Trombocitopenia

La trombocitopenia è un gruppo di malattie o sindromi in cui vi è una diminuzione del numero di piastrine nel sangue inferiore a 150 * 109 in un litro.

A questa malattia viene assegnato il codice ICD 10 D69. Le piastrine o le piastrine del sangue sono cellule piatte che non hanno nuclei. Hanno una forma rotonda irregolare..

Il diametro della cella è fino a 4 micron e il suo spessore è fino a 0,5 micron.

Cos'è?

La trombocitopenia è una condizione patologica caratterizzata da una diminuzione del numero di piastrine circolanti nel sangue periferico, inferiore a 150.000 in un microlitro. Ciò è accompagnato da un aumento del sanguinamento e da un ritardo nell'arresto del sanguinamento dai piccoli vasi. La trombocitopenia può essere una malattia del sangue indipendente e può anche essere un sintomo in varie patologie di altri organi e sistemi.

Proprietà piastriniche

Le piastrine, i globuli rossi, vengono prodotti nel midollo osseo, vivono poco più di una settimana, si disintegrano nella milza (la maggior parte) e nel fegato. Hanno una forma arrotondata, in apparenza ricordano le lenti. Maggiore è la dimensione delle piastrine, più giovane è. Gli scienziati hanno notato da tempo al microscopio che sotto qualsiasi azione di stimoli si gonfiano, rilasciano processi villi, si aderiscono l'un l'altro.

I compiti principali delle piastrine nel corpo:

  • protezione contro le emorragie: attaccando le cellule si formano coaguli di sangue che bloccano la nave ferita;
  • sintesi di fattori di crescita che influenzano i processi di riparazione dei tessuti (epitelio delle membrane di vari organi, endotelio della parete vascolare, cellule fibroblastiche ossee).

La conta piastrinica fluttua: diminuisce di notte, in primavera, nelle donne con mestruazioni, gravidanza. È noto che la mancanza di vitamina B12 e acido folico negli alimenti riduce la conta piastrinica. Tali fluttuazioni sono temporanee, di natura fisiologica.

Il livello normale di piastrine nel sangue è considerato di 150 mila in un microlitro (150 x 109 / l). La quantità sotto questa cifra si riferisce a trombocitopenia, condizioni patologiche.

Classificazione

La trombocitopenia è di solito classificata sulla base di una serie di segni: cause, natura della sindrome, fattore patogenetico, gravità delle manifestazioni emorragiche. Secondo il criterio eziologico, si distinguono la trombocitopenia primaria (idiopatica) e secondaria (acquisita). Nel primo caso, la sindrome è una malattia indipendente; nel secondo - si sviluppa una seconda volta, con una serie di altri processi patologici.

La trombocitopenia può avere un decorso acuto (che dura fino a 6 mesi, con un inizio improvviso e una rapida diminuzione della conta piastrinica) e cronica (che dura più di 6 mesi, con un graduale aumento delle manifestazioni e una diminuzione della conta piastrinica).

Dato il principale fattore patogenetico, ci sono:

  • diluizione trombocitopenia
  • distribuzione di trombocitopenia
  • consumo di trombocitopenia
  • trombocitopenia dovuta a insufficiente formazione di piastrine
  • trombocitopenia dovuta alla maggiore distruzione piastrinica: non immune e immune (alloimmune, autoimmuni, transimmuni, eteroimmuni)

Il criterio per la gravità della trombocitopenia è il livello di piastrine nel sangue e il grado di violazione dell'emostasi:

  • I - conta piastrinica 150-50x109 / l - emostasi soddisfacente
  • II - conta piastrinica 50-20 x109 / l - con trauma minore, emorragie intradermiche, petecchie, sanguinamento prolungato da ferite
  • III - conta piastrinica 20x109 / L e inferiore - si sviluppa sanguinamento interno spontaneo.

Ragioni per lo sviluppo della patologia

Spesso la causa della malattia è una reazione allergica del corpo a vari farmaci, a seguito della quale si osserva una trombocitopenia del farmaco. Con questo malessere, il corpo produce anticorpi contro il farmaco. Le medicine che influenzano la comparsa di insufficienza circolatoria nel corpo includono sedativi, alcaloidi e agenti antibatterici..

Le cause dell'insuccesso possono essere problemi di immunità causati dalle conseguenze delle trasfusioni di sangue.

Soprattutto spesso, la malattia si manifesta con una discrepanza di gruppi sanguigni. La trombocitopenia autoimmune si osserva più spesso nel corpo umano. In questo caso, il sistema immunitario non è in grado di riconoscere le sue piastrine e le respinge dal corpo. Come risultato del rigetto, vengono prodotti anticorpi per rimuovere le cellule estranee. Le cause di tale trombocitopenia sono:

  1. Insufficienza renale patologica ed epatite cronica.
  2. Lupus, dermatomiosite e sclerodermia.
  3. Malattie della leucemia.

Se la malattia ha una forma pronunciata di una malattia isolata, allora si chiama trombocitopenia idiopatica o malattia di Verlhof (codice ICD-10: D69.3). L'eziologia della porpora trombocitopenica idiopatica (ICD-10: D63.6) rimane poco chiara, ma gli scienziati medici sono inclini a credere che la ragione di ciò sia una predisposizione ereditaria.

Anche la manifestazione della malattia in presenza di immunodeficienza congenita è caratteristica. Tali persone sono più suscettibili ai fattori dell'insorgenza della malattia e le ragioni di ciò sono:

  • danno al midollo osseo rosso a causa degli effetti delle droghe;
  • l'immunodeficienza porta al danno dei megacariociti.

Esiste una natura produttiva della malattia, dovuta a una produzione insufficiente di piastrine da parte del midollo osseo. In questo caso, sorge la loro insufficienza e, di conseguenza, sfocia nel malessere. Le cause sono mielosclerosi, metastasi, anemia, ecc..

La carenza di piastrine nel corpo è osservata nelle persone con una composizione ridotta di vitamina B12 e acido folico. L'eccessiva esposizione radioattiva o alle radiazioni non è esclusa per la comparsa di insufficienza di cellule del sangue.

Pertanto, possiamo distinguere due tipi di cause che influenzano il verificarsi di trombocitopenia:

  1. Distruzione delle cellule del sangue: porpora trombocitopenica idiopatica, anomalie autoimmuni, cardiochirurgia, disturbi circolatori clinici nelle donne in gravidanza ed effetti collaterali dei farmaci.
  2. Contribuire a ridurre la produzione di anticorpi da parte del midollo osseo: effetti virali, metastasi, chemioterapia e radiazioni, nonché consumo eccessivo di alcol.

Primi segni

La trombocitopenia si manifesta solitamente con i seguenti sintomi:

  • tendenza all'emorragia intradermica (porpora);
  • gengive sanguinanti;
  • mestruazioni pesanti nelle donne;
  • sangue dal naso;
  • sanguinamento gastrointestinale;
  • emorragia interna.

Va notato che questi sintomi non sono specifici e possono verificarsi anche con altre patologie..

