Aggregazione piastrinica con ADP, adrenalina, ristomicina, collagene: perché e come analizzare?

Uno dei meccanismi centrali del sistema di coagulazione del sangue è l'aggregazione piastrinica. Questo processo consiste nella capacità delle piastre ematiche di aderire. Come risultato di complesse reazioni biochimiche, si forma un coagulo, che ripristina l'integrità della nave.

Aggregazione piastrinica - Che cosa significa??

I pazienti che non conoscono l'aggregazione piastrinica spesso non hanno idea di cosa siano queste cellule. Le piastrine sono placche di sangue bianche. Sono gli elementi a forma di sangue più piccoli, ma hanno una grande funzione: la partecipazione al processo di coagulazione del sangue e la formazione di un coagulo di sangue.

L'attivazione piastrinica è un passaggio importante nell'emostasi normale. Durante questo processo, le placche di sangue mostrano le loro proprietà di base: adesione (la capacità di aderire alla superficie) e aggregazione stessa - incollando le cellule insieme. Il risultato di questa complessa interazione è la formazione di un tappo piastrinico nel sito di danno ai vasi sanguigni.

Aggregazione piastrinica - Il meccanismo

Come stabilito in numerosi studi, l'aggregazione piastrinica, le cause della sua insorgenza sono associate a una violazione dell'integrità dei vasi sanguigni. Il meccanismo di questa reazione comprende diverse fasi:

  1. Spasmo iniziale dei vasi sanguigni per ridurre la perdita di sangue.
  2. La concentrazione di placche di sangue nell'area della parete del vaso danneggiata, parziale chiusura del foro - adesione piastrinica (il primo stadio della formazione di trombi).
  3. Piastrina, formazione di tappo friabile sulla superficie della lesione.
  4. Acquisizione della densità dei tappi di sangue mediante filamenti di fibrina tromboplastinica. C'è una retrazione di un coagulo di sangue, che arresta la perdita di sangue.

Fattore di aggregazione piastrinica

L'aggregazione piastrinica aiuta a fermare l'emorragia rapidamente. Il processo stesso è controllato da un fattore di attivazione piastrinica, un fattore di attivazione piastrinica (1-0-alchil-2-acetil-CH-gliceril-3-fosforilcolina). Questa sostanza si forma in varie strutture cellulari del corpo (cellule endoteliali, globuli bianchi). Inoltre, la sostanza è sintetizzata nelle seguenti cellule del corpo:

  • mastociti;
  • neutrofili;
  • monociti;
  • eosinofili;
  • macrofagi.

Vale la pena notare che il FAT regola il normale funzionamento di tali sistemi vitali del corpo come:

  • immune
  • cardiovascolare;
  • riproduttiva;
  • sistema nervoso centrale.

Analisi di aggregazione piastrinica

Viene eseguito un esame del sangue per l'aggregazione piastrinica se esiste un'indicazione speciale. Tra quelli:

  • scarsa guarigione delle ferite;
  • frequenti epistassi;
  • gonfiore eccessivo.

Lo studio stesso viene condotto utilizzando induttori di aggregazione e successivo monitoraggio della reazione. Come sostanza, i medici usano reagenti che sono simili nella composizione alle sostanze trombogeniche naturali. L'aggregazione piastrinica indotta viene effettuata utilizzando i seguenti reagenti:

  • adrenalina;
  • adenosina difosfato (ADP);
  • ristocetina (ristomicina);
  • collagene;
  • serotonina.

Aggregazione piastrinica - Come prepararsi per l'analisi?

Per stabilire con precisione un parametro come l'aggregazione piastrinica, la preparazione per l'analisi dovrebbe essere effettuata in conformità con un certo numero di regole. Alcuni giorni prima della data stabilita dello studio, i medici annullano il paziente con acido acetilsalicilico. Indometacina, Dipyrylamol e altri farmaci della serie aspirina fluidificano il sangue, il che influenza gli indicatori della sua coagulabilità.

La raccolta di biomateriale per l'aggregazione piastrinica viene effettuata esclusivamente a stomaco vuoto - l'ultimo pasto dovrebbe avvenire non oltre 12 ore prima dell'orario dello studio proposto. I medici in preparazione allo studio raccomandano di eliminare gli alimenti grassi dalla dieta.

Per un risultato di analisi obiettiva, è importante rispettare le seguenti regole:

  1. Non caricare fisicamente il corpo alla vigilia della donazione di sangue.
  2. Escludere caffè, nicotina, bevande alcoliche il giorno prima dello studio.
  3. Rimani a riposo per 15-20 minuti prima del test..

Aggregazione piastrinica: come eseguire il test?

Un'analisi in cui viene esaminata l'aggregazione piastrinica, un esame del sangue, viene eseguita in regime ambulatoriale. Per la sua implementazione, un paziente preleva un campione di sangue venoso. Il biomateriale viene inserito in uno speciale analizzatore di aggregazione - un apparato che calcola le piastrine appiccicose dopo l'esposizione agli induttori di aggregazione su un campione.

Aggregazione piastrinica - Normale

Come notato sopra, quando si imposta il grado di aggregazione piastrinica, è possibile utilizzare diversi tipi di induttori di questo processo. Pertanto, gli indici del tasso di aggregazione piastrinica possono differire direttamente in base alla natura del reagente utilizzato. L'incollaggio delle piastrine nel sangue viene imitato sul vetro con l'aggiunta di un induttore. Queste sostanze sono normali nel corpo umano scatenando reazioni di coagulazione del sangue. Di quelli usati solo, la ristomicina (ristoceina) non ha analoghi biologici nel corpo umano. Per ogni induttore, la sua norma.

Aggregazione piastrinica con ADP

Vale la pena notare che per ottenere un quadro completo e ai fini di un'accurata diagnosi, un'analisi per determinare l'aggregazione piastrinica può essere effettuata a sua volta con quattro induttori. Spesso, l'aggregazione piastrinica indotta da ADP è la prima che si verifica. Normalmente, questo indicatore è compreso tra il 30,8 e il 77,8%. Quando l'aggregazione piastrinica non rientra nei valori nominati, i medici escludono la presenza dei seguenti tipi di malattie:

  • infarto miocardico;
  • ischemia;
  • diabete;
  • ipertensione arteriosa;
  • trombopatia ereditaria;
  • incidente cerebrovascolare;
  • trombocitopatia con emoblastosi.

Aggregazione piastrinica con adrenalina

Lo studio dell'aggregazione piastrinica utilizzando l'adrenalina come induttore è un metodo diagnostico informativo. Questo metodo riflette pienamente il meccanismo interno di attivazione del processo di ripristino dei vasi sanguigni. Un valore del 35,0-92,5% è accettato come norma. Un eccesso dell'indicatore indica iperaggregazione, una diminuzione indica ipoaggregazione. L'aumentata aggregazione piastrinica è associata a un'alta concentrazione di piastrine nel sangue, patologia, stress, assunzione di una serie di farmaci.

