banks P.A., 1982].

L'attività dell'amilasi nelle urine inizia ad aumentare 6-10 ore dopo un attacco acuto di pancreatite e torna alla normalità dopo 3 giorni. In alcuni casi, l'attività dell'amilasi nelle urine ha due ondate di aumento entro 3 giorni. La sensibilità diagnostica della determinazione dell'amilasi sierica per pancreatite acuta è del 95%, specificità 88% [Wallach J.M.D. et al., 1996].

La pancreatite acuta può verificarsi senza un aumento dell'attività dell'amilasi (in particolare, con necrosi pancreatica). Il primo giorno dall'inizio della malattia, viene rilevato un livello normale di attività dell'amilasi urinaria nel 25% dei pazienti con pancreatite abortiva, nel 20% - grasso, nel 10% - emorragico. Informazioni più accurate si ottengono studiando l'attività dell'amilasi nel volume giornaliero di urina. Un importante, e in alcuni casi cruciale per riconoscere la forma ricorrente di pancreatite acuta, è il ripetuto aumento dell'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine durante ripetute recidive della sindrome del dolore. Con varie forme di pancreatite acuta, la dinamica dell'aumento dell'amilasi nel sangue e nelle urine è di natura diversa. Quindi, la pancreatite edematosa è caratterizzata da amilasemia a breve termine nel 1-3 ° giorno della malattia; per necrosi pancreatica grassa - amilasemia alta e prolungata e per necrosi pancreatica emorragica - iperamilasemia a breve termine al 3 ° giorno di malattia. Patogeneticamente, l'iperamilasemia si sviluppa a seguito del blocco da parte del tessuto interstiziale edematoso dei dotti escretori del pancreas ed è più caratteristica della necrosi pancreatica grassa. Con la necrosi pancreatica emorragica, si nota un forte aumento dell'attività di a-amilasi nel sangue con la sua conseguente rapida diminuzione, che riflette la progressione della necrosi.

Iperamilasemia e iperamilazuria sono importanti ma non specifici per i sintomi della pancreatite acuta; inoltre, un aumento della loro attività può essere a breve termine. Per aumentare il contenuto informativo dei risultati dello studio, è utile combinare la determinazione dell'attività del sangue e dell'amilasi delle urine con una determinazione parallela della concentrazione di creatinina nelle urine e nel siero del sangue. Sulla base di questi dati, l'indice di clearance dell'amilasi-creatinina viene calcolato secondo la seguente formula [Boger M.M., 1984]: [(AMxCrC) / (KrMxAC)] x100, dove AM è l'amilasi delle urine; Ac - amilasi sierica; KrM - creatinina nelle urine; Krs - creatinina sierica. Normalmente, l'indice amilasi-creatinina non è superiore a 3, il suo aumento è considerato un segno di pancreatite, poiché con la pancreatite aumenta il livello di vera amilasi pancreatica e la sua clearance è dell'80% più veloce della clearance della saliva amilasi. Tuttavia, è stato scoperto che nella pancreatite acuta, la clearance di entrambe le amilasi P e S è significativamente aumentata, il che è spiegato come segue. Nelle persone sane, l'amilasi sierica viene prima filtrata nei glomeruli renali e quindi riassorbita dall'epitelio tubulare. Nella pancreatite acuta, il meccanismo di riassorbimento tubulare è soppresso a causa dell'eccessiva escrezione di P- e S-amilasi. Poiché l'attività dell'amilasi nel siero nella pancreatite acuta è principalmente dovuta alla P-amilasi, con un aumento della clearance dell'amilasi totale, aumenta la clearance della P-amilasi. Nella pancreatite acuta, l'attività sierica dell'amilasi e la clearance dell'amilasi-creatinina sono generalmente aumentate sopprimendo il meccanismo renale del riassorbimento tubulare dell'amilasi. Nelle malattie che si verificano sotto forma di pancreatite, l'attività sierica dell'amilasi può aumentare, ma il tasso di clearance dell'amilasi-creatinina rimane normale, poiché non vi è alcun difetto tubulare. È molto importante per questo studio raccogliere sangue e urina allo stesso tempo..

Nella pancreatite cronica, l'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine aumenta (rispettivamente nel 10-88% e nel 21-70% dei pazienti) durante un'esacerbazione del processo e quando si verificano ostruzioni al deflusso del succo pancreatico (infiammazione, gonfiore della testa del pancreas e compressione dei dotti, stenosi cicatriziale della papilla duodeno, ecc.). Nella forma sclerotica della pancreatite, l'iperamilasemia è anche determinata dal grado di pervietà dei dotti compromessa e dalla capacità funzionale della parte restante della ghiandola. Aumentare la sensibilità dello studio dell'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine nella pancreatite cronica A.I. Khazanov (1997) raccomanda di analizzarli il primo giorno di degenza ospedaliera, quindi almeno due volte dopo gli esami strumentali (fibrogastroduodenoscopia, esame radiografico dello stomaco e dell'intestino, ecc.), Nonché al momento dell'intensificazione del dolore addominale. In questo caso, la sensibilità del test aumenta dal 40 al 75-85%.

Nella pancreatite cronica con alterazioni fibrose del pancreas, le esacerbazioni, spesso pronunciate e diffuse, sono accompagnate da un aumento relativamente piccolo dell'attività dell'amilasi.

A causa di una violazione della capacità funzionale del pancreas, l'iperamilasemia può spesso essere assente nella pancreatite acuta purulenta (con ampia necrosi pancreatica "totale").

Nel carcinoma del pancreas, l'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine può aumentare, ma spesso rimane all'interno dell'intervallo normale o addirittura diminuisce.

