Chirurgia per la rimozione dell'appendicite: per quanto tempo, possibili complicanze e riabilitazione

Uno dei tipi più comuni di intervento chirurgico è l'operazione per rimuovere l'appendicite. Ad oggi, la pratica medica ha acquisito una ricca esperienza teorica e pratica in questo campo. Il periodo di operazione e riabilitazione non richiede molto tempo. Tuttavia, molti pazienti sono preoccupati per la domanda: quanti sono in ospedale con appendicite?

Quali sono i limiti nel periodo postoperatorio?

Il rischio di possibili complicanze è associato non alla rimozione dell'appendice infiammata, ma a un danno alla parete addominale. La chirurgia addominale tradizionale prevede la creazione di un'incisione nella regione inguinale, la cui dimensione raggiungerà i 9-10 cm, una grave violazione dell'integrità della parete addominale anteriore, quindi qualsiasi attività fisica durante la riabilitazione della malattia dovrebbe essere limitata. La mancata osservanza delle raccomandazioni mediche può portare allo sviluppo di complicanze come la divisione delle cuciture o un'ernia.

Oggi, l'appendicectomia viene spesso eseguita con il metodo laparoscopico, dopo 2-3 piccole incisioni lunghe 1,5-2 cm. Il paziente dopo tale operazione viene ripristinato più rapidamente e più facilmente, ma l'attività fisica dovrebbe anche essere esclusa nelle prime settimane dopo l'intervento.

Quando è necessaria l'assistenza del chirurgo

  • Il brodo di pollo debole o l'anestesia devono essere posti sotto il torace nel recupero del paziente. La dieta ammorbidisce la cicatrice e la rende particolarmente femminile, rappresenta i polmoni;
  • Dalla laparotomia cieca della cavità addominale. Laparotomia significa taglio). Questa manovra ti consente di allargare le braccia.
  • La formazione di infiltrati, passaggi fistolosi o
  • Aiutare ad alleviare il dolore nella causa della tensione eccessiva dei muscoli addominali consultare un medico, è
  • Normalizzazione delle feci; vitello magro. Oltre ai brodi

L'appendicite è l'indicazione principale per un'appendicectomia. Prima viene rilevata l'infiammazione del processo, più veloce e con successo l'operazione verrà eseguita. I sintomi dell'appendicite sono vari. Quadro clinico classico:

  • dolore nella regione iliaca sul lato destro;
  • nausea;
  • diarrea;
  • aumento della temperatura.

L'infiammazione può manifestarsi con dolore nella regione ombelicale, dolore migratorio, costipazione e intossicazione generale.

Esistono molti metodi con cui i medici possono confermare o confutare l'infiammazione dell'appendice. Sono informativi individualmente. Le maggiori difficoltà sorgono nella diagnosi di patologia nei bambini di 5-6 anni. I medici differenziano l'appendicite, concentrandosi sulle lamentele del paziente, usando un esame di palpazione della cavità addominale. Nelle donne, la diagnosi deve essere distinta dall'infiammazione acuta delle appendici.

Se viene rilevata un'appendicite acuta, l'operazione viene eseguita urgentemente, già 2-4 ore dopo il ricovero. La ragione di ciò è il rischio di necrosi tissutale, rottura del processo, peritonite e sepsi.

L'appendicectomia può essere eseguita come previsto. Indicazione - appendicite cronica. Con questa diagnosi, l'infiammazione dell'appendice si verifica nelle onde: i sintomi si verificano periodicamente e poi si attenuano. Questo potrebbe andare avanti per diversi anni. Il modo migliore per prevenire l'infiammazione acuta e il rischio per la vita del paziente è rimuovere l'appendice in anticipo prima della ricaduta successiva..

Il riposo a letto è una fase importante della riabilitazione

Un intervento chirurgico di successo per appendicite catarrale o flemmatica semplice non richiede un riposo a letto prolungato. 5-6 ore dopo l'appendicectomia, i pazienti possono e devono camminare. La verticalizzazione precoce aiuterà a stimolare la motilità intestinale e ripristinare la digestione.

Le forme di appendicite acuta, complicate dalla suppurazione, dalla formazione di un ascesso, dalla cancrena o dalla perforazione, ritardano il paziente in una posizione supina più a lungo - per 1-2 giorni. La durata del riposo a letto per il paziente in ciascun caso dipende da molti fattori ed è determinata individualmente dal medico curante. Tali pazienti dovrebbero espandere gradualmente la loro attività fisica, muovendo i primi passi con il supporto di parenti o personale della clinica.

Quali possono essere le complicazioni?

Qualsiasi operazione è associata a rischi e complicanze. L'appendicectomia può essere accompagnata da grave perdita di sangue, che dipende dalle qualifiche del medico. Potrebbero esserci problemi respiratori, specialmente se la parte destra o la ferita sono molto doloranti. Ciò è dovuto all'incapacità di respirare a tutto il torace, che è irto di ipossia. Gonfiore e ritenzione urinaria dovuta all'uso di miorilassanti può provocare paresi del tratto urinario o intestinale. Esiste il rischio di tromboembolia, infiammazione e fistola. A volte si verificano complicazioni settiche purulente nella ferita (con scarsa maneggevolezza). Il trattamento postoperatorio può provocare diarrea dopo appendicite, che dura fino a un mese.

Primo periodo postoperatorio: cosa è possibile e cosa no

La degenza in ospedale dopo appendicite varia da 3 giorni a diverse settimane. Per tutto questo tempo, i pazienti sono sotto la supervisione di professionisti medici. Cosa si può fare durante questo periodo e cosa è severamente proibito?

  • mangiare cibo liquido e grattugiato, che non "caricherà" l'intestino con un lavoro inutile;
  • camminare lentamente con pause di riposo;
  • mentire di più e riposare.

È possibile nuotare subito dopo l'operazione? Le procedure tradizionali per l'acqua sono vietate, ma l'igiene di alcune parti del corpo è importante da fare due volte al giorno. Evitare di ottenere acqua nel sito dell'incisione fino a quando le cuciture non vengono rimosse e si forma una cicatrice stabile..

Nel primo periodo postoperatorio, non puoi:

  • camminare o correre veloce;
  • essere in piedi per molto tempo;
  • sollevare pesi;
  • praticare qualsiasi sport.

Ritorna alla vita attiva

Dopo la dimissione dall'ospedale, il paziente viene trasferito al trattamento ambulatoriale. La modalità della sua attività fisica rimarrà risparmiante per altri 1-3 mesi. Ciò significa che qualsiasi carico intenso è completamente proibito: non è consentito sollevare pesi, correre, fare sesso. Non sono ammessi sport professionistici..

I normali carichi di lavoro domestici possono essere eseguiti dai pazienti. Camminare lentamente senza fretta (esclusa la necessità di una posizione prolungata), i normali compiti a casa, il sollevamento di oggetti con un peso fino a 3 kg non danneggerà. È consentita la piena attività sessuale 1-2 settimane dopo la rimozione dei punti.

Il ritorno alla normale attività fisica dovrebbe essere graduale ed essere guidato dalle seguenti regole:

  1. Innanzitutto, vengono eseguiti esercizi leggeri, quindi, in assenza di dolore e altre sensazioni spiacevoli, puoi passare a più complessi.
  2. Esercizi complessi vengono eseguiti senza peso aggiuntivo..
  3. Lo stress sui muscoli della parete addominale anteriore, le curve acute in avanti e ai lati sono completamente eliminati.
  4. Se si verifica il minimo disagio durante l'esercizio, devono essere immediatamente interrotti e consultare un medico.

Sport dopo l'appendicite: cosa è possibile e cosa no?

Tutto dipende dalla forma e dallo stadio della malattia. Durante l'appendicite catarrale semplice, i pazienti possono alzarsi o cambiare posizione dopo 4-6 ore. Ciò migliora notevolmente le condizioni dell'intestino, prevenendo la formazione di aderenze.

Nel caso in cui l'appendicite gangrenosa o complicata da peritonite, i pazienti rimangono a letto per 2 giorni. Trascorso questo tempo, puoi eseguire il movimento con l'aiuto del personale.

Nel periodo postoperatorio, si raccomanda di non eseguire alcun carico fisico. Per un mese, non è consigliabile sollevare oggetti pesanti, rimanere in piedi per molto tempo. Non è necessario eseguire movimenti rapidi, specialmente con i cretini. Il mancato rispetto di queste semplici condizioni provocherà la separazione delle cuciture..

Cosa si può fare il primo giorno dopo l'intervento chirurgico?

Dopo l'appendicite, durante il primo giorno, i pazienti devono essere a letto. Si consiglia di utilizzare antidolorifici per la prima volta. Se l'operazione è stata eseguita mediante laparoscopia, le conseguenze sono più facili da trasferire. I pazienti sono in grado di tornare più rapidamente ai normali ritmi della vita quotidiana..

Dopo due settimane

Se sono trascorse circa due settimane dall'intervento, è controindicato il sollevamento di pesi superiori a 3 chilogrammi. Non è consigliabile inginocchiarsi a lungo. Inoltre, è controindicato fare carichi lunghi e costanti. Aumentano la pressione nell'addome inferiore e ad un certo punto i punti si separeranno. Dopo due settimane, non è consigliabile praticare sport.

Tre mesi dopo la rimozione dell'appendicite...

Per supportare il modulo, si raccomanda di praticare sport per rafforzare gli arti. In nessun caso è necessario caricare la pressa o i muscoli addominali in un periodo di tre mesi.

Per un corretto mantenimento del modulo, in modo che il decorso della malattia non aumenti, è importante eseguire esercizi speciali. In ogni caso, il sistema dovrebbe essere selezionato in modo che non ci sia carico sui muscoli addominali.

Si consiglia di escludere la corsa. Tali allenamenti sono sostituiti da elementi di camminata calma, nonché esercizi per rafforzare i muscoli delle braccia e delle gambe. Non è consigliabile abbandonare completamente l'attività del piano fisico. Tali azioni portano allo sviluppo di aderenze nell'intestino e nell'area operata.

Tre mesi dopo l'operazione, puoi iniziare a sollevare pesi: manubri o bilanciere. Ma questo viene fatto solo quando sono trascorsi tre mesi e il paziente non ha complicazioni.

È necessario rifiutare:

Per quanto riguarda i pazienti che sono stati operati con laparoscopia, stanno riabilitando più velocemente. È possibile avviare il caricamento dopo due mesi.

Allenamento dopo 40 anni per gli uomini. Esercizi di bodybuilding per uomini sopra i 40 anni

Iniziamo con lo stato fisico del corpo, con la teoria. Nel tempo, il corpo cambia. Assicurati di notare. Per stare attenti in palestra, paziente nell'ottenere il risultato, in uscita..

  • La struttura ossea di un maschio adulto inizia a perdere forza. I legamenti non sono così forti come in gioventù. Conclusione non è necessario inseguire grandi pesi all'inizio del percorso di costruzione di una figura muscolare.
  • La rete capillare è ostruita da scorie e placche di colesterolo nel corso degli anni. La funzione di consegna dei nutrienti attraverso il sangue viene rallentata. Sia agli organi principali che ai muscoli. È necessario cambiare la dieta, abbandonare il cibo abituale malsano. Quindi un programma di allenamento dopo 40 anni ne trarrà beneficio.
  • L'endurance va via con l'età. Questo è un punto molto importante nello sviluppo del complesso. Quando tiri il ferro, devi considerare che abbastanza ossigeno entra nel corpo o no.
  • L'età prende il sopravvento. Sto parlando del cambiamento ormonale. Per un regolare pompaggio muscolare, è necessario mantenere il processo anabolico e catabolico della barra. Maggiori informazioni su questo argomento..