Aggregazione piastrinica con ristomicina

Nel valutare come si verifica l'aggregazione piastrinica nel corpo, la ristomicina aiuta anche a identificare la sindrome di von Willebrand. Questa malattia è ereditaria. L'aggregazione piastrinica spontanea che accompagna la malattia è caratterizzata dalla comparsa di sanguinamento periodico, che è simile a quelli che si verificano con l'emofilia.

Tuttavia, con questa patologia, il sanguinamento è più lungo, poiché il paziente ha una violazione di tutti e tre i collegamenti dell'emostasi contemporaneamente. I medici possono utilizzare l'analisi con ristomicina quando valutano l'efficacia della terapia con agenti antipiastrinici e scelgono il giusto dosaggio del farmaco. Normalmente, i valori dovrebbero essere tra il 56–167%.

Aggregazione piastrinica con collagene

Spesso, i medici non possono determinare con precisione quale delle fasi della coagulazione del sangue è compromessa: adesione piastrinica o aggregazione - il test del collagene aiuta a determinare questo. Se con questo tipo di studio, i medici registrano un eccesso di standard stabiliti, ciò indica un fallimento del processo di adesione. Le piastrine non possono normalmente essere fissate sull'endotelio dei vasi sanguigni danneggiati, quindi il sanguinamento non si ferma per molto tempo.

La presenza di patologia è giudicata dalla mancata corrispondenza dei valori dei parametri alla norma stabilita. Per un test del collagene, l'aggregazione piastrinica dovrebbe essere 46,5-93,2%. Il superamento di questi valori o la riduzione del parametro indicano:

  • thrombopathy
  • hemoblastosis;
  • violazione del sistema cardiovascolare.

Iperaggregazione piastrinica

Il termine "iperaggregazione" in medicina si riferisce all'aumentata aggregazione piastrinica. Per una semplice comprensione di questo disturbo, i medici chiamano i seguenti sintomi principali:

  • ispessimento del flusso sanguigno;
  • diminuzione della velocità del flusso sanguigno attraverso i vasi;
  • stagnazione.

I pazienti con una patologia simile spesso lamentano un aumento del gonfiore. Non è correlato all'ora del giorno e viene osservato quasi costantemente. C'è una sensazione di intorpidimento delle dita dei piedi e delle mani, che è di natura episodica. Una violazione della coagulazione del sangue verso l'iperaggregazione può svilupparsi in una serie di condizioni patologiche, tra cui:

  • aterosclerosi dei vasi sanguigni;
  • diabete;
  • leucemia;
  • oncologia del tratto digestivo o dei reni;
  • lymphogranulomatosis;
  • sepsi;
  • dopo la rimozione della milza.

La coagulazione del sangue in sé aumenta il rischio di sviluppare disturbi come:

  • ictus;
  • infarto miocardico;
  • trombosi;
  • morte improvvisa a causa dell'ostruzione dell'aorta con un coagulo di sangue distaccato.

Ipoaggregazione piastrinica

Quando l'analisi indica "riduzione dell'aggregazione piastrinica", la loro quantità o composizione viene violata. Questa condizione influisce negativamente sul processo di coagulazione del sangue, a seguito del quale possono verificarsi frequenti sanguinamenti interni. La riduzione dell'aggregazione piastrinica richiede un'attenzione speciale, la nomina di una terapia appropriata. Questa violazione può essere attivata da:

  • assunzione di farmaci;
  • disturbi endocrini;
  • Malattie autoimmuni;
  • reazioni allergiche;
  • virus.

Aggregazione piastrinica durante la gravidanza

Per escludere il rischio di trombosi, alle donne in gravidanza viene prescritta un'analisi per l'aggregazione piastrinica. Allo stesso tempo, i medici tengono conto dell'aumento fisiologico dei fattori della coagulazione del sangue. In questo modo, il corpo si prepara per una possibile perdita di sangue durante il parto. Un eccesso eccessivo di norme stabilite indica un alto rischio di trombosi. Inoltre, questa condizione è irta di parto prematuro o aborto spontaneo. Per una gravidanza di successo, i medici osservano come cambia l'aggregazione piastrinica, la norma durante la gravidanza dovrebbe essere nell'intervallo del 30-60%.

Bassa aggregazione piastrinica

Esame del sangue di aggregazione piastrinica

Se è necessario valutare l'attività funzionale delle piastrine, viene eseguita un'analisi con la loro aggregazione indotta - aggregatogramma. In effetti, questo studio consente di visualizzare graficamente la capacità delle piastrine di aderire e aggregare attivamente.

L'aggregato viene eseguito su uno speciale aggregometro automatico. L'analisi viene eseguita dopo che gli stimolatori di aggregazione del paziente sono collegati al plasma ricco di piastrine del paziente.

Gli induttori di aggregazione piastrinica sono suddivisi in:

  • debole (adenosina difosfato (ADP) a piccole dosi, adrenalina);
  • forte (ADP in dosi elevate, collagene, trombina).

Di norma, viene eseguita l'aggregazione piastrinica con ADP, collagene, adrenalina e ristomicina (ristocetina antibiotica). Lo studio dell'attività piastrinica in presenza di ristocetina è un importante studio nella diagnosi di trombocitopatie emorragiche ereditarie (malattia di von Willebrand e sindrome di Bernard-Soulier).

In queste condizioni, l'aggregazione piastrinica dopo l'attivazione da parte della ristocetina è compromessa. Sotto l'influenza di altri induttori (collagene, ADP), si verifica l'attivazione.

Regole per la preparazione per l'analisi

È vietato fumare un'ora prima dell'analisi. Per mezz'ora prima di prendere il materiale, il paziente dovrebbe essere a riposo.

È importante ricordare che i risultati di un test di attivazione piastrinica cambiano radicalmente sotto l'influenza di farmaci che possono influenzare la coagulazione del sangue. Il medico curante e il personale di laboratorio devono essere informati dei farmaci assunti dal paziente. Alte concentrazioni di anticoagulanti possono ridurre l'aggregazione piastrinica

Gli agenti antipiastrinici riducono drasticamente tutti i tipi di attivazione dell'aggregazione piastrinica. L'uso di agenti antipiastrinici deve essere interrotto 10 giorni prima dell'analisi e farmaci antinfiammatori non steroidei - almeno tre giorni prima

Alte concentrazioni di anticoagulanti possono ridurre l'aggregazione piastrinica. Gli agenti antipiastrinici riducono drasticamente tutti i tipi di attivazione dell'aggregazione piastrinica. L'uso di agenti antipiastrinici deve essere interrotto 10 giorni prima dell'analisi e farmaci antinfiammatori non steroidei - almeno tre giorni prima

Il medico curante e il personale di laboratorio devono essere informati dei farmaci che il paziente sta assumendo. Alte concentrazioni di anticoagulanti possono ridurre l'aggregazione piastrinica. Gli agenti antipiastrinici riducono drasticamente tutti i tipi di attivazione dell'aggregazione piastrinica. L'uso di agenti antipiastrinici deve essere interrotto 10 giorni prima dell'analisi e farmaci antinfiammatori non steroidei - almeno tre giorni prima.