Sintomi di trombocitopenia

Indipendentemente dalla causa della trombocitopenia negli adulti, una diminuzione del numero di piastrine nel sangue si manifesta con i seguenti sintomi:

  1. Emorragie sottocutanee multiple si trovano sul corpo umano, che può essere presentato sia sotto forma di piccoli punti, sia sotto forma di grandi ematomi. Inoltre, si formano anche con uno shock minore o altro impatto fisico.
  2. Le eruzioni cutanee possono avere un colore blu, marrone, verde o giallastro. Ciò indica che non sono apparsi contemporaneamente, ma in momenti diversi (alcuni passano, altri sono abbastanza freschi).
  3. Le emorragie si verificano spesso anche nel bulbo oculare..
  4. Il sanguinamento degli organi interni, incluso il cervello, può svilupparsi.
  5. A volte un sintomo di trombocitopenia è un aumento delle dimensioni della milza.
  6. Le emorragie si trovano sulle braccia e sulle gambe, sullo stomaco, sul viso, nella cavità orale, sul petto.
  7. Una persona nota un aumento delle gengive sanguinanti, è preoccupato per il sangue dal naso, che accade abbastanza spesso.
  8. Le donne avvertono mestruazioni prolungate e tra i cicli si verificano anche perdite di sangue dalla vagina.
  9. Sullo sfondo della trombocitopenia, il sanguinamento dopo l'intervento chirurgico è un pericolo per la vita umana. Inoltre, non è necessario che l'intervento sia globale. Si tratta anche di rimuovere i denti o il tessuto tonsillare troppo cresciuto.

I sintomi della trombocitopenia sono spiegati non solo dal fatto che il sangue perde la sua capacità di coagulare, ma anche dal fatto che aumenta la permeabilità della parete vascolare. Il sangue non può coagulare perché la produzione di un enzima è compromessa, che è responsabile dell'adesione delle piastrine alla parete vascolare, nonché delle loro dimensioni normali. Le navi perdono la loro normale permeabilità a causa del fatto che i loro processi nutrizionali sono interrotti, di cui sono responsabili le piastrine. L'effetto è una bassa serotonina, prodotta anche dalle piastrine e che regola le normali contrazioni della parete vascolare..

Trombocitopenia in gravidanza

Si noti che il numero di piastrine durante la gravidanza varia in modo non uniforme, perché lo stato individuale del corpo della donna è di grande importanza qui. Se la donna incinta è in buona salute, si può osservare una leggera riduzione della conta piastrinica. Ciò è dovuto a una diminuzione del periodo della loro vita e alla loro maggiore partecipazione al processo di circolazione periferica.

Con un basso numero di piastrine, compaiono i prerequisiti per lo sviluppo della trombocitopenia. La ragione di ciò è una diminuzione della formazione di piastrine nel sangue, un alto grado di morte o consumo. Clinicamente, la malattia è espressa da sanguinamento ed emorragia sottocutanea. I fattori di insufficienza piastrinica sono un'alimentazione insufficiente di una donna incinta, alterata eziologia immunitaria o perdita di sangue cronica. Pertanto, le piastrine non vengono prodotte o acquisiscono una forma irregolare.

Per fare una diagnosi di trombocitopenia, viene eseguito un test di coagulazione sotto forma di coagulogramma. Questo è un metodo molto informativo e preciso. L'importanza di ottenere informazioni sulla conta piastrinica nel sangue è che consente di evitare gravi complicazioni durante il parto. Quindi in un bambino con trombocitopenia di natura immunitaria durante il parto, lo sviluppo di sanguinamento interno è grande, il più pericoloso dei quali è l'emorragia cerebrale. In questo scenario, il medico curante prende una decisione sulla consegna chirurgica. Nella maggior parte dei casi, questa malattia non minaccia la salute del bambino.

Diagnostica

Il primo metodo per rilevare la trombocitopenia è un esame del sangue clinico. In esso, viene rilevata una carenza di cellule, viene valutata la maturità degli elementi rimanenti. Questo è importante per determinare la causa della malattia. Se si sospetta una violazione della formazione e della maturazione delle placche di sangue, viene prescritta la puntura del midollo osseo..

Al fine di eliminare la carenza di fattori di coagulazione, viene esaminato un coagulogramma e gli anticorpi contro le piastrine vengono determinati con segni della natura autoimmune della malattia. Oltre a questi metodi, sono raccomandati ultrasuoni del fegato e della milza, radiografia del torace, esami del sangue immunologici..

Trattamento di trombocitopenia

Il trattamento della trombocitopenia sintomatica associata ad altre malattie richiede un trattamento di base della malattia di base.

Forme acute

Nel periodo acuto, la trombocitopenia deve essere trattata in un ospedale in cui il paziente è ricoverato in ospedale. Viene prescritto un rigoroso riposo a letto fino al raggiungimento del livello fisiologico (150 mila in μl) di piastrine.

Nella prima fase del trattamento, al paziente vengono prescritti farmaci corticosteroidi, che impiega fino a 3 mesi, la rimozione della milza, se non c'è scelta, è prevista nella seconda fase e la terza fase del trattamento è prevista per i pazienti dopo splenectomia. Consiste nell'uso di piccole dosi di prednisone e nella plasmaferesi terapeutica.

Di norma, si evitano le infusioni endovenose di piastrine dei donatori, soprattutto in caso di trombocitopenia immunitaria a causa del pericolo di aggravamento del processo.

Le trasfusioni piastriniche danno un notevole effetto terapeutico se sono appositamente selezionate (specificamente per questo paziente) secondo il sistema HLA, tuttavia, questa procedura è molto laboriosa e inaccessibile, quindi, con l'anemia profonda, è preferibile trasfondere una massa di globuli rossi lavati scongelati.

Va ricordato che i farmaci che violano le capacità di aggregazione delle cellule del sangue (aspirina, caffeina, barbiturici, ecc.) Sono vietati per i pazienti con trombocitopenia, di norma un medico lo avverte quando viene dimesso dall'ospedale.

Ulteriore trattamento

I pazienti con trombocitopenia richiedono ulteriori osservazioni da parte di un ematologo e dopo dimissione dall'ospedale. Viene dato loro un paziente che ha bisogno di risanamento di tutti i focolai di infezione e deformazione, vengono informati che l'ARVI e l'esacerbazione delle malattie concomitanti provocano una reazione corrispondente delle piastrine, quindi l'indurimento, gli esercizi di fisioterapia, sebbene debbano essere obbligatori, vengono introdotti gradualmente e attentamente.

Inoltre, è previsto che il paziente mantenga un diario alimentare, in cui i pasti sono attentamente pianificati per la trombocitopenia. Lesioni, sovraccarico, assunzione incontrollata di farmaci e prodotti alimentari apparentemente innocui può provocare una ricaduta della malattia, sebbene la prognosi sia generalmente favorevole.

La dieta per la trombocitopenia ha lo scopo di eliminare i prodotti allergenici e di saturare la dieta con vitamine del gruppo B (B12), acido folico e vitamina K, che prende parte al processo di coagulazione del sangue.

Regole dietetiche e nutrizionali

Una dieta specifica per i pazienti con una storia di trombocitopenia comprende un gruppo di prodotti contenenti componenti coinvolti nella costruzione della struttura portante delle cellule del sangue, nella separazione e formazione delle cellule del sangue. Molto importante è il rifiuto di sostanze che inibiscono il grado di influenza nella fase dell'ematopoiesi..