L'esercizio fisico dopo quarant'anni è suddiviso in fasi. Il corso preparatorio è progettato per la dipendenza muscolare da carichi e il finale - il principale.

Il corpo deve essere protetto

La riabilitazione dopo l'intervento chirurgico è la chiave per un corretto recupero. Quando è possibile praticare sport, i loro medici curanti dovrebbero informare i pazienti.

Il fatto che non siano comparse complicazioni è evidenziato dalle condizioni delle suture durante la loro rimozione. Se non si osservano malattie e cambiamenti, è possibile iniziare gradualmente a esercitare.

Durante l'allenamento, molti pazienti stessi devono monitorare le condizioni delle loro cuciture. È importante che nessun mezzo, compresa l'acqua, vi penetri. Ciò può causare complicazioni. Non è consigliabile ignorare la consulenza di un esperto..

Attività fisica

I primi movimenti possono essere fatti il ​​secondo giorno dopo l'operazione. Se necessario, alzati dal letto, tieni la cucitura con la mano. Indossare un tutore riduce il rischio di divergenza della cucitura.

È necessario abbandonare completamente l'attività fisica nei prossimi 2-3 mesi di riabilitazione. Puoi camminare per brevi distanze, fermarti ogni 300-500 metri.

La mancanza di attività fisica non significa che tutti i 2 mesi devi sdraiarti. Al contrario, una mobilità moderata accelererà i processi metabolici, il che influenzerà positivamente il ripristino del tratto digestivo.

Riassumendo

Solo un'attenta pianificazione di tutte le azioni porta a risultati positivi. Con il loro aiuto, puoi tornare rapidamente al solito stile di vita..

È importante capire che puoi tornare al precedente stile di vita, solo la fretta qui è semplicemente inappropriata. Qualsiasi errore può causare gravi conseguenze..

Molte persone non possono vivere senza una costante attività fisica. Supportando uno stile di vita attivo, rafforzano la salute e, a lungo, preservano la giovinezza, prolungano la vita. Quando le persone subiscono un intervento chirurgico, il loro solito stile di vita viene violato e sono costretti a limitarsi nel periodo di recupero postoperatorio. Il problema principale è la durata della riabilitazione, poiché non possono allenarsi completamente..

Il cieco, come parte del sistema digestivo, è coinvolto nella digestione del cibo. L'appendice vermiforme del cieco è chiamata appendice. Per molto tempo è stato considerato atavismo, poiché, essendo parte del tratto digestivo, non partecipa al suo lavoro. La ricerca moderna afferma che l'appendice svolge un ruolo importante nel sistema immunitario: le cellule che produce proteggono l'intestino da batteri aggressivi estranei.

L'appendicite è un'infiammazione del processo del cieco. Le cause della patologia non sono state stabilite: tutti possono ammalarsi. Come trattamento, la medicina offre l'unica opzione: chirurgia d'emergenza.

La rimozione dell'appendice del cieco è l'operazione medica più comune al mondo. La diagnosi tempestiva della malattia e la fornitura di assistenza medica ridurranno la probabilità di complicazioni pericolose e ti consentiranno di recuperare il più presto possibile. Pertanto, al primo sospetto di appendicite, è necessario contattare immediatamente un istituto medico.

Ordine di registrazione

Un certificato di congedo per malattia viene rilasciato il giorno dell'intervento chirurgico se viene eseguito in regime ambulatoriale o il giorno del ricovero in ospedale se è necessario il ricovero in ospedale. Il ginecologo si occupa delle patologie uterine.

Ogni specialista a tempo pieno è un esperto del primo ordine e ha il diritto di decidere da solo sulla necessità di rilasciare un certificato di disabilità. In caso di rinnovo per più di 15 giorni, è tenuto a fornire documentazione e garantire l'aspetto del paziente presso VK.

I membri della commissione medica possono prolungare il congedo per malattia di un massimo di 15 giorni, in caso di incapacità lavorativa continua, sarà richiesta una proroga ripetuta nello stesso ordine. Durante questo periodo, il medico è impegnato nel trattamento e nella diagnostica, soddisfa tutti i requisiti e le raccomandazioni fornite da esperti medici di alto livello.

Dopo la dimissione dall'ospedale con un congedo per malattia aperto, una donna deve andare a un consulto femminile nel luogo di residenza.

Ulteriore trattamento e diagnosi saranno effettuati da specialisti in regime ambulatoriale. In questo caso, il certificato di invalidità di terze parti (rilasciato in ospedale) viene chiuso tramite VK, un nuovo viene rilasciato alla donna indipendentemente dalla durata della malattia.

Il codice in congedo per malattia indica:

  • "01" - per malattie;
  • "10" - durante manipolazioni (isteroscopia).

La procedura per il pagamento di un congedo per malattia per le operazioni sull'utero è standard, vengono pagati tutti i giorni di disabilità. Se esiste un secondo posto di lavoro e anzianità superiore a 2 anni, una donna può aspettarsi di ricevere un secondo congedo per malattia per presentazione a pagamento.

La decisione finale sull'emissione di un congedo per malattia viene presa dal medico curante. Questo spiega il fatto che con la stessa malattia, donne diverse possono o meno ricevere motivi legali per non andare al lavoro. Tutte le procedure chirurgiche vengono eseguite solo previa consultazione..

Per evitare problemi sul lavoro, è necessario chiarire la possibilità del suo design e la durata stimata del trattamento. Nelle operazioni pianificate, se una donna sperimenta un disagio psico-emotivo, vale la pena rimandare un viaggio dal medico per una vacanza o pianificare un'operazione alla fine della settimana, poiché il desiderio personale del paziente non è un motivo per l'apertura di un ospedale.

Ora sai quanto viene tenuto in congedo per malattia dopo la rimozione dell'utero e altre operazioni ginecologiche. Tutte le questioni controverse sono regolate dall'ordinanza del Ministero della salute e dello sviluppo sociale della Federazione Russa N 624n "Su approvazione della procedura per il rilascio di certificati di invalidità".

Se trovi un errore, seleziona un testo e premi Ctrl Invio.

La registrazione del congedo per malattia viene effettuata dall'infermiera senior del dipartimento profili, dal capo dipartimento o da un chirurgo nella clinica del luogo di residenza. Il paziente non è coinvolto nella compilazione del modulo.

Spiega le cause della disabilità con l'aiuto di speciali codici unificati. Il codice 001 corrisponde all'appendicite: indica una malattia in cui non è possibile visitare il luogo di lavoro.

Dopo la dimissione e la chiusura del congedo per malattia, in base alla data di scadenza, il paziente raccoglie il modulo e lo consegna al datore di lavoro, che compila le informazioni necessarie relative ai calcoli e alle informazioni sul luogo di lavoro. Codice del congedo per malattia per imposta sul reddito delle persone fisiche e servizi fiscali - 2300.

L'emissione di certificati di invalidità temporanea è regolamentata. 183 del Codice del lavoro della Federazione Russa, con ordinanze del Ministero della salute e dello sviluppo sociale della Russia n. 624n del 29/06/2011 e n. 31n del 24 gennaio 2012.

Metodi chirurgici

In chirurgia, vengono utilizzati due metodi principali di rimozione dell'appendice: appendicectomia aperta e laparoscopia..

Nel primo caso, il chirurgo esegue un'incisione nella cavità addominale di 10 centimetri. Questo è un danno significativo all'integrità della parete addominale, quindi la sua guarigione richiede molto tempo. Con la laparoscopia, l'integrità della parete addominale viene leggermente violata: vengono praticate tre forature, ognuna delle quali misura 2 centimetri. Dopo questo metodo, la guarigione della superficie della ferita e dei tessuti interni procede più facilmente. In entrambi i casi, durante il giorno, si raccomanda ai pazienti di riposare completamente e assumere antidolorifici nei due giorni successivi alla procedura chirurgica..

Fattori che influenzano le tempistiche di recupero

Dopo che i medici hanno interrotto il processo interessato, si verifica un'interruzione del funzionamento delle funzioni del corpo: rallentamento della digestione, inibizione della funzione respiratoria e diminuzione del tono generale.

La durata del periodo di recupero dopo l'appendicite è dovuta a vari fattori:

  • Caratteristiche individuali di una persona - genere, età e peso;
  • Malattie accompagnatorie;
  • Reazione all'anestesia;
  • Tipo di intervento chirurgico: laparoscopia o metodo aperto;
  • Fase del processo infiammatorio.

I giovani guariscono più rapidamente rispetto agli anziani e ai bambini. Le complicanze postoperatorie e uno stadio grave della malattia richiedono ulteriori sforzi per combattere la possibile infezione. L'attività fisica dopo la rimozione dell'appendicite è sotto stretto controllo medico..

Quanto dura la disabilità negli interventi ginecologici??

La durata media delle assenze per malattia dopo l'intervento chirurgico è di 10 giorni. La riduzione di questo periodo o della sua estensione dipende dalla gravità dell'operazione e dalla presenza di complicanze concomitanti. Secondo la gravità, ci sono:


Polmoni: il paziente è pienamente abile e può iniziare a lavorare il giorno successivo. BL non viene emesso. In alcuni casi, vengono forniti fino a 3 giorni..

  • Medio: richiede tempo per il ripristino, alcune funzioni dell'organizzazione vengono violate. Durata BL fino a 30-45 giorni.
  • Grave - dopo la fase principale del trattamento, è richiesto un lungo periodo di riabilitazione. BL per 45 giorni.
  • La chirurgia ginecologica si riferisce a interventi chirurgici da lievi a moderati. Condizioni gravi vengono riconosciute dopo la rimozione dell'oncologia, se, secondo l'istologia (esame dei tessuti rimossi), viene confermato un tumore maligno. In questo caso, il medico indirizza il paziente all'ITU, dove viene assegnato un gruppo di disabilità.

    Un foglio di invalidità non viene emesso solo per tipi leggeri di operazioni. Di solito vengono eseguiti in regime ambulatoriale, senza ricovero in ospedale e non comportano complicazioni. Tutti i casi sono trattati privatamente da un medico e da una commissione medica..

    Ulteriori restrizioni

    L'operazione per rimuovere l'appendice appartiene alla categoria delle procedure semplici e non traumatiche. In rari casi, si verificano le seguenti complicazioni:

    • Problemi con la minzione;
    • Disturbo del cuore a causa della perdita di sangue;
    • Infezione dovuta a violazione delle norme igieniche;
    • Il processo infiammatorio degli organi interni;
    • Gli effetti negativi dell'anestesia;
    • Adesioni e ostruzione intestinale.

    Sono dovuti a due fattori:

    • La malattia viene diagnosticata in una fase avanzata;
    • Inosservanza delle raccomandazioni del medico curante.

    In ogni caso, i farmaci sono prescritti in combinazione con fisioterapia e fisioterapia.

    In situazioni gravi, viene eseguito un intervento chirurgico ripetuto. In caso di complicazioni dopo un'appendicectomia, gli sport sono consentiti dopo sei mesi e il sollevamento pesi è consentito dodici mesi dopo l'operazione. In tali condizioni, per prevenire lo stress nella zona della cucitura, si raccomanda di indossare costantemente la benda..

    indicazioni

    Le forme acute e croniche di infiammazione dell'appendice sono gli indicatori principali quando l'appendice viene rimossa. La condizione è caratterizzata da sintomi pronunciati:

    • Nausea e bavaglio.
    • Dolore alla fonte.
    • Aumento della temperatura corporea.