Interrompere anche la capacità di aggregazione delle piastrine:

  • alti dosaggi di diuretici (furosemide) e beta-lattamici (penicillina, cefalosporine),
  • beta-bloccanti (propranololo),
  • vasodilatatori,
  • bloccanti dei canali del calcio,
  • citostatici,
  • farmaci antifungini (amfotericina),
  • farmaci antimalarici.

Può anche ridurre leggermente l'uso dell'aggregazione piastrinica:

Aggregazione piastrinica La norma stabilita per bambini, adulti e donne in gravidanza.

Prima di capire cos'è l'aggregazione piastrinica, è necessario scoprire la funzione delle piastrine stesse nel corpo umano. Sono globuli formati che svolgono proprietà protettive. Le piastrine prevengono la perdita di sangue. Attraverso il sangue, i nutrienti, l'ossigeno, entra nel nostro corpo. Sono necessari per tutti gli organi, cellule, tessuti. Con l'aiuto del sangue, i rifiuti metabolici vengono trasportati nei luoghi del loro ritiro. Il sangue è molto importante per l'uomo. La sua perdita in grandi quantità è fatale.

Quando si verificano danni alle pareti dei vasi sanguigni, il sangue scorre fuori da essi. Le piastrine vengono in soccorso. In questo caso, si verificano numerose reazioni biochimiche che inviano alle cellule un "allarme". I “soccorritori” si precipitano sul sito della ferita e si attaccano strettamente, intasando la svolta nella nave. Il processo si chiama aggregazione piastrinica. C'è anche iperaggregazione (aggregazione eccessiva). La causa della sua manifestazione può essere patologia o gravidanza. Ma l'aggregazione piastrinica durante la gravidanza può essere troppo bassa e questo porta a una cattiva coagulazione del sangue e al rischio di sanguinamento.

Con la morte delle piastrine, si formano fili di febbre. Sono resistenti e formano la base di tutti i coaguli di sangue. I coaguli di sangue sono aiutanti affidabili per il corpo umano durante il periodo di perdita di sangue. E l'aggregazione piastrinica (trombosi) è un'ambulanza in una situazione difficile. Tuttavia, tutti sanno che un coagulo di sangue ha un lato negativo. Può provocare un infarto, ictus e "uccidere" una persona

Pertanto, in presenza di una malattia - ipertensione, si dovrebbe prestare grande attenzione a un processo come l'aggregazione piastrinica, la cui norma è stabilita per bambini, adulti (uomini, donne), donne in gravidanza

Un esame del sangue viene eseguito con un metodo di laboratorio. L'aumento della trombosi nel cuore e nel cervello porta alla morte rapida. La presenza di coaguli di sangue nei vasi di organi e tessuti umani condanna a una lunga lotta con vari disturbi. Ad esempio, l'urolitiasi può essere dovuta al più piccolo coagulo di sangue nel rene. È in grado di non farsi sentire per diversi anni. Ma arriva il momento in cui si verifica un'infezione della vescica sullo sfondo dell'influenza, il raffreddore comune. A causa di questi processi negativi, un rene (capillare) esplode nel rene. Le piastrine si precipitano nel sito di danno, si verifica l'aggregazione piastrinica e si forma un trombo.

Sembra che tutto sia corretto, l'impulso è "patchato". Ma non proprio così. Nulla passa senza lasciare traccia. Il trombo si comporta con calma fino a un certo momento. Quando arriva il calore, il corpo perde molta umidità, l'urina si concentra. Durante questo periodo, si forma una placca sul trombo. Nel corso degli anni, si accumula e si trasforma in pietra. L'urolitiasi causa colica renale, una sensazione di forte dolore lombare. Piccoli ciottoli (fino a 5 mm.) Possono essere tirati fuori. Le pietre di grandi dimensioni richiedono un intervento chirurgico. Una forma trascurata della malattia può essere un'indicazione per la rimozione dei reni..

Pertanto, si dovrebbe sapere che l'aggregazione piastrinica svolge sia il ruolo di "salvatore" che di "killer". Come evitare gravi conseguenze? È più facile prevenire la disidratazione. Per fare ciò, si consiglia di bere almeno due litri di liquido al giorno. È utile aggiungere il succo di limone alle bevande. L'aggregazione piastrinica insufficiente non è meno pericolosa dell'aumento. Il sanguinamento frequente esaurisce notevolmente il corpo umano, causando anemia e una serie di altre malattie. Valutare la reazione utilizzando esami del sangue di laboratorio. Solo l'analisi è in grado di valutare correttamente il grado di adesione delle piastrine, nonché di identificare le cause che portano all'adesione. Per questo, gli induttori di aggregazione piastrinica vengono aggiunti al campione, quindi la reazione è caratterizzata.

La cura tempestiva della tua salute ti aiuterà a mantenerla per molti anni..

Kuznetsov V.V. è interessato a:

Durante il trattamento, il medico ha notato casualmente che avevo una diminuzione dell'aggregazione piastrinica. È una condizione pericolosa? Puoi aggiustarlo dal punto di vista medico o usando metodi popolari?

La risposta del nostro esperto:

Le piastrine sono cellule del sangue. La loro funzione è di proteggere il corpo dalla perdita di sangue mediante incollaggio, formazione di filamenti di fibrina, che coprono il sito di danno alla parete vascolare.

La riduzione dell'aggregazione piastrinica è una condizione patologica in cui aumenta il tempo di formazione di un coagulo di sangue rispetto ai valori normali. Allo stesso tempo, aumenta il rischio di sanguinamento spontaneo, aumenta il tempo di formazione di un coagulo di sangue. Questo può essere fatale..

Ci sono emofilia congenita e una forma acquisita della malattia. L'aggregazione delle cellule del sangue è influenzata dalla somministrazione di farmaci, dalla presenza di un'infezione batterica o virale, dall'aumento dello stress.

L'ipoaggregazione si sviluppa con le seguenti malattie:

  • patologia dei reni, sistema urinario;
  • carcinomi del sangue di varie eziologie;
  • ipotiroidismo;
  • anemia di varie origini.

La sindrome può avere un decorso cronico. In questo caso, periodi lunghi e pesanti, le gengive sanguinanti sono un segno allarmante di disturbi emorragici..

Metodi di ricerca

Il metodo per determinare l'indicatore dipende dal laboratorio e dal tipo di aggregometro. L'affidabilità e il valore dei risultati della ricerca ottenuti non dipendono dal metodo scelto. I metodi più popolari sono l'uso di soluzioni di adenosina trifosfato, ristocetina, collagene, adrenalina e acido arachidonico. Consideriamo più in dettaglio l'essenza di ogni tecnica..