La dieta dovrebbe essere ricca di proteine ​​di natura più vegetale, cianocobalamina o vitamina B 12 e gli alimenti devono contenere acidi folici e ascorbici. La ragione di ciò è che con questa patologia si verifica una violazione del metabolismo delle purine. Ciò comporta un minor consumo di prodotti di origine animale. Le proteine ​​vengono reintegrate a causa di alimenti vegetali contenenti soia: fagioli, piselli e altri. Il cibo per la trombocitopenia dovrebbe essere dietetico, includere una varietà di verdure, frutta, bacche ed erbe. I grassi animali dovrebbero essere limitati e sostituiti con girasole, olive o altri tipi di olio..

Un elenco approssimativo di piatti inclusi nel menu dei pazienti con trombocitopenia:

  • brodo di pollo, con conseguente aumento dell'appetito;
  • Prodotti da forno a base di farina di segale o di grano;
  • il primo piatto dovrebbe essere la zuppa;
  • insalate di olio vegetale alle erbe;
  • piatti a base di pesce di varietà a basso contenuto di grassi;
  • prodotti a base di carne di pollame sottoposti a vari trattamenti termici;
  • i contorni sono fatti con cereali, pasta;
  • non ci sono restrizioni sulle bevande.

Affinché la nutrizione terapeutica possa beneficiare e aiutare con la terapia della trombocitopenia, è importante seguire alcune regole. Innanzitutto, sono necessari prodotti contenenti tiamina e azoto per controllare il rilascio di nuove cellule del sangue dalla milza. La seconda struttura portante delle cellule del sangue necessita di un apporto sufficiente di lisina, metionina, triptofano, tirosina, lecitina e colina, che appartengono al gruppo di aminoacidi essenziali. In terzo luogo, la separazione delle cellule del sangue è impossibile senza tali oligoelementi come cobalto, vitamine del gruppo B, sostanze contenenti acido ascorbico e acido folico. E in quarto luogo, la qualità della formazione del sangue dipende dalla presenza di piombo, alluminio, selenio e oro nel sangue. Hanno un effetto tossico sul corpo..

Conseguenze e complicazioni

Le principali manifestazioni di trombocitopenia sono emorragie e sanguinamento. A seconda della loro posizione e intensità, possono svilupparsi varie complicazioni, a volte pericolose per la vita.

Le complicazioni più formidabili della trombocitopenia sono:

  1. Emorragia cerebrale. È una manifestazione relativamente rara, ma la più formidabile di trombocitopenia. Può verificarsi spontaneamente o con lesioni alla testa. L'inizio di questa condizione è di solito preceduto da altri sintomi della malattia (emorragie nella mucosa orale e nella pelle, sangue dal naso). Le manifestazioni dipendono dal luogo dell'emorragia e dal volume del sangue versato. La prognosi è sfavorevole: circa un quarto dei casi è fatale.
  2. Emorragia retinica. È una delle manifestazioni più pericolose di trombocitopenia ed è caratterizzata dall'impregnazione della retina con sangue proveniente da capillari danneggiati. Il primo segno di emorragia retinica è un deterioramento dell'acuità visiva, dopo di che può apparire una sensazione di un punto nell'occhio. Questa condizione richiede cure mediche qualificate urgenti, in quanto può portare alla perdita completa e irreversibile della vista..
  3. Anemia postemorragica Il più delle volte si sviluppa con forti emorragie nel sistema gastrointestinale. Non è sempre possibile diagnosticarli immediatamente e, a causa della maggiore fragilità dei capillari e del numero ridotto di piastrine, l'emorragia può continuare per diverse ore e spesso ripetersi (ripetere). Clinicamente, l'anemia si manifesta con pallore della pelle, debolezza generale, vertigini e con la perdita di più di 2 litri di sangue, può verificarsi la morte.

Sveglia: il conteggio delle piastrine prevede la morte per COVID-19

Un semplice emocromo aiuterà a determinare la gravità della condizione del paziente con coronavirus. I ricercatori hanno studiato i dati di oltre 1,5 mila ricoverati in ospedale e hanno scoperto che la conta piastrinica è diminuita significativamente in quei pazienti il ​​cui trattamento è stato fatale. Gli scienziati hanno proposto di utilizzare questo indicatore come indicatore della potenziale minaccia di morte e di peggiorare il decorso della malattia.. Gli esperti russi ritengono che questo sia un metodo promettente per il monitoraggio della salute con COVID-19. Inoltre, puoi fare un'analisi del genere in qualsiasi laboratorio clinico in questo momento, quindi i medici non avranno bisogno di nuove soluzioni tecniche e alti costi finanziari.

Previsione scientifica

I ricercatori dell'Università di Verona e dell'Ospedale Universitario di Padova, insieme a colleghi degli Stati Uniti, hanno analizzato una serie di articoli scientifici che riportavano il livello di piastrine (componenti del sangue che sono attivamente coinvolte nella costruzione di vasi sanguigni. - Izvestia) in pazienti con COVID-19.

Sono stati studiati casi di 1779 casi, di cui 399 (22,4%) erano in gravi condizioni. Confrontando gli indicatori delle analisi cliniche, gli scienziati hanno concluso che una bassa conta piastrinica è associata ad un aumentato rischio di malattia grave e mortalità nei pazienti con coronavirus (la prestampa dell'articolo è disponibile nelle biblioteche scientifiche).

Piastrina attivata su vetro con fibrinogeno immobilizzato

"Si propone di utilizzare questo indicatore come marker per il deterioramento delle condizioni del paziente", ha detto a Izvestia David Naimzada, ricercatore presso l'Istituto di analisi della salute e della tecnologia di Mosca e la digitalizzazione della sanità. - Si tratta della possibilità di monitorare lo stato dell'infezione e di prendere decisioni mediche.

Secondo lo scienziato, la conta piastrinica riflette alcuni aspetti dello stato del sistema emostatico, la cui funzione è quella di preservare lo stato liquido del sangue, smettere di sanguinare con danni alle pareti dei vasi sanguigni e dissolvere i coaguli di sangue. Un malfunzionamento di questo sistema indica un malfunzionamento sistemico del corpo, che in una certa misura può indicare un forte deterioramento del suo lavoro nel suo complesso.

Indicatore efficace

Il criterio rivelato può davvero essere usato per diagnosticare forme gravi di coronavirus, che richiedono un'attenzione particolare da parte dei medici, ha detto a Izvestia il capo del dipartimento di cardiochirurgia del Centro clinico dell'Università Sechenovskiy di Roman Komarov.

- In una forma grave della malattia, l'infezione da coronavirus si manifesta con sindrome da insufficienza multipla d'organo: fegato, rene, polmone compromessi, - ha notato un cardiochirurgo. - Ciò provoca l'inibizione del germoglio ematopoietico, con conseguente riduzione del numero e della qualità delle piastrine.

Questo indicatore è già utilizzato nella pratica clinica per monitorare la salute dei pazienti in varie condizioni patologiche, ha detto a Izvestia il professore dell'Università Politecnica di San Pietroburgo Pietro il Grande, dottore in scienze biologiche, capo della ricerca nel campo della virologia molecolare e dell'oncologia.

Microfotografia elettronica a scansione (SEM) dei globuli umani: globuli rossi, piastrine attivate, globuli bianchi (da sinistra a destra)

- Molte malattie, incluso il cancro, sono accompagnate da una diminuzione della conta piastrinica (trombocitopenia - una patologia che è caratterizzata da problemi con l'interruzione del sanguinamento. - Izvestia). Queste sono informazioni importanti per i medici, ovviamente, una diminuzione della conta piastrinica è un segnale di un deterioramento delle condizioni del paziente., - ha sottolineato l'esperto.