    Oltre all'infiammazione dell'appendice, le indicazioni per l'uso della chirurgia con un laparoscopio sono:

    • Mukocele.
    • Neoplasie di tipo benigno, cisti, vermi.
    • Tumori carcinoidi.

    L'operazione è possibile nei seguenti casi di malattie concomitanti:

    • La diagnosi non consente di confermare o escludere il processo infiammatorio. In questo caso, l'operazione dalla diagnostica viene trasformata in medica.
    • Donne in età fertile con sintomi poco chiari che non separano chiaramente il processo infiammato e i disturbi ginecologici. Le statistiche mediche rilevano che quasi la metà dei pazienti con sospetta appendicite ha avuto un'appendicectomia irragionevolmente. Allo stesso tempo, un caso di aderenze che si verificano come una complicazione ha provocato infertilità.
    • Pazienti con diabete e obesità, quando un taglio completo porterà a complicazioni purulente.
    • Infanzia. Grazie al metodo minimamente invasivo, il verificarsi di malattie adesive è ridotto al minimo.

    Se ci sono indicazioni, allora ci sono controindicazioni per questo intervento chirurgico:

    • Malattie renali, disfunzione epatica, malattie cardiovascolari.
    • Gravidanza negli ultimi mesi.
    • Disturbi della coagulazione del sangue.

    Le controindicazioni sono patologie localizzate nel sito dell'operazione proposta:

    • Aumento della densità dei prodotti infiammatori raggruppati all'interno e vicino all'appendice.
    • Processi di adesione.
    • Accumulo di gas nell'appendice. Quando si tenta di rimuoverlo può portare a una violazione dell'integrità del processo, toccando gli organi adiacenti, causando lo sviluppo della peritonite. Anche i vasi sanguigni e le pareti intestinali sono a rischio..
    • Peritonite in forma avanzata.

    Le principali indicazioni per la laparoscopia e la rimozione dell'appendicite mediante laparoscopia sono i sintomi dell'appendicite acuta e cronica. Queste condizioni sono evidenziate da un vivido quadro clinico e dai cambiamenti rilevati dai metodi di esame strumentale e di laboratorio..

    L'elenco delle controindicazioni è piuttosto ampio e comprende controindicazioni sia assolute che relative. Quelli assoluti includono:

    • Tarda gravidanza.


    Tradizionalmente, la gravidanza era considerata una controindicazione assoluta per la laparoscopia.

    • La presenza di controindicazioni all'uso dell'anestesia.
    • Disturbi della coagulazione del sangue (emofilia e altre condizioni con ridotta coagulazione del sangue).
    • Nessun segno di infiammazione dell'appendice.
    • Infiammazione purulenta versata nella regione retroperitoneale.
    • Un infiltrato appendicolare che rappresenta un'appendice saldata saldamente con anelli intestinali.

    Le controindicazioni relative includono le seguenti situazioni:

    • Aumento del peso corporeo che impedisce l'accesso alla cavità addominale attraverso la laparoscopia.
    • Precedenti malattie addominali dovute al rischio di aderenze.
    • Peritonite, poiché il trattamento ottimale per essa è laparotomia ampia.

    Le principali indicazioni per la laparoscopia dell'appendicite non differiscono dagli appuntamenti di un'operazione di banda convenzionale. Questa è una forma acuta e cronica di appendicite, un'espansione cistica dell'appendice (mucocele). Ulteriori indicazioni includono: diabete mellito, sovrappeso, desiderio del paziente di ridurre al minimo il difetto estetico della cicatrice.

    Inoperabili con questo metodo sono considerati pazienti con gravi danni ai reni e al fegato, affetti da emofilia e insufficienza cardiaca, donne con un'età gestazionale superiore a 22 settimane. L'operazione per rimuovere il processo non viene eseguita con aderenze nell'intestino, infiammazione purulenta del tessuto adiposo.

    Fisioterapia

    Un elemento obbligatorio di riabilitazione è un corso di esercizi di fisioterapia (LFK) volto a prevenire il deterioramento postoperatorio delle condizioni del paziente: polmonite, tromboflebite, aumento della formazione di gas e costipazione. Con questo corso, il gonfiore è ridotto, i processi rigenerativi sono stimolati e il dolore è ridotto..

    I pazienti immediatamente dopo l'intervento chirurgico iniziano gli esercizi di allenamento. Il corso del trattamento inizia con esercizi di respirazione, in seguito l'enfasi viene spostata sul lavoro dei muscoli delle braccia e delle gambe.

    Dieta

    Per superare con successo le conseguenze della procedura, al paziente viene prescritta una dieta. Dopo un giorno, il cibo è permesso. Si consiglia di assumere cibo in forma liquida o schiacciata in piccole porzioni sei volte al giorno. Il cibo viene assunto freddo per eliminare l'irritazione degli organi interni. I prodotti che causano una maggiore formazione di gas nell'intestino sono esclusi dalla dieta: legumi, cibi salati o affumicati, soda, funghi. L'alcol, il fumo e il sale sono vietati. La riabilitazione include l'abbandono dei prodotti da forno. La dieta viene seguita per due mesi, dopo di che i pazienti tornano gradualmente ai soliti prodotti.

    Congedo per malattia

    Per il periodo di recupero, i medici prescrivono il riposo e il regime domiciliare. In questo momento, le persone hanno diritto a un congedo per malattia. La durata del trattamento è determinata dalle condizioni della persona e dalla natura del lavoro. Quando si normalizza la condizione, i pazienti vengono dimessi, ma con restrizioni sull'attività fisica. Per gli studenti è prevista l'esenzione dall'educazione fisica.

    Quando si visita un medico, consultare attentamente. Fai domande persistenti sul tuo stato di salute, rispondi onestamente alle domande di un medico, osserva tutte le restrizioni raccomandate, non creare ulteriori minacce per la salute per il desiderio di tornare immediatamente all'allenamento sportivo.

    Le principali fasi del trattamento dell'appendicite acuta dopo l'intervento chirurgico


    La rimozione dell'appendicite è stata a lungo riconosciuta come una delle operazioni più sicure e facili che sia gli adulti che i bambini possono tollerare in sicurezza. Tuttavia, gli errori non sono esclusi qui: durante l'intervento chirurgico stesso e nel periodo postoperatorio. Pertanto, è così importante conoscere tutte le regole e le fasi del trattamento dell'appendicite acuta dopo l'intervento chirurgico - questo aiuterà ad evitare complicazioni e tornare al normale regime il più rapidamente possibile..

    Periodi di recupero e raccomandazioni generali

    Il trattamento dopo l'intervento chirurgico per eliminare l'appendicite (appendicectomia) non ha termini specifici: sono individuali per ciascun paziente. Quanti giorni in media dura il recupero dopo l'appendicectomia? Di solito sono tra una e mezza e quattro settimane; per i bambini di età inferiore a 10 anni, anziani e obesi, il tempo aumenta. I pazienti giovani e snelli tornano al loro solito ritmo di vita molto più velocemente.

    Se nei primi 3-7 giorni dopo l'escissione dell'appendice non ci sono state complicazioni, il paziente viene dimesso, spiegandogli le regole di base di ulteriori comportamenti. Dipende dalla loro rigorosa osservanza, dopo quanti giorni una persona sarà in grado di vivere una normale vita preoperatoria.

    1. Ogni giorno devi camminare all'aperto per brevi distanze.
    2. Puoi visitare la piscina e praticare sport solo quando si forma una cicatrice dopo aver tagliato l'appendice (fino a 2-6 mesi).
    3. È vietato sollevare pesi nei primi 2,5-3 mesi dopo aver tagliato l'appendicite.
    4. Si raccomanda ai pazienti in sovrappeso e agli sportivi attivi di indossare una benda 3-7 giorni dopo l'intervento chirurgico, alcuni mesi - durante qualsiasi sforzo fisico.
    5. È consentito fare sesso dopo 2 settimane dalla data dell'intervento.

    Il primo giorno dopo l'appendicectomia

    Nelle prime 48 ore dopo l'intervento chirurgico, i pazienti non ricevono un trattamento speciale - l'enfasi principale è sulle misure di riabilitazione: esercizi di fisioterapia, dieta e antidolorifici, se necessario.

    L'operazione standard per il taglio dell'appendice dura 30-40 minuti, quindi il paziente viene trasferito nel reparto. Quanti giorni posso andare a casa? Il congedo per malattia ufficiale dopo l'appendicectomia di solito non supera le 2 settimane, dopo 3-4 giorni il paziente può essere ricoverato in ospedale per cure ambulatoriali.

    I più importanti nel processo di riabilitazione sono 24 ore immediatamente dopo l'appendicectomia. La rimozione chirurgica dell'appendice viene eseguita principalmente in anestesia generale e nelle prime ore dopo l'intervento chirurgico è particolarmente importante garantire la corretta uscita dall'anestesia. Il più grande pericolo per la salute durante questo periodo è il vomito. Per impedire al vomito di entrare nel tratto respiratorio e provocare polmonite o asfissia, il paziente deve essere posizionato alla sua destra al primo impulso.

    Entro 12-24 ore dal risveglio, è vietato qualsiasi cibo e bevanda abbondante. Se non ci sono controindicazioni, puoi dare acqua bollita, minerale senza gas o tè debole con zucchero ogni 20-30 minuti - 2-3 cucchiaini alla volta.

    Restrizioni e divieti nel periodo postoperatorio

    Le prime 24 ore dopo l'intervento chirurgico, i pazienti devono osservare rigorosamente il riposo a letto rigoroso. Quante ore puoi muoverti e camminare? Per 8-12 ore, devi rimanere immobile a letto, quindi puoi sederti e voltarti, dopo 24 ore puoi alzarti e muoverti lentamente lungo i corridoi (come concordato con il medico!).

    È consentito mangiare dopo un giorno, a condizione che il paziente non abbia attacchi di vomito. I primi 8 giorni è importante seguire una rigorosa dieta postoperatoria, quindi puoi gradualmente tornare alla tua solita dieta.

    L'aumento dell'attività fisica per diversi giorni è severamente proibito, ma l'inattività fisica è molto pericolosa: può provocare costipazione, atrofia muscolare, congestione polmonare, alterazione del flusso sanguigno e del flusso linfatico. Una via d'uscita ideale: ginnastica medica speciale dopo appendicite acuta.

    Le suture dopo l'appendicectomia vengono rimosse dal 4 ° all'8 ° giorno, ma solo un paio di mesi dopo l'intervento chirurgico, puoi nuotare e fare atletica (correre, ballare, saltare, ecc.). Quando passano 3-6 mesi e la cicatrice è completamente formata, l'attività fisica pesante viene risolta.

    Ginnastica terapeutica dopo appendicite

    Una serie di esercizi di fisioterapia (LFK) dopo l'appendicite acuta è raccomandata per i pazienti di tutte le età: si tratta di un'eccellente prevenzione di congestione, paresi intestinale, tromboflebite, polmonite e aderenze intestinali. Quanti giorni dura il corso di terapia fisica? È necessario fare ginnastica dopo l'appendicectomia per i primi 3-4 giorni dopo l'intervento, mentre il paziente osserva il riposo a letto, quindi - come concordato con il medico curante.