La valutazione dei risultati dello studio dell'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine è complicata dal fatto che l'enzima si trova anche nelle ghiandole salivari, nel colon, nei muscoli scheletrici, nei reni, nei polmoni, nelle ovaie, nelle tube di Falloppio e nella ghiandola prostatica. Pertanto, l'attività dell'amilasi può essere aumentata in un numero di malattie che presentano un quadro simile con pancreatite acuta: appendicite acuta, peritonite, ulcere gastriche e duodenali perforate, ostruzione intestinale, colecistite, trombosi vascolare mesenterica, nonché feocromocitosi e chirurgia diabetica sui difetti cardiaci, dopo resezione del fegato, assunzione di grandi dosi di alcol, assunzione di sulfamidici, morfina, diuretici tiazidici, contraccettivi orali. L'aumento dell'attività dell'amilasi in queste malattie è dovuto a una serie di ragioni e nella maggior parte dei casi è reattivo. A causa delle significative riserve di amilasi nelle cellule acinose, qualsiasi violazione della loro integrità o la minima difficoltà nel deflusso della secrezione pancreatica può portare a un significativo ingresso di amilasi nel sangue. Nei pazienti con peritonite, un aumento dell'attività dell'amilasi può riflettere la moltiplicazione dei batteri che formano l'amilasi. Di solito, l'attività di a-amilasi in queste malattie aumenta nel sangue di 3-5 volte.

Una diminuzione dell'attività di a-amilasi nel sangue è possibile con tireotossicosi, IM, necrosi pancreatica.

A-amilasi pancreatica nel siero e nelle urine

Valori di riferimento dell'attività pancreatica a-amilasi: nel siero di sangue - 30-55% di amilasi totale (media 43%) o 17-115 UI / l; nelle urine - 60-70% di amilasi totale (in media 65%).

Nel siero si trovano fino a 3 isoenzimi a-amilasi, i principali dei quali sono tipi P e S, cioè pancreatici e delle ghiandole salivari. L'amilasi pancreatica viene escreta meglio nelle urine dell'isoenzima delle ghiandole salivari. Un aumento dell'attività della amilasi salivare si osserva con stomatite, parkinsonismo, una diminuzione - con eccitazione mentale o depressione, con lo stato anacido di secrezione gastrica.

Il valore principale nel determinare il tipo P di a-amilasi è che un aumento della sua attività è altamente specifico per le malattie del pancreas. L'a-amilasi pancreatica aumenta nella pancreatite acuta. L'attività dell'amilasi totale in questo caso è aumentata a causa della frazione pancreatica. La sensibilità diagnostica della frazione di amilasi pancreatica nel siero per pancreatite acuta è del 92%, la specificità dell'85% [Wallach J.M.D. et al., 1996].

Determinare l'attività della frazione pancreatica di a-amilasi è particolarmente importante nella pancreatite cronica in pazienti con livelli normali di amilasi totale. Nei pazienti con pancreatite cronica, l'amilasi pancreatica costituisce il 75-80% della totale amilasi nel sangue. Un aumento dell'amilasi pancreatica indica una esacerbazione della pancreatite cronica e una diminuzione indica insufficienza pancreatica esocrina con atrofia del tessuto acinato e fibrosi degli organi nei pazienti con malattia a lungo termine.

L'attività di a-amilasi pancreatica, oltre alla diagnosi di pancreatite acuta, viene determinata anche dopo un intervento chirurgico sugli organi addominali con l'obiettivo di una diagnosi precoce dello sviluppo di complicanze - pancreatite postoperatoria. L'amilasi pancreatica urinaria aumenta nella pancreatite acuta e costituisce la parte principale dell'amilasi totale, poiché viene escreta meglio nelle urine rispetto alla frazione salivare.

L'attività della frazione pancreatica di a-amilasi, a differenza del generale, non aumenta con parotite, chetoacidosi diabetica, carcinoma polmonare, malattie ginecologiche acute. Tuttavia, il test può essere falso positivo per altre malattie che non influenzano il pancreas..

Carenza di amilasi

La carenza di amilasi è la norma nella prima metà della vita di un bambino, e quindi i bambini piccoli non sono in grado di digerire l'amido. Il livello normale di attività dell'amilasi pancreatica è raggiunto entro 9 mesi. I casi della formazione tardiva dell'attività di questo enzima possono essere determinati geneticamente, mentre il tipo di eredità è autosomica dominante, che si assume in relazione all'accumulo familiare di patologia. Clinicamente, la malattia si manifesta con un eccesso di amido negli alimenti: si notano frequenti feci molli, voluminose, simili a pappa o acquose con un odore acido. Nonostante l'apporto calorico elevato, il bambino non si aggiunge alla massa. Il succo pancreatico di questi bambini è trasparente, l'attività dell'enzima amilasi è completamente assente o significativamente ridotta. La pronunciata crescita di batteri nell'intestino tenue, caratteristica di questa malattia, compromette l'assorbimento di altri nutrienti. La prescrizione di una dieta priva di amido porta alla scomparsa di tutti i sintomi e aiuta a ripristinare il peso corporeo.

Tieni presente l'assenza fisiologica o l'attività inadeguata dell'amilasi pancreatica nei bambini del primo anno di vita e non introdurre nel loro cibo un eccesso di farina di cereali, causando spesso lo sviluppo di diarrea e sindrome da malassorbimento.

Se l'alfa-amilasi è elevata nel sangue, cause e raccomandazioni

L'amilasi nel sangue è normale negli adulti (25-125 unità / litro) in assenza di malattie delle ghiandole salivari e del pancreas. Un aumento significativo (dieci volte) indica pancreatite acuta, trauma addominale, perforazione di un'ulcera, appendicite.

Piccoli aumenti sono causati da infiammazione cronica, gravidanza extrauterina, insufficienza renale, epatica, alcolismo e diabete. L'aumento temporaneo (insignificante) può essere normalizzato dalla nutrizione, è necessario abbandonare piatti fritti, grassi, affumicati, alimentari, piccanti e ipercalorici, alcool, caffè, cibo in scatola.