Metodo del trifosfato di adenosina

Dopo aver ricevuto il risultato dell'analisi, i pazienti si chiedono: cosa significa aggregazione piastrinica con ADP? Decodifica dell'abbreviazione ADP - adenosina trifosfato. È noto che una piccola quantità di ADP provoca l'attivazione delle piastrine, seguita dalla loro adesione. Il processo è caratterizzato da un flusso a due onde. La prima fase dell'aggregazione è dovuta all'esposizione all'ADP. L'onda secondaria inizia dopo il rilascio di molecole specifiche (agonisti) dalle piastrine. Quando si aggiunge una grande quantità di ADP (più di 1 * 10-5 mol), non è possibile correggere la separazione delle due fasi, poiché si fondono.

Durante lo studio, gli esperti prestano particolare attenzione al numero di onde, completezza, velocità e reversibilità del processo. L'identificazione di un processo a due onde con piccole dosi di ADP è un segno di una maggiore sensibilità delle piastrine

L'aggregazione piastrinica reversibile e incompleta con ADP - 1 indica errori di attivazione piastrinica.

Metodo di ristocetina

Lo studio è condotto per quantificare il fattore von Willebrand nel paziente esaminato. Questa è una patologia ereditaria caratterizzata da disturbi nel processo di coagulazione del sangue..

Il metodo si basa sull'effetto diretto della ristocetina sull'interazione di un fattore e una glicoproteina. Normalmente, la ristocetina ha un effetto stimolante su questo processo. In pazienti con patologia ereditaria, questo effetto non è osservato.

È importante effettuare una diagnosi differenziale, poiché la malattia di von Willebrand è simile alla sindrome di Bernard-Soulier. Questa è una patologia ereditaria, contro la quale le piastrine in una persona perdono completamente la capacità di svolgere le loro funzioni

Tuttavia, dopo l'aggiunta di un fattore di coagulazione carente (per la malattia di von Willebrand), viene ripristinata l'adesione piastrinica nei pazienti. Per la sindrome di Berna Sullier, tale recupero non è possibile.

Metodo del collagene

Una caratteristica distintiva dell'aggregazione con il collagene è la lunga fase latente necessaria per attivare l'enzima fosfolipasi. La durata della fase latente varia da 5 a 7 minuti e dipende dalla concentrazione di collagene utilizzato.

Al termine di questa fase, i granuli piastrinici vengono rilasciati e viene prodotto il trombossano. Il risultato è una maggiore interazione e adesione tra piastrine.

Metodo dell'adrenalina

Gli effetti dell'adrenalina sull'adesione piastrinica sono simili a quelli dell'ADP. Il processo è caratterizzato da due fasi. Si presume che l'adrenalina sia in grado di influenzare direttamente le piastrine, aumentando la permeabilità della loro parete cellulare. Ciò porta ad un aumento della loro sensibilità a molecole specifiche rilasciate.

Metodo dell'acido arachidonico

L'acido è un catalizzatore naturale per l'adesione cellulare. Non è in grado di influenzarli direttamente. L'acido arachidonico esercita il suo effetto indirettamente attraverso enzimi, intermediari secondari e ioni calcio.

Il processo di aggregazione è rapido, di solito in una fase. Questo tipo di studio è rilevante quando un paziente sta assumendo farmaci..

Risultati dell'analisi

Nella decodifica del test di aggregazione piastrinica, ciascun laboratorio deve indicare i valori di riferimento adottati per questo metodo diagnostico. Questi sono gli indicatori medi che sono stati trovati durante un esame di massa di persone sane. Sono considerati la norma..

La norma in un bambino e un adulto

Se ci sono differenze di età per il numero di piastrine nel sangue (i bambini hanno meno), quindi per la capacità di aggregarsi, vengono stabilite norme uniformi:

  • in secondi - da zero a 50 (il risultato può variare a diverse temperature del sangue e la metodologia di ricerca in un particolare laboratorio);
  • in percentuale per spontaneo - 25 - 75;
  • ADP stimolato a una concentrazione di 5 μmol / ml - 60 - 89% e a 0,5 μmol / ml - 1,4 - 4,2%.

Aumento dell'aggregazione piastrinica

La tendenza ad accelerare l'adesione piastrinica si osserva con tali malattie:

  • malattia coronarica (angina pectoris, infarto);
  • disturbi circolatori nelle arterie periferiche degli arti inferiori (aterosclerosi obliterante);
  • Tromboangioite;
  • trombosi venosa;
  • sindrome antifosfolipidica;
  • diabete;
  • anomalie congenite della struttura piastrinica;
  • eccessiva formazione cellulare;
  • Malattie autoimmuni;
  • Sindrome DIC con shock, grave tossicosi durante la gravidanza, distacco della placenta, embolia del liquido amniotico, taglio cesareo;
  • processi tumorali nel corpo.

L'aggregazione piastrinica può essere stimolata da fumo, colesterolo alto e zucchero nel sangue, ipertensione e fattori di stress. Gli agenti antipiastrinici sono prescritti per il trattamento: Cardiomagnyl, Clopidogrel, Curantil, Ipaton, Ilomedin, Agrenox, Brilinta.

Ragioni per la riduzione

Si osserva una debole aggregazione spontanea e stimolata con:

  • anemia
  • leucemia acuta;
  • insufficienza renale;
  • sovradosaggio di anticoagulanti, agenti antipiastrinici;
  • cirrosi epatica;
  • glomerulonefrite diffusa;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • vasculite emorragica;
  • angiomi;
  • malattia da radiazioni.

La trombocitopatia congenita è accompagnata da un cambiamento nella capacità di aggregazione (Glanzman, Pearson, Mei), rilascio di fattori di incollaggio cellulare (sindrome simile all'aspirina), mancanza di accumulo di granuli (piastrine grigie, sindrome di Herzhmansky) e vari difetti nei difetti cardiaci, sindrome di Marfan, Viscott.

Queste condizioni sono caratterizzate da un aumento del sanguinamento e un'eliminazione radicale non è possibile. Pertanto, con aggregazione ridotta, viene prescritta una dieta:

  • divieto permanente di assunzione di alcolici, uso di aceto (incluso cibo in scatola con esso);
  • inserimento nel menu giornaliero di prodotti con vitamine A (fegato di manzo o di pollo, pesce, peperoni), C (rosa canina, ribes nero), P (ciliegia, chokeberry), arachidi;
  • limitazione della stagionatura, in particolare zenzero, curcuma, fieno greco.

Per la terapia farmacologica delle trombocitopatie congenite e acquisite, vengono utilizzati Dicinon, acido aminocaproico, gluconato di calcio. Assegnare un apporto di ciclo di ATP, Riboxin e acido folico da 2 a 4 volte l'anno. Durante le pause, si raccomandano preparazioni erboristiche con erbe emostatiche - ortica, foglie di lampone, borsa da pastore, montanaro degli uccelli, achillea.

L'analisi per l'aggregazione piastrinica mostra la loro capacità di connettersi quando si formano coaguli di sangue. È prescritto ai pazienti prima dell'intervento chirurgico, durante la gravidanza, così come nella nomina del trattamento per trombosi, aterosclerosi. Indagare aggregazione spontanea e stimolata. Questo aiuta a diagnosticare e condurre correttamente la terapia..