    Tutti gli esercizi vengono eseguiti dalla posizione iniziale "sdraiati sulla schiena", il numero di approcci - 5-6 volte.

    • Le gambe si trovano direttamente sul letto, le braccia lungo il corpo. Piegare e distendere l'articolazione della caviglia di entrambe le gambe.
    • Gambe dritte, braccia piegate ai gomiti. Piega e piega le dita in un pugno.
    • Le gambe sono piegate alle ginocchia, una mano appoggiata sul petto, l'altra sulla sutura chirurgica. Inspira, attira lo stomaco, mentre espira - tira fuori.
    • Gambe dritte, mani alzate alle spalle. In alternativa, eseguire movimenti circolari con l'articolazione della spalla - avanti e indietro.
    • Le gambe sono dritte, le braccia sono sulle spalle. Piega le ginocchia e raddrizza, il tallone dovrebbe scivolare sul letto.
    • Le gambe sono unite, il braccio sinistro si estende lungo il corpo, quello destro giace sullo stomaco, sulla sutura chirurgica. All'ispirazione, alza la mano sinistra in alto, espira, in basso.

    Le regole dietetiche più importanti dopo aver rimosso l'appendice

    Il trattamento dopo aver tagliato l'appendice comporta innanzitutto il mantenimento di una dieta parsimoniosa. Un menu di trattamento speciale ridurrà il carico sul corpo indebolito, ripristinerà e darà forza e previene anche problemi di feci e altre complicazioni.

    Per facilitare il recupero dall'appendicite acuta, è importante seguire le regole della dieta postoperatoria.

    Devi mangiare frazionalmente: in modeste porzioni 5-6 volte al giorno. Ciò ridurrà il carico sull'intestino e il paziente semplicemente non avrà il tempo di avere fame.
    I primi 2-3 giorni dopo l'appendicite acuta, nessun alimento solido: solo liquidi, purè di porridge, gelatina e purè di patate.
    Il cibo non dovrebbe essere ghiacciato o molto caldo - irrita gli intestini già indeboliti.
    La base del menu è bevande, purè e cibi al vapore.

    Tutti i pazienti sono preoccupati per la domanda: dopo quanti giorni puoi mangiare dolci, fritti, carne affumicata salata e alcool, aggiungere le tue spezie preferite al tuo cibo? I medici raccomandano in modo inequivocabile di astenersi completamente dal cibo spazzatura e dalle bevande per 2-3 settimane e quindi introdurli gradualmente nella dieta - fino a 2 mesi.

    Caratteristiche della dieta dopo appendicite acuta

    Quanti giorni dovrebbe durare una dieta terapeutica? È necessario tornare alla dieta normale per gradi: il primo giorno dopo l'intervento dovrà fare a meno del cibo. Il 2-3 ° giorno, la base della dieta ospedaliera dovrebbe essere cereali liquidi, brodo di pollo, purea di verdure e gelatina, brodo di cinorrodo e brodo di riso.

    Quindi puoi aggiungere pane, cotolette di pollo al vapore, minestre di verdure leggere, frittata al vapore, latte acido magro al menu, dopo 4-5 giorni - frutta.

    I primi tre giorni dopo la rimozione dell'appendice è vietato qualsiasi alimento solido, latte, zuppe di piselli e fagioli, patate, uva, cavolo fresco, alimenti ad alto contenuto di fibre.

    Per 2-3 settimane dovrai dimenticare completamente alcol, salsicce e salsicce, dolci e torte, piatti grassi e affumicati. Eventuali conserve fatte in casa, marinate e prodotti in scatola dovranno essere nascosti. È necessario abbandonare tè forte, caffè e soda: vengono sostituiti da un'acqua minerale senza gas, tè debole, infusi di erbe, gelatina, frutta e verdura fresca.

    Dopo 2-2,5 mesi, puoi tornare completamente al menu preoperatorio e ai tuoi piatti preferiti.

    Possibili complicazioni dopo l'intervento chirurgico

    Di solito, un'appendicectomia è rapida e senza conseguenze gravi per il paziente, ma ci sono eccezioni. Complicanze, di regola, sorgono dopo l'intervento chirurgico con appendicite da corsa con peritonite, non conformità con le regole della riabilitazione nei primi giorni e debole immunità nel paziente.

    • L'appendicite acuta può causare le seguenti complicanze:
    • Infezione della ferita - pus, formazione di infiltrati infiammatori, ascesso della parete addominale.
    • Grande perdita di sangue, di conseguenza - interruzioni nel lavoro del sistema cardiovascolare.
    • Peritonite (infiammazione del peritoneo).
    • Adesioni intestinali ed ernia postoperatoria.
    • Patologie del sistema respiratorio - bronchite e polmonite.
    • Costipazione, gonfiore, gas e ritenzione urinaria.
    • Fistola intestinale - un buco nella parete dell'intestino attraverso il quale viene espulso il suo contenuto (bile, feci, cibo non digerito).

    Febbre dopo rimozione di appendicite

    L'innalzamento della temperatura a 38º è un evento molto comune dopo l'appendicectomia. Può essere una reazione naturale del corpo o segnalare possibili complicazioni - tutto dipende da quanti giorni dura la temperatura..

    Le principali cause di febbre dopo un'appendice acuta:

    1. Infezione dovuta al mancato rispetto delle norme sanitarie.
    2. Danni agli organi interni durante l'appendicectomia e lo sviluppo dell'infiammazione.
    3. Una forte riduzione dell'immunità.
    4. Grave perdita di sangue.
    5. La reazione all'installazione del tubo di drenaggio.

    È normale mantenere una temperatura corporea elevata per un massimo di 3 giorni, se la febbre dura più a lungo ed è accompagnata da forti brividi e aumento della sudorazione, viene prescritto un trattamento aggiuntivo.

    • Il corso degli antibiotici (a seconda dell'agente causale dell'infezione postoperatoria).
    • Farmaci antipiretici (aspirina, paracetamolo, ecc.).
    • Farmaci antinfiammatori (ibuprofene, ecc.).
    • In caso di emergenza - chirurgia aggiuntiva.

    Trattamento di complicanze

    Complicanze gravi dopo appendicite acuta si verificano nel 5-10% di tutti i casi e richiedono un trattamento completo serio. Quanti giorni dopo l'intervento si verificano queste pericolose conseguenze??

    La suppurazione della ferita, il verificarsi di un infiltrato e un ascesso di solito si fanno sentire il 3-4 ° giorno dopo la rimozione dell'appendice. I sintomi principali sono dolore, febbre, problemi alle feci, marcato gonfiore nell'area della cicatrice). Il trattamento prevede il blocco della novocaina, antibiotici, procedure fisioterapiche. Con un risultato favorevole, dopo 2-3 giorni, il processo infiammatorio si interrompe.

    Con complicanze polmonari e cardiovascolari, sono necessari esercizi terapeutici, antibiotici, inalazioni. Con le fistole intestinali viene utilizzato anche un trattamento conservativo e anche la terapia del vuoto è efficace..

    La conseguenza più pericolosa dell'appendicite acuta è la peritonite. Si verifica abbastanza raramente e solo con forme distruttive della malattia. Il sintomo principale è il dolore in corso dopo l'intervento chirurgico, quindi nausea e vomito, secchezza delle fauci, gas e gonfiore, costipazione. Il trattamento in questi casi è uno - chirurgia ripetuta.

    L'appendicite acuta è una malattia abbastanza comune. Se ti rivolgi al chirurgo in tempo e rispetti tutte le raccomandazioni mediche nel periodo postoperatorio, il processo di recupero passerà il più rapidamente possibile. Tuttavia, nei casi avanzati, la malattia può causare complicazioni e quanti giorni durerà il recupero dipenderà solo dal trattamento corretto e completo dopo l'intervento chirurgico.

    Appendicite: diagnosi e trattamento. Ripristino dopo la disinstallazione

    Il sito fornisce informazioni di riferimento a solo scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È richiesta la consultazione di uno specialista!

    Diagnosi di appendicite

    Esame di un paziente con appendicite

    Un paziente con appendicite acuta, di regola, giace sul lato destro, piegando entrambe le gambe nelle articolazioni del ginocchio e dell'anca. Questa posizione limita il movimento della parete addominale, riducendo così l'intensità del dolore. Se il paziente si alza, tiene con la mano la regione iliaca destra. Esternamente, il paziente sembra soddisfacente: la pelle è leggermente pallida, il polso viene aumentato a 80-90 battiti al minuto.

    L'aspetto del paziente nel suo insieme dipende dalla forma e dall'evoluzione dell'appendicite. Con forme distruttive, la pelle è nettamente pallida (senza sangue), il polso viene aumentato a 100-110 battiti al minuto, la coscienza può essere leggermente oscurata (il paziente è assonnato, letargico, inibito). La lingua, allo stesso tempo, è asciutta e ricoperta da un rivestimento grigio. Con appendicite catarrale: il paziente è relativamente attivo, in grado di muoversi autonomamente.

    Dopo un esame esterno, il medico procede alla palpazione. L'addome del paziente con appendicite è leggermente gonfio e in presenza di peritonite concomitante si osservano gonfiore marcato e tensione addominale. Con una sindrome del dolore pronunciata, si nota il ritardo del lato destro dell'addome nell'atto della respirazione. Un sintomo chiave nella palpazione dell'addome è il dolore locale e la tensione protettiva dei muscoli addominali nel quadrato in basso a destra (proiezione della regione iliaca). Al fine di identificare il dolore alla palpazione, il medico confronta il lato destro e sinistro dell'addome. La palpazione inizia sul lato sinistro e poi in senso antiorario, il medico avverte la regione iliaca epigastrica e destra. Raggiunto l'ultimo, nota che in quest'area i muscoli addominali sono più tesi rispetto ai precedenti. Inoltre, il paziente indica la gravità del dolore in questa particolare posizione. Successivamente, il medico procede all'identificazione dei sintomi appendicolari.

    I sintomi diagnostici oggettivi dell'appendicite sono:

    • Sintomo Shchetkina-Blumberg: il medico preme sulla parete addominale nella regione iliaca destra, e poi bruscamente gli prende la mano. Questa manovra è accompagnata da un aumento del dolore e da una tensione ancora maggiore nei muscoli della parete addominale.
    • Sintomo di Sitkovsky: quando il paziente gira sul lato sinistro, il dolore alla destra si intensifica. Questo sintomo è spiegato dallo spostamento del cieco e dalla sua tensione, che aumenta il dolore.
    • Sintomo della tosse: quando un paziente tossisce, il dolore nella regione iliaca destra (il sito della proiezione dell'appendice) viene intensificato.
    • Sintomo Obraztsova (informativo con la posizione atipica dell'appendice): in primo luogo, il medico preme sulla regione iliaca destra, dopo di che chiede al paziente di alzare la gamba destra. Questo porta ad un aumento del dolore..

    Laparoscopia diagnostica per appendicite

    A volte, con un quadro clinico cancellato di appendicite e con dati non informativi ottenuti durante la diagnostica ecografica, il medico ricorre al metodo di laparoscopia diagnostica. Va notato immediatamente che la laparoscopia può essere eseguita anche per rimuovere l'appendice. Tuttavia, in primo luogo, per scoprire le cause del dolore nel paziente, la laparoscopia viene eseguita a scopi diagnostici, cioè per scoprire se c'è appendicite o no.