Bassi valori di enzimi riflettono una diminuzione del numero di cellule pancreatiche: distruzione del tumore, pancreatite in rapido progresso con necrosi tissutale (necrosi pancreatica), rimozione di parte o di tutto l'organo. Solo sulla base di questa analisi, non viene fatta alcuna diagnosi; sono necessari un'ecografia, un esame del sangue e delle urine.

Amilasi elevata: cosa significa in un adulto

Se l'amilasi è elevata, molto spesso un adulto sviluppa pancreatite - infiammazione del pancreas. I motivi includono anche:

  • blocco di pietra dei dotti delle ghiandole salivari, cistifellea;
  • tumore benigno o maligno;
  • processo acuto nella cavità addominale (appendicite, colecistite, ulcera perforata, peritonite);
  • gravidanza extrauterina.

Un test di amilasi da solo non ti dirà come trattare la malattia, avrai bisogno di una consultazione con un gastroenterologo, un dentista, uno specialista in malattie infettive, un ginecologo.

Secondo un esame completo, viene prescritta una dieta, un farmaco o un intervento chirurgico. In assenza di una terapia tempestiva, il livello di enzimi aumenta, il che è pericoloso, poiché significa lo sviluppo di complicanze: morte cellulare, formazione di cisti, diffusione dell'infiammazione.

Raccomandiamo di leggere l'articolo sulle proteine ​​nel sangue. Da esso imparerai la decodifica, l'analisi del contenuto proteico nel sangue, la norma, le ragioni degli indicatori aumentati e diminuiti. Ed ecco di più sull'indicatore GGT in un esame del sangue.

Cos'è

L'amilasi è un enzima per la digestione degli alimenti a base di carboidrati, prodotto dal pancreas e dalle ghiandole salivari. Nel corpo circolano 2 forme: salivari e pancreatiche. Il primo rompe i carboidrati già nella cavità orale e il secondo entra nei dotti nel duodeno e continua a elaborare l'amido, il glicogeno in molecole di glucosio e i disaccaridi (maltosio).

Una piccola quantità di amilasi si trova anche in altri tessuti: ovaie, tube di Falloppio, intestino, fegato, vie bronchiali. In una persona sana, la parte principale dell'enzima si trova nel sistema digestivo e solo una parte minima entra nel flusso sanguigno. La sua presenza è spiegata dal fatto che le vecchie cellule della ghiandola vengono distrutte per sostituire quelle nuove..

Aumento dell'amilasi nel sangue: cause e trattamento

Quando l'amilasi è aumentata nel sangue, la causa diventa una malattia delle ghiandole salivari, del pancreas (più spesso) e il trattamento dipenderà dalla diagnosi:

  • rimozione della pietra dal condotto nella cavità orale;
  • terapia per la parotite (bere pesante, riscaldamento, interferone);
  • una diminuzione della glicemia durante la scompenso del diabete mellito (dieta, iniezioni di insulina o uso di compresse ipolipemizzanti);
  • l'uso di medicinali per pancreatite acuta (Nexium, Kontrikal), cronica (Mezim, Pantasan);
  • chirurgia per trauma o blocco in una pietra del dotto della ghiandola, tumore, necrosi pancreatica.

L'intervento chirurgico è inoltre necessario per:

  • appendicite;
  • infiammazione del peritoneo (peritonite);
  • attaccamento ectopico dell'ovulo (tubarica, gravidanza ovarica);
  • perforazione di un'ulcera allo stomaco o un'ulcera duodenale;
  • occlusione intestinale;
  • infiammazione acuta, blocco della cistifellea.

Perché cambia con la pancreatite

Con l'infiammazione del pancreas (pancreatite), un enzima viene rilasciato a causa della distruzione cellulare. I livelli di amilasi aumentano rapidamente nel processo acuto durante le prime ore e rimangono elevati per almeno 5-8 giorni. Quindi, man mano che l'esacerbazione si attenua, si nota una diminuzione dell'indicatore. Lo studio dell'alfa-amilasi nel complesso è generalmente raccomandato:

  • generale e pancreatico nel sangue;
  • lipasi nel sangue (un enzima che scompone il grasso è anche prodotto dal pancreas);
  • diastasi urinarie.

Il criterio diagnostico per la pancreatite è il livello dell'enzima ematico totale da 150 unità / l.

Perché i tassi elevati sono pericolosi

Maggiore è l'amilasi, più forte è il processo di distruzione del pancreas. Se non diminuiscono durante il trattamento, ciò significa che si sviluppano complicanze: necrosi pancreatica (morte del tessuto focale), peritonite (diffusione dell'infiammazione nel peritoneo). Tuttavia, non ci sarà sempre un aumento pronunciato del processo acuto, quindi il grado di attività della pancreatite da parte dell'amilasi non è determinato.

Dieta

Per la pancreatite con alti livelli di amilasi, si raccomanda:

Funzionalità di potenzaraccomandazioni
Il digiuno per 1-3 giorni con un processo acuto o grave esacerbazione di un cronicoIl paziente beve acqua, tè debole senza zucchero, 100 ml ogni 2-3 ore.
Dopo giorni di fame, mangiare cibi frullatiCarne, purea di pesce, ricotta e prodotti a base di latte acido (tutti a basso contenuto di grassi, non acidi), purea di verdure, mele cotte senza buccia, purè di cereali e zuppa di verdure, purè di cereali, cracker per pane bianco.

A poco a poco, mentre il dolore si attenua e l'amilasi si normalizza nelle analisi, non è possibile macinare il cibo, ma la gamma di prodotti viene espansa molto uniformemente.

Sotto il divieto per tutti i tipi di pancreatite e alti livelli di enzimi:

  • alcol;
  • cibi grassi, fritti, piccanti;
  • Navara
  • cavolo crudo, cipolle, acetosa, aglio, ravanello;
  • legumi, orzo perlato;
  • funghi;
  • uova fritte in olio, uova sode;
  • succhi di frutta acida;
  • caffè forte, tè, soda;
  • sottaceti, sottaceti;
  • prodotti affumicati, salsicce;
  • senape, rafano, peperoncino, maionese, ketchup;
  • fast food, patatine, snack.