Se il risultato è aumentato, vengono prescritti agenti antipiastrinici, con aggregazione ridotta, sono indicati agenti emostatici.

Cosa sono le piastrine??

Le piastrine sono globuli formati che contribuiscono alla normalizzazione della coagulazione del sangue. Succede come segue. In caso di violazione dell'integrità delle pareti vascolari, le piastrine attraverso una catena di reazioni biochimiche ricevono un certo segnale, si raccolgono nel sito di sfondamento e, incollandosi, forniscono il processo di intasamento. Pertanto, il processo di aggregazione.

Tuttavia, il processo di aggregazione eccessivamente intenso è patologico. L'iperaggregazione piastrinica porta ad un aumento della trombosi, che aumenta significativamente il rischio di sviluppare malattie come ictus e infarto del miocardio.

Bassi tassi di aggregazione non sono meno pericolosi e rappresentano una potenziale minaccia non solo per la salute, ma anche per la vita del paziente. L'adesione insufficiente delle piastrine porta alla formazione di una malattia come la trombocitopenia (). Allo stesso tempo, esiste un'alta probabilità di sviluppare sanguinamento interno ed esterno, che non solo contribuisce allo sviluppo di forme gravi di anemia, ma può anche portare alla morte.

Pertanto, è estremamente importante monitorare la conta piastrinica nel sangue, nonché la loro capacità di aggregarsi. Particolarmente importante è l'aggregazione piastrinica durante la gravidanza

Il fatto è che le violazioni di questo processo possono portare a una serie di conseguenze piuttosto gravi. Ipoaggregazione (riduzione dell'aggregazione piastrinica) può provocare sanguinamento uterino durante il processo di nascita o dopo il periodo di nascita. L'aggregazione eccessivamente attiva è anche pericolosa per la futura mamma e il suo bambino, perché può portare a coaguli di sangue, che è una delle cause più comuni di aborto spontaneo e interruzione spontanea della gravidanza nelle prime fasi

Particolarmente importante è l'aggregazione piastrinica durante la gravidanza. Il fatto è che le violazioni di questo processo possono portare a una serie di conseguenze piuttosto gravi. Ipoaggregazione (riduzione dell'aggregazione piastrinica) può provocare sanguinamento uterino durante il processo di nascita o dopo il periodo di nascita. L'aggregazione eccessivamente attiva è anche pericolosa per la futura mamma e il suo bambino, perché può portare a coaguli di sangue, che è una delle cause più comuni di aborto spontaneo e interruzione spontanea della gravidanza nelle prime fasi.

Al fine di evitare tali effetti avversi e minimizzare i rischi, gli esperti raccomandano di condurre uno studio sul livello delle piastrine nel sangue e di identificare la loro capacità di rigenerarsi prima del concepimento, quando pianificano una gravidanza.

Come capire i risultati?

Un'analisi che utilizza tre induttori convenzionali e l'aggiunta, se necessario, di nuovi ne viene effettuata se un fattore di coagulazione prevale sugli altri. Per la diagnostica, la norma modificata modificata con un induttore in assenza di movimento con altri è importante. E i risultati sono valutati da uno specialista.

Ecco i fattori che possono innescare un calo dell'aggregazione:

  • successo del trattamento antipiastrinico;
  • thrombocytopathy.

Cosa può fare la trombocitopatia?

Questo tipo di malattia può essere ereditato dai genitori o può essere ottenuto avendo alcune malattie. Secondo le statistiche, ogni decima persona ce l'ha. Comune a tali malattie è la presenza di una connessione con la capacità delle piastrine di accumulare determinate sostanze..

Per questo motivo, il sangue non si ferma e non si formano coaguli di sangue. Questo è irto del fatto che dal minimo graffio si può aprire un forte sanguinamento esterno e da un livido - interno.

La trombocitopatia è una malattia grave caratterizzata da una ridotta aggregazione piastrinica.

Questo è già evidente in un bambino: in questi bambini le gengive spesso sanguinano, il naso sanguina, i lividi appaiono sul corpo dal più piccolo schiaffo e se il bambino colpisce qualcosa con il ginocchio o il gomito, e questo posto si gonfia. Nelle ragazze adolescenti che soffrono di questa patologia, le mestruazioni sono prolungate e molto sangue esce durante loro. Di conseguenza, si sviluppa l'anemia..

Trombocitopatia secondaria

Sintomatici, sono secondari, le trombocitopatie si formano a causa delle seguenti patologie:

  • leucemia cronica;
  • mieloma
  • anemia perniciosa;
  • l'ultimo stadio dello sviluppo dell'uremia;
  • disfunzione tiroidea.

Se il paziente ha troppo sanguinamento durante l'intervento chirurgico, il chirurgo può essere sicuro di avere una trombocitopatia.

Con la trombocitopatia, interrompere l'emorragia è estremamente difficile

L'aggregazione aumenta nei seguenti casi:

  • aterosclerosi vascolare comune;
  • ipertensione;
  • rottura degli organi interni;
  • trombosi arteriosa nella cavità addominale;
  • ictus;
  • diabete.

Quando è necessario passare un'analisi?

Le indicazioni per lo studio sono:

  • gengive sanguinanti eccessive;
  • sangue dal naso;
  • la comparsa di eruzioni emorragiche;
  • arresto del sangue prolungato anche con lievi danni ai vasi sanguigni;
  • tendenza a lividi;
  • la necessità di un trattamento con agenti antipiastrinici e anticoagulanti;
  • gravidanza ad alto rischio di gestosi o sanguinamento durante il parto;
  • patologia del sistema ematopoietico.

Lo studio deve essere effettuato prima dell'intervento chirurgico. Un basso grado di aggregazione piastrinica può portare a una grande perdita di sangue durante l'intervento chirurgico, che deve essere presa in considerazione.

L'analisi è obbligatoria per le donne in grado di valutare l'attività funzionale delle piastrine. I risultati dello studio aiuteranno a scegliere gli agenti profilattici per l'eccessiva perdita di sangue durante il parto..

Inoltre, questo indicatore è determinato se è necessario il trattamento con farmaci antipiastrinici e anticoagulanti. Piccole dosi di aspirina sono indicate per le persone con aterosclerosi e per patologie del sistema cardiovascolare. Sulla base dei dati di analisi, vengono fatte previsioni sulla reazione del corpo dopo aver assunto l'aspirina.

È noto che l'aggregazione piastrinica è influenzata anche da farmaci di altri gruppi (antibiotici, antistaminici, farmaci antinfiammatori). Pertanto, l'analisi è consigliabile anche quando si pianifica l'assunzione di questi farmaci.

Aumento dell'aggregazione: cause, complicanze e trattamento

Questa condizione si chiama iperaggregazione. Consiste in un aumento della coagulazione del sangue nei vasi, che può portare ad un aumentato rischio di coaguli di sangue, nonché alla morte.