Lo scienziato ha affermato che, in generale, le conte ematiche possono dire molto sulla gravità della malattia. Ad esempio, nell'AIDS, il rapporto tra cellule CD4 (un tipo di linfocita, i cosiddetti T-helper, che aiutano altre cellule a distruggere organismi infettivi) e CD8 (T-killer che riconoscono e distruggono cellule anormali o infette) viene interrotto. La loro proporzione è considerata un importante indicatore clinico, che viene utilizzato per caratterizzare le condizioni del paziente e la qualità del processo di trattamento. Per quanto riguarda il conteggio di coronavirus e piastrine, gli studi sulla loro relazione devono continuare, ha affermato Andrei Kozlov.

Analisi disponibili

Come spiegato in una conversazione con Izvestia, David Naimzada, un metodo per determinare il livello di piastrine nel sangue è buono perché è disponibile in ogni laboratorio clinico. Pertanto, la sua attuazione non richiederà costi speciali e mezzi tecnici..

Tuttavia, per COVID-19 viene proposto per la prima volta un modo relativamente semplice per monitorare le condizioni del paziente. Ad oggi, la letteratura scientifica fornisce poche informazioni sulla patogenesi del nuovo ceppo.

Finora, non ci sono abbastanza informazioni per trarre conclusioni inequivocabili sull'efficacia dell'analisi proposta, ritiene Nikolai Karpov, un dipendente dell'Istituto di Biologia di Tsogu.

I dipendenti dell'obitorio entrano nel crematorio del cimitero de La Almudena con la bara di una persona morta per malattia di coronavirus, Madrid, Spagna, 23 marzo 2020

Il ruolo dei fattori di aggressione piastrinica nello sviluppo dell'infarto miocardico acuto Testo di un articolo scientifico nella specialità "Medicina clinica"

Argomenti simili di lavoro scientifico in medicina clinica, l'autore del lavoro scientifico è Mukhina P.N., Vorobyova N. A.

Il testo del lavoro scientifico sul tema "Il ruolo dei fattori di aggressione piastrinica nello sviluppo dell'infarto miocardico acuto"

Mukhina P.N., Vorobyeva N. A.

Filiale settentrionale del Centro scientifico e tecnico statale per la salute della Federazione Russa;

GBUZ "Primo ospedale clinico cittadino intitolato a E. E. Volosevich ";

TSNIL GBOU VPO Northern State Medical University, Arkhangelsk

Ruolo dei fattori di aggressione piastrinica nello sviluppo di infarto miocardico acuto

Rilevanza dell'argomento. Come sapete, le violazioni di emostasi ed emoreologia formano uno stato di trombofilia. Le condizioni trombofiliche sono caratterizzate da una maggiore tendenza a sviluppare trombosi dei vasi sanguigni, che può contribuire alla manifestazione di eventi vascolari acuti. La P-tromboglobulina agisce come uno dei marker di aggressione piastrinica. Come è noto, la r-tromboglobulina è un prodotto della secrezione di a-granuli di piastrine, viene rilasciata attivamente durante l'aggregazione piastrinica, inibisce la secrezione di prostaciclina (un anticoagulante attivo del tessuto che regola la coagulazione intravascolare), come marker di attivazione della funzione piastrinica. In condizioni fisiologiche, il suo contenuto nel siero di sangue è di 12-80 μg / l, mentre il suo aumento è un fattore predittivo del rischio di trombosi. Lo scopo dello studio era di valutare la dinamica dell'indice r-tromboglobulina durante la terapia AMI.

Materiali e metodi. Uno studio prospettico, non randomizzato di pa-

pazienti con diagnosi di AMI. Il metodo di campionamento continuo includeva pazienti ricoverati nel reparto di rianimazione cardiopolmonare dell'ospedale clinico GBUZ JSC First City intitolato a EE Volosevich ", Arkhangelsk, in merito all'infarto miocardico acuto nel periodo dal 1 settembre 2010 al 31 dicembre 2010 (n = 40). Criteri di esclusione: genere femminile, presenza di diabete, presenza di patologia valvolare di origine reumatica, presenza di malattie autoimmuni, presenza di oncopatologia, malattie del sangue (anemia, emocrastosi nell'anamnesi), presenza di epatite cronica. Lo studio di laboratorio è stato condotto sulla base del laboratorio del centro di emostasi e dell'aterotrombosi del ramo settentrionale del SSC del Ministero della Salute della Federazione Russa. Il livello di p-tromboglobulina nel siero del sangue è stato determinato il 1 ° e il 14 ° giorno dell'AMI. Per l'elaborazione matematica dei risultati della ricerca, è stato utilizzato il pacchetto software SPSS per Windows (versione 20).

I risultati dello studio. L'età media dei soggetti era M = 53,4 (SD 10, 56) (IC al 95%: 50,4; 56,5) anni. Nel 75,5% (IC 95%: 61,9; 85,4), (n = 37) casi, è stato diagnosticato il Q-MI;

"PATOLOGIA DELL'EMOSTASI - UN PROBLEMA CLINICO GENERALE" CONFERENZA SCIENTIFICA E PRATICA ___________________

nel 24,5% (IC 95%: 14,6; 38,1), (n = 12) casi - non Q-IM. Secondo la localizzazione della lesione, predominava l'MI anteriore e anterolaterale, che è stata osservata in casi del 59,2% (IC 95%: 45,3; 71,8), (n = 29); IM posteriore e inferiore sono stati diagnosticati in 38,8% (IC 95%: 26,4; 52,8), (n = 19) casi; circolare - nel 2% dei casi (IC al 95%: 0,4; 10,7), (n = 1). Durante lo studio, il livello medio di r-tromboglobulina al momento del ricovero in ospedale era M = 201,22 (SD 7,38) (IC 95%: 198,86; 203,58) mcg / L; alla dimissione dal 10 al 14 ° giorno - M = 196,23 ^ 8,15) (IC al 95%: 193,62; 198,84) mcg / L. Va notato che sia al momento del ricovero che al 14 ° giorno di AMI, il livello medio di r-tromboglobulina ha superato significativamente i valori di riferimento (p = 0,0001) nel 100% dei casi. Vi è stata una riduzione statisticamente significativa dei livelli medi di r-tromboglobulina nella dinamica della terapia AMI il 14 ° giorno (1 = 2.930, p = 0,006). Non c'era correlazione statisticamente significativa tra il livello di p-tromboglobulina e aggregazione piastrinica con adrenalina il 1 ° giorno di AMI (g = - 0,116; p = 0,475) e il 14 ° giorno di AMI (g = 0,015; p = 0,927), come tra il livello di r-tromboglobulina e aggregazione piastrinica con ADP il 1 ° giorno di OiM (g = - 0,096; p = 0,556) e il 14 ° giorno di AMI (g = - 0,19; p = 0,24). Non segnare-

Ci sono state differenze statisticamente significative nel livello di r-tromboglobulina in pazienti con Q-MI e non-Q-MI (p = 0,164), in pazienti con AMI complicata e non complicata (p = 0,819).