Verdura e burro sono limitati a 20 g, zucchero, tutti i dolci, pasticceria, focacce, pasta sfoglia, frutta fresca, agrumi, frutti di bosco.

Ragioni per l'aumento

Quando l'alfa amilasi nel sangue aumenta notevolmente, ciò indica che si verificano processi patologici nel corpo. Di solito sono associati ad attività pancreatica anormale. A causa di processi infiammatori, può produrre una grande quantità di succo pancreatico, che contiene amilasi. Inoltre, il flusso dell'enzima nel sangue può aumentare a causa della presenza di ostacoli nella promozione del succo pancreatico, nonché nella distruzione del tessuto ghiandolare.


Molto spesso, tali indicatori nelle analisi vengono rilevati con un malfunzionamento del pancreas

Ecco perché la determinazione del livello di questo enzima è istruttiva per la diagnosi di molte patologie pancreatiche. Questa è principalmente pancreatite acuta, che si trova più spesso negli adulti che abusano di alcol o cibi grassi. A causa del processo infiammatorio acuto, gli enzimi ghiandolari entrano nel flusso sanguigno. Inoltre, sono possibili la distruzione del tessuto pancreatico e lo sviluppo della necrosi pancreatica. Nella pancreatite acuta, di solito si osserva un aumento del livello di amilasi 8 o più volte.

Nella pancreatite cronica, il pancreas viene interrotto gradualmente. In questo caso, il livello di amilasi aumenta da 3 a 5 volte. Un simile aumento del suo numero si osserva anche con lo sviluppo di tumori del pancreas, dopo lesioni dell'addome con il suo danno, con necrosi pancreatica.

Ma ci sono altre ragioni per l'aumento dell'amilasi nel sangue. Queste possono essere patologie di altri organi del tratto digestivo, in particolare quelli situati vicino al pancreas. In genere, la quantità di enzima aumenta leggermente - 2-3 volte. Questo succede con tali patologie:

  • parotite;
  • colecistite acuta o cronica;
  • malattia del calcoli biliari;
  • epatite infettiva;
  • peritonite;
  • ulcera peptica dello stomaco;
  • blocco intestinale;
  • Morbo di Crohn;
  • appendicite acuta;
  • gravidanza extrauterina.

Inoltre, a volte viene rilevato un aumento del contenuto di amilasi in varie patologie metaboliche del corpo. Questa è principalmente la fibrosi cistica, una grave malattia congenita di tutto il corpo che colpisce il tratto digestivo e il diabete. Sono queste malattie che portano a una violazione del metabolismo dei carboidrati, a seguito della quale l'amilasi viene consumata in modo non uniforme.

Esiste anche una patologia come la macroamilasemia. È caratterizzato dal fatto che questo enzima si combina nel siero con una molecola proteica e non può essere escreto dal corpo. Per questo motivo, l'amilasi si accumula nel sangue. Ciò causa il suo alto livello nell'analisi biochimica..

Amilasi nel sangue: normale negli adulti

L'alfa amilasi è normale negli adulti dovrebbe essere nell'intervallo da 25 a 125 U / L. Per determinare il livello, è necessario un esame del sangue biochimico. Il valore ottenuto mostra il contenuto totale di salivare e pancreatico, cioè amilasi totale. Per una diagnosi più accurata, viene esaminata la seconda parte prodotta dal pancreas. È considerato normale se non supera 53 U / L.

Il vantaggio dell'analisi alfa-amilasi pancreatica è la sua elevata specificità. È importante considerare che questo è uno studio che deve essere valutato in un complesso (urine, esami del sangue per entrambi i tipi di enzima e lipasi).

effetti

Le marcate variazioni degli indicatori verso l'alto porteranno nel tempo a danni al pancreas, al tratto gastrointestinale e al fegato. Un significativo deterioramento del benessere del paziente indicherà un grave grado di deformazione degli organi.

Per ripristinare l'attività funzionale, saranno necessari preparati per il fegato e il tratto gastrointestinale a base di PUFA, fosfolipidi essenziali, pancreatina e altre sostanze biologicamente attive. Gli indicatori drasticamente ridotti saranno accompagnati da digestione difettosa di carboidrati, glucosio plasmatico insufficiente, carenza di energia e calorie.

Pertanto, è molto importante scoprire la causa esatta dei bassi livelli di alfa-amilasi. Le moderne attrezzature nelle cliniche consentono di valutare obiettivamente le funzioni di tutti i sistemi del corpo. Sulla base dei dati ottenuti, un medico esperto sarà in grado di determinare la causa e prescrivere il trattamento ottimale.

La norma nelle donne nel sangue di amilasi

Normalmente, nelle donne, l'amilasi nel sangue è al livello di 25-125 U / L. Può essere aumentato nelle donne in gravidanza (non più del 10%) e anche la crescita in età è consentita - dopo 70 anni a 160 unità. Nei bambini fino a un anno, la norma è ridotta rispetto alle donne adulte - 5 unità / litro nei neonati e fino a 55 di un anno. Dopo 50 anni, la porzione pancreatica di amilasi non deve superare i 50 U / L

Per età

Per le donne, le norme dell'alfa-amilasi pancreatica totale e nel sangue (in unità / litro) per età sono mostrate nella tabella.

Età in anniAmilasi totaleAmilasi pancreatica
Fino a 15-552-23
1 a 1920-1004-39
19-7025-1258-50
Dal 7020-1607-55

Va tenuto presente che piccole deviazioni sono dovute a disturbi dietetici e all'uso di compresse. Livelli elevati provocano:

  • dolci in eccesso nella dieta;
  • alcool, caffè;
  • uso di ormoni: prednisone, desametasone, idrocortisone e loro analoghi, pillole anticoncezionali,
  • l'uso di antidolorifici, diuretici, farmaci per ridurre la pressione sanguigna.