Cause e malattie che sono accompagnate da iperaggregazione:

  • diabete;
  • aterosclerosi;
  • inattività fisica;
  • malattie oncologiche del sangue;
  • cancro allo stomaco;
  • carcinoma renale
  • malattia ipertonica;
  • disturbi circolatori;
  • aritmia;
  • bradicardia.
  • colpi
  • infarti;
  • morte improvvisa a causa del blocco di grandi vasi sanguigni da parte di un coagulo di sangue;
  • insufficienza dell'apporto di sangue agli organi a causa del restringimento del lume dei vasi sanguigni, principalmente del cervello;
  • trombosi venosa degli arti inferiori.

I principi del trattamento farmacologico dell'iperaggregazione:

  1. Assunzione di farmaci a base di acido acetilsalicilico (Cardiomagnyl). L'uso di tali farmaci è giustificato dall'età di 40 anni per mantenere la normale consistenza del sangue e ridurre il rischio di trombosi.
  2. L'ammissione di agenti antipiastrinici (clopidogrel), che portano a una riduzione dell'aggregazione piastrinica, normalizza la viscosità del sangue.
  3. Ricezione di anticoagulanti (eparina, fraksiparina, streptochinasi), che prevengono la formazione di coaguli di sangue.
  4. L'uso di vasodilatatori e antispasmodici, che espandono il lume dei vasi sanguigni.
  5. Trattamento della patologia sottostante che causa iperaggregazione.

Principi del trattamento non farmacologico dell'iperaggregazione:

  1. Una dieta ricca di alimenti vegetali: verdure, agrumi, verdure. Dei prodotti proteici, dai la preferenza ai prodotti lattiero-caseari. I frutti di mare aiuteranno anche a mantenere le normali proprietà del sangue. Limitare l'uso di grano saraceno, melograni e chokeberry.
  2. Rispetto del regime di consumo. La mancanza di liquido nel corpo è spesso accompagnata da iperaggregazione e trombosi. Bevi almeno 2 litri di acqua pura al giorno.
  3. La medicina tradizionale non può essere considerata un'alternativa al trattamento medico. Le principali piante medicinali che riducono la coagulazione del sangue sono trifoglio dolce medicinale, radice di peonia, tè verde.

Aggregazione piastrinica - Che cos'è??

L'aggregazione piastrinica è il processo mediante il quale le cellule aderiscono. Questo forma una spina che copre la ferita. Nella fase iniziale, le cellule del sangue si uniscono e successivamente aderiscono alle pareti della nave. Il risultato è un coagulo di sangue chiamato coagulo di sangue.

Piastrine: cellule del sangue incolori coinvolte nel processo di coagulazione

In un corpo sano, l'aggregazione è protettiva: le piastrine ostruiscono la ferita e il sanguinamento si arresta. In alcuni casi, la formazione di coaguli di sangue è indesiderabile, poiché bloccano i vasi negli organi e nei tessuti vitali..

  1. L'aumentata attività delle cellule del sangue incolore può portare a ictus, infarto.
  2. La riduzione della produzione di piastrine porta spesso a una grande perdita di sangue. Sanguinamento frequente che non si interrompe a lungo porta ad esaurimento e anemia (anemia).

Al fine di prevenire la malattia, è necessario controllare il livello di piastrine e la loro capacità di aggregarsi.

I medici raccomandano di condurre uno studio con:

  • sanguinamento frequente - uterino, dal naso;
  • la comparsa di lividi dai minimi lividi;
  • ferite male curative;
  • gonfiore.

Indicatori di norme

Normalmente, l'aggregazione è del 25–75%. Tali indicatori indicano una buona formazione del sangue e un adeguato apporto di ossigeno ai tessuti e agli organi..

Aggregazione piastrinica: le piastrine si precipitano sul sito del danno, si uniscono, chiudono la ferita e smettono di sanguinare

Per ridurre il rischio di sanguinamento, è necessario conoscere l'aggregazione piastrinica: cos'è, come viene determinato?

Il test di aggregazione piastrinica viene utilizzato prima dell'intervento chirurgico, il parto per determinare il rischio di sanguinamento. È prescritto per le malattie vascolari sia per la diagnosi di trombosi, il grado di tendenza alla trombosi, sia durante il trattamento con agenti antipiastrinici.

Secondo i risultati dell'analisi, è possibile determinare l'efficacia dell'uso di farmaci per le complicanze dell'aterosclerosi. L'ADP è utilizzato per stimolare il processo di aggregazione; la reazione indotta è importante per la diagnosi differenziale delle trombocitopatie..

Che cosa mostra l'analisi dell'aggregazione piastrinica?

La funzione delle piastrine nel sangue è la formazione di un coagulo di sangue nel sito di danno alla parete vascolare. Se la nave è in uno stato normale, queste cellule sono inattive. Quando si verifica un difetto tissutale, acquisiscono rapidamente la capacità di aderire (adesione) e incollare (aggregazione), formando una specie di tappo che ostruisce la nave.

Il loro ruolo non si limita a questo: durante l'emorragia secernono sostanze biologicamente attive che attraggono altre cellule sul luogo dell'incidente, stimolano la contrazione delle pareti delle arterie e delle vene e un'ulteriore coagulazione del sangue.

Un esame del sangue per la capacità di aggregazione delle piastrine prevede il rilevamento della loro attività ridotta, normale o aumentata nel processo di formazione del coagulo di sangue. L'eccessiva tendenza porta a trombosi, blocco di arterie e vene, progressione di complicanze aterosclerotiche (ischemia miocardica, ictus, obliterazione periferica degli arti inferiori). Una bassa aggregazione aumenta il rischio di sanguinamento.

Ed ecco di più sugli angioprotettori.

Tipi di aggregazione - ADP spontaneo e indotto

Esistono due tipi di adesione piastrinica: spontanea e indotta. Il primo è determinato nel sangue stesso, che viene inserito in una provetta e un termostato, che lo riscalda fino a 37 gradi. Indotta comporta l'aggiunta di sostanze speciali che attivano l'adesione cellulare. Si chiamano induttori e l'analisi si chiama aggregazione piastrinica. Come stimolanti utilizzati:

  • ADP - le piastrine attivate lo secernono in risposta al danno;
  • il collagene è una proteina extracellulare, che si trova nella distruzione del rivestimento interno della nave;
  • adrenalina: presente nei granuli piastrinici.

Dopo aver aggiunto una piccola quantità di ADP (adenosina difosfato, precursore ATP), le piastrine iniziano a unirsi in gruppi e un'onda appare sullo schermo del dispositivo (aggregometro), entra in un plateau (parte piatta) e quindi si verifica una seconda ondata quando vengono rilasciati fattori interni di aggregazione dalle cellule. Se inserisci immediatamente una dose elevata, due onde si uniranno in una.

La combinazione di piastrine è reversibile e irreversibile. Se hanno un'alta sensibilità alla stimolazione (tendenza alla trombosi), allora rispondono a basse dosi (per aggregazione reversibile) in una singola onda. Con bassa capacità di aggregazione (c'è sanguinamento), anche grandi concentrazioni di ADP danno due onde.