    La laparoscopia è un tipo di intervento chirurgico minimamente invasivo (meno traumatico), durante il quale vengono utilizzati strumenti endoscopici speciali anziché un bisturi. Lo strumento principale è un laparoscopio, che è un tubo flessibile con un sistema ottico. Attraverso di esso, il medico è in grado di visualizzare sul monitor lo stato degli organi all'interno della cavità addominale, ovvero l'appendice. Allo stesso tempo, la laparoscopia consente la visualizzazione degli organi interni con un aumento di trenta volte.

    Una piccola puntura viene eseguita con un trocar o un ago grande nella regione ombelicale, attraverso il quale l'anidride carbonica (CO) viene fornita nella cavità addominale2) Questa manovra ti consente di raddrizzare le pieghe dell'intestino e visualizzare più chiaramente l'appendice. Quindi, attraverso lo stesso foro, viene inserito un laparoscopio, che è collegato a un monitor video. Utilizzando uno speciale morsetto o divaricatore, che viene anche inserito nella cavità addominale attraverso una puntura separata, il medico sposta i cappi intestinali per esaminare meglio l'appendice.

    I segni di infiammazione sono iperemia (arrossamento) e un ispessimento del processo. A volte è coperto da uno strato biancastro di fibrina, che parla a favore dello sviluppo di processi distruttivi. Se sono presenti i suddetti sintomi, si deve assumere l'appendicite acuta. Oltre all'appendice, il medico esamina l'ileo finale, il cieco e le appendici uterine. Dovresti anche esaminare attentamente la fossa iliaca destra per l'essudato infiammatorio..

    Test di appendicite

    Non esistono test specifici che indichino un'appendicite acuta. Allo stesso tempo, un esame del sangue generale indica la presenza di un processo infiammatorio nel corpo, che insieme ad altri studi condotti parlerà a favore di una diagnosi di appendicite acuta.

    I cambiamenti nell'analisi generale del sangue con appendicite sono:

    • un aumento del numero di leucociti superiore a 9x10 9 - con forme catarrali superiori a 12x10 9, con distruzioni superiori a 20x10 9;
    • uno spostamento della formula dei leucociti a sinistra, che significa l'apparizione nel sangue di giovani forme di leucociti;
    • linfocitopenia - una diminuzione del numero di linfociti.

    Ultrasuoni per appendicite

    La diagnosi ecografica dell'appendicite viene eseguita in caso di dubbio nella diagnosi. Va notato che il contenuto informativo del metodo è basso - con forme catarrali di appendicite - 30 percento, con forme distruttive - fino all'80 percento.
    Ciò è spiegato dal fatto che l'appendice normale non è visibile sull'ecografia. Tuttavia, con il processo infiammatorio, le sue pareti si addensano, il che crea l'aspetto dello studio. Più lungo è il processo di infezione, più pronunciati sono i cambiamenti distruttivi nell'appendice. Pertanto, il metodo di diagnosi ecografica è più prezioso per infiltrati appendicolari, appendicite cronica.

    Con una semplice infiammazione a ultrasuoni, il processo viene visualizzato come un tubo con pareti a strati. Quando il sensore viene compresso sulla parete addominale, il processo non si comprime e non cambia forma, il che indica la sua elasticità. Le pareti sono ispessite, il che porta ad un aumento del diametro dell'appendice rispetto alla norma. Il fluido infiammatorio può essere presente nel lume del processo, che è chiaramente visibile durante lo studio. Con le forme cancrenose di appendicite, la stratificazione caratteristica scompare.

    La rottura dell'appendice porta al deflusso di liquido patologico nella cavità addominale. In questo caso, il processo cessa di essere visibile agli ultrasuoni. Il segno principale in questo caso è l'accumulo di liquido, il più delle volte nella fossa iliaca destra.

    Gli echi dell'appendicite acuta sono:

    • ispessimento del muro dell'appendice;
    • infiltrazione dell'appendice e transizione ileocecale;
    • la scomparsa della stratificazione della parete del processo;
    • accumulo di liquido all'interno dell'appendice;
    • accumulo di liquidi nella fossa iliaca, tra i cappi dell'intestino;
    • la comparsa di bolle di gas nel lume dell'appendice.

    Diagnosi di appendicite cronica

    La diagnosi di infiammazione cronica dell'appendice si basa sull'esclusione di altre malattie che hanno un quadro clinico simile e sulla presenza di segni di appendicite acuta nell'anamnesi.

    Le principali malattie che sono escluse durante la diagnosi di appendicite cronica sono:

    • forma cronica di pancreatite (infiammazione del pancreas);
    • forma cronica di colecistite (infiammazione della cistifellea);
    • ulcera allo stomaco;
    • forma cronica di pielonefrite (infiammazione dei reni);
    • malattia urolitiasi;
    • infiammazione genitale;
    • tumori benigni e maligni dell'addome.
    Durante l'esame di un paziente con sospetta appendicite cronica, il medico prescrive una serie di studi e analisi che rivelano segni indiretti di infiammazione dell'appendice.

    Studi per sospetta appendicite cronica

    Possibili cambiamenti nell'appendicite cronica

    Esame ecografico degli organi addominali

    Radiografia dell'intestino con un mezzo di contrasto

    Tomografia computerizzata addominale

    • identificare i segni di infiammazione.
    • leucocitosi moderata;
    • aumento della VES (tasso di sedimentazione degli eritrociti).
    • escludere la patologia del tratto urinario.
    • nessun cambiamento patologico.
    • identificare la patologia dell'appendice;
    • escludere la patologia degli organi pelvici e addominali.
    • ispessimento (più di 3 millimetri) della parete dell'appendice;
    • espansione dell'appendice (diametro superiore a 7 millimetri);
    • segno di infiammazione sotto forma di aumento dell'ecogenicità dei tessuti.
    • identificare segni di cancellazione parziale o completa dell'appendice.
    • ritardo del mezzo di contrasto nel lume dell'appendice;
    • non il passaggio del mezzo di contrasto nella cavità dell'appendice;
    • riempimento frammentato dell'appendice.
    • determinare lo stato dell'appendice;
    • escludere la patologia di altri organi.
    • infiammazione dell'appendice e dei tessuti adiacenti;
    • aumento delle dimensioni dell'appendice e delle sue pareti.
    • conferma visiva della diagnosi di appendicite cronica;
    • esclusione di altre patologie addominali.
    • cambiamenti nell'appendice dovuti a infiammazione cronica (ingrossamento, curvatura);
    • la presenza di aderenze tra gli organi e i tessuti che circondano l'appendice;
    • idropisia, mucocele, empiema dell'appendice;
    • infiammazione dei tessuti circostanti.

    Tipi di operazioni di rimozione dell'appendicite

    Esistono due opzioni principali per la chirurgia dell'appendicite. La prima opzione è un'appendicectomia addominale classica, eseguita dalla laparotomia. Laparotomia significa tagliare la parete addominale anteriore, seguita dall'apertura dell'addome. Questo tipo di intervento chirurgico è anche chiamato aperto..

    La seconda opzione per la chirurgia dell'appendicite è un'operazione chiusa: appendicectomia laparoscopica. Viene effettuato utilizzando uno strumento speciale inserito nella cavità addominale attraverso piccoli fori. Ogni tipo di operazione ha le sue caratteristiche, vantaggi e svantaggi..

    Appendicectomia classica (appendicectomia classica)

    Attualmente, con l'appendicite, spesso ricorrono all'operazione classica per rimuovere l'appendice. Come ogni intervento chirurgico, ha le sue indicazioni e controindicazioni.

    Le indicazioni per eseguire l'appendicectomia classica sono:

    • diagnosi positiva di appendicite acuta;
    • appendicite acuta complicata da peritonite;
    • infiltrato appendicolare;
    • appendicite cronica.
    In caso di diagnosi positiva di appendicite acuta o presenza di segni di peritonite, la chirurgia deve essere eseguita con urgenza. Con infiltrato appendicolare, la chirurgia addominale viene eseguita solo dopo un ciclo di trattamento conservativo ed è pianificata. Di solito è prescritto pochi mesi dopo il sollievo di un processo acuto. L'appendicite cronica è anche un'indicazione per l'appendicectomia elettiva..

    Le controindicazioni per l'esecuzione di un'appendicectomia classica includono:

    • il paziente è in uno stato di agonia;
    • rifiuto scritto del paziente da intervento chirurgico;
    • nel caso di un'operazione pianificata, decompensazione pronunciata del sistema cardiovascolare e respiratorio, dei reni o del fegato.
    Preparare il paziente all'appendicectomia addominale
    Per l'appendicectomia classica, il paziente non ha alcuna preparazione preoperatoria speciale. Con grave squilibrio del sale d'acqua e / o peritonite, i liquidi per via endovenosa e gli antibiotici vengono somministrati al paziente.
    L'intero processo operativo dell'appendicectomia classica è diviso in più fasi.

    Le fasi del processo operativo dell'appendicectomia classica sono:

    • anestesia;
    • preparazione del campo chirurgico;
    • creando accesso attraverso la parete addominale anteriore;
    • revisione degli organi addominali ed esposizione dell'appendice;
    • resezione (ritaglio) dell'appendice;
    • risanamento e drenaggio della cavità addominale;
    • chiusura dell'accesso operativo.
    Anestesia
    La chirurgia per rimuovere l'appendice infiammata con il metodo addominale viene spesso eseguita in anestesia generale. Il paziente viene iniettato in anestesia usando farmaci per via endovenosa e / o inalata. Meno comunemente, con l'appendicectomia classica, viene eseguita l'anestesia spinale (epidurale o spinale)..

    Preparazione del campo operativo
    La preparazione del campo chirurgico inizia con la posizione del paziente. Durante l'operazione, il paziente si trova in posizione orizzontale, sdraiato sulla schiena. La pelle della parete addominale anteriore nell'area della futura incisione viene trattata con antisettici: alcool, betadina (povidone-iodio) o una soluzione alcolica di iodio.

    Creazione dell'accesso attraverso la parete addominale anteriore
    L'accesso attraverso la parete addominale anteriore nell'appendicectomia classica dipende dalla posizione dell'appendice. Durante l'esame del paziente, il medico determina il punto di massimo dolore. In questo posto si trova il germoglio a forma di verme. Sulla base di questo, il chirurgo sceglie l'accesso più adatto per la sua esposizione.

    Le opzioni per l'accesso attraverso la parete addominale anteriore con appendicectomia addominale sono:

    • incisione obliqua secondo Volkovich-Dyakonov;
    • accesso longitudinale secondo Lenander;
    • accesso laterale.
    Un'incisione obliqua secondo Volkovich-Dyakonov è più spesso usata in operazioni con appendicite. Il chirurgo disegna visivamente una linea dall'ombelico all'apice dell'ala iliaca a destra, dividendosi in tre segmenti. In un punto tra il segmento medio e inferiore, fa un'incisione cutanea perpendicolare a questa linea. La sezione di solito non supera i 7 - 8 centimetri. Un terzo della lunghezza della sezione è sopra la linea visiva e i due terzi sono diretti verso il basso. L'accesso longitudinale si ottiene tagliando la pelle nell'addome inferiore lungo il bordo del muscolo retto destro. Per l'accesso trasversale, viene praticata un'incisione parallela all'arco costale nel terzo medio dell'addome.
    Dopo la dissezione della pelle, segue una separazione strato per strato di tutti i tessuti della parete addominale anteriore.