Se il grasso o le proteine ​​predominano nella dieta, allora l'amilasi può essere prodotta di meno, il che si rifletterà nell'emocromo.

Durante la gravidanza

Con una gravidanza normale, è consentita una deviazione verso il lato maggiore dell'attività dell'alfa-amilasi. Allo stesso tempo, 165-170 U / L è considerato il limite superiore. Il rilevamento di valori elevati richiede un esame aggiuntivo:

  • Ultrasuoni della cavità addominale e del bacino;
  • esame del sangue - biochimica, generale;
  • Analisi delle urine.

Un forte aumento si verifica durante una gravidanza extrauterina, specialmente durante il periodo del suo aborto spontaneo, la rottura della tuba di Falloppio. I tassi bassi richiedono l'esclusione dei difetti genetici nel feto.

Come normalizzare l'indicatore

La produzione di amilasi è un processo indipendente nel corpo. Se esiste un eccesso significativo della sua norma, è necessario condurre un trattamento adeguato, poiché questo fenomeno influisce negativamente sulle condizioni del paziente e può essere pericoloso per la vita.

Solo uno specialista esperto dovrebbe prescrivere la terapia necessaria. L'autotrattamento può non solo essere inefficace, ma anche portare a conseguenze dannose.

È possibile determinare le misure terapeutiche solo dopo aver condotto un esame e fatto una diagnosi accurata. Dovrebbero essere finalizzati all'eliminazione della causa della condizione patologica..

Lo scopo dei farmaci è di sbarazzarsi della malattia principale.

Il trattamento è prescritto su base individuale, tenendo conto della categoria di età, dello stadio della malattia e delle condizioni generali del paziente.

Dieta

Nella formazione di diabete mellito, pancreatite, disturbi del tratto gastrointestinale e altre patologie, è necessario osservare una dieta speciale. È importante correggere la nutrizione, che consentirà di ridurre l'amilasi.

La dieta è la seguente:

  • Hai bisogno di controllo sulla quantità di proteine ​​nel corpo.
  • È necessario ridurre al minimo o eliminare i carboidrati e i grassi dalla dieta..
  • Importante è il rifiuto di piatti fritti, speziati, salati, affumicati e alcolici. Questi alimenti irritano il rivestimento dello stomaco..
  • È necessario limitare l'assunzione di fibre nel corpo.
  • Non è raccomandato l'uso di marinate.
  • Non mangiare cipolle, aglio, ravanello.
  • Un certo numero di frutta e verdura fresca, succhi naturali, cereali dovrebbero essere inclusi nella dieta.
  • Pesce e carne dovrebbero essere varietà a basso contenuto di grassi.

È necessario assumere cibo in piccole quantità 5-6 volte al giorno.

Una nutrizione scorretta influenza le condizioni e il lavoro del pancreas, la dieta riduce il periodo di trattamento.

Alfa amilasi abbassata nel sangue: cause

Il motivo principale della riduzione dell'alfa-amilasi è una diminuzione del numero di cellule pancreatiche che producono questo enzima. In un adulto, ciò può significare:

  • pancreatite cronica con esacerbazioni frequenti (forme di tessuto cicatriziale nel sito di infiammazione);
  • processo del tumore del pancreas;
  • necrosi pancreatica;
  • cisti multiple (cavità riempite di liquido);
  • rimozione di una parte del tessuto pancreatico;
  • danno alle cellule del fegato - epatite, avvelenamento, alcolismo, grave tossicosi delle donne in gravidanza;
  • tireotossicosi (aumento dell'attività ormonale della ghiandola tiroidea).


L'epatite è uno dei motivi per abbassare l'amilasi nel sangue

Un po 'di amilasi

L'assegnazione della diastasi viene effettuata dal pancreas e in piccola parte dalle ghiandole, che sono responsabili della secrezione salivare. L'enzima è il principale partecipante alla digestione del cibo, alla carenza di carboidrati e ad uno degli elementi del succo digestivo.

Nel corpo, il miglior indicatore di diastasi è considerato minimo. Forse un leggero cambiamento nel suo livello dovuto alla formazione di nuove cellule delle ghiandole salivari e del pancreas.

È stato dimostrato che una piccola frazione della sostanza è concentrata:

  • nell'intestino crasso e magro;
  • nei bronchi;
  • muscolare.

L'amilasi nel sangue è composta da 3 tipi.

Nel corpo, solo l'indicatore alfa è generalizzato, poiché è una diastasi digestiva.

Quando si considera uno studio biochimico, i medici sono sempre interessati al coefficiente di amilasi, poiché occupa un valore importante nella digestione. Questo enzima è responsabile dell'assorbimento del cibo nell'intestino tenue..

Sintomi in cui il medico prescriverà un'analisi

Nella stragrande maggioranza dei casi, la ragione per la nomina di un'analisi per l'amilasi è il dolore addominale:

  • attacchi o persistenti;
  • più spesso forte, improvviso, può persino causare perdita di coscienza;
  • localizzato prevalentemente nella parte superiore;
  • cintura;
  • si verificano dopo cibi piccanti, grassi o fritti, bevande, saturi di gas;
  • accompagnato da gonfiore, vomito, che non porta sollievo.

Il processo acuto è caratterizzato da un calo di pressione, oscuramento degli occhi, palpitazioni e sudore freddo.

Nell'infiammazione cronica predominano i segni di disturbi digestivi:

  • diarrea o feci irregolari;
  • pallore della pelle con una tinta leggermente giallastra;
  • placca sovrapposta.

Viene eseguito anche un esame del sangue per l'alfa-amilasi totale in caso di sospetto di:

  • neoplasia;
  • ostruzione del dotto pancreatico con una pietra;
  • danni dovuti a lesioni, operazioni;
  • colecistite acuta;
  • rottura dell'aneurisma (espansione locale) della parte addominale dell'aorta;
  • ulcera perforata nello stomaco o nell'intestino;
  • appendicite acuta;
  • epatite.