Guarda il video sul sistema di coagulazione del sangue:

Indicazioni quando è necessario eseguire il test con ADP

Un'analisi per l'aggregazione piastrinica è prescritta in tali situazioni cliniche:

  • sospetto di aumento del sanguinamento (formazione di ematomi sulla pelle, ecchimosi, sanguinamento uterino grave, nasale, emorroidario, gastrointestinale);
  • valutazione del rischio di sanguinamento durante l'intervento chirurgico, il parto;
  • determinazione dell'efficacia dell'uso di agenti antipiastrinici per la prevenzione e il trattamento di trombosi, infarto del miocardio, disturbi circolatori del cervello;
  • chiarimento della necessità di un uso profilattico di fluidificanti del sangue con fattori di rischio per ischemia miocardica (età, ipertensione, diabete mellito, obesità, eredità gravata);
  • indagine sulle possibili cause di aborto spontaneo, mancata gravidanza, infertilità, inseminazione artificiale non riuscita;
  • prima dell'uso di contraccettivi ormonali;
  • selezione di farmaci per prevenire la trombosi vascolare, identificazione di indicazioni e controindicazioni, dosaggio efficace, aggiustamento della dose, rischio di complicanze.

Formazione

Una condizione importante per la corretta determinazione della capacità di aggregazione delle piastrine è l'esclusione di possibili fattori che modificano le proprietà del sangue. Esistono molti farmaci che distorcono il risultato diagnostico, quindi il medico annulla l'aspirina, il plavix, il curantil e gli anticoagulanti diretti (warfarin, eparina) in 7-10 giorni e l'uso di farmaci antinfiammatori (ibuprofene, acido mefenamico) è proibito per 3-5 giorni.

I farmaci indesiderati includono anche:

  • droghe psicotrope,
  • anestetici,
  • Melipramine,
  • Anaprilin,
  • Nitroglicerina,
  • lasix,
  • antibiotici penicillinici,
  • cefalosporine,
  • Furadonin,
  • L'amfotericina,
  • agenti antitumorali.

Nel caso in cui alcuni farmaci siano estremamente importanti per il trattamento, il medico dovrebbe indicare tutti i medicinali che il paziente ha assunto prima dell'analisi una settimana nella direzione dell'analisi. Per 5 - 7 giorni, sono esclusi alcol, caffè, olio di pesce, zenzero, curcuma, aglio e cipolle, vitamine C ed E.

Nello studio sull'aggregazione piastrinica, il campione di sangue non deve essere torbido a causa del grasso, quindi l'analisi viene eseguita dalle 6 alle 8 ore dopo l'ultimo pasto e il giorno prima dell'esame il menu non deve contenere cibi grassi e fritti.

Risultati dell'analisi

Nella decodifica del test di aggregazione piastrinica, ciascun laboratorio deve indicare i valori di riferimento adottati per questo metodo diagnostico. Questi sono gli indicatori medi che sono stati trovati durante un esame di massa di persone sane. Sono considerati la norma..

La norma in un bambino e un adulto

Se ci sono differenze di età per il numero di piastrine nel sangue (i bambini hanno meno), quindi per la capacità di aggregarsi, vengono stabilite norme uniformi:

  • in secondi - da zero a 50 (il risultato può variare a diverse temperature del sangue e la metodologia di ricerca in un particolare laboratorio);
  • in percentuale per spontaneo - 25 - 75;
  • ADP stimolato a una concentrazione di 5 μmol / ml - 60 - 89% e a 0,5 μmol / ml - 1,4 - 4,2%.

Aumento dell'aggregazione piastrinica

La tendenza ad accelerare l'adesione piastrinica si osserva con tali malattie:

  • malattia coronarica (angina pectoris, infarto);
  • disturbi circolatori nelle arterie periferiche degli arti inferiori (aterosclerosi obliterante);
  • Tromboangioite;
  • trombosi venosa;
  • sindrome antifosfolipidica;
  • diabete;
  • anomalie congenite della struttura piastrinica;
  • eccessiva formazione cellulare;
  • Malattie autoimmuni;
  • Sindrome DIC con shock, grave tossicosi durante la gravidanza, distacco della placenta, embolia del liquido amniotico, taglio cesareo;
  • processi tumorali nel corpo.

L'aggregazione piastrinica può essere stimolata da fumo, colesterolo alto e zucchero nel sangue, ipertensione e fattori di stress. Gli agenti antipiastrinici sono prescritti per il trattamento: Cardiomagnyl, Clopidogrel, Curantil, Ipaton, Ilomedin, Agrenox, Brilinta.

Ragioni per la riduzione

Si osserva una debole aggregazione spontanea e stimolata con:

  • anemia
  • leucemia acuta;
  • insufficienza renale;
  • sovradosaggio di anticoagulanti, agenti antipiastrinici;
  • cirrosi epatica;
  • glomerulonefrite diffusa;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • vasculite emorragica;
  • angiomi;
  • malattia da radiazioni.

La trombocitopatia congenita è accompagnata da un cambiamento nella capacità di aggregazione (Glanzman, Pearson, Mei), rilascio di fattori di incollaggio cellulare (sindrome simile all'aspirina), mancanza di accumulo di granuli (piastrine grigie, sindrome di Herzhmansky) e vari difetti nei difetti cardiaci, sindrome di Marfan, Viscott.

Queste condizioni sono caratterizzate da un aumento del sanguinamento e un'eliminazione radicale non è possibile. Pertanto, con aggregazione ridotta, viene prescritta una dieta:

  • divieto permanente di assunzione di alcolici, uso di aceto (incluso cibo in scatola con esso);
  • inserimento nel menu giornaliero di prodotti con vitamine A (fegato di manzo o di pollo, pesce, peperoni), C (rosa canina, ribes nero), P (ciliegia, chokeberry), arachidi;
  • limitazione della stagionatura, in particolare zenzero, curcuma, fieno greco.

Per la terapia farmacologica delle trombocitopatie congenite e acquisite, vengono utilizzati Dicinon, acido aminocaproico, gluconato di calcio. Assegnare un apporto di ciclo di ATP, Riboxin e acido folico da 2 a 4 volte l'anno. Durante le pause, si raccomandano preparazioni erboristiche con erbe emostatiche - ortica, foglie di lampone, borsa da pastore, montanaro degli uccelli, achillea.

Ed ecco di più sulla trombofilia ereditaria.

L'analisi per l'aggregazione piastrinica mostra la loro capacità di connettersi quando si formano coaguli di sangue. È prescritto ai pazienti prima dell'intervento chirurgico, durante la gravidanza, così come nella nomina del trattamento per trombosi, aterosclerosi. Indagare aggregazione spontanea e stimolata. Questo aiuta a diagnosticare e condurre correttamente la terapia..

Se il risultato è aumentato, vengono prescritti agenti antipiastrinici, con aggregazione ridotta, sono indicati agenti emostatici.