Risultati. Un aumento del livello di r-trombo-globulina sia nel 1 ° giorno di IM che nel 14 ° giorno indica un aumento dell'attività funzionale delle piastrine nel periodo acuto di IM. Questo fatto conferma anche una riduzione statisticamente significativa del livello di r-tromboglobulina nelle dinamiche il 14 ° giorno di AMI. Secondo lo studio, il livello di r-tromboglobulina non influenza in modo significativo la gravità del periodo ospedaliero di infarto miocardico. L'assenza di una relazione tra il livello di aggregazione piastrinica e la r-tromboglobulina, che caratterizza l'attività funzionale delle piastrine, può indicare che la terapia disaggregante e anticoagulante nel periodo acuto di infarto miocardico ha un grande effetto sulla funzione di aggregazione delle piastrine, ma non influisce in modo significativo sull'apparato recettore piastrinico sulla loro funzione secretoria, che richiede ulteriori studi sui problemi della terapia ospedaliera e la prevenzione secondaria dell'AMI.

Pavlova T. V. 12, Kuzmin V. P. 1, Gredasova Yu. V. 1, Duplyakov D. V. 12, Perunova E. R. 1,

1 SBEI HPE “Samara State Medical University of Roszdrav”,

2 State Health Institution “Samara Regional Clinical Cardiology Dispensary”, Samara

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: PROPRIA ESPERIENZA

Di recente, nell'arsenale dei medici russi sono comparsi nuovi anticoagulanti orali (NLA), che non solo consentono di prevenire in modo efficace e sicuro lo sviluppo di complicanze tromboemboliche nei pazienti con fibrillazione atriale (FA), ma anche di aumentare significativamente la qualità della vita dei pazienti e la loro aderenza al trattamento. L'NLA non necessita di controlli di laboratorio di routine, non richiede l'adesione a una dieta speciale e ha un numero limitato di interazioni con altri farmaci. Tuttavia, in alcune situazioni (episodi tromboembolici o emorragici, necessità di un intervento chirurgico di emergenza), la determinazione dei parametri dell'emostasiogramma può aiutare nella scelta delle tattiche di ulteriore gestione del paziente.

Lo scopo dello studio era di studiare i limiti delle fluttuazioni di alcuni indicatori del sistema emostatico con l'uso di NOA.

metodi Attualmente, nello studio sono stati inclusi 49 pazienti con fibrillazione atriale, 32 dei quali trattati con rivaroxaban, 6 - dabigatran etaxilato, 11 non hanno assunto anticoagulanti al momento dell'esame. Il rischio di complicanze tromboemboliche sulla scala CHADS2-VASc era elevato e una media di 3,27 punti nel gruppo. Abbiamo valutato i seguenti parametri dell'emostasiogramma: tempo di protrombina (PV), tempo di trombo-piastra parziale attivato (APTT), tempo di trombina (TB), dimmer D e parametri di tromboelastografia. Il gruppo rivaroxaban era composto da 20 uomini e 12 donne; età media - 71,4 ± 6,84

Aggregazione piastrinica: cos'è, decrittazione dell'analisi, norma

Ultimo strumento di allargamento dei membri

Devi solo imbrattare.

Cambiamenti di gravidanza

Durante la gravidanza, le donne cambiano non solo lo sfondo ormonale, ma anche il corso della maggior parte dei processi in generale. Potrebbero verificarsi cattive coagulazioni del sangue..

Sintomi di scarsa aggregazione durante la gravidanza:

  1. c'è sangue dal naso;
  2. i lividi appaiono sul corpo;
  3. le gengive sanguinano;
  4. si verifica gonfiore dei tessuti molli;
  5. appare una vascolarizzazione (rischio di coaguli di sangue).

È importante capire che le moderate anomalie sono considerate naturali durante la gravidanza. Inoltre, si possono osservare deviazioni in entrambe le direzioni: aumento dei coaguli di sangue o, al contrario, diminuzione

Perché la gravidanza influisce sulla composizione del sangue e sulla funzione piastrinica? Ciò è dovuto alla circolazione placentare e alle caratteristiche dell'apporto di sangue agli arti, quando in generale la circolazione sanguigna è complicata.

Il ruolo delle piastrine nella coagulazione del sangue

Il compito principale delle piastrine è prevenire grandi perdite di sangue in caso di ferita. Ciò accade come segue: se l'integrità della nave viene violata, le piastrine ricevono un segnale e vengono inviate al sito del danno. Successivamente, iniziano a rimanere attivamente uniti, eseguendo il blocco e riparando le pareti danneggiate della nave. Questo processo è chiamato aggregazione piastrinica. La vita di una persona a volte può dipendere dalla velocità di questa reazione..

Se il processo di aggregazione previene la perdita di sangue nei tessuti danneggiati, significa che le piastrine svolgono un ruolo protettivo. Ma succede che per qualche motivo c'è un aumento dell'aggregazione piastrinica, che può portare al completo blocco dei vasi sanguigni dei sistemi e degli organi vitali. Questa condizione è patologica, in quanto può causare gravi danni al corpo e, in alcuni casi, potenzialmente letale.

In medicina, l'aggregazione piastrinica è suddivisa nei seguenti tipi:

  • Abbassato. Questo tipo si osserva durante i malfunzionamenti del sistema circolatorio. Può provocare emorragie varie. Inoltre, durante le mestruazioni si verifica una riduzione dell'aggregazione piastrinica. Una caratteristica distintiva dell'ipoaggregazione sarà sanguinamento delle gengive, lividi multipli e guarigione più a lungo di una ferita normale.
  • Elevata. Aumenta il rischio di trombosi. Soprattutto quando c'è disidratazione da calore, vomito o assunzione di liquidi insufficiente. È caratterizzato da gonfiore e intorpidimento degli arti..
  • Aggregazione moderata. Questa specie è caratteristica delle donne durante il periodo di gravidanza. È causato dallo sviluppo della circolazione placentare.
  • Spontaneo. Viene valutato senza l'uso di un induttore di aggregazione piastrinica. Il sangue venoso viene posto in una provetta e quindi in un dispositivo speciale viene riscaldato a 37 gradi.
  • Aggregazione indotta. Questo metodo è ampiamente utilizzato per la diagnosi di patologie del sangue. Per fare questo, alcune sostanze di induzione vengono aggiunte al plasma: collagene, ristomicina, adrenalina, ADP.

I test di laboratorio sono metodi per determinare le anomalie della coagulazione del sangue. Per questa analisi, nella maggior parte dei casi, viene utilizzato il sangue venoso del paziente. Ma per uno studio più accurato dell'aggregazione piastrinica, vengono utilizzati anche altri test. Questi includono test secondo Sukharev, Lee-White e un coagulogramma..

Per il loro uso, viene utilizzato un dispositivo speciale: un analizzatore di aggregazione piastrinica. I componenti che sono simili nella composizione alle sostanze coinvolte nella formazione di coaguli di sangue vengono miscelati con sangue venoso. Questi induttori di aggregazione piastrinica innescano i processi necessari per la ricerca.

Come determinare la norma e la patologia?

Un esame del sangue può mostrare la capacità di aggregazione delle piastrine in una persona in particolare? Dopotutto, il sangue viene prelevato da una vena per lo studio e da quel momento sulle cellule del sangue gli "ordini" del corpo non agiscono. Questo tipo di analisi è chiamata "in vitro", traduzione letterale dal latino "su vetro, in vitro". Gli scienziati cercano sempre di studiare la reazione in condizioni vicine al corpo umano. Solo i dati ottenuti in questo modo possono essere considerati affidabili e utilizzati nella diagnostica..

Potenti strumenti di allargamento dei membri

Il ragazzo è andato troppo lontano con lo strumento.