Viene eseguito un esame del sangue per l'alfa-amilasi totale in caso di sospetta rottura dell'aneurisma
Tutti danno sintomi simili. Pertanto, dopo aver rilevato un aumento dell'amilasi, possiamo concludere che esiste un processo infiammatorio acuto nella cavità addominale, la distruzione dei tessuti. Ulteriore diagnosi richiesta per la diagnosi.

Non ha senso analizzare il carcinoma in fase avanzata, dopo aver rimosso parte o tutto il pancreas, nonché la rapida progressione della pancreatite. In tutti questi casi, lo studio dell'alfa-amilasi sarà non informativo, poiché il numero di cellule in grado di produrre questo enzima è ridotto.

Quando vengono prescritti i test

La ragione per l'esame del corpo sarà il dolore allo stomaco, al fegato, ai disturbi delle feci e alla debolezza generale della persona, in cui scompare l'appetito, si verifica la perdita di peso e si verificano disturbi digestivi. Per un quadro completo, determinare il contenuto di alfa-amilasi sia nelle urine che nel sangue.

Il biomateriale per lo studio è prelevato da una vena. Il sangue capillare non darà il risultato corretto. Dopo la raccolta iniziale dei test, sarà richiesto il controllo per monitorare la risposta dell'organismo ai farmaci assunti. La frequenza di queste procedure sarà determinata dal medico curante.

E solo dopo una completa normalizzazione degli indicatori puoi interrompere il sondaggio. Per la prevenzione delle ricadute e per l'individuazione tempestiva di altre malattie gravi, si raccomanda di portare i biomateriali all'intera gamma di parametri biochimici almeno una volta all'anno.

Come donare il sangue

Il materiale per la determinazione dell'amilasi è il siero del sangue. Viene presa da Vienna.


Prelievo di sangue da una vena

Per ottenere il risultato esatto è necessario:

  • resistere ad un'interruzione dei pasti per almeno 12 ore;
  • prima dell'analisi al mattino puoi bere solo acqua pulita;
  • per mezz'ora non puoi fumare, innervosirti, muoverti attivamente;
  • per 3-5 giorni è importante coordinare con il medico la possibilità di annullare il trattamento che può influire sulla prestazione;
  • almeno un giorno per rinunciare a cibi alcolici, grassi e fritti.

Raccomandiamo di leggere un articolo sulla fosfatasi alcalina nel sangue. Da esso imparerai a conoscere le indicazioni per l'analisi, il tasso di fosfatasi alcalina nel siero negli uomini, nelle donne, nei bambini, i motivi per gli indicatori aumentati e diminuiti. E qui c'è di più sugli elettroliti nel sangue.

Viene prescritto un esame del sangue per l'alfa-amilasi nel sangue per sospetta pancreatite, nonché malattie delle ghiandole salivari, infiammazione acuta nella cavità addominale, tumore del pancreas, blocco del dotto con una pietra. Tutte queste condizioni provocano un aumento dell'indicatore. Valori bassi sono possibili con la distruzione del pancreas.

Normalmente, l'indicatore è 25-125 U / L. Per ottenere valori affidabili, è necessaria la preparazione. Il trattamento delle deviazioni comprende la dieta, l'assunzione di farmaci, spesso è necessaria un'operazione.

Livello di urina

Diastase è un'amilasi che viene determinata in un'analisi delle urine. In esso, la concentrazione dell'enzima digestivo è più alta. Il livello normale per gli adulti è di 10-125 unità / l, per i bambini di 10-64 anni. Per l'affidabilità dei risultati il ​​giorno prima, è necessario astenersi da cibi salati e piccanti, alcol, prodotti che cambiano il colore delle urine (barbabietole, carote). I risultati distorcono gli analgesici narcotici, i contraccettivi orali, l'ibuprofene, i corticosteroidi.

L'analisi per la diastasi è prescritta per forti dolori all'addome e alla schiena in un contesto di mancanza di appetito, vomito frequente, febbre. Tutte le condizioni patologiche e le malattie che causano un aumento dell'enzima nel sangue causano automaticamente un aumento della diastasi. Tra loro:

  • pancreatite
  • necrosi pancreatica;
  • tumore del pancreas;
  • malattia del calcoli biliari di qualsiasi forma;
  • epatite;
  • malnutrizione;
  • abuso di alcool
  • appendicite;
  • colecistite (infiammazione della cistifellea);
  • ulcera perforata.
  • gravidanza extrauterina.

Gli indicatori dell'enzima nel sangue e nelle urine sono correlati, ma in condizioni acute la definizione di diastasi non è prescritta. C'è un intervallo di tempo tra i cambiamenti nel livello dell'enzima nel sangue e la sua escrezione da parte dei reni. Per questo motivo, la determinazione dell'enzima nelle urine viene utilizzata come ausilio nella diagnosi di pancreatite e altre patologie dell'apparato digerente..

Cura

Indipendentemente dal fatto che l'amilasi nel sangue sia aumentata o diminuita, la cura dovrebbe mirare a rimuovere la causa della violazione. La deviazione del livello di enzima dalla norma di norma ha risultati spiacevoli per il corpo, a causa di ciò, la decrittazione dei risultati dell'analisi e la selezione delle misure del piano terapeutico dovrebbero essere eseguite esclusivamente dal medico.