    Separazione strato per strato dei tessuti della parete addominale anteriore durante l'appendicectomia addominale

    Tessuto adiposo sottocutaneo

    Aponeurosi del muscolo obliquo esterno dell'addome

    Taglio a forbice speciale.

    Muscolo obliquo esterno dell'addome

    Offset da un divaricatore (uno strumento chirurgico per tirare i tessuti molli).

    Muscolo addominale interno obliquo e trasversale

    Scivolamento con due strumenti contundenti - morsetti chiusi - paralleli alle fibre muscolari o alle dita.

    Offset su un lato con un oggetto contundente o mani.

    (rivestimento interno dell'addome)

    Impugnatura con due pinzette o morsetti e dissezione tra loro con un bisturi.


    Dopo la dissezione del peritoneo, i suoi bordi sono tirati indietro da morsetti e attaccati ai tessuti del campo chirurgico. Durante la separazione dei tessuti strato per strato, le cuciture vengono immediatamente applicate a tutti i vasi tagliati per evitare grandi perdite di sangue.

    Revisione degli organi addominali ed esposizione dell'appendice
    Nella cavità addominale aperta, il chirurgo rivede l'intestino crasso con il dito indice. Richiama principalmente l'attenzione sulla presenza di aderenze e formazioni che possono interferire con l'esposizione dell'appendice. Se non ce ne sono, il medico estrae il cieco dalla cavità addominale, mantenendolo umido con una garza. Seguendola, viene anche esposta l'appendice infiammata. Il resto dell'intestino e la cavità addominale sono recintati con una garza umida. Se ci sono difficoltà nel rilascio dell'intestino o dell'appendice, l'incisione viene ingrandita. Durante tutte le manipolazioni, il chirurgo valuta le condizioni degli organi interni e del peritoneo, prestando attenzione a eventuali difetti morfologici.

    Resezione dell'appendice
    Dopo aver rilevato l'appendice infiammata, vengono avviate la resezione e la sutura dei difetti nel suo mesentere e cieco. Le suture sono catgut o suture assorbibili sintetiche.

    Le manipolazioni graduali della resezione dell'appendice nell'appendicectomia classica sono:

    • applicare un morsetto al mesentere dell'appendice al suo apice;
    • perforare il mesentere alla base dell'appendice;
    • applicare un secondo morsetto al mesentere lungo l'appendice;
    • cuciture sui vasi del mesentere o sulla loro legatura;
    • tagliando il mesentere dall'appendice;
    • serraggio alla base dell'appendice;
    • legatura dell'appendice tra il morsetto e il cieco;
    • l'imposizione di una sutura speciale sul cieco;
    • tagliare l'appendice tra il morsetto e il sito di legatura;
    • immersione del moncone del processo nel lume dell'intestino con una pinzetta o un morsetto;
    • stringendo la sutura sul cieco e applicando una sutura superficiale aggiuntiva nella forma della lettera Z.
    Con l'appendicite, non è sempre possibile esporre e rimuovere facilmente l'appendice vermiforme nel lume della ferita. Sulla base di ciò, la resezione dell'appendice viene eseguita in due modi: antegrado e retrogrado. Nella maggior parte dei casi di appendicite acuta senza complicazioni, quando il processo è facilmente rimosso, operano con il metodo antegrade. Questo metodo è considerato standard. Nella prima fase dell'operazione, il mesentere dell'appendice viene bendato e tagliato. Nella seconda fase: l'appendice viene fasciata e tagliata. Quando si trovano molte aderenze nella cavità addominale che rendono difficile il rilascio dell'appendice, ricorrono all'appendicectomia retrograda. Le fasi di resezione vengono eseguite al contrario. Inizialmente, l'appendice viene resecata dal cieco e la sua estremità è immersa nel lume intestinale. A poco a poco, tutte le aderenze provenienti dall'appendice agli organi e ai tessuti circostanti vengono tagliate. E solo allora il mesentere viene fasciato e tagliato.

    Risanamento e drenaggio della cavità addominale
    Dopo la resezione dell'appendice, il chirurgo riorganizza la cavità addominale utilizzando tamponi o un dispositivo di aspirazione elettrico. Se non ci sono state complicazioni, la cavità viene suturata saldamente. In presenza di indicazioni speciali, vengono installati scarichi speciali.

    Le indicazioni per il drenaggio della cavità addominale con appendicectomia a strisce sono:

    • peritonite;
    • ascesso nell'area dell'appendice;
    • processo infiammatorio in fibra retroperitoneale;
    • emostasi incompleta (arresto del sanguinamento);
    • incertezza del chirurgo nella rimozione completa dell'appendice;
    • l'incertezza del chirurgo sull'affidabile immersione del moncone dell'appendice nel cieco.
    I drenaggi sono generalmente tubi o strisce di gomma lungo i quali vengono evacuati i prodotti dell'infiammazione. Sono posizionati nella cavità addominale attraverso un'incisione aggiuntiva. Di solito dopo l'appendicectomia, viene lasciato un drenaggio nell'area dell'appendice remota. Ma con la peritonite, viene stabilito un drenaggio aggiuntivo lungo il canale laterale destro della cavità addominale. Non appena le condizioni generali del corpo si stabilizzano e scompaiono i segni di infiammazione, il drenaggio viene rimosso. Questo accade dopo circa 2-3 giorni..

    Chiusura dell'accesso operativo
    La chiusura dell'accesso operativo viene eseguita a strati, nella direzione opposta delle incisioni.

    Le manipolazioni per la chiusura dell'accesso operativo sono:

    • chiusura del peritoneo con suture interrotte;
    • rimozione di divaricatori e connessione delle fibre muscolari dei muscoli obliqui e retti dell'addome;
    • riavvicinamento delle estremità dell'aponeurosi del muscolo obliquo esterno dell'addome senza sutura;
    • l'applicazione di suture assorbibili sul tessuto sottocutaneo;
    • cuciture intermittenti su pelle di seta.
    Il tempo dell'intervento chirurgico per l'appendicite in modo classico è in media 40-60 minuti. La presenza di complicanze, un pronunciato processo di adesione e la posizione non standard dell'appendice possono prolungare l'operazione di 2-3 ore. Il ripristino delle condizioni generali nel periodo postoperatorio si verifica entro 3-7 giorni. Nei primi 2-3 giorni, il paziente deve osservare il riposo a letto. Le suture cutanee vengono rimosse dopo 7 - 10 giorni dal momento dell'intervento.

    Laparoscopia dell'appendicite

    L'appendicectomia laparoscopica si applica anche alle operazioni con appendicite. Questo tipo di intervento chirurgico è considerato minimamente invasivo (meno traumatico), poiché la ferita chirurgica è di piccole dimensioni. La rimozione del processo infiammato con il metodo laparoscopico ha indicazioni e controindicazioni rigorose.

    Le indicazioni per l'appendicectomia laparoscopica includono:

    • appendicite acuta nelle prime 24 ore dall'esordio della malattia;
    • appendicite cronica;
    • appendicite acuta in un bambino;
    • appendicite acuta in pazienti con diabete mellito o obesità elevata;
    • desiderio del paziente di essere operato laparoscopicamente.
    A differenza dell'operazione classica per rimuovere l'appendice, l'appendicectomia laparoscopica presenta una gamma più ampia di controindicazioni. Tutte le controindicazioni possono essere divise in due gruppi: generale e locale.

    Controindicazioni per appendicectomia laparoscopica

    • gravidanza nel terzo trimestre;
    • malattie acute del sistema cardiovascolare (insufficienza cardiaca acuta, attacco cardiaco);
    • insufficienza respiratoria acuta dovuta a ostruzione polmonare;
    • patologia della coagulazione;
    • controindicazioni per l'anestesia generale.
    • appendicite acuta per un periodo superiore a 24 ore;
    • generalizzazione (distribuzione) della peritonite;
    • la presenza di un ascesso o flemmone nell'appendice;
    • pronunciato processo adesivo della cavità addominale;
    • posizione insolita dell'appendice;
    • la presenza di infiltrato appendicolare.

    Preparare il paziente all'appendicectomia laparoscopica
    La chirurgia laparoscopica per appendicite non richiede alcuna preparazione speciale del paziente e deve essere eseguita il più presto possibile dall'inizio della malattia. Prima dell'intervento chirurgico, a un paziente viene somministrato un contagocce con soluzione salina o ad anello e vengono somministrati antibiotici ad ampio spettro. In sala operatoria, l'anestesista dopo l'introduzione della sedazione endovenosa (farmaci sedativi) stabilisce un tubo endotracheale con anestesia per inalazione. Tutte le appendicectomie laparoscopiche devono essere eseguite in anestesia generale..

    Tecnica di appendicectomia laparoscopica
    Un laparoscopio e speciali strumenti endoscopici vengono utilizzati per rimuovere l'appendice infiammata. Un laparoscopio è un tubo flessibile con un sistema ottico che consente di visualizzare sul monitor cosa sta accadendo all'interno della cavità addominale. L'operazione viene eseguita in più fasi e con grande cura..

    Le fasi del processo operativo dell'appendicectomia laparoscopica sono:

    • fornitura di accesso operativo;
    • revisione degli organi addominali con rilevazione dell'appendice;
    • resezione dell'appendice con il suo mesentere;
    • risanamento e drenaggio della cavità addominale;
    • chiusura dell'accesso operativo.
    Fornire accesso operativo
    Le piccole aperture nella parete addominale anteriore sono utilizzate come accesso chirurgico per l'appendicectomia laparoscopica. Inizialmente, vengono eseguiti tre tagli della pelle e del tessuto sottocutaneo con una lunghezza di 10-15 millimetri. La parete addominale anteriore è perforata attraverso queste incisioni. Due forature si trovano sotto l'ipocondrio destro e corrispondono alla proiezione del cieco. La terza puntura viene eseguita nell'area pubica. Trocar ("tubi" di metallo attraverso i quali sono inseriti strumenti endoscopici) sono installati nei fori ottenuti.

    Revisione degli organi addominali con rilevazione dell'appendice
    Attraverso la prima puntura, la cavità addominale viene riempita di anidride carbonica al fine di visualizzare meglio gli organi interni. Quindi viene inserito un laparoscopio e viene esaminata la cavità addominale e il suo contenuto. Se si riscontrano complicanze che impediscono ulteriori manipolazioni, vengono considerate controindicazioni all'appendicectomia laparoscopica. Il laparoscopio viene rimosso e la successiva rimozione dell'appendice viene eseguita con il metodo aperto classico.

    Resezione dell'appendice con il suo mesentere
    In assenza di controindicazioni, la chirurgia laparoscopica continua. Gli strumenti endoscopici sono inseriti nelle altre due aperture, che effettuano quasi le stesse manipolazioni per rimuovere l'appendice, come nell'appendicectomia addominale. Il mesentere dell'appendice viene bloccato e bendato o vengono applicate speciali clip in titanio. Quindi, una clip e una clip vengono applicate alla base dell'appendice e un'incisione viene fatta con le forbici tra di loro. L'appendice recisa viene recuperata attraverso il trocar. A causa dello spazio limitato, tutti i movimenti devono essere eseguiti con estrema cautela e professionalità..

    Risanamento e drenaggio della cavità addominale
    Un laparoscopio esamina in dettaglio la cavità addominale per sanguinamento e accumulo di essudati patologici. Una pompa di aspirazione elettrica aiuta a rimuovere tutti i liquidi e drenare la cavità. Con indicazioni speciali, la cavità addominale viene drenata.