Le abilità piastriniche sono determinate dall'aggregazione indotta. Ciò significa che come sostanza induttore vengono utilizzati mezzi non estranei al corpo nella composizione chimica, che possono causare trombosi. I componenti della parete vascolare sono utilizzati come induttori: adenosina difosfato (ADP), ristocetina (ristomicina), collagene, serotonina, acido arachidonico, adrenalina.

L'aggregazione spontanea è determinata senza induttori.

Le tecniche di determinazione quantitativa si basano sulla trasmissione di onde luminose attraverso plasma sanguigno ricco di piastrine. Il grado di attività di aggregazione è studiato dalla differenza nella densità della luce del plasma prima della coagulazione e dopo aver ottenuto il massimo risultato. Vengono inoltre determinati il ​​tasso di aggregazione al primo minuto, la natura e la forma delle onde.

La norma dipende dalla sostanza dell'induttore, dalla sua concentrazione.

L'aggregazione piastrinica con ADP è di solito prescritta e valutata in combinazione con collagene, ristomicina e adrenalina..

La norma per l'analisi con ADP va dal 30,7 al 77,7%. Il valore dell'aggregazione piastrinica con adrenalina varia dal 35 al 92,5%. In uno studio con collagene, dal 46,4 al 93,1% sono considerati normali indicatori.

Trattamento di iperaggregazione

Nel caso di un aumento del livello di aggregazione (iperaggregazione), si verifica un aumento della trombosi. In questa condizione, il sangue si muove lentamente attraverso i vasi, si coagula rapidamente (normale - fino a due minuti).

L'iperaggregazione si verifica con:

  • diabete mellito;
  • ipertensione - ipertensione;
  • cancro ai reni, allo stomaco, al sangue;
  • aterosclerosi dei vasi sanguigni;
  • thrombocytopathy.

Un aumento del livello di aggregazione può portare alle seguenti condizioni:

  • infarto miocardico - una malattia acuta del muscolo cardiaco, che si sviluppa a causa di insufficiente afflusso di sangue;
  • ictus - una violazione della circolazione cerebrale;
  • trombosi venosa degli arti inferiori.

I metodi di trattamento dipendono dalla complessità della malattia..

Nella fase iniziale, si raccomanda di assumere medicinali la cui azione è volta a diluire il sangue. L'aspirina regolare è adatta a questo scopo. Per prevenire il sanguinamento, il farmaco nel guscio protettivo viene assunto dopo i pasti.

L'uso di droghe speciali aiuterà ad evitare la formazione di nuovi coaguli di sangue. Tutti i medicinali vengono assunti solo dopo aver consultato il medico.

Dopo ulteriori studi, al paziente viene prescritto:

  • anticoagulanti: farmaci che impediscono la rapida coagulazione del sangue;
  • blocco della novocaina, antidolorifici;
  • farmaci vasodilatatori.

Un livello ridotto di aggregazione non è meno pericoloso per la salute e la vita del paziente. L'insufficiente adesione delle piastrine (ipoaggregazione) causa una scarsa coagulazione del sangue (trombocitopenia). Di conseguenza, non si verifica la formazione di coaguli (coaguli di sangue), che porta alla formazione di emorragie gravi.

I medici distinguono tra ipoaggregazione piastrinica ereditaria e acquisita.

La bassa capacità di aggregazione è attivata da un'infezione virale o batterica, dalla fisioterapia e dai farmaci.

L'ipoaggregazione si verifica con:

  • insufficienza renale;
  • leucemia cronica - una malattia maligna del sistema circolatorio;
  • ridotta funzione tiroidea;
  • anemia (anemia).

Allo stesso tempo, il consumo di zenzero, agrumi, aglio dovrebbe essere ridotto o completamente eliminato..

In casi avanzati, il trattamento viene effettuato solo in ambito ospedaliero. Al paziente viene prescritto:

  1. Soluzione di acido aminocaproico 5% per via endovenosa.
  2. Sodio adenosina trifosfato per via intramuscolare o sottocutanea.
  3. Preparazioni: Emosint, Dicinon, Acido tranexamico.

In caso di sanguinamento grave, viene eseguita la trasfusione piastrinica del donatore..

Nella terapia farmacologica vengono utilizzati:

  • Fluidificanti del sangue. Potrebbe essere l'aspirina, che affronta con successo questo compito..
  • Anticoagulanti: farmaci che prevengono la coagulazione del sangue eccessivamente veloce.
  • Agenti antipiastrinici: l'aggregazione piastrinica diminuisce e la viscosità del sangue si normalizza.
  • Si consiglia inoltre di utilizzare antispasmodici, con l'aiuto del quale si verifica l'espansione dei vasi sanguigni.

È anche molto importante trattare la patologia sottostante, che ha provocato un aumento dell'aggregazione piastrinica. Terapia non medicinale:

  • Dieta. Gli alimenti proteici e vegetali - latticini, verdure, verdure verdi e rosse, agrumi e zenzero - dovrebbero predominare nella dieta. Il consumo di frutti di mare riduce anche l'aggregazione piastrinica, quindi si consiglia di includerli nella dieta. Grano saraceno, cenere di montagna, melograni dovrebbero essere esclusi.
  • Bevi almeno due litri di acqua al giorno.
  • Erbe come trifoglio dolce, tè verde e radice di peonia hanno le proprietà di abbassare la coagulazione del sangue. Ma la loro ricezione dovrebbe essere concordata con il medico curante.
  • Il trattamento principale è finalizzato all'assunzione di farmaci emostatici. Questi includono Dicinon, acidi tranexamic e aminocaproic, ATP.
  • È escluso qualsiasi tipo di farmaco che abbia anche un minimo effetto di fluidificazione del sangue. È necessario escludere l'uso di farmaci come aspirina, ibuprofene, eufillina, paracetamolo.

I trattamenti non medicinali comprendono:

  • Dieta. La dieta dovrebbe essere composta da prodotti coinvolti nel processo di formazione del sangue: uova, grano saraceno, fegato di manzo, melograno, pesce (soprattutto rosso), rosa canina, barbabietole. Usa olio di sesamo per condire l'insalata.
  • Con un trattamento aggiuntivo alle erbe, un decotto di foglie di ortica aiuta bene.

Aggregazione piastrinica con induttori

Un esame del sangue che determina la capacità di aggregazione dei rappresentanti del collegamento piastrinico deve essere eseguito immediatamente con diversi induttori (ce ne devono essere almeno quattro) per sapere a quale livello del processo si verifica l'errore.

Aggregazione piastrinica del sangue con ADP

Viene condotto uno studio sulla capacità di aggregazione delle piastrine con ADP al fine di identificare l'aggregazione piastrinica spontanea o diagnosticare le condizioni trombotiche che si verificano con una certa patologia:

  1. Processo aterosclerotico;
  2. Ipertensione arteriosa;
  3. IHD, infarto miocardico;
  4. Incidente cerebrovascolare;
  5. Diabete mellito;
  6. Iperlipoproteinemia (alterazioni dello spettro lipidico, aumento delle lipoproteine ​​a bassa densità, aumento del coefficiente aterogenico);
  7. Trombopatie ereditarie;
  8. Trombocitopatia che accompagna l'emocrastosi;
  9. Quando si assumono determinati farmaci che possono inibire l'attività delle cellule piastriniche.