Come ridurre

Per dare livelli molto alti di amilasi

nel sangue alla normalità, devono essere prese le seguenti misure:

  • Determinare la fonte della malattia e condurre una terapia appropriata. La diagnosi può richiedere ulteriori test e studi. Nella maggior parte dei casi, il trattamento prevede l'assunzione di farmaci, meno comunemente, un intervento tempestivo.
  • Con la natura infettiva della malattia (ad esempio la parotite), è necessario ridurre la comunicazione con le persone. Se, ad esempio, la malattia scorre in forma acuta o è accompagnata da convulsioni, il trattamento deve essere effettuato in ospedale sotto la supervisione di medici.
  • Per ridurre al minimo il livello dei carichi del piano fisico, è meglio eseguire il riposo a letto.
  • Mantieni una modalità di riposo: una notte di sonno dovrebbe durare almeno 8 ore.
  • Dieta. Dal cibo devono essere rimossi i piatti speziati, affumicati, grassi, aspri, le bevande inebriate, il caffè, il cioccolato, i dolci. Cuocere in forno, al vapore o bollito.
  • Nutrizione frazionata. Dovrebbero esserci piccole dosi, 4-6 volte durante il giorno - una strategia simile per ridurre il carico sul sistema digestivo. È meglio anche mantenere un'alimentazione separata, in altre parole, assumere proteine ​​e carboidrati separatamente..

Come aumentare

Se, ad esempio, il livello di amilasi è inferiore al normale, è necessario:

  • Rileva la malattia che ha scatenato il disturbo, curalo.
  • Rispetto della dieta. Per ridurre la quantità di enzima utilizzata per digerire il cibo, la nutrizione senza amido aiuta. Si propone di ridurre significativamente l'uso di zucchero, cereali, farina, prodotti derivati ​​dal latte, patate, con diversi colori di cavolo, mais.

Trattamento e corretta alimentazione per l'alta amilasi

In caso di malattia del pancreas, è necessario attenersi rigorosamente a una dieta. In caso di malattia del pancreas, è necessario rispettare rigorosamente una dieta. Qualsiasi lesione del pancreas è una patologia pericolosa e grave, pertanto solo un medico di istituti medici specializzati può trattarli. Egli prescriverà gli studi necessari e, sulla base dei risultati delle analisi ottenute, sarà in grado di determinare la gravità della malattia e prescrivere i farmaci necessari, prescrivere il trattamento necessario.

A casa, la dieta è di fondamentale importanza per il paziente: è urgentemente necessario escludere dal menu:

  • fritti,
  • piatti grassi e piccanti,
  • rimuovere le carni affumicate,
  • carne rossa,
  • decapaggio,
  • zuppe e brodi ricchi,
  • salse grasse e piccanti,
  • spezie e condimenti.
  • alcool,
  • tabacco,
  • caffè nero forte
  • tè,
  • bevande artificiali e acqua frizzante.

Il paziente deve garantire la pace e una corretta alimentazione dietetica a brevi intervalli e in porzioni limitate. In caso di danno al pancreas, qualsiasi iniziativa nel trattamento della malattia può causare conseguenze per la salute estremamente pericolose, poiché questo organo è molto sensibile e può rispondere negativamente al trattamento sbagliato..

È necessario attenersi rigorosamente alle prescrizioni del medico e seguire rigorosamente le sue raccomandazioni.

Possibili complicanze Complicanze

Se l'amilasi pancreatica è elevata, questo è un indicatore della disfunzione pancreatica e, di conseguenza, in assenza di un trattamento tempestivo e ben scelto, può portare allo sviluppo delle seguenti malattie e condizioni:

  • Nelle donne, la pancreatite è spesso accompagnata da una cistifellea compromessa e dallo sviluppo di calcoli biliari..
  • Una malattia progressiva può causare disturbi metabolici e lo sviluppo di anemia, carenza di vitamina, che si manifesta con un basso peso corporeo, aumento della secchezza della pelle, unghie fragili e capelli.
  • I problemi di questo organo portano allo sviluppo del diabete.
  • A causa di disturbi digestivi, il cibo è scarsamente digerito e non digerito, il che può causare grave flatulenza, dolore intestinale, diarrea e frequenti visite in bagno.

Tali problemi gravi ti fanno prestare maggiore attenzione alla tua salute e, se viene rilevata una malattia a seguito di un test, inizia immediatamente il trattamento e segui una dieta rigorosa.

Cos'è questo enzima e a cosa serve

L'amilasi è un enzima digestivo che aiuta a scomporre i carboidrati. Ma per l'adempimento qualitativo di questa funzione, è necessario che il suo livello rientri nell'intervallo normale.

L'amilasi inizia a essere prodotta quando i prodotti che contengono amido entrano nel corpo. Si tratta di patate, riso, prodotti da forno e altro ancora. Tipi di alfa, beta e gamma evidenziati.

Per determinare il livello di amilasi, vengono esaminati urina e sangue, per escludere errori, vengono prescritti test in un giorno.

Il sangue viene prelevato da una vena al mattino presto a stomaco vuoto. Quando una persona cerca assistenza medica, i test vengono eseguiti in qualsiasi momento, ma in tali casi è necessario tenere conto dell'ora del giorno e del cibo che il paziente ha assunto.

Come prepararsi per l'analisi

Il risultato biochimico di un esame del sangue fornisce un quadro completo delle condizioni e della salute di una persona. Un indicatore come l'alfa-amilasi aumenta nel sangue per una serie di ragioni legate all'attività funzionale del pancreas. Il sangue viene prelevato al mattino a stomaco vuoto. Pertanto, è vietata la colazione e il consumo di bevande zuccherate nel giorno stabilito.

Il giorno prima dell'analisi, non è possibile assumere cibi grassi e piccanti con un alto contenuto di carboidrati (pane, riso, pasta, dolci e zucchero). Si consiglia di limitare l'uso di caffè, tè e soda. Alla vigilia dell'analisi, dovrebbero essere evitate situazioni stressanti e stress fisico..

È anche indesiderabile bere molto, in modo da non causare diluizione del sangue con liquidi e non provocare un'escrezione abbondante di alfa-amilasi nelle urine. Per non sovraccaricare prima di raccogliere i biomateriali, è meglio preferire un taxi anziché i mezzi pubblici se non ci sono auto personali.