    Le indicazioni per il drenaggio della cavità addominale con appendicectomia laparoscopica sono:

    • segni di peritonite;
    • emostasi incompleta;
    • incertezza del chirurgo sulla resezione sufficiente dell'appendice.
    Il tubo di drenaggio viene lasciato in una delle forature laterali.

    Chiusura dell'accesso operativo
    Dopo aver completato tutte le manipolazioni e rimosso il laparoscopio, un trocar viene accuratamente rimosso. Il tessuto sottocutaneo viene quindi suturato con suture assorbibili e una sutura di seta viene applicata sulla pelle..
    L'appendicectomia laparoscopica senza complicazioni viene di solito eseguita in 30-40 minuti. Il recupero postoperatorio del paziente avviene abbastanza rapidamente. Il drenaggio viene eseguito il secondo giorno. Dopo 2-3 giorni, il paziente viene dimesso a casa con attività fisica limitata per due mesi.
    Rispetto all'appendicectomia addominale, la chirurgia laparoscopica presenta una vasta gamma di vantaggi..

    I benefici della chirurgia laparoscopica per l'appendicite sono:

    • breve periodo di ricovero e riabilitazione;
    • mancanza di grandi difetti estetici della pelle;
    • l'assenza di forti dolori dopo interventi chirurgici;
    • il tessuto della parete addominale anteriore non è gravemente ferito;
    • la cavità addominale è ben visualizzata, il che consente uno sbrigliamento dettagliato e l'identificazione di patologie concomitanti;
    • la peristalsi dell'intestino crasso viene rapidamente ripristinata;
    • non esiste un rigoroso riposo a letto;
    • il rischio di complicanze postoperatorie è molto piccolo.
    Nonostante l'intero elenco di aspetti positivi, l'appendicectomia laparoscopica non è ancora spesso utilizzata negli ospedali pubblici. La ragione di ciò sono i suoi svantaggi..

    I principali svantaggi della chirurgia laparoscopica per l'appendicite includono:

    • bisogno di attrezzature e strumenti speciali costosi;
    • richiede personale qualificato e addestrato;
    • è richiesta l'anestesia generale;
    • il chirurgo non ha sensibilità tattile;
    • la visualizzazione avviene nello spazio bidimensionale.
    Sulla base di queste carenze, in particolare l'elevato costo delle apparecchiature, il più delle volte l'appendicite è gestita con il metodo classico della cavità.

    Cicatrice dopo rimozione di appendicite

    Dopo la rimozione delle suture, rimane una cicatrice sul corpo del paziente, la cui dimensione dipende da come è stata rimossa l'appendice. Quando l'appendicite viene rimossa con il metodo laparoscopico, rimangono cicatrici poco appariscenti di piccole dimensioni, che si dissolvono nel tempo (da un anno a tre anni). Il problema maggiore per i pazienti, in particolare le donne, sono le tracce che rimangono dopo le tradizionali operazioni addominali. La dimensione della cucitura varia da 8 a 10 centimetri e molto spesso sembra una linea orizzontale, che si trova sopra la linea di lino. Se la rimozione dell'appendicite era accompagnata da complicanze, la lunghezza della cucitura può raggiungere i 25 centimetri.

    Come si forma la cicatrice postoperatoria??
    Dopo la rimozione delle suture postoperatorie, dopo l'incisione del colore marrone sul corpo del paziente rimane una traccia. Mentre guarisce, si forma una cicatrice nel sito dell'incisione (circa 6 mesi). La cicatrice è costituita da tessuto connettivo, con l'aiuto del quale il corpo cerca di riempire la ferita rimanendo dopo l'operazione. Il tessuto connettivo è caratterizzato da una maggiore densità. Ecco perché le cicatrici postoperatorie sono più difficili da toccare. Se il paziente si riprende dopo l'intervento chirurgico senza complicazioni, la ferita guarisce per prima intenzione e una sottile cicatrice piatta rimane sul corpo.

    Se l'infiammazione è iniziata nella ferita dopo l'intervento chirurgico e il medico esegue una seconda incisione, la sutura guarisce con intenzione secondaria. In tali casi, è possibile la formazione di cicatrici imprecise, che dopo molto tempo spiccano notevolmente sul corpo.

    Altre circostanze influenzano anche la formazione dell'aspetto finale della cicatrice. Uno dei fattori principali è la cura preventiva con prodotti speciali..

    Manutenzione della cicatrice fresca
    Esistono speciali preparazioni assorbibili progettate per prendersi cura di cicatrici "fresche". Il loro uso non ti permetterà di liberarti completamente della cicatrice, ma contribuirà a renderla meno evidente. Dopo un ciclo di applicazione del giusto rimedio scelto, la cicatrice non diventa così alta e voluminosa, si illumina e si ammorbidisce.
    È necessario iniziare a utilizzare tali farmaci immediatamente dopo che la ferita postoperatoria è guarita e tutte le croste sono scomparse dalla sua superficie..

    Profilassi cicatriziale

    Il gel forma un film sulla superficie della cicatrice, che la protegge dall'ambiente esterno e fornisce sufficiente umidità. Di conseguenza, la cicatrice diventa più liscia e morbida..

    Viene applicato sulla pelle lavata e asciutta 2 volte al giorno. Ci vogliono da 2 a 6 mesi di uso quotidiano per ottenere l'effetto..

    I componenti attivi dell'unguento idratano e nutrono bene il tessuto cicatriziale, di conseguenza diventa più morbido. Il farmaco migliora anche la circolazione sanguigna nell'area della sutura, che accelera il processo di guarigione..

    Si applica con movimenti di massaggio fino a completo assorbimento. Il giorno, la cicatrice viene elaborata 3-4 volte. Il corso deve essere continuato da 3 a 6 mesi.

    Inibisce la formazione di tessuto cicatriziale. Idrata e nutre la pelle della cucitura. Fornisce protezione dalle infezioni.

    Viene applicato con movimenti leggeri in uno strato sottile 3 volte al giorno. Fare domanda per 3-6 mesi.

    Ammorbidisce la pelle e forma uno strato protettivo sulla superficie della cicatrice. Di conseguenza, la cicatrice si forma più uniforme ed elastica..

    Strofinato sulla cicatrice due volte al giorno per sei mesi.

    Elimina la sensazione di tenuta nell'area della cucitura. Migliora la circolazione sanguigna, ammorbidisce e uniforma la sutura postoperatoria.

    Viene applicato sulla pelle, dopo di che l'area della cucitura deve essere massaggiata. Per cicatrici grandi e profonde, si consigliano impacchi per la notte. Utilizzare da 2 a 3 mesi.


    Combattere le cicatrici mature
    Se la profilassi non veniva eseguita entro sei mesi dall'intervento o era inefficace, una cicatrice con forme e dimensioni pronunciate rimane sul corpo del paziente. Poiché in 6 mesi la "cicatrice" cresce ", l'uso di droghe assorbibili in futuro è impraticabile. Esistono altri metodi più radicali per affrontare le cicatrici mature. La maggior parte di loro non è in grado di eliminare completamente questo difetto estetico, ma può migliorare significativamente l'aspetto della cicatrice, rendendola più accurata e non così evidente..

    I metodi che possono aiutare a migliorare l'aspetto di una cicatrice matura sono:

    • Plastica chirurgica. Il metodo prevede una nuova dissezione della cicatrice al fine di creare una cucitura più accurata al suo posto. In alcuni casi, il tessuto adiposo del paziente proveniente da altre parti del corpo viene introdotto nell'area della cucitura obsoleta. Guarendo, la cicatrice si trasforma in una striscia sottile e quasi impercettibile.
    • Lucidatura laser Utilizzando un laser, viene effettuata "evaporazione" del tessuto cicatriziale. Ciò contribuisce alla formazione di un nuovo strato epiteliale che rende la cicatrice più liscia e meno evidente..
    • Criodistruzione. Esposizione alla cicatrice con azoto liquido, a seguito della quale viene congelata e si trasforma in una vescica. Dopo qualche tempo, la bolla si ricopre di una crosta secca e cade. Nel sito del blister, rimane un piccolo gonfiore di colore rosa, che successivamente si illumina e diminuisce di dimensioni.
    • Dermoabrasione. Con l'aiuto di una speciale sostanza abrasiva, gli strati superiori del tessuto cicatriziale vengono distrutti, a seguito dei quali la cicatrice non diventa così pronunciata.
    • Peeling chimico. I preparati ad alta concentrazione vengono applicati sulla superficie della cicatrice, che ammorbidisce la cicatrice e la rende più sottile..

    Trattamento dell'appendicite cronica

    Trattamento conservativo per appendicite cronica

    Nel caso di appendicite cronica con dolore lieve e rari periodi di esacerbazione, ricorrono a un metodo di trattamento conservativo. Questo metodo è rappresentato dalla terapia farmacologica e dalle procedure fisioterapiche. Nell'appendicite cronica, deve essere seguita una certa dieta..

    I punti principali della dieta per l'appendicite cronica sono:

    • escludere cibi piccanti, fritti, salati e grassi;
    • rifiutare bevande gassate;
    • ridurre al minimo il consumo di condimenti e spezie;
    • escludere caffè e tè nero forte;
    • mantenere un equilibrio di grassi, proteine ​​e carboidrati;
    • cinque pasti al giorno in piccole porzioni.
    Seguire una dieta per l'appendicite acuta aiuta ad eliminare la maggior parte dei disturbi intestinali e normalizzare la digestione. Ciò fornisce un miglioramento della qualità della vita del paziente..

    Esistono molti farmaci usati nel trattamento dell'infiammazione cronica dell'appendice.

    I principali farmaci utilizzati nel trattamento dell'appendicite cronica

    Gruppo di droghe

    Sostanze biologicamente attive (probiotici e prebiotici)

    Vitamine e complessi minerali

    Farmaci per migliorare la circolazione sanguigna

    • no-shpa;
    • revalgin;
    • Baralgin;
    • platyphyllin.
    • bifidumbacterin;
    • Linex;
    • Lattobatterino;
    • inulina;
    • lactofiltrum.
    • Vitamine del gruppo B;
    • vitamina C;
    • duovit;
    • vitrum;
    • centrum.
    • pentoxifylline;
    • Trental;
    • dipiridamolo.

    Nell'appendicite cronica, gli antispasmodici sono principalmente prescritti. Questi farmaci alleviano lo spasmo dei muscoli intestinali e migliorano i processi metabolici nei tessuti infiammati dell'appendice. Per questo motivo, la sindrome del dolore diminuisce. Per stimolare i processi immunitari nel corpo, sono indicati i farmaci immunomodulanti. Sono particolarmente efficaci per i pazienti anziani che soffrono di malattie croniche di vari organi e sistemi. Per eliminare i disturbi del tratto digestivo e ripristinare la normale microflora intestinale nell'appendicite cronica, devono essere utilizzate vitamine e integratori alimentari.

    Va ricordato che nel trattamento dell'appendicite cronica, i lassativi e gli analgesici sono strettamente controindicati. I lassativi irritano l'intestino e l'appendice, causando esacerbazione dell'appendicite cronica.
    Gli analgesici, a loro volta, cambiano il quadro clinico reale della malattia, il che impedisce al medico di fare la diagnosi corretta e determinare la gravità della malattia.
    Se il paziente ha un attacco di esacerbazione, allora dovrebbe essere stabilito e garantire la pace. Per il sollievo dal dolore acuto vengono utilizzati antispasmodici. Il paziente viene ricoverato con urgenza in un ospedale, dove gli viene fornita assistenza chirurgica specializzata.