La deviazione verso il basso dà:

  • Trombastenia di Glanzmann (patologia ereditaria dovuta all'assenza o al difetto del recettore di membrana per fibrinogeno e glicoproteine ​​IIb-IIIa);
  • Atrombio essenziale (differisce dalla trombastenia da una violazione incompleta delle capacità funzionali delle piastrine;
  • Sindrome di Wiskott-Aldrich (una rara malattia recessiva legata al sesso caratterizzata da un cambiamento di forma e una diminuzione delle dimensioni delle cellule);
  • Sindrome simile all'aspirina (patologia associata a una violazione della "reazione di rilascio" e della seconda fase di aggregazione);
  • Trombocitopatia con sindrome uremica;
  • Trombocitopatie secondarie (con emoblastosi, ipotiroidismo, trattamento con agenti antipiastrinici, FANS - farmaci antinfiammatori non steroidei, antibiotici, diuretici e farmaci che abbassano la pressione sanguigna).

Un aumento degli indicatori si nota quando:

  • Sindrome piastrinica viscosa (tendenza all'adesione, aumento dell'aggregazione piastrinica);
  • Attivazione delle cellule piastriniche del sistema di coagulazione causate da vari fattori: carico psicoemotivo, farmaci, formazione di complessi immunitari per vari motivi, ecc.;
  • Resistenza all'acido acetilsalicilico.

Aggregazione di collagene indotta

Una deviazione dalla norma quando si utilizza la reazione con collagene può indicare che si verificano già violazioni a livello di adesione. Gli indicatori tendono a diminuire, in linea di principio, con la stessa patologia dei campioni con ADP. L'aggregazione piastrinica aumentata si verifica nella sindrome piastrinica viscosa e nella vasculite di varia origine.

Determinazione della capacità di aggregazione delle piastrine in un campione con adrenalina

L'adrenalina, in quanto induttore dell'attività di aggregazione generale delle placche ematiche, funge da indicatore più informativo di tutti i meccanismi di attivazione interna, inclusa la "reazione di rilascio" molto importante, ma molto vulnerabile. Lo spostamento dei valori verso il basso è notato in condizioni caratteristiche dell'analisi con ADP e collagene, quindi non ha senso elencare di nuovo tutto. Per quanto riguarda l'aumento dell'attività di aggregazione delle piastrine nel sangue, qui non c'è nulla di nuovo: l'aumento della viscosità delle piastrine e l'attivazione delle piastrine emostatiche in determinate situazioni (stress, droghe, ecc.).

Lo studio dell'attività della cofattore della ristocetina

I valori di questo indicatore riflettono l'attività del fattore von Willebrand, il test viene utilizzato principalmente per diagnosticare una malattia con lo stesso nome.

Va notato che condurre questo test utilizzando induttori è utile non solo per determinare la capacità delle piastrine nel sangue di aggregarsi. Questi test consentono di valutare l'efficacia degli agenti antipiastrinici nel trattamento e offrono l'opportunità di scegliere la giusta dose di farmaci.

Risultati dell'analisi

Nella decodifica del test di aggregazione piastrinica, ciascun laboratorio deve indicare i valori di riferimento adottati per questo metodo diagnostico. Questi sono gli indicatori medi che sono stati trovati durante un esame di massa di persone sane. Sono considerati la norma..

La norma in un bambino e un adulto

Se ci sono differenze di età per il numero di piastrine nel sangue (i bambini hanno meno), quindi per la capacità di aggregarsi, vengono stabilite norme uniformi:

  • in secondi - da zero a 50 (il risultato può variare a diverse temperature del sangue e la metodologia di ricerca in un particolare laboratorio);
  • in percentuale per spontaneo - 25 - 75;
  • ADP stimolato a una concentrazione di 5 μmol / ml - 60 - 89% e a 0,5 μmol / ml - 1,4 - 4,2%.

Aumento dell'aggregazione piastrinica

La tendenza ad accelerare l'adesione piastrinica si osserva con tali malattie:

  • malattia coronarica (angina pectoris, infarto);
  • disturbi circolatori nelle arterie periferiche degli arti inferiori (aterosclerosi obliterante);
  • Tromboangioite;
  • trombosi venosa;
  • sindrome antifosfolipidica;
  • diabete;
  • anomalie congenite della struttura piastrinica;
  • eccessiva formazione cellulare;
  • Malattie autoimmuni;
  • Sindrome DIC con shock, grave tossicosi durante la gravidanza, distacco della placenta, embolia del liquido amniotico, taglio cesareo;
  • processi tumorali nel corpo.

L'aggregazione piastrinica può essere stimolata da fumo, colesterolo alto e zucchero nel sangue, ipertensione e fattori di stress. Gli agenti antipiastrinici sono prescritti per il trattamento: Cardiomagnyl, Clopidogrel, Curantil, Ipaton, Ilomedin, Agrenox, Brilinta.

Ragioni per la riduzione

Si osserva una debole aggregazione spontanea e stimolata con:

  • anemia
  • leucemia acuta;
  • insufficienza renale;
  • sovradosaggio di anticoagulanti, agenti antipiastrinici;
  • cirrosi epatica;
  • glomerulonefrite diffusa;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • vasculite emorragica;
  • angiomi;
  • malattia da radiazioni.

La trombocitopatia congenita è accompagnata da un cambiamento nella capacità di aggregazione (Glanzman, Pearson, Mei), rilascio di fattori di incollaggio cellulare (sindrome simile all'aspirina), mancanza di accumulo di granuli (piastrine grigie, sindrome di Herzhmansky) e vari difetti nei difetti cardiaci, sindrome di Marfan, Viscott.

Queste condizioni sono caratterizzate da un aumento del sanguinamento e un'eliminazione radicale non è possibile. Pertanto, con aggregazione ridotta, viene prescritta una dieta:

  • divieto permanente di assunzione di alcolici, uso di aceto (incluso cibo in scatola con esso);
  • inserimento nel menu giornaliero di prodotti con vitamine A (fegato di manzo o di pollo, pesce, peperoni), C (rosa canina, ribes nero), P (ciliegia, chokeberry), arachidi;
  • limitazione della stagionatura, in particolare zenzero, curcuma, fieno greco.

Per la terapia farmacologica delle trombocitopatie congenite e acquisite, vengono utilizzati Dicinon, acido aminocaproico, gluconato di calcio. Assegnare un apporto di ciclo di ATP, Riboxin e acido folico da 2 a 4 volte l'anno. Durante le pause, si raccomandano preparazioni erboristiche con erbe emostatiche - ortica, foglie di lampone, borsa da pastore, montanaro degli uccelli, achillea.

Ed ecco di più sulla trombofilia ereditaria.

L'analisi per l'aggregazione piastrinica mostra la loro capacità di connettersi quando si formano coaguli di sangue. È prescritto ai pazienti prima dell'intervento chirurgico, durante la gravidanza, così come nella nomina del trattamento per trombosi, aterosclerosi. Indagare aggregazione spontanea e stimolata. Questo aiuta a diagnosticare e condurre correttamente la terapia..

Se il risultato è aumentato, vengono prescritti agenti antipiastrinici, con aggregazione ridotta, sono indicati agenti emostatici.

L'aumentata aggregazione è un marker di sindrome iperaggregata e trombofilia. Il metodo turbidimetrico di Bourne, che si basa sulla registrazione dei cambiamenti nella trasmissione della luce del plasma ricco di piastrine e un metodo per studiare l'aggregazione piastrinica, basato sull'analisi delle fluttuazioni della trasmissione della luce causate da una variazione casuale del numero di particelle nel canale ottico, sono spesso utilizzati..