Aggregazione piastrinica

Descrizione

Aggregazione piastrinica - un indicatore di disturbi nella fase vascolare-piastrinica dell'emostasi.

Per valutare la funzione piastrinica, viene eseguito un test di aggregazione piastrinica. Lo studio consente di diagnosticare e prevenire il rischio di sanguinamento, trombofilia, valutare l'efficacia della terapia antipiastrinica e selezionare la dose ottimale di agenti antipiastrinici.

Quando le navi sono danneggiate, le piastrine si accumulano nel sito del danno, si attivano e si aderiscono l'una all'altra, formando un trombo piastrinico, la formazione del tappo emostatico primario, che aiuta a fermare il sanguinamento e a guarire le ferite. Quando le piastrine sono attivate, si verifica una reazione, con conseguente attivazione della fosfolipasi. Di conseguenza, la membrana cellulare cambia le sue proprietà e può entrare in contatto con le cellule vicine. Di conseguenza, le piastrine possono aggregarsi tra loro e formare un trombo piastrinico.

Aggregazione: una proprietà delle piastrine che si collegano tra loro.
Adesione: la capacità delle piastrine di aderire a un'intima danneggiata di una nave.
Pertanto, l'adesione e l'aggregazione sono i processi necessari per la formazione del cosiddetto "tappo" al fine di chiudere il sito della lesione nella parete vascolare. Una maggiore attivazione piastrinica in patologia può portare a un'eccessiva trombosi e, al contrario, può verificarsi emorragia (sanguinamento) quando l'aggregazione viene rallentata..

L'attivazione piastrinica è un elemento essenziale per l'emostasi normale. In condizioni normali, le piastrine circolanti non interagiscono con la superficie interna e le cellule endoteliali vascolari. Ma con danni alla parete vascolare, il collagene entra nel lume della nave e nelle piastrine con la partecipazione del fattore di von Willebrand aderisce (adesione) alla parte danneggiata della nave.

L'aumentata aggregazione piastrinica è accompagnata da malattia coronarica e sviluppo di infarto del miocardio.

indicazioni:

  • determinare le cause della trombosi durante l'aborto, con infertilità;
  • con tentativi falliti di fecondazione in vitro;
  • con malattie cardiovascolari - infarti, ictus;
  • durante l'uso di contraccettivi orali;
  • durante la pianificazione della gravidanza e durante la gravidanza;
  • scoprire le cause dell'aumento del sanguinamento e prevedere il rischio di sanguinamento;
  • durante l'assunzione di agenti antipiastrinici;
  • rilevare sensibilità o resistenza agli agenti antipiastrinici;
  • per la diagnosi di trombocitopatie acquisite e congenite.
Formazione
Non è richiesta una formazione speciale. Il prelievo di sangue è raccomandato non prima di 6-8 ore dopo l'ultimo pasto. Alla vigilia dello studio, alcool e fumo, stress fisico ed emotivo dovrebbero essere esclusi.

Se il paziente sta assumendo farmaci, è necessario consultare un medico in merito all'opportunità di condurre uno studio sullo sfondo dell'assunzione dei farmaci o alla possibilità di annullarlo prima dello studio, la durata del ritiro è determinata dal periodo di sospensione del farmaco dal sangue.

Interpretazione dei risultati
Unità:%
In percentuale, la norma corrisponde al 25–75%.

Fattori che aumentano il risultato:

  • eparina;
  • emolisi di un campione di sangue;
  • lipemia
  • nicotina.
Fattori di riduzione:
  • consumo eccessivo di aglio (inibisce l'aggregazione piastrinica);
  • aspirina (acido acetilsalicilico inibisce l'aggregazione piastrinica, bloccando la sintesi del trombossano A2);
  • azlotsidin, captopril, carbammato karbentsillin, clorochina, clorpromazina, clofibrato, ciproeptadina, destrano, dipiridamolo, diuretici, flyumenavaya acido gidroksiagoramina, isosorbina, citrotazina, citrotazina, mozalattina, citazotillina, mozalattina1, pirindolo, sulfinpirazone, ticarcillina, antidepressivi triciclici;
  • trombocitopenia.
Deviazioni dalla norma
L'aggregazione piastrinica anormale è combinata con le seguenti condizioni:

  • disturbi piastrinici causati da carenza di recettori della glicoproteina di membrana, deficit di spazio di conservazione, deficit di rilascio di ADP;
  • una mancanza di proteine ​​plasmatiche che assicurano l'interazione delle piastrine con le pareti dei vasi sanguigni, tra cui il fattore di von Willebrand, il fibrinogeno, la fibronectina;
  • la presenza di metaboliti anormali e componenti plasmatici nell'uremia, nella disproteinemia, nella sindrome da coagulazione intravascolare disseminata;
  • disturbi del collagene-vascolare (sindrome di Marfan, osteogenesi imperfetta);
  • disturbi mieloproliferativi (trombocitemia essenziale, policitemia vera, leucemia mieloide cronica);
  • trombastenia Glanzmann (Glanzmann): mancanza di glicoproteina IIb / IIIa, mancanza di aggregazione per ADP, collagene, adrenalina, trombina, ma aggregazione normale per ristomicina;
  • Sindrome di Bernard-Soulier (Bernard-Soulier): carenza di Ib; aggregazione normale sotto l'influenza di ADP, collagene, adrenalina; insufficiente agglutinazione sotto l'azione della ristocetina. A differenza della malattia di von Willebrand, l'agglutinazione non viene corretta dalla ristomicina quando viene aggiunto il plasma normale;
  • mancanza di spazio / piscine (sindrome di Chediak-Higashi, glicogenosi di tipo I, sindrome delle piastrine grigie, sindrome di Hermansky-Pudlak, sindrome di trombocitopenia TAR - Trombocitopenia / patia con aplasia del raggio. Questa sindrome appartiene al gruppo di apparati associati con megacariociti-piastrine con anomalie dell'apparato osseo - assenza bilaterale del raggio con accorciamento degli avambracci, a volte con deformazione della colonna vertebrale, scapole, displasia dell'anca, palatoschisi, difetti muscolari, strabismo, ipoplasia polmonare, difetti cardiaci congeniti), sindrome di Wiskott-Aldrich: l'aggregazione può essere, spesso a causa dell'assenza o della diminuzione del rilascio secondario di ADP;
  • deficit di cicloossigenasi: aggregazione piastrinica anormale a causa dell'incapacità di attivare la via delle prostaglandine; difetto simile all'aspirina;
  • Malattia di von Willebrand: aggregazione normale sotto l'azione di ADP, collagene, adrenalina; l'assenza o la riduzione dell'agglutinazione sotto l'azione della ristocetina (ad eccezione del tipo IIB, in cui l'agglutinazione si verifica a una concentrazione non normale della ristocetina).
Diminuzione dell'aggregazione piastrinica

  • assunzione di acido acetilsalicilico, indometacina, grandi dosi di furosemide.