    Trattamento chirurgico dell'appendicite cronica

    Riabilitazione dopo rimozione dell'appendicite

    Dopo l'operazione, il paziente viene trasferito nel reparto, dove, sotto la supervisione dello staff medico, "lascia" l'anestesia. In assenza di complicazioni dopo la fine dell'azione dell'anestesia, il paziente può alzarsi e fare movimenti attenti con le mani e i piedi. Ciò eliminerà il disagio e l'intorpidimento associati a una permanenza prolungata in una posizione. Per ridurre il dolore, al paziente vengono prescritti farmaci antidolorifici. Se è stata operata un'appendicite acuta, gli antibiotici sono indicati per prevenire complicazioni..

    Il tempo trascorso nel reparto ospedaliero dipende dal tipo di procedura chirurgica eseguita. Se è stata implementata la chirurgia addominale e le condizioni del paziente lo consentono, vengono dimessi nei giorni 7-8. Con la laparoscopia, il paziente può tornare a casa per 4 giorni. Mentre il paziente è in ospedale, le sue condizioni sono sistematicamente controllate. Il monitoraggio dei parametri fisiologici aiuta a prevenire le complicanze o ad adottare le misure appropriate se si verificano.
    La diagnosi delle condizioni del paziente comporta la misurazione periodica della temperatura corporea e della pressione sanguigna, nonché il monitoraggio della frequenza di minzione e defecazione. Parallelamente, la ferita postoperatoria viene esaminata e bendata..

    Recupero dopo la rimozione dell'appendicite

    L'intervento chirurgico per l'appendicite comporta una diminuzione di molte funzioni del corpo. Dopo l'operazione, la digestione rallenta, la funzione respiratoria viene inibita, il tono fisico generale si indebolisce. Per ripristinare la funzionalità di tutti i sistemi e organi, il paziente deve seguire alcune misure di riabilitazione.

    Le misure di riabilitazione dopo l'appendicite sono:

    • sistema di alimentazione limitato;
    • l'uso del volume richiesto di fluido;
    • esercizi di respirazione;
    • auto-massaggio;
    • limitazione dell'attività fisica.
    Sistema di alimentazione limitato
    Il regime nutrizionale limitato dopo la rimozione dell'appendice svolge un ruolo di primo piano nel recupero del paziente. La dieta ha lo scopo di ridurre il carico sul tratto digestivo e fornire al paziente le risorse necessarie per la riabilitazione. La dieta postoperatoria si basa su una serie di regole, che devono essere seguite circa un mese e mezzo dopo l'operazione. Quando si compila un menu giornaliero, è necessario utilizzare solo prodotti consentiti e, di conseguenza, rifiutare quelli vietati.

    Le regole nutrizionali dopo l'appendicite sono:

    • il primo giorno dopo l'intervento chirurgico, è vietato qualsiasi alimento;
    • tutti i prodotti le prime 2 settimane dovrebbero essere consumati in forma bollita e schiacciata;
    • i primi 7-10 giorni, il cibo viene preparato senza sale e spezie;
    • la temperatura dei piatti dovrebbe essere media;
    • il volume iniziale di porzioni (50 grammi) deve essere gradualmente aumentato a 300 grammi.
    Prodotti e raccomandazioni approvati per il loro uso

    Quando posso entrare nella dieta?

    Preparato in una seconda acqua (la prima acqua bollita viene drenata) dalla carne magra. Durante la cottura, puoi aggiungere verdure, che dovrebbero essere rimosse dal brodo.

    Carne (pollo magro, tacchino, vitello)

    La prima settimana - solo carne di pollame sotto forma di pasta (bollita, quindi schiacciata con un frullatore). Dal giorno 7 viene introdotta la carne di vitello. Da 7 a 14 giorni le polpette tritate e le polpette sono preparate con carne. Successivamente, la carne può essere bollita o cotta al suo interno.

    Inizialmente, il riso cotto sull'acqua come pappa è permesso. A partire dal 4 ° giorno, puoi introdurre grano saraceno e farina d'avena cotti allo stesso modo. Dal giorno 14 vengono aggiunti orzo perlato e semole di grano. Dallo stesso periodo, i cereali possono essere consumati sotto forma di cereali friabili.

    A base di farina d'avena.

    Inizialmente, vengono consumate solo mele cotte. A partire da 2 settimane, vengono introdotti i frutti rimanenti.

    I primi 3-4 giorni sono consentiti carote, zucchine, zucca, che vengono utilizzate nella pappa bollita. Dal giorno 7 vengono introdotte altre verdure. Dal 14 ° giorno puoi iniziare a cucinare zuppe, vinaigrette, contorni di verdure.

    I primi 3 giorni vengono utilizzati come pasta. Per i prossimi giorni, le polpette di vapore tritate possono essere fatte dal pesce. Dalla seconda settimana dopo l'intervento chirurgico, le bistecche possono essere preparate dal pesce (al vapore o al forno in forno).

    L'intero periodo di riabilitazione - non più di 1 pezzo in forma bollita.

    Nel periodo da 7 a 14 giorni dopo la rimozione dell'appendice, è consentita la ricotta a basso contenuto di grassi, lo yogurt naturale. Quindi ha introdotto gradualmente kefir, latte e altri prodotti caseari.

    Pane di crusca essiccato, pasta dura, bagel senza zucchero, biscotti azzimi.


    I prodotti vietati durante il periodo di riabilitazione sono:
    • carne e pesce con un'alta percentuale di grassi;
    • margarina e altri tipi di grassi modificati;
    • cibi fritti o cotti in crosta forte;
    • pasticceria con molta crema;
    • bevande gassate e / o alcoliche;
    • prodotti contenenti un gran numero di additivi chimici (coloranti, esaltatori di sapidità);
    • sottaceti e marinate per la cucina industriale o casalinga;
    • legumi (in quantità limitata possono essere utilizzati da 5 a 6 settimane di riabilitazione).
    Bere la giusta quantità di liquido
    Nei primi 3-7 giorni, il paziente deve bere almeno un litro e mezzo di liquidi al giorno. Il volume principale dovrebbe cadere su acqua pulita senza gas. Successivamente, la quantità giornaliera di fluido non deve essere inferiore a 2 litri. Dalla seconda settimana, sono ammessi vari succhi fatti in casa da frutta e verdura, brodi di rosa selvatica, tè deboli.

    Ginnastica respiratoria dopo l'intervento chirurgico
    Gli esercizi per normalizzare la respirazione dovrebbero iniziare immediatamente dopo l'intervento chirurgico. La ginnastica respiratoria consente di accelerare il processo di rimozione degli anestetici dal corpo e prevenire lo sviluppo di intossicazione. Inoltre, l'allenamento della respirazione è una misura preventiva efficace contro la polmonite, che si riferisce a complicanze comuni dopo l'intervento chirurgico.
    Tutti gli esercizi vengono eseguiti a metà seduta nel letto e successivamente in piedi. Le inalazioni devono essere fatte attraverso il naso, inspirando il più profondamente possibile. Le esalazioni vengono effettuate attraverso la bocca. In questo caso, l'espirazione dovrebbe essere resa forte e 3 volte più lunga dell'ispirazione. Non consentire un'eccessiva tensione muscolare durante l'esercizio. La ginnastica viene eseguita più volte al giorno.

    Gli esercizi di respirazione sono:

    • la mano destra deve essere appoggiata sul petto, esercitando una leggera pressione durante l'espirazione;
    • le mani devono essere posizionate sotto il torace sulle costole, stringendo il torace su entrambi i lati durante l'espirazione;
    • quando inspiri, devi sollevare entrambe le spalle, mentre espiri, abbassale;
    • alternativamente alzando e abbassando la destra, quindi la spalla sinistra;
    • con un'inalazione è necessario alzare le mani, con un'espirazione abbassarle.
    Oltre a questi esercizi, il paziente deve gonfiare le palle ogni ora per normalizzare la respirazione. Puoi anche espirare nella bottiglia attraverso il tubo, allungando un'espirazione per 20-30 secondi.

    Auto massaggio
    Dopo l'operazione, mentre è a letto, si consiglia al paziente di massaggiare in modo indipendente i lobi delle orecchie, le tempie, la fronte, i palmi e le altre parti del corpo che raggiunge. Tali azioni miglioreranno la circolazione sanguigna ed elimineranno l'intorpidimento del corpo. Il massaggio viene eseguito con la punta delle dita in un movimento circolare senza pressione.

    Al fine di prevenire la costipazione, si consiglia l'automassaggio dell'addome, poiché il massaggio dei muscoli migliora la motilità intestinale. La procedura viene eseguita in 3 fasi in posizione supina..

    Le fasi dell'automassaggio sono:

    • Il paziente deve portare le gambe allo stomaco e, concentrandosi sui piedi, allargare le ginocchia ai lati. Successivamente, è necessario iniziare a carezzare l'addome con entrambe le mani, spostandosi dalle costole alla zona inguinale. Le azioni dovrebbero essere lisce e morbide..
    • Entro 2-3 minuti, dovresti fare movimenti circolari nell'ombelico. La direzione del movimento dovrebbe corrispondere al movimento in senso orario e la forza dovrebbe essere un po 'più che nell'esercizio precedente. Il massaggio viene eseguito con le mani sovrapposte.
    • Successivamente, è necessario procedere al massaggio dell'addome inferiore, spostandosi in senso orario dal lato destro a quello sinistro. L'area della cucitura non può essere massaggiata..
    Limitazione dell'attività fisica
    Affinché la sutura postoperatoria guarisca senza complicazioni, il paziente deve aderire a un regime risparmiante di attività fisica. Immediatamente dopo l'operazione, è vietato sollevare pesi il cui peso superi i 3 chilogrammi. Questa raccomandazione è valida per i prossimi 2 o 3 mesi. Delle attività sportive nel primo mese, sono consentite solo passeggiate all'aria aperta ed esercizi semplici, in cui i muscoli addominali non sono coinvolti. Quindi puoi nuotare, camminare, aerobica. Gli sport che comportano sollevamento pesi o attività fisica eccessiva non sono consentiti per 5-6 mesi.

    Congedo per malattia dopo la rimozione dell'appendicite

    Un'operazione per appendicite comporta un periodo di recupero durante il quale al paziente viene prescritto un regime domiciliare. Pertanto, le persone che hanno subito la rimozione dell'appendice hanno diritto a un congedo per malattia. La durata del congedo per malattia è determinata dal medico, che tiene conto delle condizioni del paziente, del tipo di intervento chirurgico effettuato e della natura delle attività professionali del paziente.

    Molto spesso, la durata del riposo in ospedale dopo le operazioni standard non supera i 10 giorni. Con l'appendicite con varie forme di complicanze, la durata del congedo per malattia è di almeno 15-20 giorni.

    Se al paziente è stato dato riposo dopo la dimissione dall'ospedale, ad esempio, per 10 giorni, ma durante questo periodo le sue condizioni peggiorano, il congedo per malattia è prolungato. Nel fornire un congedo per malattia, il medico tiene conto anche dell'attuale legislazione.

    Il periodo massimo di un certificato che un medico può prescrivere da solo non supera i 30 giorni. Se durante questo periodo le condizioni del paziente non sono tornate alla normalità e non può andare al lavoro, l'estensione del congedo per malattia viene effettuata previo accordo con la commissione medica speciale.