Materiale per la ricerca. Plasma con citrato ricco di piastrine

Il metodo di ricerca è determinato dall'ordine di lavoro su un particolare tipo di aggregometro.

Le soluzioni di ADP, ristocetina, collagene, adrenalina, acido arachidonico sono spesso utilizzate come induttori. Possono anche essere utilizzate soluzioni di trombina, serotonina, ecc..

Aggregazione piastrinica con acido arachidonico

L'acido arachidonico è un agonista naturale dell'aggregazione e il suo effetto è mediato dagli effetti delle prostaglandine G2 e H2, trombossano A2, e include l'attivazione della fosfolipasi C, seguita dalla formazione di mediatori secondari, la mobilizzazione del calcio intracellulare e l'espansione dell'attivazione cellulare e la fosfolipasi A2, che porta direttamente alla rilascio di acido arachidonico endogeno. L'aggregazione piastrinica con acido arachidonico si verifica abbastanza rapidamente, quindi la curva che caratterizza questo processo è spesso a onda singola in natura.

Per indurre l'aggregazione delle piastrine nel sangue, l'acido arachidonico viene utilizzato in concentrazioni di 10 -3-10 -4 moli. Quando si lavora con acido arachidonico, è necessario tenere presente che questa sostanza si ossida molto rapidamente nell'aria.

Si raccomanda un test di aggregazione con acido arachidonico nei casi in cui si utilizzano farmaci che influenzano la reazione di aggregazione (ad esempio acido acetilsalicilico, penicillina, indometacina, delagil, diuretici), che dovrebbero essere presi in considerazione nella valutazione dei risultati della ricerca.

Hypoaggregation

Quanto è pericolosa un'aggregazione piastrinica troppo alta, così pericolosa e troppo bassa. A causa della ipoaggregazione, il sangue si coagula molto peggio. Pertanto, il sangue non si addensa nelle ferite e non guariscono. Di conseguenza, molto sangue scorre dal minimo graffio..

Questa patologia, così come il suo contrario, può essere ottenuta dagli antenati o può essere acquisita nel processo della vita. Un'altra somiglianza è che le infezioni, la fisioterapia e alcuni farmaci possono risvegliarlo allo stesso modo..

Ogni decima persona sulla Terra ne è malata..

Ecco le malattie in cui può verificarsi l'ipoaggregazione:

Nutrizione

Una persona che vuole tornare alla normale conta piastrinica deve mangiare correttamente. Dovrebbe usare ciò che aiuta gli organi che formano il sangue a svolgere le loro funzioni:

  • grano saraceno;
  • pesce
  • carne rossa cotta in alcun modo;
  • fegato di manzo;
  • formaggio;
  • uova
  • verde;
  • insalate, che includono carote, ortiche, barbabietole, peperoni;
  • Granato;
  • banane
  • montagna di cenere;
  • succo di rosa canina.

Un paziente con ipoaggregazione piastrinica deve monitorare attentamente la nutrizione

Esistono prodotti dannosi per la formazione del sangue:

  • Zenzero;
  • arance, limoni, mandarini e altri agrumi;
  • aglio.

Terapia tradizionale

Se la patologia viene avviata, il paziente dovrà essere ricoverato in ospedale. In questo caso, gli viene prescritto:

  • soluzione di acido aminocaproico 5% per via endovenosa;
  • sodio adenosina trifosfato per via intramuscolare / sottocutanea;
  • "Emosint";
  • Dicinon
  • acido tranexamico.
  • trasfusione di piastrine - con sanguinamento grave.

Ai pazienti non vengono prescritti fluidificanti del sangue:

Il paziente deve assumere i farmaci prescritti dal medico

Terapia popolare

La terapia alternativa viene utilizzata come tecnica ausiliaria, poiché le erbe da sole non sono chiaramente sufficienti per aumentare il numero di piastrine.

  • prendi un cucchiaio di ortica tritata;
  • versare un bicchiere di acqua bollente;
  • far bollire per 10 minuti a fuoco basso;
  • filtrare e filtrare;
  • prendere prima dei pasti ogni volta;
  • continuare per 30 giorni.

Medicina tradizionale: un'efficace tecnica ausiliaria

  • macinare le barbabietole crude;
  • impastare un cucchiaio di zucchero;
  • resisti fino al mattino;
  • al mattino spremere il succo che dovrebbe essere bevuto prima di colazione;
  • ripetere un paio di settimane.

Olio di sesamo. Bere a scopi terapeutici e profilattici tre o quattro volte al giorno a stomaco pieno.

Iperaggregazione piastrinica

Nel caso di un aumento del livello di aggregazione (iperaggregazione), si verifica un aumento della trombosi. In questa condizione, il sangue si muove lentamente attraverso i vasi, si coagula rapidamente (normale - fino a due minuti).

Un aumento della capacità di aggregazione porta ad un aumento della viscosità del sangue e della trombosi

L'iperaggregazione si verifica con:

  • diabete mellito;
  • ipertensione - ipertensione;
  • cancro ai reni, allo stomaco, al sangue;
  • aterosclerosi dei vasi sanguigni;
  • thrombocytopathy.

Un aumento del livello di aggregazione può portare alle seguenti condizioni:

  • infarto miocardico - una malattia acuta del muscolo cardiaco, che si sviluppa a causa di insufficiente afflusso di sangue;
  • ictus - una violazione della circolazione cerebrale;
  • trombosi venosa degli arti inferiori.

I metodi di trattamento dipendono dalla complessità della malattia..

Terapia farmacologica

Nella fase iniziale, si raccomanda di assumere medicinali la cui azione è volta a diluire il sangue. L'aspirina regolare è adatta a questo scopo. Per prevenire il sanguinamento, il farmaco nel guscio protettivo viene assunto dopo i pasti.

Dopo ulteriori studi, al paziente viene prescritto:

  • anticoagulanti: farmaci che impediscono la rapida coagulazione del sangue;
  • blocco della novocaina, antidolorifici;
  • farmaci vasodilatatori.

Dieta

Si consiglia ai pazienti di sostituire gli alimenti proteici con alimenti caseari e vegetali. La dieta dovrebbe includere:

  • frutti di mare;
  • verde;
  • agrumi;
  • aglio;
  • verdure verdi e rosse;
  • Zenzero.

È molto importante osservare il regime alimentare, poiché una quantità insufficiente di liquido provoca un restringimento dei vasi sanguigni, a seguito del quale il sangue si addensa ancora di più. Si dovrebbero consumare almeno 2–2,5 litri di acqua al giorno.

Gli alimenti che promuovono l'ematopoiesi sono esclusi dal cibo:

Prodotti vietati - Galleria

Etnoscienza

Statistiche scioccanti! Secondo recenti studi, oltre un terzo delle donne che chiedono il divorzio non è soddisfatto delle dimensioni dell'organo genitale del coniuge. Il motivo principale del divorzio, chiamano un orgasmo debole o la sua assenza a causa della piccola penetrazione. Al fine di non portare la questione all'allungamento della chirurgia, gli uomini di tutto il mondo usano.

Metodi di trattamento non tradizionali sono usati per trattare una maggiore aggregazione piastrinica. Prima di applicare decotti e infusi, è necessario consultare il proprio medico, poiché molte erbe medicinali sono vietate nella trombocitosi.