Prevenzione

  1. Moderazione nell'uso di cibi grassi, piccanti, bevande alcoliche. Rispetto della dieta (mangiare più spesso ma a poco a poco, non mangiare di notte, osservare il rapporto proteine-grassi-carboidrati e oligoelementi negli alimenti, rifiutare cibi veloci, varie salse calde e acide e condimenti industriali, bevande analcoliche zuccherate, limitare l'uso di caffè, tè forte ).
  2. Sottoporsi periodicamente a un esame (ad esempio, esame medico o esami medici programmati sul luogo di lavoro).
  3. Non automedicare se si verifica periodicamente dolore nell'addome superiore, se si sospetta il diabete. Assicurati di consultare un medico.
  4. Prendi l'abitudine di masticare bene il cibo. Quando ingoiamo il cibo in fretta, non ha tempo di connettersi con la saliva, il che significa che entra nello stomaco senza iniziare l'interazione con l'amilasi.

Tra tutti gli studi per la valutazione della salute, un posto importante è occupato da un esame del sangue biochimico. Permette di identificare le patologie nelle prime fasi e in tempo di applicare metodi per eliminarle..

Uno dei suoi indicatori è il livello di amilasi nel sangue. Indica lo stato dei processi metabolici. Se l'amilasi viene abbassata o aumentata, allora esistono processi patologici in essi.

Inoltre

Valori aumentati dell'enzima nei risultati dell'esame biochimico sono determinati molto più spesso di tassi bassi. Un'alta concentrazione di α-amilasi indica possibili malattie:

  • pancreatite e cancro del pancreas;
  • blocco intestinale;
  • diabete mellito e chetoacidosi diabetica;
  • ulcera peptica del duodeno e dello stomaco;
  • gravidanza extrauterina;
  • calcoli biliari e urolitiasi;
  • Insufficienza renale cronica; insufficienza renale cronica;
  • alcolismo;
  • infestazioni parassitarie;
  • parotite (parotite);
  • appendicite.

In caso di deviazioni dei risultati dell'analisi dalla norma, il paziente ha bisogno di un esame aggiuntivo.

Come è l'analisi

Il prelievo di sangue viene effettuato utilizzando una siringa volumetrica proveniente da una vena del gomito. Prima di assumere il biomateriale, dovresti lavorare attivamente con un pennello per attivare la circolazione sanguigna e riempire la vena stessa. Durante la recinzione, il pugno deve essere stretto..

L'ultima raccomandazione è che gli aghi per la raccolta dei biomateriali vengono utilizzati più spesso rispetto ai contagocce endovenosi. Pertanto, il sangue viene rilasciato più a lungo e più abbondantemente da una vena nel tessuto circostante. Trascurare questa condizione porterà alla formazione di un ampio livido e al suo assorbimento prolungato..

Se non è stato possibile evitare la formazione di lividi, è possibile utilizzare unguenti come Finalgon con estratto di peperoncino. Anche il noto asterisco vietnamita elimina bene i lividi. Gli oli essenziali nella sua composizione penetrano nella pelle di una persona, aumentano la circolazione sanguigna, raffreddano e leniscono la pelle.

Cosa può influenzare i risultati dell'analisi.

Se la situazione è critica e l'analisi viene eseguita in un ospedale, le cifre ottenute in laboratorio sono considerate vere, indipendentemente da quanto tempo è stato dato il sangue, da quanto tempo ha mangiato una persona, ecc..

Se il prelievo di sangue avviene in una modalità più rilassata e il risultato è incerto, ciò potrebbe essere dovuto a una violazione delle raccomandazioni per la preparazione dell'analisi:

  • forse il paziente stava assumendo alcuni farmaci che aveva dimenticato o non voleva informare il medico;
  • Praticare intensamente sport al mattino, prima di dare il sangue;
  • forse c'era stress, esaurimento nervoso, instabilità psico-emotiva;
  • forse il paziente non ha seguito la dieta raccomandata o ha bevuto alcolici.

Oltre ai fattori che dipendono dal paziente, potrebbero esserci errori commessi dai dipendenti dell'istituzione medica. Per esempio:

  • consegna prematura al laboratorio;
  • consegna a temperature ambiente alte o basse senza un contenitore speciale.

Quando è necessaria la diagnostica di laboratorio

L'α-amilasi è inclusa nell'elenco degli indicatori da valutare nell'ambito di un esame del sangue biochimico. Questo è un metodo di ricerca di laboratorio sulle proprietà fisiche e sulla composizione chimica del sangue, che consente di valutare la funzionalità degli organi interni e identificare possibili violazioni.

  • con lamentele sintomatiche del paziente;
  • per prevenzione;
  • per il monitoraggio della terapia.

L'obiettivo principale della ricerca sull'enzima digestivo (amilasi pancreatica) è la diagnosi e il monitoraggio tempestivi del trattamento delle malattie del pancreas. La diagnosi di emergenza dell'alfa-amilasi viene effettuata con sospetto:

  • per infiammazione acuta del pancreas (pancreatite acuta);
  • infiammazione della copertura sierosa del peritoneo (peritonite);
  • gravidanza extrauterina.

La microscopia del sangue regolare per determinare il livello di alfa-amilasi è necessaria per i diabetici, i pazienti con patologie croniche del pancreas e del fegato e i pazienti oncologici. La procedura di prelievo del sangue viene eseguita in laboratorio, al mattino e rigorosamente a stomaco vuoto. Per ottenere dati riepilogativi oggettivi, si raccomanda al paziente:

  • tre giorni prima dell'analisi, eliminare dalla dieta cibi grassi, condimenti piccanti e spezie, bevande alcoliche;
  • rifiutare di assumere farmaci (diuretici, enzimi, ormoni, farmaci antinfiammatori non steroidei);
  • alla vigilia della procedura per limitare lo sport e altre attività fisiche.

La durata del regime di digiuno prima dello studio è di 8-12 ore.